Vite parallele 8 - Il primo orgasmo con uno sconosciuto nel tempio del sesso.

Scritto da , il 2020-10-09, genere incesti

L'interno di quella casa rispecchiava lo stesso stile liberty dell'esterno.

Al primo impatto,forse perché suggestionata dalle cose che mi aveva anticipato mio figlio e dalle sue aspettative,avevo avuto l'impressione di entrare in una specie di bordello o cafe chantant come li avevo visti nei manifesti disegnati da Toulouse Loutrec.

L'ingresso era formato da un grande locale rotonto delimitato da pesanti tendoni in velluto rosso.

Da un lato vi era un bancone di legno intarsiato in oro dietro al quale,un signore elegantemente vestito ci aveva dato il benvenuto e ci aveva registrati con nomi di fantasia.

Sulle piccole tessere che ci aveva consegnato spiccava il logo del locale:"La belle epoque" era il suo nome.

La mia prima impressione non era sbagliata.

Insieme alla tessere ci aveva consegnato le chiavi degli spogliatoi dove eravamo stati accompagnati da una graziosa ragazza vestita in modo casto,quasi da collegiale.

Io avevo ben poco da lasciare se non il gilet di maglia mentre mio figlio si era spogliato ed aveva indossato una specie di kimono che avevamo trovato nel nostro armadietto.

Anche lo spogliatoio era separato dalla grande sala a specchi da un tendone rosso.

Tutti gli ambienti erano caratterizzati da una luce tenue nascosta sotto una cornice in alto sulle pareti.

Dopo aver fatto la doccia,ci siamo avviati verso gli ambienti in attesa del nostro arrivo.

La sala era caratterizzata da un grande bar che sovrastava la pista da ballo.

Tutto intorno vi erano sparsi divani,tavolinetti e tanti separé che creavano ambienti più intimi e appartati.

La sala era alquanto affollata ed al nostro ingresso,avevo avuto l'impressione che tutti gli occhi fossero fissati su di me.

Il gioco degli specchi accentuava quella mia impressione permettendomi per la prima volta di vedermi come ero davvero vestita:Come una delle troie che si esibivano nelle immagini di quella Parigi di inizio secolo.

Fortuna che l'immagine era filtrata dalle luci basse;Avrei potuto svenire se mi fossi vista subito com'ero conciata.

Superato il primo momento di imbarazzo,mi sentivo gratificata dalle attenzioni che non solo i maschi presenti mi prestavano.

Mentre con la tenda chiusa alle nostre spalle cercavamo di ambientarci,mi era venuta incontro una signora bruna con indosso un trasparente abito di tulle nero che ne metteva in mostra le magnifiche forme.

Ferma di fronte a me,mi aveva salutata: "Ciao" "Ciao" le avevo risposto.

Poi,prendendomi per mano aveva aggiunto:Venite a sedervi al nostro tavolo?

A quella inattesa proposta,avevo guardato mio figlio con aria smarrita ed al suo "Ok" mi ero lasciata guidare verso il salottino appena celato dietro un paravento dalle sembianze orientaleggianti.

Mentre mi muovevo ed appena seduta,avevo potuto ammirare gli arredi ed i magnifici lampadari in stile liberty dai quali brillava una tenue luce bluastra.

-Lui è mio marito-

Ci aveva detto indicando l'uomo che sedeva su una poltrona.

-Lui è.......-

A trarmi fuori dall'impaccio del momento era intervenuto Luca:

-Sono suo figlio!-

Aveva detto facendomi sobbalzare dal divano ed avvampare di rosso in viso.

Fortunatamente,l'illuminazione aveva impedito che si vedessero i segni della mia vergogna.

-In effetti,potreste essere davvero madre e figlio.

Abbiamo già conosciuto quì una coppia così e ricordo che erano davvero bellissimi e poi...due porcelli così è difficile trovarli ancora.

Comunque,anche se non siete madre e figlio,siete bellissimi lo stesso.

A me e mio marito piace molto giocare con coppie di amanti con una certa differenza di età.-

Aveva aggiunto la signora prima di chiederci cosa volessimo bere in qualità di loro ospiti.

Dopo aver ordinato ad un bellissimo cameriere giovane e dalla pelle nera,aveva preso per mano Luca e lo aveva portato con se sulla pista da ballo.

Io ero seduta sul divano e subito il marito si era alzato ed era venuto a sedersi accanto a me che,nonostante i tentativi di coprirmi,esibivo le gambe oltre l'attaccatura delle autoreggenti sino a quasi l'inguine.

-Mi piacciono le donne che girano senza intimo...sono molte sexi ed eccitanti.-

Mi aveva detto appoggiando con una certa discrezione la mano sulla mia coscia.


-Guarda come sono belli quei due.-

Aveva detto indicandomi la moglie che aveva aperto la vestaglia di mio figlio e vi ci si era avvolta dentro mentre si baciavano appassionatamente.

La stessa situazione potevo vedere anche con altre coppie che ballavano e si stringevano pomiciando.

Quasi tutti gli uomini indossavano lo stesso tipo di Kimono mentre alcune donne erano già nude.

Mentre sorseggiavo il mio drink appena arrivato,cercavo di osservare i movimenti in pista e di non perdere di vista mio figlio e le loro mani che oramai si intrufolavano in ogni piega dei loro corpi.

Contemporaneamente la mano dell'uomo accanto a me era scivolata sul mio sesso e,con le dita giocava con le mie grandi labbra mentre con la bocca si strusciava sul mio cappezzolo già irto sotto la seta della camicetta.

Poi,dopo avermi sussurrato qualcosa che aveva il sapore di un complimento assai spinto,mi si era inginocchiato davanti ed allargandomi le cosce,aveva preso a leccarmi la fica.

Era chiaro che mi trovavo alle prese con un maschio molto esperto e,mentre tutto il mio corpo tremana senza possibilità di controllo,gli avevo messo le mani sul capo e stringendolo a me,avevo avuto un primo intensissimo orgasmo.

segue





Questo racconto di è stato letto 4 5 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.