Celestino Cap.: IV proseguo Prima giornata

Scritto da , il 2020-11-28, genere masturbazione

Masturbazione, gay, pulp e zoofilia

Celestino cap.: IV la prima giornata. Seguito
La fattoria, molto estesa, confinava con le colline lontane. Era autosufficiente. In essa lavoravano molti braccianti per età e formazione culturale differenti e ognuno aveva delle responsabilità. Consisteva in più fabbricati oltre a quelli adibiti a domus per il proprietario, per gli ospiti e per le feste. Vi erano dipendenti addetti ai campi e alle stalle o adibiti alla produzione degli insaccati e dei formaggi oltre alle carni; quelli che seguivano nel periodo stagionale la coltivazione dei bachi da seta, del miele, la produzione del pane, del raccogliere le uova e del seguire il pollaio, oltre a quelli che seguivano i vigneti e le cantine. Il proprietario era un benemerito del Regno; spesso ospitava ministri del re, professori universitari, ricchi discendenti di nobili casati, vescovi e cardinali; il padre dello stesso s’era seduto su uno scranno senatoriale per un breve periodo.
Per smerciare i suoi numerosi ed abbondanti prodotti, introdusse tra le sue attività anche quella dei giovani assistenti; costoro dovevano essere preparati a eseguire con professionalità e passione qualsiasi richiesta, pena il loro allontanamento. Erano ben rimunerati soprattutto se di buona formazione culturale, se erano naturali e sinceri, ma questi ultimi erano difficilissimi da trovare, poiché facilmente quelli che s’incontravano, erano adottati o presi come figliocci dal benefattore, come avviene anche oggi in alcuni paesi dell’America Latina o in quelli dell’Asia
Il personale era contento se il padrone trovava un nuovo ragazzo da inserire in quel lavoro, poiché ne avrebbero tratto beneficio tutti, sia per partecipare attivamente alla sua formazione, sia perché la curiosità avrebbe fatto aumentare le visite, la vendita di prodotti e conservare le mansioni. Tanti desideravano entrare in quel posto per prestare servizio nei settori a loro più adatti, ma per accedere dovevano accettare e vivere alcune regole. Quelli che chiedevano di lavorare nell’azienda sapevano e a loro non dispiaceva poiché, a volte, concedendosi a qualche cliente ricevevano dei compensi extra. Per gli abitanti della valle quella fattoria era una fortuna e tutti la difendevano finanche segnalando pericoli in arrivo.
Per le attività produttive non era necessaria l’iniziazione, era sufficiente prestarsi per i lavori, seguire la formazione del novizio e soddisfare eventuali richieste; mentre per il lavoro di aiutante alla vendita era essenziale la formazione, che era ardua, dolorosa e brutale. A costoro era presentata l’immagine del dio Mink e nella tenuta il conte ne aveva fatte portare varie, disponendole una qua e una là. Su una di esse, a mo’ di altare il nostro, in seguito fu offerto, asperso e consacrato al suo culto.
La valle aveva restituito, grazie a scavi o a ritrovamenti, testimonianze lapidee del dio dal membro enorme e nella villa era stata improntata la raccolta delle opere trovate o acquistate anche dagli avi dell’attuale conte. La maggior parte di esse era a tema omosessuale e di rapporti con animali; inoltre nella biblioteca si conservavano manoscritti aventi per argomento la sodomia nelle sue diverse sfaccettature, formando con le testimonianze lapidee un corpus tra i più importanti del paese su quel tema. Anche la relazione particolareggiata richiesta a Celestino delle sue emozioni, delle sue scoperte, degli avvenimenti, in cui era partecipe, sarebbe entrata in quel corpus.
Il nostro dopo il pranzo, assieme a Romeo in una saletta della domus del conte, assunse in piedi cibi adatti ad aumentare o a stimolare l’attività sessuale, preparati appositamente per lui e per il suo precettore. Fatta una breve passeggiata per incontrare altri volti entrò nella biblioteca per scrivere le emozioni del primo incontro, mentre il suo maestro andò a fare un resoconto della mattinata al conte e al fattore.
