Celestino Cap.: X Il Dottore

Scritto da , il 2021-02-12, genere bondage

Celestino
Cap.: X
Il dottore
Ogni giorno, in prima mattinata c’erano spettacoli destinati alla sua formazione, perché, guardando, apprendesse ad usare le mani, la lingua, la boca, l’ugola, le chiappe; come riceverlo e spremerlo; come bere e adoperare la crema sul corpo; come dare un completo appagamento. A volte dava principio ad orge, dalle quali non poteva estraniarsi. Aveva imparato a mungere, dopo avere deterso e lavato da residui stallatici le mammelle delle vacche, completando la colazione direttamente dalle poppe come gli era stato insegnato e imposto da Michele. Continuava la raccolta delle “boasse” del mattino e della sera per la produzione di mattoni, accompagnata dal ramazzar dell’acciottolato dell’ambiente-lavoro per mettere in evidenza le sue adolescenziali natiche.
Era stato avvisato dal fattore che il medico, rinviato l’appuntamento, sarebbe arrivato nel tardo pomeriggio e che pertanto lui poteva, in attesa, andare a riposarsi sotto le fresche fronde delle vigne assieme ad Alvise e al viticoltore, a cui Romeo lo aveva affidato e che, là, lo specialista sarebbe andato a prenderlo. Contemporaneamente sarebbe stata approntata la sala per la visita, che non era altro che quella in cui si effettuava la “consa” degli insaccati o dei formaggi con un tavolo e delle sedie impagliate e un grande, robusto e massiccio tavolaccio centrale, costruito ad imbuto per lo sgocciolamento e l’evacuazione delle acque dell’impasto.
Assieme all’amico ascoltava la musica della natura e osservava la copula di bianche farfalle steso sul ventre a natiche schiuse, mentre il suo custode, cimante le viti, lo sorvegliava in attesa di consegnarlo al dottore.
“Ohh, … dotor, … come và, … ehh, …
Seestin, el xe là co Alvise, … ei vede? … ii pisoea o ei xjuga col loro bianco cueo meso scuerto, … Seestin, … Seestin, … demo, … svejia, … basta dormir, … su, --- alsate, … che ghemo da lavarte, bagnarte e insaonarte come nea tina. … Su ndemo. … avanti.
Non te vedi el dotor? … el xe qua par ti, … vero dotor? … el xe, … - guardandolo e indicandolo -, bon, … jxovane, … el sa anca lavorar ben de … chissà, … cheee, … dotor … che dopo, … eo ciape, …” e, evidenziando, davanti al sanitario, si soppesò i testicoli.
Preceduti dal vignaiolo si avviarono al luogo in cui sarebbe stato visitato per controllare lo stato della sua salute, delle reazioni a stimoli di piacere e di sofferenza, della capacità e resistenza alla copula.
Alla presenza di vari astanti, il medico, collocatosi al tavolo, iniziò a segnare su dei fogli osservazioni, domande e risposte che riceveva dal giovinetto o dall’educatore a cui chiese ulteriori informazioni.
“Dimmi Celestino … ti piace essere qui, … l’esperienza che hai iniziato, … quello che stai vivendo? … Sii sincero.”
“Sì, … molto.”
“Sono compiaciuto, ma per proseguire nella tua formazione e farti iniziare l’attività per cui sei stato richiesto e indirizzato, è necessario che io ti rivolga alcune domande e che ti visiti, … che veda i tuoi progressi e come reagisci a nuovi stimoli. So che eri in un istituto, … che della tua classe sei il migliore, che leggi bene il greco antico e parli e rispondi anche in latino. Nelle tue letture hai mai trovato testi che parlavano di amori, di rapporti omosessuali o di altre forme erotiche … o illustrazioni con queste tematiche?”
“No.”
“Sempre in collegio hai mai visto un pene, oltre al tuo?”
“Sì.”
“Mi puoi raccontare come e dove e di chi.”
