Celestino Cap.: I In viaggio

Scritto da , il 2020-11-14, genere prime esperienze

Celestino
Cap.: I
In viaggio

Ho ripreso un racconto ad episodi per correggerlo e concluderlo nella sua prima parte.È la storia di un liceale, indirizzato al sacerdozio, che dalle sue vacanze estive imbocca un percorso educativo diverso. Dalla sorpresa alla spontanea, passionale accettazione del suo essere sino alla sua sottomissione completa a servizio di una maison di lusso. Le vicende descritte per la sua formazione si svolgono nel cascinale della fattoria per concludersi con l’acquisizione della conoscenza di sè nella villa padronale.


Il ragazzo, in quell’estate, avrebbe avuto un mese suppletivo di vacanze dovuto agli ottimi risultati scolastici. Era contento di fare il viaggio in treno verso la casa natia e di ritornare all’Istituto per la fine di luglio.
Da qualche tempo aspettava di salire su quel mezzo di trasporto sibilante a ogni fermata, con stridio di freni e spostamento dei viaggiatori in avanti, se uno non si aggrappava a un sostegno. Sarebbe giunto a una stazione poco distante dalla casa lasciata anni prima per poter studiare, senza aver terminato il ciclo delle elementari. Quanto aveva sofferto e quante lacrime aveva versato sulle lenzuola del suo letto. Quanti anni in quel dormitorio senza il bacio della buonanotte della mamma! Dormire assieme ad altri ragazzini in un ambiente che non amava. Era bravissimo a scuola; apprendeva facilmente e velocemente senza dare altro tempo ai libri scolastici, anzi questo lo riservava spesso a letture scientifiche, a romanzi di classici o a scritti in lingua di autori greci e latini.
La madre dal giorno della sua partenza per il collegio aveva perso il sorriso, gli mancava quel cucciolo e ora, dopo anni, lo avrebbe potuto riabbracciare in silenzio. Di quanto si sarebbe alzato, … come sarebbe stato, … era un giovane, un adolescente o ancora ragazzino? Era bambino quando partì con gli zoccoli ai piedi e calzini di lana fatti da lei, calzoncini corti rattoppati e consunti, con poca biancheria intima su cui la mamma aveva ricamato nome e cognome; un cambio estivo, dei pantaloni lunghi invernali che sino a poco tempo prima erano indossati dal fratello maggiore o da cugini, poiché in quella casa-cascina con la sua famiglia ce n’erano delle altre e tutte imparentate. La sua partenza, il suo allontanamento aveva isolato la genitrice dal resto della sua famiglia allargata. Lavorava sempre per non pensare. I suoi sogni di giovane donna e madre erano stati infranti. Aveva voluto quel piccolo per averlo con lei, per accudirlo, farlo crescere come lei voleva e desiderava, … per giocare e ridere con lui, insomma per fargli da mamma, più teneramente che con gli altri figli. Oh, quel piccolo quanta importanza aveva!
Per il suo ritorno aveva preparato con il poco pane raffermo rimasto nella madia, un po’ di uvetta, due uova che non aveva consegnato nel baratto al negozio per gli alimentari, zucchero e albicocche, un dolce del quale Celestino, da pargolo e nel periodo dei primi anni scolastici, era tanto ghiotto. Lui lo avrebbe mangiato volentieri rivedendo i luoghi della sua infanzia, delle sue birichinate presso la sorgente dove saltava e beveva imitando le dolci e pazienti mucche che di mattino, prima di partire a piedi per la scuola, accompagnava all’abbeveratoio vicino alla Fossaltina; e sempre lì, qualche volta, con le sue piccole delicate manine riusciva a prendere una carpa o un’anguilla, che, poi, consegnava orgoglioso alla nonna affinché la preparasse per cena con un po’ di polenta e sugo.
La nonna l’aveva vista sempre in nero e sempre distaccata, mentre il nonno … quante volte gli era andato sulle ginocchia seduto su un ceppo fuori della porcilaia per farsi raccontare delle storielle o per essere coccolato. Era molto buono l’anziano e delle sue marachelle sorrideva sempre o ne era complice, anche quando, per imitare i maiali si rotolava nel fango, sprofondando sino all’inguine e più, per avere il piacere della frescura sul corpo e allora il nonno lo lavava delicatamente e a lungo, anche tra le gambe, nella vasca della fontana, dandogli poi, per rito, un simpatico sculaccione sul sederino.
Spesso nelle ore pomeridiane estive era ignudo per cui, senza creare problemi di biancheria, andava a sedersi ai piedi del grande pero, vicino al rigagnolo alimentato dalla fontana per ascoltare il canto degli uccellini. Osservava le bianche farfalle aggrappate con le loro zampette a un filo d’erba per suggere un po’ d’acqua o i neri girini che fuggivano appena irrorati dalla sua pipì. Inginocchiato a quattro zampe, si specchiava nell’acqua, per bere, imitando il cane che spesso lo seguiva o facendo i propri bisogni come i porcellini per sentirne il calore, non preoccupandosi di lordarsi, poiché il nonno poi lo avrebbe immerso nell'acqua della fonte, senza raccontarlo alla mamma, per nettarlo dopo una brusca e ripetuta insaponata.