Per scrivere, come per il pranzo, Celestino dovette trovare un’altra postura per via del ricciolo che gli dava prima fastidio e poi dolore da seduto. Stendeva con la pena da inginocchiato o steso sul pavimento, con il suo, bianco, implume culetto in alto ed in evidenza, che il plug faceva risaltare ancora di più. Codesta posa era stata imposta per abituarlo a pensare che quella fosse l’area più importante del suo fisico e a offrire in seguito la sua apertura per una più profonda seducente interessante sodomizzazione, inoltre per avere la motivazione di punirlo poiché facilmente si sarebbe lamentato o si sarebbe sollevato per la difficoltà di mantenerla a lungo. Fatto che avvenne.
Il riposare, dormire negli escrementi tra le vacche, il raccoglierli o il riceverli, le umiliazioni con posture lunghe per evidenziare nient’altro che il suo anello sfinterico, con il dolore, erano metodi educativi per formare i ragazzini prescelti all’attività cui erano stati destinati. Abitualmente le punizioni non erano effettuate al momento, poiché si doveva programmare e scegliere l’occasione. Codeste, umilianti, dolorose e perverse erano eseguite al centro dell’aia o vicino alla concimaia sotto lo sguardo di invitati.
“Come mai, … ti sì in pié! … Te xse coxsa che i te fa par non averme scoltà. Mi gò da dirghe tutto, anca de to mancanse, tragrexsion, sbagli. Ooh, so che no te ghè fato aposta, che te geri stufo de star acovaxsià a scriver col cueo alto, … ma chesta a gera a regoea. … Behhh, …vedemo cossa che te ghè scrito?” attestò il fratello, che proseguiva e presigli i manoscritti, osservatili, si mise a leggerli interessato, sorridendogli con interruzioni di consenso. Spesso si palpava invitando anche il giovinetto a sentirne il turgore, il calore e il gocciolante balsamo che copiosamente iniziava a fluire.
“Vien, snettameo coa boca … su! … che e te paroe, me gà fato efeto. Te piaxeva e man che e andava a studiar el to cueo, a esplorar, … a conosere el to ceo, … che e caminaa, e se movea, e se portava par esaminar, testar, esplorar quea to porta calda, viva che sussultaa, fremea, emosionaa, exsitada par eser visitaa, che a pianxsea e se bagnaa de par suo, mai verta da un mestiero come chesto o da na man. …Te pixseva eser baxsà o sentir el fia caldo sol coeo, … o provar so e to ciape la flutuaxsion o el moto alternativo de su e xsò de on bastian grosso, duro e xgiònfo che el tebagnaa in continuasion par farte imparar a conoxserlo o patir. Te esecravi e man e a ee te ghe versavi e gambe par dare el to passo segreto, nascosto, stretto, coto, vivo. Te sì rivà da poco e te brusì de passion imorae, lussuriosa, carnae par farte penetrar da uno come chesto. … e par quee man te xsì cascà e te gavemo cavà tuto, fora che e mudande che gavemo sbregà par farte capir che te ghe da axsètar e laxsarte far. Te xsì on puteo che el parla in latin e xsà de greco, ancora sensa peo sol cueo e poco so eo, che voe caminar soe strade dea pervexsion e de sodoma, perché ghè piase. … E me pare che sia a to santa, benedeta, bona, pia vocaxsion questa e no de fare el prete!
Sta disposixion, sta tendenxa, sto talento naturae el xe beo, xgiusto … e, puito par ti, ma el va ben anca par a sosxietà, che su tipi come ti … aea sfoga e so bestiaità. Con porcae e oxsenità a te ciaparà, … ma a modo suo ea te vol ben e non poco, … ansi ghe xarà qualcun che te vorria par fijastro e portate so na casa lontan da oci e da conoxsenti par farte, sbusararte, ogni volta che el te vol. … e questo saria anca disposto a quèrsarte de oro, ma soeo par quache ano, parchè … dopo … uno se stufa e voe cambiar cueo e man. El conte voe, co tipi come ti, scombusolar tanti piani de preti o cardinai, de ministri o xgenerai e dire che el sexo, el xè el motor del mondo e no a fiosofia o i schei. Xè a mudanda che governa nee cese e nei paasxi de governo. … e … a tua a xè tanto, … tanto bea, bianca, pura e profumada. Recordate e te dovaresti averlo leto del puteo Antinoo con el so emperador Adriano: gera el ceo che comandava e che ben che el faxseva: soeo che a geosia coa cativeria de chi ghe stava prima soi scrani de el comando, eo gà vinto. Par Roma sxe sta on periodo d’oro coi lori do.