“Un mio compagno di anno mi chiese di fare la doccia assieme e là mi presentò il suo membro. Era molto più grosso e lungo del mio. Me lo fece tastare e dopo me lo inserì tra le natiche per muoversi in avanti ed indietro, quando ce l’ebbe rigido, ferreo e con piccole stille al suo apice.
Un’altra volta il professore di greco mi invitò nel suo studio e, dopo aver parlato dei miei risultati scolastici e i complimenti per il mio fisico, affermando che assomigliavo al David del Donatello, mi chiese di mettermi in posa su una sedia. Mi spogliò completamente gioendo della mia nudità. Avevo pudore, ma lui affermava che ero un modello raro e meraviglioso. Mi toccava, era piacevole. Zampillai pipì. Ora …. lui, dopo essersi denudato anche con il mio aiuto, espulse i suoi fluidi densi e bianchi, che non sapevo cosa fossero.”
“Fai vedere come ti ha fatto posare sulla sedia.” Il ragazzino, presa una sedia, vi salì sopra e …
“Ma … eri nudo … e allora spogliati e mostrati! Ti vergogni ora?”
“No, … ma …”
“Mi complimento con il tuo professore di greco. Sei un nuovo Antinoo. Ti tastava o stringeva così … e ti piaceva?”
“Sì, mi piaceva; ma allora mi vergognavo, per cui non tornai più nel suo studio.”
“Scendi ora, … e quando eri più piccolo hai avuto esperienze di questo tipo?”
“Non so, … ma una volta, avevo sette anni, ho incontrato nel ritorno da scuola un uomo che, per chiedermi un’informazione, mi condusse in un campo di mais per mostrarmi il suo. Assomigliava ad un segmento di canna di bambù, tanto lo aveva grosso, nodoso e duro; al punto che gli domandai del perché lo aveva ricoperto in quel modo. Per la perplessità non mi accorsi che mi aveva calato i pantaloncini e che lui me lo reggeva per farmi fare pipì. Gli dissi dove abitavo e di chiedere a mio padre il permesso di andare a casa sua per farlo guarire dal male che lo affliggeva e me ne andai via.”
“Nient’altro?”
“No.”
“Ti sei mai masturbato o fatto altro prima di entrare in questo luogo?”
“No, ma traevo godimento con il sedermi nella turca durante lo scarico o nella doccia del collegio quando mi spruzzavo direttamente sul pene.”
“Su, ora, Celestino, mostrami la bocca, … aprila. … Mmmmmmmmmmm, … ha un bel colore. … I denti ci sono tutti … perfetti e stupendi. La lingua, … fammela palpare e prendere. Ciuccia, succhia, aspira come fai con i capezzoli della vacca. Su, dai … di più!” Non riusciva a prendere tutto il dito, poiché provava conati.
“Prova con questo, … ingurgita, … ingoia. … Respira con il naso. … Inghiottisci.” Dagli angoli delle labbra pendevano bave.
“Orgggh, … ommmgghhh, … aaaaaargh! Faaaaaaaa maaaaaaaaale!” e quello forzava trattenendolo imprigionato tra le sue braccia finché Celestino non fece spontaneamente l’ingoio oltre l’apertura dell’esofago.
“Bravo, hai visto che accogliendo dei suggerimenti puoi fare di più. Ora desidero sentire il calore della tua gola. Spogliami come hai fatto con quel tuo insegnante di greco, … con passione e tenerezza. Inginocchiati e accarezza quel luogo con le guance. Metti le tue mani sotto gli indumenti e vai a sentire come sta colui che dovrai imparare a prendere, stringere, annusare, limare, baciare, leccare, ingoiare tutto, per bere poi il frutto delle ampolle a lui agganciate. Svuotale con mitezza e docilità. La rimozione del loro contenuto è un atto che tutti gli uomini desiderano, cercano, esigono anche brutalmente.”
