Celestino: Cap VIII

Scritto da , il 2021-02-01, genere gay

Cap.: VIII
Alvise
Le chiacchiere sul nuovo arrivo si erano propagate anche tra coloro che seguivano le attività della tenuta in modo discontinuo e su chiamata del fattore. Tra costoro Alvise, invitato in quel giovedì, allo scopo di trasformare gli ultimi accenni di indecisione, impaccio in una spontanea, sincera malizia. Il fattore, il bibliotecario e Romeo avevano pensato a questo giovane per scardinare le ultime difese di Celestino, trasformandole in virtù.
In quell’inizio di giornata quest’hostess osservava il ragazzo inceppato che riposava tra le vacche. Fissava con vivo, forte interesse il volto umido di bave della vacca sdraiata al suo fianco. Egli, giovane bracciante frequentante su invito, doveva svegliarlo per insegnargli a penetrare uno sfintere cercandone stimoli e piaceri, per sentirne le pareti del colon, caldo e umido, che si apre e si chiude sul glande. Asciutto, agile, ambrato, implume era in quella masseria, da quando il fattore lo scoprì e lo segnalò al proprietario terriero per averlo come cameriere per certe feste. Aveva già dato la sua verginità tempo addietro a un Senatore della Repubblica in occasione di una caccia. Non aveva mai trovato un amico, ma solo persone che volevano solo fotterlo, … fotterlo e basta, perché a detta dei suoi estimatori aveva un bel fondo schiena. Erano quarantenni, cinquantenni o sessantenni, pieni di denaro che da lui pretendevano la massima sottomissione e servitù. Gli piaceva quel lavoro e lasciava che gli uomini usassero il suo fisico per trarne benessere e aver un po’ di … in più di quello che gli dava il fattore per i suoi servizi. Era in short e conosceva i metodi pedagogici utili per la formazione di un ragazzino da destinare e adibire ad hostess.
Costui non aveva mai avuto l’opportunità di incontrare un altro suo coetaneo pulito, candido, buono che forse avrebbe saputo ricambiare emozioni, trepidazioni, turbamenti. Non aveva fatto scuole. Incominciò, con le sue mani, ardenti e morbide, ad esplorarne il fisico incrostato di feci, fragrante di stallatico, di urine. Andava dal viso, alle labbra, all’addome, ai peli ricci appiccicati, untuosi del pube, all’ano impastato di escrementi, ai piedi. Annusava e respirava quella vista finché il corpo non iniziò ad allungarsi, a stiracchiarsi, a muoversi con il pene ingrossato e rizzato, sino ad aprire gli occhi sullo sconosciuto.
“So … Alvise!”
Si sorrisero ed entrambi si guardarono le erezioni. La “Fisa” accarezzava con alito e lingua i suoi glutei, velati e protetti da pantaloncini, provocandogli una contrazione, un sussulto … dandogli modo di uscire dalla posta dopo aver liberato Celestino.
“Vien, … demo, … vien co mi, … te si beo e, … viento, … te sì ben ciapà, … dai che te lavo, … vien, … shhhhhhhh!” …
e liberato l’adolescente dalla gorgiera e sollevatolo per le braccia, lo fece entrare nel mastello, ….
“Vegno dentro anca mi … soa tina, … mmm, … senti, … posso ciaparteo, … hummm, … fame sentir, … ai omeni … ghe piase basar, … rovistar coa lengoa, … Fa anca ti, … Seestin!” …
Le lingue si intrecciarono; i corpi si pressavano stringendo tra loro i sessi; le mani prendevano vicendevolmente le natiche strizzandole; ansimavano nel tino con i sessi dolenti per essere stati provocati; acqua e sapone nero ammorbidivano le croste; si lavarono nelle intimità lasciandosi scoprire; entrambi si concedevano senza pensare al piacere fisico dell’altro, ma spinti da un eros diverso.
