Baldanza e codardia

Scritto da , il 2020-12-17, genere etero

Questa mattina uscendo di casa ho incontrato il signor Antonio, mi si è avvicinato e mi ha detto che mi dovrà parlare, ma non ora che va di fretta, mi farà sapere in giornata.

Che palle, odio queste attese, rimarrò con i miei dubbi per tutto il giorno, perdendo la concentrazione sul lavoro lo so.

Alle tre del pomeriggio sono a casa, ancora mi arrovello su ciò che il signor Antonio mi deve dire; lui non si è fatto ancora sentire, ne io posso bussare alla sua porta, che la moglie mi odia e a ragione.

Alle cinque suonano alla mia porta, finalmente penso, era proprio ora, apro e mi trovo davanti il signor Antonio con quello stronzetto del figlio, Roberto.

Oddio, penso, non vorrà mica che io... no.

E invece sì, faccio entrare i due in casa e li faccio accomodare in salotto; guardo prima Roberto e mi stupisco del fatto che non ha l'arroganza solita, ma tutto il messaggio che il suo corpo mi fa arrivare è di insicurezza mista a paura.

Un po' come il padre, che invece impertinente non lo è stato mai, penso alla moglie e se due più due fa ancora quattro, credo che il figlio sia un mix perfetto tra padre e madre.

Per spezzare l'imbarazzo palese dei due, esordisco con un insomma ditemi, voglio essere predominante, quasi arrogante, non li voglio qui sono già stufa di loro due e faccio la pessima padrona di casa, che non offre nulla agli invitati sperando che scappino via.

Ma loro non scappano, anzi dopo due lunghi minuti di imbarazzante attesa, in cui io li guardo posando lo sguardo impaziente da uno a l'altro, finalmente il signor Antonio si decide a parlare.

"Vede signorina, il mio ragazzo qua ha degli evidenti problemi, non mi studia, non vuole lavorare, vuole solo giocare e stare con gli amici tutto il giorno." - "Così ho pensato che forse lei può come dire, svezzarlo un poco. Io non saprei a chi altri rivolgermi, e data la sua fama, mia moglie mi ha consigliato di rivolgermi a lei."

Al "vede signorina, fama e moglie", giuro che sono avvampata, va bene che non sono sposata, va bene che vivi in un mondo tutto tuo, va bene che tua moglie è una strega, ma non puoi rivolgerti in alcun modo a nessuna così.

Così mi alzo, indecisa se sbatterli fuori tout cour, o sbatterli fuori rincorrendoli fino a casa loro, e così accapigliarmi con la stronza che li ha mandati qui, e so ben io perché l'ha fatto, altro che svezzare quest'imbecille di figlio. Dal padre, dovrei iniziare, ma anche no.

"Fuori" urlo, "fuori da casa mia" - "siete due imbecilli, e in quanto a lei" rivolta al padre "perché non è venuta sua moglie invece di mandare lei da me per dimostrare che ha ragione a parlarmi dietro" - "fuori da casa mia, e quanto a lei, eviti in futuro di rivolgermi la parola."

Di asini ne avevo già conosciuti in vita mia, ma due tutti insieme e dentro casa per di più mai. Dovevo meditare la mia vendetta.

Dovevo riuscire ad avere la mia vendetta, coinvolgendo proprio la signora Elisabetta, ma non avevo ancora idea di cosa fare; essere arrabbiata mi ottenebrava la mente.

Due giorni dopo, mentre stavo sistemando in garage, mi si presentano il figlio Roberto e tre suoi amici.

Roberto al solito arrogante, e con gli amici gli tenevano il bordone, mi guardava da tergo col suo solito sorrisetto beffardo.

Io non ero certo in uno stato presentabile, dovendo fare lavori ero scesa in ciabatte e con su un vestito da spolvero, i capelli legati sopra la testa, insomma ero l'anti vamp per eccellenza, sicuramente non quella che si aspettavano di trovare, ma una replica ingrigita.

Siccome comunque i miei numeri li ho, seppur nascosti, decido di contrattaccare; slaccio tre bottoni al vestito, poi mi giro appoggiata al manico della scopa, così mi si apre un poco il vestito, facendo vedere l'attaccatura del seno, e forse capire che non indosso reggiseno.

"Allora" dico, "ve ne state lì a guardare o parlate?".

Il mio trucco li ha imbambolati per un po' ma poi Roberto si riprende e rivolto agli amici fa: "ve lo avevo detto no?".

I ragazzi ammiccano ma non dicono nulla, anche perché se aprono bocca, c'è caso che gli cada la mascella, e sì che non ho fatto nulla, non si vede nulla, si immagina ma niente di più.

Ragazzini, penso, poi rivolgendomi sempre a loro, ma con fare deciso chiedo ancora cosa vogliono da me.

A quel punto i tre fanno spallucce e se ne vanno, io rimango interdetta, non me l'aspettavo, rimane solo Roberto.

"Ebbene? Questi sono gli amici tuoi, appena vedono una donna un po' più grande di quelle che bazzicano di solito, se la fanno a gambe. Begli amici che hai."

Roberto è imbarazzato, ha perso la baldanza, lo sapevo, è solo un fuoco di paglia, ma non è mica finita qui, se non fossi una poco di buono, l'avrei chiusa qui, ma io ho altre mire.

"Dai vieni dentro" gli dico, e mentre lo dico, finisco di slacciarmi il vestito, che cadendo a terra mi lascia completamente nuda.

L'imbelle ragazzo non dice proprio nulla, e sì che a 22 anni, una donna nuda, dico una, deve averla pur vista, e glielo dico per scatenare una sua reazione. E mica posso fare tutto da sola.

Sembra di sì quindi lo prendo per il bavero e lo tiro dentro, poi abbasso la saracinesca e girandomi lo spingo sul letto.

Lui si fa fare di tutto, non si muove, gli tiro giù con un po' di fatica i pantaloni, e quindi denudatolo gli imbocco la preda.

Lecco, succhio, smanetto, slinguetto, ma niente, l'affare non s'ingrossa.

Cazzo, penso, vuoi vedere che questo qui ha problemi di erezione? Fa tanto il gradasso e poi non gli si rizza.

Bene. Ora mi vendico per bene, mi affianco a lui sul letto, e abbracciandolo lo coccolo un poco dicendogli che va tutto bene, che può capitare, specie con una donna più grande, ma che poi facendoci l'abitudine, può essere che tutto torni nella normalità.

Lui piange, me ne accorgo e rincaro la dose da vera super stronza.

Per farla breve, lo rivesto, lo abbraccio e lo congedo. Poi mi rivesto anch'io, prendo da dove l'avevo nascosto il telefonino, e controllo le riprese, con tanto di audio. Perfetto.

Chiudo tutto e vado a bussare alla porta della madre, e voglio proprio vedere se saprà ancora rompermi i coglioni.

Questo racconto di è stato letto 2 6 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.