Sul treno

Scritto da , il 2021-01-20, genere etero

I- Sul treno
“Scusa ma, credo che tu stia occupando la mia cuccetta” Massimo si volta aggrottando la fronte verso chi aveva parlato. Una ragazza sui vent’anni, di un certo fascino, quasi maturo, avvolta in un cappottino rosso ciliegia e fasciata in una gonna stretta dal vistoso spacco scosciato sulla gamba sinistra. Ha capelli lunghi biondo platino e occhi blu turchese, sormontate da un accenno di ombretto viola.
Massimo, seduto nello scompartimento privato del diretto Milano Roma, distolse lo sguardo dal libro che stava leggendo e lo rivolse verso la ragazza, ammirandone la fisionomia e l’aurea di femme fatale che l’avvolgeva “Credo che ti sbagli. Questa cuccetta è stata regolarmente prenotata tre giorni fa, online, da me” e le mostra il biglietto della ricevuta che attesta la prenotazione
“Allora abbiamo un problema” risponde lei traendo dalla tasca una ricevuta e mostrandogliela. Sul biglietto della ragazza c’era la prenotazione e l’avvenuto pagamento della cuccetta, ora occupata da Massimo
“Ma porca” fa Massimo “Qualche stordito ha fatto confusione. Vado a chiamare il controllore..”
“No, dai, lascia perdere. Ti faccio una proposta. Dividiamo la cuccetta. Se non hai problemi ad accettare una sconosciuta”
“Io.. no.. no, perché no. Mi farebbe piacere avere una così bella compagnia” arrossisce mentre lo dice.
La ragazza sorride ed entra trascinandosi dietro un trolley, che piazza sotto il finestrino del treno “Marzia” allunga una mano dalle dita affusolate e ornate da unghie laccate in rosso
“Massimo” ricambia la stretta lui. = Ma che manine morbide che ha =
“Dunque” fa lei sedendosi e accavallando le gambe, lasciando che la sua pelle chiara appaia in tutto il suo splendore “Cosa ti porta a Roma?”
“Un week end a casa di amici. Farò il turista per un paio di giorni e poi, tornerò nelle fredde pianure. E tu?”
“La turista. La città eterna mi stimola particolarmente. Faccio la fotografa e, mi diletto a fare mostre in giro”
“Pensavo fossi una modella” lo dice senza malizia
“Perché sono giovane e affascinante?”
Lui sorride “Saremo solo noi”
“Sconosciuti in treno” sorride lei
“Beh, speriamo non finisca come quel film” dice lui
Un attimo di scambi con gli sguardi. Certo, si dice Massimo, è proprio bella. Deve avere delle belle bocce sotto quella camicetta così attillata. E il sedere, perfetto e ben proporzionato. Chissà com’è là sotto? Depilata oppure no? MMM, una ragazza così, sicuramente avrà le labbra belle lisce e carnose “Abbiamo sei ore per conoscerci meglio” dice lei “Dimmi: hai qualcuna che ti aspetta?”
“Io.. no.. L’avevo, nemmeno tanto tempo fa. Storia finita”
“Allora vai da questi tuoi amici per dimenticare la recente delusione?”
“Anche” dice lui “Sono sei mesi. Marco, uno di quei miei amici, mi ha invitato a passare il week end da lui. Così mi distraggo un po’, faccio il turista e non penso a nulla per almeno due giorni” sospira “Tu?”
“Niente di serio” scrolla le spalle “Conoscenze occasionali ma nulla di serio” si toglie la giacchetta, sporgendo il petto verso di lui, forse volutamente e con studiata lentezza. Massimo sentì gonfiarsi il sesso nelle mutande e si augurò che lei non puntasse lo sguardo proprio lì. Il sesso facile accade solo nei film porno, o nei romanzi per adulti
Trascorrono così un’oretta, parlando di tutto e di niente. Massimo non aveva smesso di sentir vibrare il suo uccello e cercava di contenere i sudori freddi per la vicinanza di quella bellissima creatura di nome Marzia
Aveva bisogno di andarsene in bagno. Si scusa mentre si alza, apre le scorrevoli della cuccetta e si allontana per andare in bagno. Meno male non è occupato. Dentro, frenetico si abbassa la zip ed estrae l’uccello, diritto e duro come una sbarra di ferro. Prende a menarselo velocemente e rimane lì, ad attendere il getto, trattenendo la punta come se fosse un sacchetto e lasciando che il fluido riempisse e gonfiasse in uno sfogo liberatorio. Poi, puntandolo verso il basso, rilascia il getto che c’entra il water. Se lo strizza per bene, gli dà una sciacquata, lo ripone svuotato e rilassato, si lava le mani ed esce.
Se la trova lì davanti “Scusa, mi scappa” fa lei con un sorrisino sbarazzino
“Ok” si mette di lato. Lei passa accanto e lo sfiora con la spalla. Massimo ha un brivido che gli percuote le ossa e finisce giù, dove il sesso è ancora addormentato. Lei si gira prima di chiudere la porta e gli fa l’occhiolino. Lui, scuote la testa “Succedono solo nei film” si dice riprendendosi “Solo nei film”