Emetteva sospiri il giovane a quelle reminiscenze. Desiderava tornare a casa, poiché, anche se meno pulita e accogliente dell’istituto, era tanto più calda. Allora, era piccolo e a lui era concesso, come a tutti i bambini della cascina, lo stare svestito per non dare troppo lavoro alle madri o alla nonna. Non era strano vedere piccoli senza abbigliamento, poiché quasi ogni giorno nelle ore della tarda mattinata e in quelle prima della cena, sotto lo sguardo di un adulto che governava già la stalla, raccoglievano manualmente le deiezioni dei bovini, che poi, impastate con acqua e fango e versate in stampi, divenivano mattoni da essiccare al sole. Tanti lavori edili della cascina erano stati eseguiti con questi. Ogni sera un adulto li lavava nella vasca-abbeveratoio. L’abbigliamento per i piccoli esisteva solo per frequentare la messa del fanciullo. Dormivano in cinque o sei in un lettone con pagliericcio in scartosxe di granoturco, uno addossato all'altro, per scaldarsi vicendevolmente.
Gli piaceva ricordare. Quanto gli pesavano gli anni tolti all’infanzia non più vissuta in quella casa. All’istituto c’erano regole da rispettare, orari, controlli severi e poi … gli erano mancati i volti amici, i luoghi dei suoi giochi innocenti. Era stato indotto a entrare in collegio per studiare anche con la scusa che avrebbe trovato altri compagni, … che avrebbe dormito su un letto con materasso e non su un pagliericcio e in promiscuità. Era per il suo bene, … già … per il suo bene! Il prete aveva insistito tanto che convinse il padre a dare il consenso alla sua partenza per l’istituto. Non era più stato libero. Aveva imparato a soffocare le sue malinconie nella solitudine dello studio. Giocava poco, anche se c’era il pallone, poiché non riusciva a capire, che significato aveva il correre dietro ad un pallone o il saltare una corda. Non erano i giochi della sua infanzia. Gli mancavano il nonno, il fango, l’acqua e le carezze intime del suo cane, il padre che lo lavava alla sorgente, le carpe da pescare con le mani, la stalla con le mucche, i maialini, la fontana, le roste che costruiva con i suoi fratelli nella Fossaltina, il pigiare l’uva con i piedi nei tini in allegria con altri inzaccherandosi sino ai capelli di mosto e vinacce.
Il treno stantuffava mentre in lui aumentava l’ansia e la tensione per l’incontro, dopo anni, con la sua famiglia e con la sua casa. La nonna era deceduta tempo prima. Il posto nel suo letto era stato occupato dal fratello più piccolo. Avrebbe abbracciato la mamma, il nonno, gli zii, i cugini e i fratelli, anche quello che con il nerbo per le mucche lo aveva frustato lasciandoli segni rosati profondi. Avrebbe ritrovato la casa, le strade fangose e polverose, la chiesa, il fornaio, il negozio di alimentari, … Oh, … ma una sorpresa era dietro l’angolo.
Che cosa lo aspettava?
La famiglia era numerosa, soldi ce n’erano pochi; finché studiava ed era in collegio, non creava problemi, ma la carestia, accresciuta dalla guerra, aveva impoverito ulteriormente moltissime famiglie, per cui anche una bocca per poco tempo era considerata una sventura. Il padre preferì incassare dei soldi dal conte per farlo lavorare dal primo giorno delle sue vacanze in famiglia. Non si era reso conto di ciò che era successo. La valigia consunta di cartone gli era stata presa. Non aveva visto nessuno dei volti amici, solo il padre che gli raccomandò di fare tutto quello che gli si ordinava. Di non deluderlo per non far piangere la mamma e che, se lui si comportava con educazione, rispetto e amore per la casa in cui avrebbe lavorato, avrebbe guadagnato altre monete per i suoi.
Il conte apprezzava e desiderava per certi lavori nella sua azienda giovani studenti, poiché erano aperti e pronti di mente. Sarebbe stato bene, visto che avrebbe trovato, come stallieri, il fratello Romeo e il cugino Roberto e poi mucche, cavalli, maiali, cani. Tanti giovani lavoravano in quella fattoria, in cui oltre alle attività legate alla terra, vi si esercitava, nelle splendide e particolari stanze, anche la professione del benessere, rivolto a persone che potevano e che non si curavano della spesa. Il conte voleva giovani allegri, accondiscendenti, con una buona cultura classica, non ribelli e per ottenere quello che voleva, avrebbe usato dei metodi di apprendimento e insegnamento molto particolari, a cui collaboravano tutti i dipendenti e … subito dall’inizio del primo incontro.

Questo racconto di è stato letto 2 1 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.