Esitava il ragazzino ad appoggiare le sue labbra su quell’abbigliamento, che da tempo non veniva affogato nelle acque per un bucato.
“Cosa credi che venga a conoscerti e rediga un certificato di buona salute pulito e vestito a festa e senza muovere un dito? Quando vengo qui, spesso devo vedere e visitare delle fattrici, … dei vitellini, … per cui … Avanti, … muoviti!” … e costringendolo, il medico riuscì a farsi denudare da quelle tenere mani. La sua peluria imbianchita aveva odore e sapore di urina rinsecchita, stantia e il giovinetto fu preso da sentori di rigurgito.
C’era qualcosa di osceno e ripugnante nell’atteggiamento del dottore. Si teneva premuta la testa del piccolo perché ingoiasse il suo fallo in modo brutale, quasi satanico e, per di più, preso un corto scudiscio disegnava biancastri grafiti sulle tenere, dolci natiche che diventavano, dopo, rossi e violacei. I lamenti erano soffocati da quel membro conficcato sino all’ugola.
“Sono un medico-maiale in fregola e tu sei la troia che ora deve darmi piacere.” … e, staccatoselo, dopo avergli contemplato il viso lordato di lacrime e di schiume, se lo trasse sulle ginocchia con il culo striato all’aria per proseguire con la frusta, non solo sui glutei, ma anche tra loro, per arrossare il grinzoso fiore, colà nascosto. Mentre uno sbavava, l’altro si agitava dimenandosi, agitandosi o contraendosi a causa delle dolorose percosse che gli venivano inferte senza pietà.
“Mi piace questo sedere: ora è pronto per la visita. Sarà caldo e saporito. La mia lingua giocherà con il suo buco, mentre le mie mani stringeranno i rotondi cuscini che lo difendono. Andiamo sul tavolo e vienimi sopra. Mentre gioco, lecco, mordo questo culo che mi è stato consegnato per studiarlo, tu sbarbatello lavami i testicoli e continua lambendolo, sfiorandomelo con la lingua, carezzandolo. Non provar vergogna, perché il fare copula, il dare e l’avere piacere, concedendo il proprio fisico, porterà solo benefici ad entrambi. Sono una canaglia e tu dovrai essere il mio piccolo allievo-amante dagli occhi morbidi e sino a quando lo vorrò, sarai la mia puttanella da scopare, per ora, solo in bocca, ma dopo, mio luminoso fiammeggiante tarassaco, colmato di buona e fresca rugiada, anche in culo.
Romeo, mentre limo, mordo, allargo per scrutare e introduco la mia lingua in questo verginello per capire il suo stato, penetrami e fottimi; affinché dopo possa farmi ramazzare ed asportare dalla sua lingua quello che mi lascerai. … Più forte e a lungo. … Vai sino in fondo. … Ancora. … Ohh, … il sentirsi pieni, … che sublime, … e tu ragazzino, guarda il tuo insegnante … come mi sbatte e spinge. Immagina di avere nel tuo culo arrossato, caldo, … ormai quasi pronto ad essere otturato, chiavato, fottuto, sbattuto, … le emozioni, … il piacere che io sto provando. … Siiiiiiiiiiiii, … inondami, … riempimi che poi dovrò dissetare questo marmocchio.” … e
“Poppante non mi hai ancora detto se avere la mia ramazza ruvida sul tuo garofano ti provoca appagamento. Rispondimi con una scoreggia.”
“Trrrrrrrrrooooorrrrrrrrr.” “È come quella del molosso. Non resisto, … continua.” “Trrrrrrrrrr.”
