Celetino Cap.: VII

Scritto da , il 2020-12-19, genere sentimentali

Sentimentali e zoofilia

Celestino
Cap.: VII
Chiarimenti
“Caro Romeo, costui non necessita di prove, poiché la sua psiche, il suo io hanno già scelto. Lui è per natura -omo-, ed ora, scoprendo la sua figura, lo dichiara: non solo, essendo nel momento della vita che va dalla fanciullezza all’adolescenza – periodo cruciale per lo sviluppo sessuale e della conoscenza del proprio corpo- egli, spinto dai piaceri di una carne sensibilissima, non mette barriere tra sé e chi gli chiede partecipazione a concedersi e a mostrare il suo fisico; poiché il rispondere affermativamente appaga i suoi sensi, come non mai. Per cui consiglierei di posticipare la prova, per dargli modo di viverla pienamente con tutte le energie che la sua età gli concede. Ora come ora, potrebbe essere un po’ sfibrato e stanco, per cui non considero onesto sottrargli e derubarlo di quel maggior appagamento che potrebbe avere con un po’ di moderazione e di astensione. Quella prova deve essere un premio per la sua applicazione, … e allora lasciamo che la viva appieno. Sarà anche per chi assiste un’esperienza eccezionale da tramandare e da documentare con scritti ed immagini nella collezione. Fattelo prima visitare dal medico! È meglio e dopo tra il medico e la prova dategli un po’ di riposo facendogli conoscere la campagna che ci circonda, le opere della collezione e gli scritti che ragazzini o scrittori hanno lasciato in questa biblioteca. Ehhhh, … prima che dimentichi: dategli ogni giorno, un po’ prima delle attività un misurino di queste gocce. Generano esiti incredibili, … fantastici.”
“Te sì tì, Camijo, che te xsè; se tì te disi che sxè mejio per lu, perché el se diverte de pì, … alora fasxemo come te dixi ti e ghe darò sempre prima de ogni exsercitasxion sta medisina, che lu, Camijo gà preparà aposta par sto toso. … Ghe dixserò al fator, perché el faxsa vegner el dotor par dopo doman, de matina, dopo svernà ee bestie. Par doman ndremo a ciapar on po’ de aria, a vardar dove se bagna e beve i porsei, quando ii sxè moai fora e dopo mesodì torneremo qua a scriver colcoxa, a vardar ea coeszion e a lesxer. Farò vegner Alvise, chel ceo tanto caro e beo, parchè te xsoga un fià co lu… e dopo, Seestin, ti sta ben on fià de riposo daea formaxsion e dal conoscerte!”
“L’occhio ha visto poco; per cui guardare delle immagini di abili artisti mi aiuta ad aprirmi, l’osservare o l’assistere ad inserimenti mi dà piacere e desiderio di essere preso … di stare al posto di chi viene posseduto. … tanto che ho la percezione, … la sensazione di sentirmi il culetto squagliarsi, … liquefarsi, … e da lui, poi, mi escono piacevoli liquidi. È giusto che io assista per conoscere, … per sapere a quale sfera sessuale appartengo e non solo il sentirmi preso o usato, ma che io partecipi coscientemente. Conosco i sapori e il suo profumo, il suo calore, ma mi alletta vedere e sentire la sua voce, … il suo canto. Prima … era stupendo guardare Camillo posseduto, sodomizzato da Fedrick; … intravedere il suo anello sfinterico lucido, pallido, teso a causa del pene che lo penetrava, … che gli entrava, … che si muoveva su e giù con estrema facilità, … che scompariva totalmente dandogli e distribuendo piacere, … e notare Fedrick come lo teneva abbracciato e stretto. … anche senza toccarmi o essere sfiorato avrei spanto spontaneamente. … Ohhhh, non so voi, ma io vorrei provare per sentirmi sazio e pieno e la sua stretta peeeloosa, … lanosa.”