… E adexso, che te me ghè scoltà, va vanti coa boca, … che vojio che te me faxsa on pompin. Ti no te xsè coxsa che el xè ma el sxè basar, strofinar, carexsar, lambir, polirlo, lecar, ciaparlo in boca co devoxsion, ciuciarlo, poparlo, tirarteo in goea aiutandote coe man par spremerlo e cavarghe el sorbeto che sta su ste cojioni e farme goder. No teo gò mai mostrà e gnanca insegnà ma vojio veder xse te si bon a far senxa che te dise gnente. Su, …vanti!”
“Non importa fratello mio, se sarò punito. Quello che desidero ora è il sapere se lo scritto ti ha giovato ad eccitarti.” e prendendoglielo, per coccolarlo con le sue salive, iniziò a venerare, leccandolo o suggendolo per estrarne il succo contenuto nelle sue ghiandole. “Tu mi hai fatto godere tantissimo, … mi hai fatto avere orgasmi, piaceri che prima non conoscevo, … sublimi; ora lascia che sia io a regalarti un po’ dell’appagamento che mi hai dato. Voglio avere te, sentirti mio, … qui davanti a te accovacciato sui talloni, imprigionato nei tuoi occhi, per vedere su di te, l’effetto del mio servizio e della mia passione. Ohhh, … com’è bello, liscio, lucido, profumato di una rara particolare fragranza, che m’inebria e mi eccita. Lo amo e te lo dimostro accarezzandolo con la lingua, adagio, per tutta la sua lunghezza, … dai testicoli alla punta… e avere le mie mani sulla tua pelle per sentirne e captarne ogni minima vibrazione. Risalire e poi … di nuovo giù … e su, … dolcemente, lentamente per sentirlo crescere, gonfiarsi nelle mie mani, … sulle mie labbra. In quale altro modo potrei vedere nei tuoi occhi il piacere che la mia bocca, … la mia lingua potrebbero darti?
Sorriderti, prima di stringere e cingere il tuo membro nel dolce umido delle mie calde labbra per assaporarlo, gustarlo … Sentire i brividi che percorrono la tua pelle ogniqualvolta, riprendendolo o aspirandolo serrato e compresso fra lingua e palato; mentre cerco di cogliere il momento della tua effusione, … dell’esplosione dei fuochi artificiali ambendo di comprendere che quello, che sto facendo, ti dà piacere.
Sento che ansimi e che mi prendi la testa … Accelero, percepisco l’aumento dei gemiti, quelli del mio istruttore; di chi mi ha introdotto in un mondo sconosciuto, meraviglioso, magico.
Lasciami perdere in questo gioco sottile con la tua mano sul mio capo. Che cosa c’è di più sublime di essere ghermito e forzato per capelli … e tu spingi a fondo … al ritmo che desideri per affogare il tuo fallo nella calda prigionia della mia gola.
Spingi … io bramo che avvenga quello che tu vorrai … a fondo, … al tempo che desideri. In quale altro modo potrei sentire il tuo profumo, il tuo sapore e il tuo boccheggiare? Come potrei aver la percezione di sentirti teso e capire dai tuoi testicoli quando e quanto chiedi per appagare i sensi?
Ora stai accelerando e anch’io lo faccio con te, la mia lingua incalza, le mie labbra pigiano e annullano le tue resistenze. Le mie mani percepiscono il tuo corpo contrarsi, … il tuo respiro si fa agitato, incontrollato.
Eccoti.
Ti sento scivolare caldo in bocca, come un fiume in piena … Continui a fissarmi con gli occhi saturi di piacere, mentre io inizio a nutrirmi del tuo nettare, del tuo miele … e tu mi ringrazi arruffandomi la testa.