“Siiiiii, … cosìììì! Ancora … che ci metto un dito mentre sfiati. Ohh, questo culetto mai aperto mi aspira il dito come non mai, … me lo stringe, … che calore, … che sozzo profumo mi rimanda, … Ti sto insegnando ad essere anche osceno, … a lasciarti andare all’ascolto della voce dei corpi che cantano o urlano ai nostri cuori la passione, ma allo stesso tempo ti sto suggerendo a fare atti sconci, triviali, depravati con le labbra e la lingua; ad stuzzicare le brame del compagno con sfregamenti e rumori indecente e scurrili; ad effettuare anche l’atto corporale più imbarazzante e disgustoso. Prima ti ho percosso con lo scudiscio, perché dopo il dolore si perviene a piaceri più intensi e forti; tanto che potresti perdere coscienza del tempo. … e anche per dominarti, … soggiogarti e farmi obbedire per poterti fottere come più mi aggrada.”
“Ahhhhhhhhhhhhhggggggggg, … sììììììììììììììììììììììììì, … connnnnnnnnnn…”
“Ohhhhhhhhh, … mi stai imbrattando della tua crema, … e suoni, … e sussulti, … ti dilati per ricevere, … ansimi e ti apri … e ancora suoni. Stai conoscendo la lussuria più scurrile e immonda. Pisci e ancora … mi pisci sopra. Stai studiando da porco, … da canaglia! Ora devo evacuare e lo voglio fare sul tuo bel visino da ex innocente, ora emblema di un depravato e scostumato maiale.
Ecco, … ti sono sopra, … leccami il culo, … restituiscimi il piacere della lingua, … mettimela dentro, … mordi, … spingi per farlo aprire. … Sìììììììììììììììì, … mi fai scorreggiare a doccia. … Bevi, … ingoia, … aspira, … accetta. Ohhhh, … che cosa sublime percepire il tuo naso sul mio buco, … impiastricciare il tuo bel visino di umori e di merda. Ingerisci, … dissetati … mio porcellino. … e … prima di rivoltarti, … devo ritornare per ridarti tra le labbra questo mio compagno, … che hai snervato, prima nel tenerlo al caldo della tua gola e ora con le mani e con la lingua nel mio posteriore … Ohhhhhhhhhh, … sìììììììììììììì …. Prendi la sua roba. È tanta! … Eri già ricoperto dalla mercanzia di Romeo e oliato. … ti sto rivestendo anche del mio profumo e del mio nettare. Deve esserti di viatico, … di alimento nella strada della lussuria più scandalosa … lasciva, ma meravigliosa.”
“Oghhh, … mmgccc, … annnnnncccccccoraaa. … Ennffff, … eeeeeeeeeefffffff.”
“Ohhhhh, che volto da contemplare ho qui tra le mie cuisses des jambes. Ohhhhhhhhhh, … la passione che mi ha travolto per insegnarti mi fa tremare … di tenerezza. Vorrei stendermi su di te -testa contro piedi- e sentire le tue dita carezzarmi e titillarmi i coglioni o ficcarmele nel di dietro e le tue labbra … calde, … sensuali, … affettuose, … concupiscenti; ma devo ritornare sulla tua popò per riprendere il gioco delle mani e reinserirti le dita o altro che i giochi lascivi permettono ed esigono.
… e voi che ci state ad osservare … che siete in estasi … Che bello e sublime è essere spettatori di un amplesso libidinoso ed immorale tra un ragazzino apprendista e un maestro pervertito. Regalategli il contenuto delle vostre borse! Irroratelo. … Fategli una coperta lattiginosa, scivolosa e profumata di maschio! … Questo accertamento se lo deve ricordare sine die, … gli deve inculcare il desiderio impaziente di andare oltre, … di avere altro, … di essere riempito di carne … carne crudele, … farabutta.
Tremi ragazzo … sei scosso, … fluttui e scoreggi. I tuoi peti sono musica … sinfonia per i miei sensi. Girati … metti le tue ginocchia a fianco delle mie, … alza il culo e abbassa la testa! … così, … bravo! … Apri le gambe, … un po’ di più, … così, … bravissimo, stai fermo, … che devo palpeggiare, … sei ben fornito, … i testicoli sono ritornati tonici, … vediamo più sotto, … dai … fammi vedere e sentire, … ti agiti e torni a contrarti solo palpandoti, … te lo stringo un po’ e, … ohhh che delizia, …!”