“Te me o ghè fatto vegner drito e duro. … Gò voija de …”
“Ed io sono qui anche per gustare, … per nutrirmi e cibarmi anche del profumo della crema di un uomo; … per avvertirla colare … e spalmarmela come miele e nutrimento dell’epidermide; … dormire con il balsamo della sua panna … della sua vita.”
“Te lo do anch’io. Permetti?”
“Ohhh, … siiiiiiiiiiiii! … che bello, … che bello, … che bello!”
“Prima però devo inserirti un giocattolo che ti permetterà di spargere spontaneamente il tuo desiderio e farti indossare un capo di abbigliamento che ti fa desiderabile e seducente, se intriso e impiastricciato di umori maschili. Te lo sfilerò prima che tu ti stenda per riposare. Non preoccuparti, … sognerai lo stesso, anche senza il sex-toy. Chi noterà le macchie sorriderà e vorrà farti dono del suo nettare. … e tu, perso ormai il pudore per considerare normale, naturale e sana la vivacità dell’attività sessuale di un uomo, accetterai con entusiasmo la strenna che ti verrà offerta, come ti sei espresso poco fa con noi.”
“Camillooo!” … e un abbraccio di profonda gratitudine e affetto approvò il suggerimento.
“Appoggia i gomiti alla cattedra e attendi con le ginocchia leggermente divaricate, che arriverò tra poco con quello che penso gradirai moltissimo e che ti renderà incantevole e molto sensuale.” Nel frattempo, mentre stava in attesa, accoglieva devotamente tra le labbra il perno massiccio di Romeo. Il suo roseo, lindo Dianthus sylvestris luccicava di umori da lui sgorgati.
È incantevole e invitante. È caldo e già profuma di sensualità ed invita ad entrare. È già pronto. Boccheggia, ma anche se potrei inserirti subito, mio piccolo Celestino, questo trastullo per dilatare e snervare il tuo retto, preferisco prima lappare, … succhiare quelle stille che arricchiscono la tua corona per prepararla ad essere violata e dilatata. Contemporaneamente, novello Ganimede, irrora e scalda con le tue salive quest’immagine di Priapo per non far avvertire la differenza di calore al tuo fiore grinzoso.”
“Continua Camillo. … sto per … ohhhh, … mi piace, … mi piace, … mi piaaaaaaaaaaaceeeeeeeeee!”
“Ecco, … è a contatto del tuo anello. Entra, … spingo … il tuo cerchietto si dilata, … accetta e gradisce l’ammaliatore rubacuori. … non stringere, … stai tranquillo. … farà un po’ male, ma è un dolore passeggero, momentaneo, labile.”
“Plou’!” “Ecco, è dentro e ora, avvitando un po’ l’impugnatura, che poi sfilerò, lo farò dilatare e ingrossare per darti la sensazione di pieno, … di imbottito. Sarà al tuo interno come quello di Fedrick e nessuno noterà la sua presenza. Proverai stimoli osceni, lascivi, depravati che ti fiaccheranno, … senza farti godere, … ma ti obbligheranno ad una continua minzione. Questi bisogni saranno più forti, soprattutto quando ti siederai o avrai una postura di notevole contrazione anale.”
“… ma non mi farà male come l’altro?”
“No, perché questo non ha il riccio esterno. Ti delizierà.”
“Mi sento, … “
“Quando camminerai avvertirai il bisogno. … e ora indossa questo indumento, simile ad una tunica rossa, a pantaloncino con mutandine inserite, fusciacca e preziose decorazioni al collo e in vita, rievocanti sottintesi rapporti anali. Sei bellissimo e ti rende ancora più desiderabile. Guardati allo specchio, ora.”
“E’ … grazie Camillo. È stupendo questo vestitino. Mi sentoo … ma ora lasciate che mi prenda i sapori da voi riservatimi.”
“Hai ragione, ma prima assapora e impara a godere anche di quelli di Fedrick. Dammi la lingua e assapora quello che ti do di questa boccettina. Non trangugiare; lascia che il suo profumo si espanda nell’aria. Il nostro amico saprà riconoscere e verrà a trovarti per regalarti anche i suoi umori. Prendiglielo in bocca e agisci. Usa le mani, la lingua e il palato.”