Sorridi. I tuoi occhi brillano e aspetti che le mie labbra prosciughino la tua uretra, … che io sorrida con ancora il tuo sesso, ormai barzotto, posato sulla mia lingua. Un puffetto e poi … sposti il tuo albero più all'interno del mio alveo orale, quasi a contatto dell’esofago.
Continui tenendomi la testa inclinata all’indietro. Ti guardo con occhi che chiedono e tu mi riempi di un calore acre, pungente che mi dà una sensazione di piacevole benessere, … mi eccita. Il mio culetto, anche se tappato, è umido, si agita, sussulta e tu te ne accorgi facendomi bere ancora e poi quei liquidi sul corpo, … con quei profumi.
Ti fermi, mi chiedi di mostrarmi, … di farti vedere il codino … e bagni ancora … e il ricciolo si agita, si muove, sussulta … finisco esausto di nuovo in ginocchio con la rosellina in tua balia e tu, ora tiri, ruoti, sospingi e ritorni a tirare finché un plof prorompe sopra l’ansimare. Mi consegni il codino chiedendomi di pulirlo come fosse il tuo: aveva un po’ di crema trasparente, come gel, mista a leggere tracce di popò. Avevo goduto con il sederino, … e tu, non contento mi desideri veder vibrare, sussultare ancora e allora …, alzandomi il culetto con il forellino, ancora aperto, mi fai sentire il calore che mi avevi donato in gola. Le mie viscere rispondono con dei glo glo.
Illanguidito, spossato, mi alzo e ti offro ancora il culetto perché tu lo riempia. Da lì, i tuoi liquidi frammisti ai miei lattiginosi scendono per lo scroto colando verso il piano. Mi rifletto in una pozzanghera dorata stuzzicante e avvincente, … desidèri, … miei e tuoi.
Steso, appagato e felice ti guardo e, tu, allora, mi doni l’ultimo spruzzo sulle labbra.”
“Chi te ga insegnà … Te me vardavi con amor, … te spetavi desideroso e in silenxsio che me movesse, … non poe exser la prima volta. Ohhhhh, … te vojio ben non soeo come fradeo, ma de pì. Te ghe fato queo che nessun altro ga fato ben come ti. Te o ghe fato con amor, passion e tanta vojia.”
“Nessuno mi ha insegnato, … nessuno mi ha fatto vedere come si esegue. Sono stato palpato nell’ultimo periodo di collegio, ma niente di più. Quello che ho fatto, mi è stato suggerito dal tuo linguaggio e da quei piaceri, per me nuovi, che tu mi hai fatto provare e per i quali ti dovevo e ti spetta gratitudine. È stato spontaneo e naturale per me fare questo.”
“Anca a pisxar?”
“Quando, ieri, qualcuno l’ha scaricata spruzzandola calda, incessante sul mio sfintere, come facevo io da piccolo con le mucche, mi ha regalato godimento … placidamente. … Quando tu, prima, me l’hai spinto sino in gola, … io non sapevo cosa volessi fare, ma ti ho lasciato versare, … mi piaceva … e poi perché quella che mi scorreva sul fisico mi estasiava e stimolava. Infatti, ti guardavo mentre ardevo di desiderio. Stavo ancora godendo con il sederino, come poi hai percepito e osservato.”.
Il fallo della pieve lontana scandiva le sedici.
“Te xsì ben bagnà … qeste, no serve par dove ndemo, … e par chi ndemo a conosxer mejio.”
Romeo, rimessogli il codino, slacciatogli e buttate le mutande che ormai non coprivano più niente, fattolo alzare, lo invitò a conoscere gli ambienti della sua formazione.
Entrarono nello stanzone degli insaccati, dove l’educatore mostrò all’implume giovinetto quello che notava e la sua funzione nelle feste particolari organizzate dal conte: un grande cammino con pentolone appeso, un tavolaccio leggermente inclinato per far scorrere l’acqua, tavolo per la salatura, una grande mattara, bagnarole e stanghe con ganci fissati al soffitto, scale a pioli e ruote dentate alle pareti. Transitarono per il porcile con le scrofe, il verro, i maiali da macello e i porcellini. C’era poca luce. In ogni vano di questo insistevano contenitori in granito per il cibo e l’angolo per le deiezioni. Videro il pollaio.
