Da amica a schiava - Si fa sul serio

Scritto da , il 2020-09-09, genere dominazione

Stavo guardando la Tv seduto sul divano quando arrivò Valeria con il vassoio del caffè e lo zucchero. Umile ed ubbidiente, posò il tutto sul tavolinetto davanti a me, dopodiché rimase in piedi immobile e in silenzio, in attesa di nuovi ordini. Aveva la testa bassa, tuttavia non poté fare a meno di squadrare i giocattoli sessuali che avevo accanto, che avevo portato prima dalla sua camera.
Zuccherai il caffè e lentamente lo gustai, ammirando il corpo nudo della schiava. Parti dal suo viso dolce, il quale non tradiva emozioni, e scesi con gli occhi sul collo aggraziato, sui seni abbondanti su cui svettavano i capezzoli duri e rosei, segno che tradiva una certa eccitazione; sulla vagina depilata, con il clitoride che stava mezzo moscio; sulle lunghe gambe, che stuzzicavano la fantasia di non pochi. Avere tutta quella grazia solo per me stesso era gratificante. Già quella mattina avevo potuto disporre di un potere fisico e psicologico praticamente assoluto, ma era mia intenzione fare sul serio, disporre completamente di quel corpo che avevo sempre desiderato e che ora era a mia disposizione.

Finito il caffè, posai la tazzina e mi rivolsi alla schiava. - "Adesso sono un pò stanco, troia, quindi ci riposeremmo un attimo, dopodiché potremmo ricominciare. Nel frattempo, mettiti a quattro zampe di fronte a me e non ti muovere. E non osare nemmeno fiatare. Siamo intesi?"
- "Sì, padrone. Come lei desidera."
Fece esattamente come le avevo detto, spostando prima il tavolino per avere spazio. Assunta la posizione ordinata, ci appoggiai sopra i piedi e mi sdraiai ancora di più sul divano a guardare la televisione. La mia amica si ritrovò così ad essere un tavolino vivente, un poggiapiedi di carne che non poteva fare altro che sostenere il mio peso. Passò in questo modo quasi un'ora, in cui non feci altro a passare da un canale all'altro. In realtà, ero divertito dalla situazione. Valeria era immobile di fronte a me, in silenzio; con il passare del tempo accusò sempre di più la fatica di sostenermi e gocce di sudore cominciarono a scenderle sul corpo, ma rimase comunque ferma a svolgere il suo compito. Avevo raggiunto quello che mi ero prefissato (e che anche lei, in fondo, desiderava): quella che poche ore prima era una carissima amica era oramai una schiava perfetta, su cui sfogare tutte le mie fantasie erotiche più spinte. Ma non era sufficiente, volevo di più, affinché quello fosse davvero un weekend indimenticabile per entrambi.

Ad un certo punto spensi il televisore, era giunto il momento di ricominciare. Alzatomi dal divano, mi tolsi i pantaloncini e le mutande, rimanendo nudo, e mi risedetti sul divano. Fatta girare la schiava, una volta che fu in ginocchio, le ordinai: - "Possiamo passare alla fase successiva. Adesso mi devi far ritornare l'uccello duro, ma da cagna quale che sei, non puoi usa assolutamente le mani. Ti dovrai avvalere semplicemente della lingua. Pensi di farcela?"
- "Sissignore. Farò del mio meglio."
- "Bene. Allora, cominciamo."
Valeria si avvicinò di più al divano. Mise le mani sulle mie ginocchia, sicuramente per potersi appoggiare meglio, ed avvicinò la bocca al mio pene ancora moccio, fermandosi con le labbra a pochi millimetri. Poi, baciò la cappella. Sentì distintamente il calore delle sue labbra e cominciò a sentirmi più caldo. A quel bacio ne seguirono degli altri, lungo l'asta e un paio anche sui testicoli, e subito il mio membro non rimase indifferente. Il trattamento non mi dispiacque affatto, ma non potevo dare a vedere che gradivo, o avrei rischiato di perdere il controllo e allora fine dei giochi. Fortunatamente, Valeria capì che doveva darsi una mossa e passò alla fase successiva. Dapprima leccò il pene in lungo e in largo, facendo attenzione anche a non trascurare i testicoli, poi, senza che le dicessi niente, se lo mise tutto in bocca. Fu una sensazione stupenda: il calore della bocca e il contatto con le labbra erano meravigliosi; lei con la testa andava su e giù, mentre con la lingua continuava a stuzzicarmi; e fissandomi negli occhi colsi uno sguardo voglioso, sensuale, che mi faceva capire come nel sesso orale fosse un'esperta. Averlo scoperto prima! In pochi minuti il pene si gonfiò dentro la sua bocca, raggiungendo le dimensioni massime. Faceva fatica a contenerlo, ma nonostante ciò continuò con il pompino. - "Ummm, sì... Sei proprio una pompinara con i fiocchi. Sei davvero una troia nata, inutile negarlo!" - Senza che, apparentamente, desse a vedere che le importasse, Valeria continuò, anzi, accelerò il ritmo, andando su e giù sempre più forte. Ma non era quello che avevo in mente.