Il ragazzo taceva e contraeva i muscoli al passaggio delle mani sul suo corpo, … iniziava ad ansare al passaggio delle mani unte tra le natiche, … sulla sua rotonda apertura … sulle sue cavità poplitee per risalire sino ai suoi fianchi. Quei massaggi generavano contorcimenti, contrazioni, incurvamenti, lamenti, desideri, suoni, docce
“Ohhh, siiii, …ancora, … ohhhhhhhhhhhhh, …basta, … ahhhhhh.”
“Chinati, ... così …. che devo vedere il tuo fiore tra i glutei, … bravo … ti ungo un po’ e … senti, … abbassa di più la testa, … ancora, ... Ti sto frugando … il mio dito … aspetta, … rilassati … dita
Voi, che siete in balia dell’orgia da noi provocata, riempite quelle sacche delle vostre calde e dorate urine. Una per lui e una per me. Gli farò un clistere, … un enema naturale, … pungente, … brioso, … a giusta temperatura corporea e lui, dopo, lo eseguirà a me. … Apprendi moccioso, odoroso dei nostri umori. Vuoi diventare un mio allievo canaglia?”
“Sì, … siìì, …sì … sììììì!”
“Stai godendo solo al pensiero di ricevere. … Tieni … tra poco t’inonderò … aprirò la valvola e il piscio scorrerà, assieme a bollicine, a schiume calde della pipì dei tuoi amici, … che è odorosa, … viva.
Abbassa di più la testa. Tieni le gambe divaricate, flesse, rilassate … così, … bene. … Uhmmm, … morbido, …”
La lingua dell’adulto raspava, grattugiava, accarezzava la fenditura perineale dell’apprendista sino a provocargli umidori apprezzati e richiestigli per poter meglio inserire un sondino. Dal contenitore appeso al soffitto partiva un flessuoso collettore terminante con una lunga cannula in osso
Quel beccuccio si spostava lentamente leggero dallo scroto al coccige sino alla colonna dorsale lasciando tracce tiepide mentre una mano dell’uomo palpeggiava, accarezzava e sfiorava con le unghie i suoi testicoli; finché, fermatosi sulla sua rosetta, non la forzò. Consapevole di cosa gli sarebbe successo, eccitato e agitato, fremente e arrendevole, stava all’erta ed in attesa di un qualcosa che non conosceva. Percepiva all’interno delle sue viscere scorrere un tepore che si allargava sempre di più come quella volta nell’istituto in cui gli fu fatto un clistere. Gli piaceva sentirsi massaggiare le natiche, il perineo, il ventre o sfiorare l’ano: erano sensazioni straordinarie di godimento, elettrizzanti ed emozionanti. Si sentiva aperto mentre il suo ano si apriva e si donava, come in offerta e il cannello era tutto dentro. Il suo addome si gonfiava e riceveva.
“Rilassati, … respira a fondo, … ancora un po’, …
Trattieni, che devo infilare le dita per muoverle sulle pareti del tuo colon, … devo conoscere il tuo interno.”
Lungo le gambe scorrevano liquidi dorati accompagnati da grumi.
“Ecco ti infilo un tappo per impedirti lo svuotamento. Avrai in seguito dolore. Non mi interessa. Devo darti la mia pipì … Puliscimi le dita, … prendi, … succhia, … usa la lingua, … bravo, … inginocchiati a glutei stretti, contratti … appoggia le mani sui talloni … il sedere sui polpacci … abbandonati … testa indietro … bocca aperta … uhmmmm”
Risollevatosi e aiutandosi con le dita, il medico era ritornato a perlustrare la cavità orale, la lingua, i denti …
“Non molto pulito.”
Aveva trovato residui fecali lasciati dalle dita. Di conseguenza un gargarismo e uno sciacquo con il contenuto dorato della sua vescica erano opportuni. La mente laida del sanitario stava bene al conte, poiché garantiva una parvenza sanitaria ai frequentatori illustri dell’azienda.
