Mia sorella e mia mamma

Scritto da , il 2017-01-26, genere incesti

Vissuto accaduto negli anni 70.
Mia sorella e mia mamma? perché no? se il desiderio è condiviso e il coinvolgimento non è forzato: incesto sia!
Ero in età adolescenziale, come tutti o quasi i miei coetanei fantasticavo sui rapporti sessuali di ogni genere e alla fine mi masturbavo per trovare soddisfazione.
Le donne che più vedevo durante la giornata erano mia sorella e mia mamma, sempre prese a far qualcosa e raramente sedute a ricamare chiacchierando del più e del meno. Mio papà, unico a lavorare in famiglia, usciva presto e rientrava tardi.
Sorella e mamma, stando in casa non erano sempre vestite in modo completo e particolarmente in estate giravano per casa abbastanza libere per non soffrire il caldo.
Vivevamo in una casetta periferica di un piccolo borgo e questo consentiva una buona privacy.
Durante una loro pausa dove stavano vicino all'uscio a ricamare e chiacchierare, io me ne stavo sdraiato davanti a loro leggendo uno dei pochi fumetti riciclati che riuscivo ad avere.
Alzando la testa mi accorsi che mia sorella se ne stava a gambe aperte e questa posizione mi lasciava intravvedere una folta peluria che fuoriusciva a ciuffetti dallo slip che si era arrotolato nella parte centrale delle cosce. Vista l 'età dopo qualche secondo avevo il pisello in erezione, e per non farmene accorgere stavo pancia in giù sdraiato.
Presto il fumetto non fu più l' interesse principale e lo sguardo finiva costantemente a sbirciare tutti i movimenti delle gambe di mia sorella e le varie sfumature che riuscivo a scorgere, dopo un po' incrociai anche lo sguardo di mia sorella che con un sorriso quasi nascosto aveva intuito le mie voglie e si ricompose chiudendo le gambe.
Mi sentii scoperto e arrossendo mi rialzai spostandomi da quella posizione, successivamente sfogai la voglia accumulata con la solita masturbazione.
La giornata proseguì come sempre anche se ogni qualvolta incrociavo mia sorella sembrava avesse sempre quella smorfia di sorriso nascosto quasi a dirmi: ti ho beccato eh?
L'indomani durante la pausa pomeridiana post pranzo, ci ritrovammo nella stessa situazione del giorno precedente, io ero accucciato come sempre a terra e mia sorella si sedette difronte a me, mia madre era seduta in modo opposto a mia sorella e come sempre si parlava del più e del meno. Ogni tanto lanciavo lo sguardo, cercando di non farmene accorgere, sulle gambe di mia sorella, finchè non le vidi come il giorno prima aperte ed anche molto di più, questa volta non aveva gli slip, e notai che stesse lì ad aspettare la mia reazione.
Sentivo il cuore a mille, il pisello era in tiro come non mai e la voglia di vedere quello spettacolo era irrefrenabile, riguardai incrociando ancora il suo sguardo e vidi tutto ciò che volevo in quanto aveva divaricato volutamente le gambe lasciandomi arrivare fino a dove non avevo mai visto, sua maestà la figa e le sue enormi labbra che contenevano un folto pelo nero, si scorgeva anche una situazione molto umida quasi gocciolante e sicuramente non per il caldo.. Mi spostai e chiudendomi in bagno mi masturbai venendo in un nano secondo tanta era la voglia, mi ricomposi più o meno e uscii per tornare a rigodermi lo spettacolo ma aprendo la porta del bagno sussultai, davanti trovai mia sorella con il solito sogghigno e questa volta mi disse: come mai sei scappato? non sapevo cosa rispondere e preso in castagna balbettai solamente che dovevo andare in bagno e senza alzare gli occhi mi avviai sull'uscio di casa dove c' era mia mamma quasi a cercare un aiuto a non dover affrontare una situazione che mi spaventava ma allo stesso tempo piaceva.
Passai tutto il resto della giornata scansando qualunque confronto con mia sorella ma con il pensiero fisso a quello che avevo visto, tutte le volte che arrivavo con il ricordo a quelle labbra bagnate avevo un erezione e aumentava in me la voglia di scoprire di più.
Arrivò sera, ci ritrovammo come sempre tutti a tavola e stavolta cercai di capire di più su cosa e quanto mia sorella avesse capito e se il suo comportamento fosse voluto, per questo cercai volutamente più volte il suo sguardo e puntualmente ricevevo un suo sorrisetto a conferma che tutto fosse voluto.
Ero un po' confuso di tutto questo ma ero curioso e non solo di come sarebbe proceduta la cosa.
I giorni successivi furono la fotocopia di quanto già successo con le dimostrazioni sempre più hot di mia sorella che non perdeva occasione per farmi vedere le sue intimità ed io ormai non avevo più remore a mostrare il mio interessamento, non nascondevo più le mie erezioni e questo incontrava l'interesse gradito nei suoi occhi.
Il sabato successivo, come spesso accadeva, mia mamma e mio padre uscirono per fare compere, scorte settimanali e qualche visita, e come spesso era accaduto restai con mia sorella, solo che questa volta non lo sentivo come sempre avendo nel cuore la speranza che qualcosa potesse accadere.
Appena restammo soli cercai ripetutamente di incrociare mia sorella non avendo il coraggio di prendere alcuna iniziativa ma sperando nell esperinza di lei più grande di me di 10 anni. Nulla di nulla, lei continuava a fare le sue cose e ogni tanto si girava a guardarmi senza però nulla proferire.