La felicità del ragazzino era aumentata in maniera esponenziale per il fatto di sapere che avrebbe gustato anche i liquidi del molosso. Languido, disteso sul pavimento in legno, accettava quella lingua che gli raspava il volto, che cercava la sorgente causa della sua eccitazione; quella si muoveva da una parte all’altra della testolina del piccolo per accedere nella sua bianca apertura, infradiciando la rossa veste delle sue secrezioni. Era incantevole vederlo unto di umori prostatici. Dal suo basso addome l’eccitazione non accennava a scemare, anzi … una chiazza si allargava vistosamente sui pantaloncini. La camicetta si apre e il cane ne approfitta per slinguargli il torace. Gode, … gode e si bagna ancora. La punta rossa è finalmente tra le sue labbra, … e lui la venera con massaggi linguali e papillari sino ai testicoli per la soddisfazione di Fedrick. Le sue labbra non riescono a trattenere le ondate cremose della bestia e acconsentono a quei liquidi di scivolare sul collo per la forza di gravità, … e lui impugnando quel rosso membro, felice e appagato per aver dato piacere al suo nuovo amico, si indirizza i rimanenti spruzzi sul torace e sul volto luccicante di secrezioni.
I due testi, paghi e compiaciuti per lo spettacolo, consegnarono il pattuito al giovinetto sulle labbra e sul volto, per cospargerglielo lascivamente dal volto all’ombelico confondendolo con l’altro.
“Vorrei un po’ di latte.” Sorrisero.
“Perché, no te gà bastà queo che te ghè bevuo?”
“Sì, ma ... il dito che mi alza, mi sposta, mi spinge, mi governa e sentire quella poppa calda, turgida, umida che, se schiacciata e premuta, cola latte … e quei profumi di stalla, … di sperma, …”
“Non ora! Devi prendere dei cibi adatti ad aumentare le tue energie fisiche. I giochi a cui partecipi debilitano e indeboliscono, per cui …”
Dopo una rapida, sostanziosa cena e presa ulteriore panna da colleghi degli educatori, ridotto e tolto il giocattolino dallo sfintere, Celestino si addormentò nel pagliericcio uso per l’assistenza delle manze in attesa.
Sognava e sudava.
Sognava di correre sul prato appena falciato antistante il collegio.
Dormiva e sognava steso nell’erba fresca e umida e godeva di quella frescura. Formiche, grilli, mosche si posavano sul suo corpo. Solletichi, pizzichi, brividi lo agitavano. Serpi inoffensive si intrufolarono tra i suoi indumenti alla ricerca di un caldo, umido nascondiglio. Da piccoli, filiformi orbetti divennero grosse, lunghe, magnifiche bisce d’acqua. Lo avvolgevano, strisciando, tra i loro nodi e nel movimento abbandonavano scie lucenti, simili a quelle delle chiocciole, cremose, trasparenti, sensuali, avvolgenti. Ormai discinto, sollevato in alto, aperto, esangue e languido per l’eccitazione, abbandonato a loro, accettava, concedendosi, le loro dilatazioni e le loro scie dense e collose. Strusciavano e serpeggiavano sul fisico debilitandolo e illanguidendolo sino a penetrarlo dai suoi pertugi agevolmente. Desiderio, lussuria. Ansimava e si apriva per lasciarsi penetrare, montare e gonfiare. Desiderio, liquidi, sospiri. Apriva la bocca a quelli animali falliformi e si bagnava. Annusava e … più sentiva l'odore, più avvertiva il bisogno di farsi riempire.
La sua bocca, il suo esofago erano pressati, tormentati dalle serpi che volevano entrare per annidarsi al suo interno. Conati e rigurgiti, schiume. La sua apertura anale boccheggiava, fremeva e mormorava.
Stava nel giaciglio impregnato di escrementi. Dormiva. Sognava e tossiva.

Questo racconto di è stato letto 4 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.