Accedettero poi finalmente nell’immobile delle stalle e qui il fratello gli presentò i vari animali: un centinaio, dalle vacche ai vitelli e il toro che si trovava isolato. Bestia imponente e massiccia, un po’agitata e irrequieta in quel periodo, colpa di una vacca in calore e lui, percependone i profumi, la chiedeva per la copula; gli spiegò e mostrò l’uso dei vari strumenti da lavoro mentre camminavano o s’inoltravano tra gli animali sdraiati. Romeo, spesso elargiva loro un buffetto, ricambiato da un’effusione di lingua, simili a baci striscianti, sulle loro parti anatomiche più vicine.
L’educatore, per conoscere ulteriormente le capacità di acquisizione del ragazzo, sedutosi sulla spranga della mangiatoia tra due manze, attirò e strinse a sé il piccolo facendolo adagiare, stendere sulle sue ginocchia. Baciandolo, limandolo gli chiese di alzare le gambe in modo da esporre il bianco delicato affascinante sederino alle bestie perché, annusandone il salaticcio dell’urina rappresa, posassero la loro ruvida sinuosa strusciante lingua sui quei glutei e sul suo vivo sfintere, per fargli estinguere il timore di essere lambito, lisciato da loro. Manifestava, tremando e dimenandosi, piacere e il suo fisico gli rammentò allora il piacevole solletico che subiva all’istituto, quando era sottoposto a dei clisteri. Il giovane, preso da passione e da affetto verso chi lo aveva aperto a quelle nuove deliziose affascinanti stupende conoscenze, ricambiò dando la sua lingua all’uomo e ponendo le sue mani sul muso delle vaccine. Dal suo arrossato, scosso, tremante cerchietto fuoriuscivano liquidi giallo bruni.
Ebbe un nuovo successivo orgasmo anale violento, intenso e incontrollato provocato dalla vacca che gli slinguava i glutei e lo sfintere. Un puffo sulle guance fu l’invito a raccogliere le boasse dalle lettiere dei bovini. Non gli dava fastidio; era guardato in silenzio dalle bestie accovacciate e quelle che erano in piedi si spostavano. Niente di strano per loro. Le prendeva con le mani scartando fili di paglia o cartoxse per riporle sulla carriola di legno usa per quello scopo. Su indicazione non doveva accosciarsi, ma piegarsi in avanti in modo da esporre i suoi arroventati porporini glutei con il boccheggiante stremato sfintere. Con un badile sistemò il suo materasso e pose nella mangiatoia le catene che lo avrebbero preso più tardi. Sorrise con luccicori al fratello che lo fissava.
Con questo insegnante, complice e amante, pasteggiò con carne d’asino al peperoncino, fagioli saltati e uova al tartufo e pepe verde; il tutto annaffiato con un bicchiere di matè consigliato da Romeo e alla fine una tazza di cioccolata fumante. Il desinare era stato preparato dalla cucina su indicazione del fattore. Avevano poco tempo a disposizione, lo impiegarono per una breve passeggiata esterna per digerire. La calura stava scemando, i contadini tornavano con forche, rastrelli, falci o uncini e fattisi un bagno nello stagno sorgivo si spostarono nelle stalle per la cura e la mungitura delle vacche.
Le bestie, vista l’ora, erano in attesa del fieno. Muggivano per richiamare i sostenitori ad avere cura di loro, poiché avevano fame e quello che avevano ruminato l’avevano già digerito. Nell’attesa molte svuotarono la vescica e il colon. L’odore acre delle urine e delle feci infettava l’aria; Celestino aveva ancora lavoro e, sotto gli occhi dei braccianti, con la carriola ritornò a raccogliere quei prodotti per terminare di comporre e arricchire la sua lettiera.
Sebbene fosse unto, andò a curiosare per conoscere la mungitura. Un uomo, scherzando lo spruzzò e bagnò di latte, come spesso fanno i padri con i figli quando si avvicinano troppo all’animale, che potrebbe spaventarsi e procurare danni al mungitore, regalandogli dopo, ancora per gioco, nuovi spruzzi.