Nella cuccetta, richiudendosi la porta scorrevole alle spalle, si lascia cadere sul sedile e.. Sul trolley, appoggiate in bella vista, un paio di mutandine in pizzo rosso con un fiocchetto bianco sull’elastico frontale. Massimo sente il cervello che va in tilt, con la mano sfiora il tessuto, allarga le narici per cercare di captare l’odore di quell’indumento intimo =E’ un chiaro segno = si dice
Si ricompone quando sente armeggiare vicino alla porta “Eccomi qui” dice lei richiudendosela alle spalle “Uh, mi sento più leggera. Tu no?”
“Si, parecchio”
Si siede e accavalla le gambe. Lentamente, volutamente, provocatoriamente. Il primo bottone della camicia si slaccia e Massimo sente esplodergli il sesso contro i pantaloni. Ha fatto presto a risvegliarsi. Troppo presto.
Movimenti fluidi, si alza fa scivolare la giacca dandogli le spalle. La camicetta ha un ampio scollo che le lascia scoperta la pelle fino ad una mezza spanna dalla vita. E si vede, sotto non ha reggiseno. Il cervello di Massimo è in ebollizione, ancora di più quando, gli occhi si focalizzano sul culo di lei a pochi centimetri di distanza.
Marzia ripone la giacca nella cappelliera di sopra. Poi, con incredibile lentezza ma fluidità, si risiede “Che ne diresti se ci mettessimo più comodi?” chiede lei slacciandosi i bottoni della camicetta fino all’ombelico
“Dico che, è troppo bello per essere vero”
“Non credere che io sia una ragazza facile” si toglie le scarpe, si appoggia con la schiena alla sponda dei sedili, allunga una gamba, il piede che si poggia sulla patta dei suoi pantaloni “Ma, sono una che si annoia facilmente”
“Se dovesse entrare qualcuno?”
“Ho messo il cartello di non disturbare sulla porta” preme con il piede, lo massaggia “E’ da quando mi hai visti che il tuo uccello di gonfia. Andare in bagno non ha sortito effetto”
“Le mutandine le hai lasciate per provocarmi?”
“Tu che dici?” si toglie la camicetta lasciando libere le tette. Belle, grosse, tonde. Tre abbondante, capezzoli scuri e dritti. Ventre piatto, pelle liscia “Abbiamo quattro ore prima che il treno arrivi” si sporge verso di lui e gli slaccia i pantaloni “Prendimi”

Montò sopra di lei, affondando il volto nell’incavo tra la spalla e il collo. Lascia che il profumo e la sua fragranza gli entrasse dentro, lo inebriasse, gli desse forza.
Turgido entra dentro di lei, desideroso, bramoso.
Il giovane corpo di Marzia freme sotto i colpi sferzanti di lui, le mani che stringono forte il suo culo scolpito. Vuole tutto di lei: vuole mordere i suoi capezzoli, leccare il suo ombelico, possederle la fica, sfondarle il culo. Vuole essere cavalcato, vuole essere posseduto. Urla e gemiti, non si curano dei possibili rumori che possono filtrare al di fuori dello scompartimento. Fusi in un amplesso selvaggio di sudore e sperma, lei che geme come una cagna in calore, avida del suo cazzo. Poi, l’orgasmo..
Abbracciati, spossati e felici. Sorridono abbracciandosi, Massimo ancora dentro di lui, con i loro umori che fuoriescono bagnando i sedili “Ci voleva” ansima lui
“Ci voleva” annuisce lei
“Pensavo.. Se fosse possibile che.. ci possiamo rivedere?”
“Di solito accetto appuntamenti dopo le prime tre scopate” risponde lei ridendo
“Beh, abbiamo tempo per un altro paio di giri, no?”

Marzia è in ginocchio davanti a lui. Le sue labbra carnose si avvicinano al glande e cominciano a baciarlo. Ad ogni passaggio, una goccia di sperma che viene succhiata via. Poi, le mani che massaggiano piano i testicoli. Succhia con avidità e Massimo che ha il cervello che entra in black out un’altra volta. Pensava di non avere più sperma ma…
Bevve avidamente, lasciando che, nemmeno una goccia colasse fuori. Massimo sembrava imbalsamato, la mente ora spenta, persa in un luogo lontano.
Lei si alza e si mette a cavalcioni di lui, la fica che preme contro il sesso svuotato “E’ da molto che non facevo sesso in questa maniera” dice lei
“Io, così, mai fatto” ammette Massimo “La mia ex me l’ha concessa una volta sola, al buio e senza nemmeno fare scintille”
“Che monotonia”
“Adesso, che succede?”
“Adesso aspettiamo che il tuo amico lì sotto risorga e poi..”

E poi un’altra scopata, con le aggrappata alle spalle di lui, impalata e seduta sulle sue gambe, che stantuffa a più non posso, sbattendo le tette sulla faccia di Massimo.
Manca ancora un’ora e mezza all’arrivo nella capitale.
L’ultimo è il più dolce, il più sensuale. Massimo è entrato dentro di lui con lentezza e ha iniziato a pomparla in maniera dolce. Giusto un regalo d’addio per dimostrare che sapeva fare anche il delicato. E lei lo ha accettato, dimostrando anch’essa di essere dolce.
Il treno sta entrando in stazione quando loro hanno l’ultimo orgasmo. Si rivestono in fretta, con una veloce pulitura di entrambi. Si baciano come due innamorati “Per quell’appuntamento?”
“Facciamo così..” gli infila le sue mutandine nella tasca della giacca “Quando tornerai su al Nord, farai una prenotazione e..”

E il viaggio di ritorno fu ancora migliore del primo…

=Fine=

Questo racconto di è stato letto 4 3 4 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.