Capodanno

Scritto da , il 2020-11-16, genere incesti

Vivere in un paesino sull'Appennino durante i mesi invernali, lontani dalla città e da luoghi organizzati, è veramente una gran seccatura.
Passi il tempo come puoi e risolvi le tue esigenze con quello che trovi.
È così da sempre.
Per ogni cosa si sono create nel tempo varie soluzioni, più o meno conosciute e localmente diventate ordinarie...
Quando manca la materia prima si usa quello che c'è.
La mia famiglia, è composta da 5 persone, mamma papà due sorelle più grandi di quattro e sei anni ed il sottoscritto, mio padre per poter sostenere la famiglia lavorava lontano dal paese e rientrava pochi giorni ogni volta che poteva, a volte non rientrava neanche durante le feste se capitava il turno.
Ricordo quel periodo di fine anno, durante le feste, mio padre era rientrato la vigilia di natale ma dovette rientrare al lavoro per la fine dell'anno.
Festeggiammo il Natale con tutti i parenti, grandi tavolate, regalini e tutto ciò che la tradizione insegnava.
Passò in fretta quella settimana ed arrivò il fine mese e la partenza di mio padre che doveva riprendere il lavoro, ci salutò tutti facendoci le solite raccomandazioni e parti'.
Visto che mio padre non c'era,
avevamo deciso di trascorrere la fine dell'anno da mio zio che abitava non molto lontano in modo da poter rientrare velocemente.
Passammo la serata a tavola mangiando e giocando a tombola e dopo il brindisi di buon anno rientrammo a casa.
Fuori era abbastanza freddo per cui appena rientrati ognuno di noi invece dosso' il pigiamone e ci infilammo sotto le coperte, io e le mie sorelle dormivamo in una stanza abbastanza grande, da un lato loro ed il mio letto era vicino la porta che lasciavamo aperta per far entrare il caldo del camino, mia madre in quella matrimoniale.
Chiuse le luci e data la buonanotte tutti a nanna.
C'è un detto dalle mie parti, "ciò che hai o fai l'inizio dell'anno lo fai tutto l'anno" , infatti per scaramanzia, si tengono più soldi possibili in tasca con la speranza che ciò sia di buon auspicio, non è però l'unica cosa..
Mi ero appena addormentato che sentii muovere il letto, non so che ora fosse, era mia madre che mi bisbiglio' di seguirla facendo meno rumore possibile per non svegliare le mie sorelle, nel dormiveglia mi alzai e la seguii, non capivo il motivo e speravo di fare in fretta per ritornare a dormire, era già capitato altre volte che sentendo dei rumori voleva controllare che tutto fosse a posto.
Arrivati in corrodio entrò nella sua stanza da letto e la seguii, c'era accesa la lucina di cortesia e questa mi permise di vedere che si stava infilando nel letto e mi faceva segno di entrare sotto le coperte anch'io, pensai volesse compagnia e lo feci, mi rimboccai le coperte e cercai una posizione comoda per riaddormentarmi, dopo qualche secondo mi si avvicino' e sentii il calore del suo corpo, ebbi subito la sensazione che non avesse nulla addosso e né ebbi la certezza perché si poggio' completamente sul mio corpo e la mano che era dal suo lato senti' la sua nudità.
Restai fermo, per poco, poiché iniziò a toccarmi tra le cosce, ero un po' teso ma anche molto eccitato, si avvicino' all'orecchio e mi disse sottovoce: è il primo giorno dell'anno e se non lo prendo oggi sarà così tutto l'anno, visto che non c è tuo padre tocca a te farlo.. nel frattempo stava già tastando il mio cazzo oramai indurito e teso, si infilò sotto le coperte e iniziò a leccarmi e a succhiare avidamente, anch'io ero ormai eccitatissimo e toccavo quello che volevo, risali' da sotto le coperte e mi venne di sopra infilandosi dentro il cazzo e iniziando a godere, mi disse di resistere e di non venire per evitare di restare incinta e così feci, andò avanti per almeno mezz'oretta e venne diverse volte, soddisfatta si giro' di culo e mi disse di venirle dietro, arrapato la scopai nel culo e dopo poco le sborrai dentro, fini' succhiando tutto ciò che era rimasto dentro e mi puli' bene la cappella con la lingua, così bene che sborrai ancora una volta.
Soddisfatta la sua voglia mi disse che avevo rispettato la tradizione e che potevo tornare a letto in camera mia.. così feci..
Ero soddisfatto anch'io del trattamento ricevuto oltre alla situazione molto intrigante.
Non erano però finite le sorprese, perché mia sorella maggiore, che aveva sentito e capito tutto, venne subito nel mio letto e a sua volta volle la sua dose, non faticai a rimetterlo in azione, vista l'età e la situazione particolare, appena si infilò sotto le coperte le avevo infilato il cazzo dentro, anche lei mi pregò di non venire, annuii è continuai a cavalcarla, duro' parecchio perché ero appena venuto altre due volte per la sua gioia e la sua voglia, feci però un piccolo errore di calcolo, restai dentro fino all'ultimo respiro prima di venire e la prima spruzzata le feci in figa, il resto lo versai tra le sue cosce, quando mi chiese se fossi stato attento le dissi di sì e fortunatamente non successe nulla... Mi restava l'altra sorella ma ero stanco, ci pensai a scoparla il giorno dopo...
Tradizione rispettata!!!

Questo racconto di è stato letto 1 2 4 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.