“Non inghiottire … bene …”
“Oghhhhh, … glg, … glglo.”
“Su fai dei gargarismi …”
“Grohhhhhh, … grohhhhh, …. grohhhhh, …”
“Falla uscire lentamente giù per le guance, … siii, … bravo, bene … Ripetiamo …”
“Uhmmmmmmmmmmmm, …”
“Ora ti lavo il volto, la testa, il petto, … puliscimelo … sii, …bravo … continua.”
Il membro del medico era ritornato durissimo, scappellato, scuro. Celestino, presolo con le mani, lo iniziò a lucidare, scaldare, sbucciare, spremere, oliare, mungere e agitare. Lentamente affiorarono e si levarono sospiri seguiti da contrazioni e contorsioni violente. L’adolescente avvicinò le labbra alla cappella, per sentirla con la lingua, leccarla e bagnarla; per succhiarla aspirandola in profondità. Si muoveva lentamente per far sprizzare o zampillare la fontana; levigava con la lingua quella clava per liberarla della sua crema. Le palle dell’uomo sbattevano contro il mento del ragazzo, mentre tra i suoi peli affondava il naso dell’adolescente in balia della lascivia. Trattenuto per la nuca, con quel cazzo spinto sino alla gola, seguiva i movimenti richiesti dall’aumento della velocità, dall’ansimare e dal godere del medico. Suoni osceni allietavano l’udito dei presenti spezzati da evviva, … vaiii …, daiiiii, …. Ancoraaaaaaaaa … L’adulto controllava il ragazzo tenendolo per i capelli bagnati dal piscio di prima, mentre il novello pretino giocava con le sue palle, mordendole, succhiandole, facendole scomparire nella sua bocca per poi espellerle bagnate e lucide di saliva.
“Ahhhhhhhhhhhhh, …tieniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, …ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhh, …” Un rivolo bianco fuoriuscì da un angolo della cavità orale di Celestino, il quale, esprimendo gratitudine visiva, continuava imperterrito a succhiare per svuotare e liberare completamente i testicoli del sanitario.
“Ohhh, … hai il cazzo su … ohhh, com’è rigido, …
“Vignaiolo, … datti da fare su, aspiralo … sfiniscilo, … e voi, Roberto e Romeo, aiutatelo trattenendogli le mani sui talloni.”
Il cantiniere, esperto nell’aspirare alla canna, inginocchiato innanzi al malizioso birboncello, presogli il sesso approntò lo spazio e i tempi di tortura per il ragazzo. Soppesava e percepiva quell’asta riempirsi di sangue, pulsare in maniera insistente. Era in grado di riconoscere il martellare delle arterie nel palmo della mano.
Con la punta della lingua sfiorò un po’ quel prepuzio, toccandolo dolcemente, scappellandolo, coprendolo ancora varie volte.
Amorosamente e lentamente, finché non l’ebbe tutto bagnato sino allo scroto di bava. Una mano scivolava lenta, impietosa e crudele, su e giù, sull’asta mentre l’altra gli massaggiava l’addome e il didietro di continuo per scrutare e conoscere il momento. Il giovane, il cui fisico si contraeva alla ricerca di una fuga a quella tortura che non allentava mai, anzi tornava a mungerlo, titillandolo con lavoro di lingua mentre le mani del lavorante gli artigliavano i glutei per spingersi più in gola il pene giovanile prossimo allo sgorgo.
“Ahhhhhhhhhhhh, … ahhhhh, … ahhh!”