Così la presi per i capelli e tirandola la strappai dal cazzo. - "Ahia! Padrone, mi sta facendo male!"
- "Certo, altrimenti come facevo a fermarti? Chi ti ha detto che volevo un pompino?"
- "Ma... Mi scusi, mi era sembrato di capire che..."
- "Ho detto che dovevi farmelo venire duro, non di svuotarmi i coglioni. Tu devi fare quello che ti dico io. Capito?". - E in quel momento la schiaffeggiai prima su una e poi sull'altra guancia. Assunse uno sguardo triste, dispiaciuta dell'incomprensione. - "Sì, mi scusi, padrone, errore mio. Allora, posso chiederle perchè..."
Risposi ancora prima che finisse la frase, assumendo un sorriso malizioso. - "Ma è ovvio! Adesso è ora di scoparti! Prima, però, dovrò punirti per il tuo errore."

Mi alzai dal divano e misi mano agli strumenti di tortura. Presi le manette e immobilizzai di nuovo le braccia dietro la schiena. Poi, con la ball-gag, la imbavagliai. Fatto ciò, la misi a sedere sul divano. Adesso era spaventata e temeva quale potesse essere la punizione. Si spaventò ancora di più quando si accorse che avevo preso la canna di bambù. Essa era lunga 15 cm ed era flessibile ma resistente, risultando particolarmente dolorosa. - "Come avrai capito, adesso ti colpirò con questa canna," - e mentre lo dicevo la agitavo da una parte all'altra nell'aria, disegnando segni invisibili, - "e poi ti riempirò dove conviene! Contenta?"
Valeria si mise a sudare freddo. Provò a supplicarmi agitando la testa in segno di no, a gridarmi qualcosa che la pallina in bocca strozzò, ma fu tutto inutile. Prima che se ne potesse rendere conto, sferrai il primo colpo, che la colpì in pancia. Lanciò un grido di dolore fortissimo, soffocato dal bavaglio, ed i suoi occhi si riempirono di lacrime.
- "Su, coraggio, non fare così! Cercherò di non lasciarti segni profondi, che possano rimanere. Ma ciò è necessario per insegnarti la disciplina." - E detto questo la colpì con la canna sul seno.
Continuai così di buon ritmo, contando i colpi mentalmente. Valeria cercò di sottrarsi più che poteva alla punizione, rigirandosi sul divano, affondando la faccia nei cuscini. Ma fu tutto inutile. Implacabile, la colpì dappertutto: sulla pancia, sui seni, sulla schiena, sul culo e anche sulla figa un paio di volte, ma ci rinunciai quasi subito perchè era particolarmente doloroso per lei, e non volevo provocare danni seri. In fondo, era ancora un suo amico.
Giunto a 20 colpi, mi fermai. I segni della canna erano visibili, anche se superficiali: il corpo di Valeria era segnato da linee rosse e lei piangeva a dirotto per il dolore. Nel vederla così mi sentì in colpa. Non volevo che avessi esagerato, in fondo per lei era la prima volta e, a differenza di quanto si creda, il Bdsm si basa sul consenso reciproco di entrambi i partner. Perciò, decisi di farmi perdonare.