Egli, con Romeo a fianco, si addossò a un certo Stefano, cinquantenne robusto, peloso con visibili i segni del lavoro della giornata, che cercava di sodomizzare un tale Aldo: era una lezione. L’alunno, invitato a fare, si mise a giocare con il giavellotto dell’uomo con passione e amore usando mani, viso, lingua e bocca. Tastava, palpeggiava i testicoli, sfiorava l’apertura anale umettando con la sua saliva quei genitali, finché l’asta non la sentì pronta a penetrare e solo allora, messosi accovacciato tra le gambe de sottomesso, iniziò a umettargli l’ano con la lingua dandogli piacere e poi, impugnato il bastone di Stefano con una mano, dopo averlo ulteriormente bagnato e appoggiatolo a quell’apertura, diede il via alla penetrazione. Guardava con meraviglia quella verga entrare sprofondando con calma costante e ferma. Una stupenda coinvolgente scena erotica era innanzi agli astanti, coinvolti con quel movimento di entrata e uscita, quel va e vieni, il ciaf ... ciaf e con Celestino che lambiva i testicoli di uno o dell’altro o che prendeva in bocca il pene libero da incavi o con la sua mano che cercava di penetrare l’apertura sfinterica di Stefano. Uno stupendo atto sessuale tra un adolescente, trapanato furiosamente da un cinquantenne, massaggiato nella sua zona perineale da Celestino.
“Uhm …oh …ah … siiii, … sbati … ancora, … pì forte … ah … vegnoo, …ciapa, … porseo … daiiiiii, … siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii,” … Il giovane eiaculò, mentre l’uomo sfilata la sua asta da quel foro la diede alle mani del ragazzo affinché la portasse nel suo alveo orale a ricevere il miele che sarebbe sgorgato per farglielo ingerire.
Le scene a cui partecipava o assisteva, il continuo coinvolgimento emotivo, vivo e passionale, l’ammaestramento quotidiano effettuato da persone differenti con esigenze, modi espressivi e attese diverse, l’informazione elargita da soggetti colti, preparati, sinceri, schiusi e non sottomessi a tabù trasformarono un adolescente, in breve tempo, in un fedele genuino passionale interprete dell’eros; non solo: in quel ragazzo c’era una eccezionale vocazione all’omosessualità.
Un considerevole e lungo applauso salutò l’amabile supplica di Celestino di avere i versamenti linfatici dei presenti versati su di lui per trascinarli ovunque e per sentirne in ogni parte del suo fisico la presenza. Gradiva annusare e aspirare il profumo piccante e piacevole dello sperma e avrebbe manifestato questa sua propensione elargendo a tutti quelli, che avrebbero gioito del suo fisico, sincera gratitudine.
Garbata e gradita riconoscenza che palesò in quel momento esponendo il suo corpo perché lo esaminassero anche nelle parti non scoperte affinché lo irrorassero come fanno i bambini, quando giocano nelle stalle. Gli rimossero il plug, dopo aver giocato con l’estrarlo e il rimetterlo per sentirne il plof, per vederne l’apertura sfinterica arrossata e tumida e per ascoltarne i miagolii. Inginocchiatosi sulla sua lettiera con la testa posata sull’ acciottolato, coperto verso la mangiatoia di strame asciutto, divaricati i glutei, espose il suo ano e il suo piatto pelvico ai liquidi caldi e gialli di alcuni dei presenti e dopo aver cambiato posizione prese i rimanenti nella cavità orale e sul pube.
Stanco ma soddisfatto si allungò su quel lungo letto di sterco bovino odorante di sperma, di urina, di stallatico sotto lo sguardo dei presenti e delle amiche mucche, attendendo oltre alla gorgiera bovina che, da quella sera, anche i polsi fossero chiusi e inceppati alla mangiatoia. Questa nuova postura richiesta impediva alla sua testa qualsiasi spostamento di fuga da eventuali sorprese. Disteso sulla schiena, nel letto tra le vacche, immerso e coperto di poltiglia bovina si assopì, stremato, consegnandosi al giusto riposo.



Questo racconto di è stato letto 1 1 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.