Il giovane sentì salire il magma lungo il canale spermatico; venne colto da contrazioni sotto lo sguardo degli astanti e del lavorante che aveva ora abbandonato il fallo per osservare fiotti caldi che sprizzavano dalla cappella congestionata per librarsi in aria e cadere poi sul giovane corpo. Rilassatosi per l’orgasmo avuto, sbloccato, liberato, coperto di sudore, esausto si distese felice per sostare e riposarsi un po’; elargendo nel frattempo una carezza e un sorriso al vignaiolo mentre mani di altri percorrevano il suo fisico per spandere ovunque altro seme ricaduto e da altri donatogli.
Il medico, dopo la pausa che servì più a lui che agli altri, allungata una mano al ragazzo per sollevarlo dal tavolaccio, lo fece ripiegare in due distendendolo con braccia in avanti e arti inferiori ai lati delle sue ginocchia. Lo esaminò, palpeggiò, palpò, accarezzò; lo massaggiava, pizzicava, esplorava e saggiava anche facendo scorrere e scivolare le sue mani sul fisico concupito, bramato e agognato dalle sue depravazioni.
“Uhmmmm, … uhmmmmmmmmmmmmmm, …” inspirava a fondo con calma osservando quel corpo a sua disposizione. I segni della frusta erano quasi scomparsi. L’evacuazione non era ancora pronta, però iniziava a percepire dei movimenti, quindi per accelerare le contrazioni muscolari che il suo sadismo erotico agognava pensò di far riprendere colore a quelle dolci chiappette.
“E tò, … prendi, … beccati questo, …pammmmmmmmmmm, … e pammmm, …”
Sulle natiche tonde e sode prendevano colore il segno delle mani dell’uomo, prima bianco per l’impatto e poi rosso. I suoni, che risuonavano nelle orecchie del ragazzo e degli astanti, seguivano il dolore e precedevano l’arrossamento sempre più acceso. Respiri affannosi uniti a lamenti erano associati alle percosse, mentre il suo retto era un assiduo stringersi e imporporarsi al cadenzato sapiente sculacciare del dottore. La bocca del professionista, sostituite le mani, andò a lambire, mordere, leccare prima i glutei e poi l’orifizio anale tappato e il manto perineale.
Il ragazzo perse il controllo del proprio fisico e assecondava le carezze all’ano inarcando la schiena, sollevandola ritmicamente dal tavolo. Avvertiva le mani dell’uomo che, giocando con le sue chiappe, le aprivano e chiudevano per lasciar scorrere una lingua invadente. Riprovava il piacere intenso, sempre nuovo, soprattutto quando quell’organo andava a lambire, leccare i segni delle severe e crudeli sculacciate o quando le unghie passavano sulle scarlatte impronte per sostare sul vibrante, palpitante sfintere tappato. Gli spasmi al ventre erano incalzanti. Piacere e dolore. Allungava, per il protrarsi delle dolorose e lunghe contrazioni, le sue mani ad afferrare il sesso di qualcuno dei presenti, mentre il suo colava senza ergersi.
Sudava freddo. Aveva intensi dolori, ma era trattenuto e obbligato al tavolo.
“Basta, … non resisto, … ahhhh, … ahhh, … ahhhhhhhhh, …”
La pratica dell’enteroclisma è di solito considerata una cosa più o meno fastidiosa; per alcuni, invece, è fonte di eccitazione sessuale. Esiste una variante temuta perché, per chi vi è sottoposto, c’è la necessità di evacuare pubblicamente, spesso dopo aver sopportato a lungo, nell'impossibilità di liberarsi, i forti crampi conseguenti al clistere stesso.
