Zia Franca

Scritto da , il 2020-11-20, genere incesti

Quando si è giovani e con la fissa del sesso, ogni occasione è buona per eccitarsi.
Sono cresciuto in una famiglia matriarcale dove il sesso era usato oltre che per soddisfazione personale anche per marchiare confini e appartenenze.
Ero ormai cresciuto abbastanza per essere iniziato o "usato" per certi costumi che a quell'epoca erano normali.
Ricordo l'inverno arrivato, tanta neve e noi davanti al camino con il profumo delle caldarroste che cuocevano nella cenere calda, si chiacchierava del più e del meno, spesso in compagnia degli zii che abitavano di fianco a casa nostra, oltre a zia Franca che essendo rimasta vedova e non avendo figli, stava quasi sempre da noi.
Quella sera ero seduto sulla seggiolina di fronte a zia Franca e leggevo uno dei tanti libri che prendevo dalla biblioteca comunale, stava aiutando mia madre a pulire i fagioli borlotti secchi raccolti nell'orto, alzai gli occhi dal libro per riposarmi un po' e intravvidi che aveva le cosce spalancate dando vista a tutto ciò che si poteva vedere, fino allo slip di colore grigio merlettato, una vista divina per i miei tormentati pensieri, non riuscii a spostare lo sguardo finché si spostò lei per depositare i fagioli puliti sul tavolo e prenderne altri da pulire.
Appena si sedette di nuovo si rimise nella stessa posizione, anzi questa volta era girata verso di me, ero eccitato e pensai che una sega mi avrebbe aiutato cosi mi alzai per andare in bagno, in quel momento mi accorsi che mi stava guardando e quando le passai davanti notai un sogghigno quasi di soddisfazione sul suo viso.
Non ci volle tanto, entrato in bagno dopo poco ero già venuto e mi accinsi a tornare vicino al fuoco.
Quando mi risedetti non aveva cambiato posizione e ogni tanto mi lanciava qualche occhiatina per assicurarsi delle mie attenzioni, poi mi chiese..
hai la fidanzatina?
No risposi arrossendo.
Come mai? Non ci sono ragazzine che ti piacciono?
Si ma non ho una fidanzata.
Ma dai, a me lo puoi dire, qualche bacino lo darai..
Sempre più rosso non risposi.
Ripresi a leggere per evitare domande e lei continuò a pulire i fagioli, ma anche a spalancare le cosce mettendo in evidenza ciò che la gonna nascondeva.
Si era fatto un po' tardi e mi alzai per andare a letto, data la buona notte a tutti mi recai in camera mia, arrivato sulla porta sentii la zia dirmi, domani vieni a darmi una mano a portare un po' di legna in casa? Annuii, e uscii dalla stanza.
A letto, dovetti farmi in altra sega perché continuavo a pensare a quelle cosce spalancate.
Il giorno successivo, mi alzai, feci colazione e mi recai dalla zia.
Bussai alla porta e venne ad aprirmi, indossava una vestaglia legata con una cintura che lasciava in evidenza l'enorme seno ed era un po' corto poiché scopriva un pezzo di gamba sopra il ginocchio,
vieni che ti preparo un cioccolato disse e poi iniziamo..
Grazie, ho già fatto colazione.
Ok ma siediti un attimo che bevo anche io un caffè, e mi indico' la seggiola davanti al camino.
Mi sedetti e lei si verso' il caffè, poi venne e sedere vicino a me, la vestaglia non avendo bottoni si apri' sulle gambe ma sembro' non interessarle, poi sorseggiando il caffè mi disse..
Vedo che mi guardi le gambe, bravo bravo, magari pensi anche ad altro, di' la verità...
Non sapevo cosa rispondere ma sorrisi perché in effetti non riuscivo a toglierle gli occhi da dosso..
Finito il caffè, poggio' la tazzina e mi disse..
Vuoi toccarle, e si scopri ' un altro pezzo di gambe fino agli slip.
Ero bloccato e tutto rosso e la guardai in faccia per capire se fosse tutto vero.
Dai, tocca se vuoi, è mi prese la mano poggiandola sulle cosce.
Dopo qualche attimo mi ripresi e iniziai a toccarla, inizialmente sulle cosce poi volli sentire quelle tette che mi piacevano tanto, infine passai a toccarle la figa e il culo.. Lei aveva aperto le gambe e visibilmente era eccitata dalla situazione, aveva aperta del tutto la vestaglia e godeva delle mie mani che andavano in ogni dove, le spostai lo slope iniziai a rovistare sotto il suo pelo, a quel punto vidi che iniziò ad alzare gli occhi in alto e a mugolare, mi sfilai pantaloni e slip e le poggiai il cazzo indurito sulle tette, lei gradi' e ad ogni passaggio tra le tette mi leccava il glande, venni in poco tempo e non si perse neanche una goccia, vista l'età e la situazione non scese neanche di un millimetro e lei ne approfitto ' subito, so alzò e si mise a cavalcioni sopra di me e iniziò a dimenarsi, non so da quanto tempo non lo prendesse ma godeva e rigodeva, andammo avanti un bel po' finché sentimmo la voce di mia mamma chiamarmi, si ricompose e baciandomi sulla bocca mi disse..
Bravo bello della zia, vieni ogni tanto ad aiutarmi che ho bisogno..
Uscii pensando che sarebbe stata mia premura darle tutto il mio aiuto...

Questo racconto di è stato letto 1 0 7 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.