Passò almeno un oretta finché finalmente sentii la sua voce: facciamo una partita a carte? risposi si e vagavo con il pensiero sulla richiesta?.., ci ritrovammo seduti uno difronte all altro sull'uscio di casa su due sedie con in mezzo una terza dove poggiare le carte da gioco. Ero seduto sulla seggiolina più piccola e questo mi portava all altezza delle sue cosce. Dopo qualche secondo mi ritrovai di fronte alla sua figa che con saputa iniziativa aveva lasciato libera da qualunque indumento e con le gambe ben aperte a distanza ravvicinata potevo scorgere tutte le sue fattezze.
Non riuscivo neanche a guardare le carte che avevo in mano e mia sorella disse: be cosa guardi? non dici nulla? Arrossi ma non riuscii a proferir parola e restai ingessato senza saper cosa fare finche non arrivò la seconda domanda: ti piace? a quel punto balbettai SI, toccami se vuoi, sentivo il cuore in gola ma presi coraggio e allungai le mani sulle sue gambe, una sensazione speciale, la sua pelle era vellutata e molto calda che man mano mi avvicinavo verso la sua figa era sempre più umida, ci volle poco e mi ritrovai a toccare quello che volevo insinuando le dita nel suo sesso, mia sorella che fin a quel momento si era divertita sulle mie remore cominciava a sollevare gli occhi all insù e iniziò a mugolare, nel frattempo avevo spostato la sedia che stava in mezzo e alzando la sua gonna mi gustavo tutte le sue forme, mi chinai a baciare le sue cosce e questo fece sussultare in modo non controllato mia sorella ormai in preda ad un piacere fortissimo, dal suo sesso fuoriusciva un piacere continuo, mi fece toccare ancora un po' finchè non mi tirò verso di se e bassandomi i pantaloni prese in mano il mio cazzo duro come il ferro, lo toccò, lo leccò e tirandomi verso di se se lo poggiò tra le gambe, da lì ad entrare non ci volle molto, era bagnatissima e scivolai dentro in in attimo, cominciai a scoparla senza fermarmi e credo venne più volte in poco tempo tanta fosse forte la sua voglia, resistetti finchè anch'io tirandolo fuori iniziai a venire come non mai e lei subito cercò di non farne perdere neanche una goccia, vista la mia età mi fece lavare ed iniziare di nuovo a scoparla, durò un bel po' finche la vidi soddisfatta in viso e terminai venendo tra le sue tette. Continuammo in tal modo tutte le volte che restavamo da soli e potendo tutte le volte che riuscivamo ad imboscarci da qualche parte, non so se fosse più ninfomane lei o più arrapato io ma il duetto era perfetto.
Da lì a qualche mese soddisfatti entrambi del nostro rapporto appagante successe una cosa inaspettata, per motivi familiari mia sorella dovette andare a trovare dei parenti con mio padre per un lutto avvenuto.
Restai in casa con mia madre,mentre stavo tranquillo a leggere qualche notizia su un giornale che trovai sul tavolo mi sembrò di sentire mia madre mugolare in bagno, mi avvicinai per capire meglio e poggiai l orecchio sulla porta ma proprio in quell'istante mia madre aprì beccandomi, cosa stai facendo? nulla risposi, ho sentito che ti lamentavi e volevo capire se ci fosse bisogno di aiuto, a quel punto mia mamma cambiò espressione e quasi arrossendo rispose, non ho nulla tranquillo, avrai sentito male ma continuando disse: comunque volevo dirti di stare attento, credo di aver capito che giochi con tua sorella, se me ne accorgo lo dico a tuo padre. Sicuramente sul mio viso comparve una smorfia di paura mista ad imbarazzo e a voce bassa risposi: ma cosa dici, non è vero.. allontanandomi per non mostrare il mio rossore, si si riprese lei, vedremo.. a meno che... io: a meno che? A meno che non mi fai vedere cosa fai con lei cosi mi regolo. Restai senza parole e non sapevo cosa rispondere ma venni aiutato da lei che disse: vieni con me in bagno un attimo e vediamo, le camminai dietro fino in bagno ma non sapevo cosa fare e cosa pensare, dai! disse, vediamo cosa fate e così dicendo si abbassò le gonne restando come mamma natura l aveva fatta, la situazione era stranissima ma vedendo mia madre in quel modo ebbi un erezione veloce non avevo però il coraggio di far nulla, di nuovo fui incalzato, allora? e si avvicinò ancora di più abbassando anche i miei pantaloni, ero ingrifato moltissimo da questa situazione, non aspettai molto e questa volta presi l iniziativa, anzi ne approfittai a fare quello che desideravo di più, la girai e le poggiai il pisello sulle natiche, mi lasciò fare , si chino per aiutarmi e iniziai a prenderla passando avanti ed indietro continuamente , la sentivo godere e ci misi un attimo e venirle in culo, mi ripulii e cominciai a scoparla d avanti mettendogli il cazzo in bocca ogni quattro o cinque colpi, durò finchè esausta mi disse: ok per questa volta non dico nulla a tuo padre ma ogni volta che scopi tua sorella devi scopare anche me. Fu la richiesta più bella che potessi ricevere, da lì scopavo quasi giornalmente entrambe per la loro pace e la loro consapevolezza che entrambe fossero diventate le mie troie.
Durò un annetto finchè per una serie di elementi tutto finì ma ancora oggi pensandoci mi provoca forte emozioni... viva l incesto!

Questo racconto di è stato letto 2 4 1 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.