Al castigato può essere permesso lamentarsi, ma non di interrompere se non su indicazione dell’operatore; poiché egli dovrà focalizzarsi sulle sensazioni interne e sulle umiliazioni che potrebbe subire, come il farsela addosso o perfino, in una data postura, che l’evacuazione gli ricada sul volto o sia guidata sul personaggio che ha concepito l’esperienza. Il clistere è una pratica volta a liberare l'ultimo tratto dell’intestino da feci e/o gas, con l'introduzione di una sonda nel retto e/o nel sigma. L'attrezzo è costituito, attualmente, da un contenitore a forma di sacca con una cannula rigida. La borsa viene posizionata più in alto rispetto al corpo; introdotta la cannula e aperto il rubinetto, il liquido fluisce nell'intestino per effetto della forza di gravità, con una velocità dipendente dall'altezza del recipiente. Solitamente viene preferito un flusso molto lento, in modo da permettere alle anse dell'intestino di adattarsi a ricevere tutta la soluzione senza interruzioni. Questa pratica può risultare utile sia per effettuare il sesso anale, e in previsione dell'uso di giocattoli sessuali, sia per rafforzare la libido. Essa risulta efficace nell'eliminazione di feci e nella riduzione di batteri, pulendo il tratto intestinale per la successiva attività. Questa pratica è anche usata all'interno di giochi sessuali, in particolare nelle attività BDSM. Nel caso del nostro, con il medico, l’enema aveva altri scopi che solo un adulto depravato e sadico poteva pensare
“Ahhhhh, … hhhhhhhhhhhhhhhhh, …hhhhhhhhhhhhhhhhh, …. Hhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh, …”
“Ohhh. … stai calmo, che ora ti levo il tappo, così, … Spfraaaaaannnn, … pprggggggg, … Ohhhhhhhhhhh, come sei turpe. Ti ho or ora stappato che già mi lavi … e … continui con getti a doccia, … quasi a volermi coprire, lordare interamente delle urine dei presenti e delle tue feci. Suoni e scoreggi a catinelle!”
“Sto meglio. Ora … enffff, … onfffffffff, … respiro. Faceva tanto male. Ora … dottore, … sì …”
Piacere, oscenità, cose sporche, … una mano dell’uomo sì muoveva per far sgorgare liquidi, mentre l’altra raccoglieva per spalmarli delicatamente sul fisico del giovinetto.
“Ora, piccolo, fammelo! … e prova il piacere, dopo quello dell’evacuazione e del successivo massaggio di relax e benessere, di ricevere spruzzi a temperatura corporea di urine mischiate a feci, … di sentirti colare questa mistura sul fisico, … e alla fine il rilassamento, … l’abbandono di uno nelle braccia dell’altro.
Sono pronto. Mettimi, piccolo amante, la cannula … Ti scalderò le urine che là pendono. Il bibliotecario ha aggiunto una soluzione per velocizzare i crampi, lasciandomi il tempo, però, di mischiarle con le mie feci a te riservate. … e poi, appagati i sensi, riposeremo tra i nostri profumi. Inizia!
Bravo, … fai pure, … ohhhhhhhhhhhh, …ohhhhhhhhhhhhh, … orgggggg, …gggrrr bravissimo, … non metterci il tappo, … so trattenere e conosco il momento adatto allo scopo. La tua lingua, … Ohhhhhhhh, … è quella di un virgulto. … Sìììììì, … continua a lapparmi, a pulirmi il culo Ohhhhhhhhhhhhh, … ohhhhhhhhhhhhhhh, … ahhhhhhhhhhhhhhhhhh, …uhmmmmmmmmmm, … prendiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii … ohhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh … orghhhhhhhhhhhhh, … ougrrrrrhhhhhhhhhhhhhhhhhhh.”
Celestino riceveva e godeva, dello spalmarsi sul suo e su quello del medico, della mistura o crema da lui racimolata e colta dal retto del sanitario
Sfiniti, imbrattati e insozzati di urine e merda, non padroni delle loro muscolature, continuavano a far defluire dai loro sfinteri liquidi, abbinati a suoni, che scorrevano poi verso l’imbuto del tavolaccio inclinato. Spruzzi bianchi opalescenti e getti di urine colpirono, bagnarono, irrorarono il loro corpi avvinghiati.
Entrambi si distesero avvinghiati assaporando, nel darsi piccole tenere infangate coccole, il calore dei loro corpi insudiciati, ma appagati e saziati.

Questo racconto di è stato letto 2 0 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.