“Demo fora, ... su dai, … che on cò … gò da star cò ti, … i me gà dito e ordinà, … bevemo un poco de late da sta copa!” …
Si guardarono negli occhi sorridendo senza vedere il corpo dell’altro, …
“Ndemo fora, … tra l’erba verda, … pena bagnaaa, … che te vojio dentro, … te eo ghé … beo e ben duro, … nol xe tanto longo e grosso, … ma el va ben eo stesso. Non me interessa, se te parli, … me basta vardarte, … toccarte, … caressarte, … veder come te sì fatto, … demo là in meso aea vigna, che nessun me vede, … basta che … ne i moea i cani. … Demo, … dame, … aea man!”
e corsero; attraversarono l’aia sotto lo sguardo di chi aveva ordito quel disegno.
“Sei diverso, … strano. Unnnnh, … anffff!”
Nell’erba fresca tra le vigne, stesi ridendo, si ritrovarono ignudi entrambi; si osservavano, ispezionavano, perlustravano, esplorando l’altro con occhi teneri e mani pudiche. I volti si avvicinarono. Alvise pose le sue labbra sulla fronte del novizio mentre le mani scivolavano su Celestino, attirandosi e bagnandosi …. Ansimavano, … le loro lingue si intrecciarono in una danza che gli portò darsi di più e a chiedere di più. L’amplesso era cominciato con turbamento e rispetto. Nell’erba entrarono in intimità per sentirsi, per conoscersi più in profondità, … Una mano di Celestino frugò nella bocca di Alvise in cerca della lingua, … sì baciarono di nuovo, … Scivolarono sui sessi per aspirarne i liquidi, … la lingua del liceale perforava l’orifizio di Alvise che glielo offriva aprendosi le natiche.
Aveva baciato, limato e lambito la sua nuova conoscenza, … il suo nuovo amico, seguace di Priapo anche lui e osservandolo …
Si sorridevano spinti da emozioni diverse e forse era …
“Seestin … te xsì stupendo, … meraviijoso, … te … enffff Senti el me deo … come se move … par persepir, … come el to buseto el strinxe, … come el sxè aspirà dentro de. … Xsè magnifico … anca ti … e dopo … ohhp, … fermo, … toso, … spetta … scambia el deo col to steo, … prova a conosser li eefetti de l’entrar e scorer nel me cueo. Un atimo … meteghe ancora a lengoa col deo! Lassame, … sxe no vegno.” …
“Allarga … che provo con il mio fratellino … alza un po’… senti la punta … è un po’ bagnata … oohhh, …
sta entrando, …
ti penetra, …
Sei stretto, ma scivola come risucchiato, … ohhh, …
Straordinario, … è tutto dentro, … lo senti, … i miei testicoli sulle tue natiche, … ophh, …
Stai muovendoti? … sembra che il tuo ano si allunghi e si accorci, … vibra, … sussulta, … si contrae, … aspira
aspetta che esco per rientrare, … indescrivibile, … sembra che passato il muscolo sfinterico, … ho la sensazione di una mano che mi manipoli, mi …
poi … mi sembra di scivolare in un morbido panetto di burro, … però caldo, … una bocca non dà queste sensazioni, … non ho aggettivi per descrivere le emozioni, … è … quello che percepisco mi arriva alla testa, e … ritorna travolgendomi …, … Sento i tuoi glutei sul mio pube, mentre scivolo: entro di più … in un guanto caldo, umido, vaporoso, felpato, duttile, … che si apre lentamente al mio ingresso, … eccitandomi tra i tuoi ardenti, succulenti e roridi velluti.
Io mi muovo su e giù, piano … entro, ... esco, … piano, lentamente, pacatamente … sbatto, … ma questo, … Alvise, … mi aspira e mi prende e … non mi lascia, … devo intensificare, accelerare … ehmh, … ohhhhhhh … Alvise, … stoo … ahhhh, …prendiiiiiiiiiiii … ahhhh … bastaaaaaaaaaaaa, … … sto venendo dentro di te, … percepisci i miei liquidi? … ohhhhhhh … il mio seme, … … ehehh … ohhhhhhhhh! Enffffffff, … aaaaaaaafffffffff.” Inspirava intensamente per quietarsi.
