Vite parallele 11 - La ragazza del glory hole e il marito cornuto.

Scritto da , il 2020-10-11, genere incesti

Uniti in quella incredibile composizione orgiastica,mentre travasavo nella bocca di mio figlio la sborra che non avevo ancora inghiottito,sotto di noi percepivo la presenza dell'altra donna della quale udivo anche il rumore di saliva del pompino che gli stava facendo.

In quel momento,avevo la piena percezione di aver superato davvero ogni tabù riuscendo persino ad andare oltre le aspettative di trasgressione che mio figlio si aspettava da me.

Avevo capito che ero in grado di compiere qualunqe atto erotico con chiunque,ben altre le sue aspettative.

Da madre ed allieva inesperta e timorosa,sentivo che stavo diventando un modello di capacità trasgressiva per lui e questo mi faceva sentire fortemente gratificata e capivo che a quel punto,avrei potuto andare oltre.....ed anche di più.

Coinvolto ed arrapato al massimo da quell'inaspettato intreccio,Luca se ne era venuto quasi subito ed io,per mostrare a lui di cosa fossi capace e confermare a me stessa che oramai ero diventata una troia esibizionista ed insaziabile,mi ero abbassata e congiungendo le mia labbra alla bocca piena della sconosciuta,ne avevo condiviso il contenuto gustoso di sborra.

Poi,insieme a lei avevo provveduto a ripulire il cazzo di mio figlio.

Intanto da un foro un po più in alto era apparso un bel cazzo già duro e pronto per l'uso.

La ragazza se ne era subito impossessata con la bocca ma dopo poche pennellate con la lingua e brevi escursioni tra le labbra,si era girata e se lo era infilato nella fica.

Avevo così scoperto che,incredibilmente,nonostante la barriere che li divideva,quel buco era sufficiente per farsi chiavare.

Vedendo che faceva una certa fatica a mantenere l'equilibrio,mio figlio le si era messo davanti e tenedola per le spalle l'aveva accompagnata nelle sue escursioni sino a che un grugnito proveniente da dietro la parete,non ci aveva avvertiti che le stava sborrando dentro.

Quando si era staccata,con le cosce larghe sulle quali scivolava lo sperma sino a terra,aveva abbracciato mio figlio e gli aveva sparato la lingua in bocca in segno di gratitudine:

-Grazie...mi hai fatto godere davvero tanto!-

-Ma ti è venuto dentro non hai paura?-

Le avevo detto io con tono preoccupato.

-E di ché dovrei aver paura?

Delle malattie forse?!

Devi sapere chee quelli al di la della parete,hanno un ingresso riservato e devono esibire tutti i certificati sul loro stato di salute compreso quello sull'HIV.

Per assurdo,è più sicuro farsi scopare da questi sconosciuti che dai mariti o dal maschio di tutte le coppie che ci sono di la.

Mio marito per esempio è bisex e se non gli facessi fare dei controlli periodici,sarei a rischio anche con lui.-

-Come bisex?

E tu lo sapevi che era frocio quando l'hai sposato?-

Aveva chiesto mio figlio curioso.

-Certo che lo sapevo così come so che la maggior parte degli uomini è bisex.

Tu per esempio,non hai bevuto forse lo sperma che aveva in bocca la tua amante poco fa?

Chissà poi cos'altro combinate voi due con quell'aria da porcelli che vi ritrovate!-

Colpito nel vivo,mio figlio non aveva ribattuto mentre io ghignando tra me e me,le avevo chiesto:

-Ma oltre la garanzie contro le malattie,usi altre protezioni?-

-Assolutamente no anzi!

In questo momento sono fertile e mio marito che se la sta spassando nella dark room,mi ha mandata qui raccomandandomi di prendere più cazzi possibili anche se rischio di rimanere incinta:E' anche cornuto mio marito!

Questo me lo fa amare di più.
Abbiamo già un bellissimo bambino ottenuto con questo gioco e lui lo adora più di quanto farebbe se fosse suo.
Non so come la pensiate voi,ma nella mente di un vero cornuto il figlio che la moglie fa con un altro maschio,è il sigillo più tangibile e prezioso della sua sottomissione volontaria,fisica e psicologica all'amata moglie che,ovviamente,lo ricambia con lo stesso amore.

L'essere cornuto non è semplicemente frutto di un rapporto di coppia aperto che si sia solo fidanzati,sposati o amanti.

Non è neanche un rapporto di dipendenza fisica o psicologica ma è un vero stato dell'anima.....è una specie di sublimazione nel corpo e nel piacere dell'altro/a anche se non lo si è ancora incontrato o non lo si incontrerà mai.

Nel tempo mi sono convinta che mentre gay si diventa col crescere,cornuti si nasce!

Naturalmente,è diversa la condizione di chi sfortunatamente nasce col corpo non suo ma appartenente all'altro genere e sente dunque,l'esigenza di cambiare sesso

Ma questa è un'altra storia.

Tornando a me e mio marito,ci piacerebbe moltissimo avere un bambino nero ma temo che dovrà rimanere un sogno nella società in cui viviamo.

Comunque,se volete conoscere mio marito,andate nella dark room,sicuramente non lo potrete vedere al buio ma lo potrete riconoscere dal cazzo più grosso di tutti con due palle enormi.

SE riuscite a fargli capire che mi avete conosciuta,vi soddisferà entrambi se lo vorrete.-

Dopo averci intrattenuti con quelle sue interessanti parole,si era girata e si era inginocchiata ancora a succhiare un cazzone nero spuntato da uno di quei buchi.

Dopo averla salutata ed essere usciti,io e mio figlio ci siamo guardati e dal suo sguardo che oramai conoscevo alla perfezione,avevo capito che stava tramando qualcosa e forse,c'entrava proprio mio marito: Il cornuto!

Questo racconto di è stato letto 2 6 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.