Mi sedetti sul divano e presi Valeria in braccio, mettendomela sulle gambe. Singhiozzava ancora. Mi portai allora un dito in bocca e lo leccai, inumidendolo per bene di saliva. Poi lo spostai sulla figa e, senza dire niente, lo infilai dentro per metà. La schiava fu colta di sorpresa, non si era accorta di quello che stavo facendo. Lasciai il dito fermo per il tempo necessario che il buco si adattasse, poi, lentamente, cominciai a sfilarlo fuori, ma prima di uscirne del tutto mi fermai con la punta ancora dentro. Allora spinsi di nuovo e lo infilai ancora in profondità, fino a farcelo entrare tutto. A quel punto, cominciai ad andare avanti e indietro, stimolando le parti intime come meglio credevo.
E funzionò. Dal bavaglio di Valeria uscirono sempre di più sospiri non di dolore, ma di piacere, che aumentarono d'intensità quando cominciai a leccare con la lingua le tette, in particolare i capezzoli. Dopo il dolore che le avevo inflitto, il piacere che ora provava era più che benvenuto. Aumentai il ritmo e la stantuffai sempre più velocemente, stimolando la figa che cominciò a bagnarsi dei suoi umori. Una volta raggiunto il ritmo giusto, infilai dentro un secondo dito e continuai ad andare su e giù, con gran soddisfazione di Valeria. Dopo qualche minuto ne aggiunsi un altro e il suo piacere aumentò considerevolmente.
Con la mano libera, sganciai il laccio della ball-gag da dietro e le liberai la bocca, mentre continuavo a stantuffarla con tre dita contemporaneamente. Con la bocca libera, espresse tutto il suo piacere. - "Ohhh, ohhhh, sìììì! Mmmmhhh! Oh, oh, sì! Continua! Non ti fermare! Va così! Oh, sììì! Sto per venireee! Ohhhh, oohhhh, sìììì! Sì, si , siiiii!"
- "Non ti illudere troppo, pupa, che poi devi di nuovo darmi piacere!". - E la zittì baciandola in bocca, infilarndole dentro la lingua. Proprio in quel momento, venne. Fu un atto liberatorio lungo quanto piacevole, che mi fradiciò le dita, mentre noi due continuavamo a baciaci appassionatamente.

Alla fine, ci staccammo e, guardandoci in silenzio, sorridemmo entrambi. Per un istante era tornato il senso di complicità che ci aveva sempre unito fin da ragazzi. Ma quella volta era diverso. Eravamo diventati amanti, master e schiava, uniti da una sintonia sessuale stravolgente, che ci piaceva da matti.
Poi, l'espressione sul viso di Valeria cambiò e lei si fece tutta rossa. Temeva di essere uscita dal suo ruolo e di venire punita proprio per questo. - "Io... Mi scusi, padrone, ma è stato più forte di me. Non sono riuscita a..."
Dolcemente la zittì. - "Shhh! Non ti preoccupare! In fondo, ogni tanto, anche tu devi godere." - Le misi davanti le mie dita, sporche dei suoi umori, e le feci capire senza parole quello che volevo. Subito, lei si mise a leccarle e continuò finché non furono del tutto pulite. - "Ora, però, non ti dimenticare che devi comunque servirmi. Sei qui solo per darmi piacere. Perciò, adesso, tocca a me godere."

Tolsi la schiava dalle mie gambe e mi sistemai meglio sul divano. Aprì le gambe e subito il mio uccello svettò in mezzo duro come era. Poi ripresi Valeria per i fianchi e me la misi a cavalcioni sopra il pene. - "Ti avevo detto che ti avrei riempito, troia, e ora lo faccio!"
Lentamente, ma inesorabilmente, la feci scendere su di me, guardandola dritto negli occhi, finché non mi fermai. La punta del cazzo era oramai a contatto con le grandi labbra. Dissi: - "Che sia chiara una cosa. Se osi venire prima di me, non mi lascerai altra scelta che punirti un'altra volta duramente. Intesi?"
- "Sì, padrone", - mi rispose, sorridendomi. Del resto, era tutto il giorno che aspettava quel momento.
A questo punto, quindi, la presi per le spalle e cominciai a spingerla verso il basso, facendo entrare il pene dentro di lei. Sentì una sensazione dolce, piacevole: le pareti dell'orifizio non fecero alcuna resistenza, si adattarono invece alle mie dimensioni, avvolgendolo con un dolce calore. Lentamente la impalai, guidandola centimetro dopo centimetro, strappandole esclamazioni di piacere, finché non arrivai in fondo e ce lo infilai tutto, con lei che toccava le mie palle con la pelle. - "Ohhh, sììì! Che bello! Non sai quanto aspettasi questo momento! Ora ci divertiamo!"
E presala per i fianchi, cominciai a chiavarla, mandandola su e giù, riempiendola tutta.

