Vite parallele 19 - Visita mattutina al club cosparso di cimeli di notti di sesso folli.

Scritto da , il 2020-10-20, genere incesti

Al mattino io e mio figlio eravamo stati svegliati tardi ed anche Serena era rimasta a letto con noi mentre Paul,aveva aspettato il medico ed insieme a lui,aveva verificato lo stato del cazzo martoriato di mio marito.

Il fatto che il pene fosse stato liberato dalla gabbietta il giorno prima e che gli fosse stato praticato quel primo trattamento a base di acqua fredda e antidolororifici,aveva già sortito alcuni benefici effetti.

Tuttavia,anche se il dolore si era ridotto parecchio,il pisello era ancora livido e l'edema lo rendeva talmente gonfio al punto da coprire quasi completament i testicoli che invece,parevano indenni da lividi e gonfiori.

Quando io e mio figlio ci eravamo alzati per andarlo a salutare nella sua camera,il dottore gli aveva appena fatto un'iniezione a base di cortisone e dunque,non avendo fatto ancora il suo effetto,avevamo potuto vederlo in tutto il suo impressionante gonfiore accentuatosi nella notte,dopo lo smontaggio della gabbia di ferro

Sembrava davvero un grosso cotechino a righe rosse e nere mentre la cappella scompariva in una specie di tubo di grasso ed i testicoli parevano ugualmente inghiottiti da quella massa grassa e gelatinosa.

Davvero impressionante!

Dopo averlo salutato e rassicurato che presto sarebbe stato meglio,eravamo andati nella veranda dove ad aspettarci per la colazione c'era Serena.

Poi,tutti a farci la doccia e metterci in ordine per fare un giro nell'attesa che mio marito si rimettesse e fosse in grado di stare in piedi.

A quel punto Serena ci aveva svelato che in realtà loro non erano clienti di quel club ma ne erano i proprietari anche se la gestione era affidata ad altri.

In quella circostanza,aveva voluto farci visitare gli ambienti che noi avevamo visto solo di notte con le luci soffuse o completamente al buio.

Gli ambienti illuminati ci apparivano nella loro reale imponenza,grandi saloni,soffitti alti,stucchi e decori classici in oro che ne ricordavano l'originale dimora di una ricca famiglia patrizia.

Non era stata solo l'imponenza degli ambienti a colpirci ma il frenetico attivismo del personale addetto alle pulizie.

I pavimenti,i letti ed i divani erano conciati in modo impressionante.

Dappertutto vi erano sparsi preservativi usati,fazzolettini accartocciati,persino alcuni intimi di donna sdruciti e bagnati.

Tutti i letti inoltre e parecchi divani,erano imbrattati di residui di sperma e umori ancora lucidi.

Gli ambienti dalla Glory hole erano già stati ripuliti anche se sotto i buchi erano ancora evidenti rivoli di sperma.

Nella dark room,anch'essa già riordinata,Serena ci aveva indicato la stanza ed il letto sul quale Rody mi aveva sfondata col suo cazzone gigante.

-Sai,quella è una coppia che noi conosciamo molto bene e che frequenta questo posto ogni volta che lui desidera far ingravidare la moglie da uno sconosciuto.

Sai anche anche tu;La mente umana è insondabile e loro che pure sono una coppia innamorata e inseparabile,hanno quel vezzo!

Sa che noi ospitiamo solo persone di un certo livello,fidate e sicure.-

A quella affermazione mi era sorta spontanea una domanda:"E noi?"

-Voi?...Già voi!

Tuo figlio non ti ha ancora detto niente?-

-No!-

-Noi sapevamo che sareste arrivati perché un nostro cliente conoscente di tuo figlio,sapendo che lui aveva intenzione di portare la sua ragazza in un privé,gli aveva segnalato questo posto preavvisandoci del vostro arrivo.

Noi però stavamo aspettando un givanotto con la sua ragazza e quando vi abbiamo visti,siamo rimasti molto colpiti e,come ti ho già detto,avevo capito al primo colpo d'occhio che il vostro era un amore incestuoso.-

-Ma perché Luca non me lo hai detto?-

Avevo chiesto a mio figlio.

-Credo che temesse un tuo rifiuto o un tuo imbarazzo ma adesso che tutto è compiuto,noi siamo felici che ciò sia accaduto.

Io e Paul siamo innamorati di voi ed avremmo dei progetti se vi piaceranno.-

-Dei progetti?....Che progetti?-

Avevo risposto.

-Ogni cosa a suo tempo cara,adesso ho voglia di fare l'amore su questo letto che tanto ti ha fatto soffrire ma che tanto piacere vi ha dato.-

Senza darmi il tempo di rispondere,aveva cominciato a spogliarmi e dopo avermi fatta godere con le sue carezze e con la lingua,aveva voluto che Luca ci prendesse entrambe e che,dopo averci fatte godere,scaricasse dentro di me il suo prezioso seme.

-Vedrai cara,che in questi due giorni,tuo figlio ti inseminerà riportandoti a casa già gravida.-

Mi aveva detto aggiungendo parole meravigliose a quei momenti di puro piacere sublime.

Pur essendo in tre in un ambiente di trasgressioni sessuali estreme,in quella circostanza non avevamo scopato ma avevamo fatto l'amore.

Dopo esserci rimessi tutti un po in ordine,eravamo scesi in garage e con la sua Mercedes,ci aveva portati in una boutique di Bologna dove mi aveva fatto scegliere degli abiti bellissimi che io non avrei mai potuto permettermi.

Anche a Luca aveva regalato degli indumenti decisamente più eleganti di quelli che indossava abitualmente.

Quando siamo rientrati in villa,mio marito era già in piedi ed il pranzo era già pronto per essere servito in tavola.

-Come va Osvaldo?-

Avevo subito chiesto a mio marito.

-Bene...bene,va molto bene!

Fagli vedere a tua moglie come stai!-

Era intervenuto Paul.

A quel punto mio marito aveva slacciato i pantaloni e tirandosi giù le mutande,ci aveva mostrato il suo coso rinchiuso in un apparecchio in plastica di notevoli dimensioni che lo inglobava completamente.

-Sai,l'iniezione gli ha fatto subito effetto,l'edema è sparito tuttavia,gli sono rimasti i lividi e un certo gonfiore e quindi per ora ho preferito fargliene indossare uno comodo un po imbottito dentro,poi vedremo quale sarà il modello e la misura più adatta per lui.

Ne ho parecchi in plastica molto belli,comodi e colorati,e quando sarà il momento,sceglieremo insieme quello più giusto.-

A pranzo vi era un'aria alquanto distesa ed anche mio marito,gratificato da qualche mio sorriso,pareva alquanto rilassato.

segue


Questo racconto di è stato letto 2 9 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.