“Ora lo lascio afflosciare al tuo interno, … per percepire le pareti del tuo colon che accompagnano lo sgonfiamento comprimendolo, in modo da aspirare ancora gli ultimi residui di sperma rimasti nel mio dotto urinario. Mi viene istintivo crollare a fianco a te per ringraziarti di quello che mi hai dato, spargendo i tuoi umori tra noi. I miei occhi si riposano nei tuoi e i tuoi nei miei. Il silenzio della natura ci veste e ci scalda, mentre le nostre mani agiscono e assolvono a quello che non fa la nostra vista. Ti sei concesso ed io mi sono donato a te. Lasciami cogliere gli umori vischiosi, lattei, opalescenti che fuoriescono dal tuo anellino; … la mia lingua deve pulirti anche internamente. Ohhhhhhhhhh Alvise che … ohhh devo coccolare il tuo fringuello ed asciugarlo, nettarlo degli ultimi filamenti di sperma che hai versato tra noi.”
“Seestin, … vorria studiar anca mi. … Saver parlar come ti. … Me insegnito? Gà da esser tanto beo saver e mi … Seestin, … insegname a legxar, … a scivar, … a …”
“Mi sorprendi Alvise, io non sono un bravo insegnante e poi come possiamo fare, se tu vieni qui ogni tanto? Quando si inizia bisogna essere continuativi e noi non abbiamo il tempo.”
“Seestin …!!!”
“Ma, ci potrebbe essere un modo per trovarci più di frequente, … come che tu possa essere il mio insegnante di dialetto. Il tuo idioma è bellissimo da ascoltare, … ha una musicalità bellissima. Tu mi insegni il dialetto e io l’italiano ed altro. Lo dirò al bibliotecario e lui provvederà, visto che spesso Romeo si assenta lasciandomi solo a studiare e scrivere; per cui tu potresti farmi compagnia in sua assenza.”
“Seestin … dai, … va a dirgheo. Coxsì sxè vedemo de pì e mi te insegnerò el dialeto e anca altro.”
Si guardarono, … sospirarono, si abbandonarono proni sul prato e …
“Embè, non verghemo a modo nostro sto pato? … coxsa disxito Seestin?”
“… e come?”
“Con na bona pisxada e na ciuciada.”
“Ohh sì! Questa è una buona idea. Io sono pronto a ricevere la tua.”
“Anca mi coea tua.”
Risero scrutandosi e contemplandosi negli occhi.
“Prima su di me, Alvise! Sono seduto sui talloni, leggermente inclinato. Bramo sentire la tua pipì scorrere dalla bocca sul collo, sul petto, sull’addome. Bagnami tutto, … dal volto e …”
“Ma non star a berla, … lasxaa andar fora daea boca, … xsè beo vederla andar xsò, sentirla xsò par el coeo, davanti o a picoii segni, rivoi xigxaganti xsò par ea schena e tra e ciape. Ohh che piacxer, che beo, … che gusto che se prova.”
Si aspersero e si inzupparono dei loro liquidi gialli per poi prendersi scambiandosi salive e altro, per tornare a distendersi e abbandonarsi uno nelle braccia dell’altro, … poi schizzi di sperma di uno sull’altro e viceversa da sfruttare come unguento, balsamo per i loro corpi; per avere i loro profumi.
Per Alvise era la prima volta che si concedeva, si donava, guardava e scopriva l’altro in quel modo; trovando in questo un qualcosa di non descrivibile, che lo avrebbe portato in seguito ad amare Celestino, sentendosi da questi compreso; mentre il liceale giunse un po’ più lentamente a quel processo; ma assieme, in seguito, condivisero la vita. Celestino raccolti i boxer dell’amico, lo aiutò ad alzarsi e assieme, appagati e felici, tornarono raccontandosi e chiarendosi esperienze, vicissitudini, paure, speranze.
Il giovane maestro rese edotto l’adolescente dello svolgersi delle imminenti lectio e delle attenzioni cui sarebbe stato soggetto da parte dei presenti, tutti invitati per vederlo e che nell’ultima esercitazione sarebbe stata annunciata la festa e il rito della sua deflorazione con incanto al miglior offerente e del suo appartarsi per seguire, accompagnare, abbracciare e copulare, per essere penetrato, trombato, chiavato e fottuto durante tutto il fine settimana da chi avrebbe acquistato a maggior prezzo la sua verginità e la sua compagnia, nel letto riservato all’ospite più facoltoso e dissoluto.

Questo racconto di è stato letto 8 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.