Andò avanti per non so quanto tempo, essendo entrambi concentrati a godere. Prima lentamente, poi sempre più velocemente, scopai Valeria con tutta la mia energia. Ero al settimo cielo: l'amica che avevo sempre desiderato portare a letto era adesso mia, impalata sul mio uccello, ammanettata dietro la schiena. Intanto dalla sua figa uscivano gocce di piacere: era una violazione al mio ordine di non venire, ma feci finta di niente. Nel frattempo, avevo davanti agli occhi i suoi due meloni che ballavano sotto l'effetto delle mie spinte, mentre in volto esprimeva tutto il godimento per quella cavalcata.
- "Ohhhhh, sìììììì. Ancora, ancora, ancora! Fattemelo sentire dentro, fottetermi!"
- "Troia, non ti vergogni? Non hai proprio nessun pudore, ti fai schiattare come qualsiasi puttana di strada!"
- "Che mi importa del pudore, io voglio godere! Non vi fermate, ancora!"
- "Sei incorregibile, puttana. Dillo che sei una troia vogliosa di cazzo, dillo!"
- "Io, ohhhh! Sono una, una ... una troia, voglio- voglio-vogliosa di cazzo! Vi prego, non vi fermate, voglio godere!"
- "Eh, no, bella! Ti ho detto di venire quando lo decido io! E adesso, eccome se decido!"
Non ce la facevo più, stavo per esplodere. Così, rapidamente, sollevai Valeria da me e la tolsi dal mio cazzo, con suo sommo dispiacere. Ma non durò molto. La sdraiai sul divano, poi mi alzai, mi misi con il cazzo vicino alla sua bocca e le dissi. - "Adesso succhiamerlo. E, se proprio ci tieni, puoi anche venire." - Detto questo, le schiaffai il membro dentro la bocca, fin quasi a soffocarla. Ci vollero poche lappate e venni dentro di lei, scaricando tutto il mio nettare nella sua bocca. A questo fiotto, ne seguirono altri tre, altrettanti copiosi. E senza che la toccasi, anche Valeria si liberò, bagnando il divano di tutti i suoi umori.

Controllando l'ora sul cellulare, mi accorsi che erano le 17:30. La giornata non poteva andare meglio. Mi ero scopata la mia amica come una qualsiasi prostituta, ma non ero ancora soddisfatto. Avevo ancora molto altro in mente, e sarebbe stato fantastico. Per il momento, però, decisi di fare una pausa.
- "Senti, cagna, è stato bello, e sono sicuro che anche per te non è stato niente male. Adesso, però, sono sudato come un maiale e ho caldo. Perciò, ho deciso di godermi un pò la tua piscina. Nulla in contrario, vero? Non che tu abbia voce in capitolo. Ah, ah!"
- "No, padrone. Fate pure. Del resto, in una giornata cald...mmmmhhhhhh!" - Non le diedi tempo di finire che subito le ficcai in bocca la ball-gag, legandola stratta dietro la testa.
- "Ottimo! Ma ho paura che solo io potrò godermela. Tu starai qui ad aspettarmi. Non ti muovere, mi raccomando! Ah, ah, ah!". E subito le misi anche la benda sugli occhi, per toglierle ogni visone. Presi una corda robusta e le legai prima le gambe, poco sopra le ginocchia, e poi le caviglie, immobilizzandola completamente. Poi, per darci un tocco in più, presi quello che faceva proprio al caso mio. Un dildo in lattice, che riproduceva in tutto e per tutto un cazzo di dimensioni 15x10 cm, di color carne. Era davvero realistico. Forzando un poco le gambe della schiava, lo puntai sulla figa e, con un colpo solo, cominciai ad infilarlo dentro. Con sorpresa, ma anche piacere, Valeria. - "Questo è per non farti sentire la mia mancanza. Dobbiamo tenerti allenata, se vogliamo sfondare tutti quei buchi!"
Soddisfatto del mio lavoro, misi Valeria a sedere sul divano. Nuda, legata, imbavagliata e con un cazzo finto dentro di lei, avrebbe indotto chiunque a prenderla così come era. Ma io resistetti alla tentazione e, sordo ai suoi mugugni che mi pregavano di non abbandonarla, uscì nudo a farmi una bella nuotata.

Continua...

Questo racconto di è stato letto 6 1 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.