Da amica a schiava - Una colazione erotica

Scritto da , il 2020-09-24, genere dominazione

Durante la notte mi erano venute in mente un paio di idee per continuare i giochi con la cagna, e prima di scendere in cucina a fare colazione decisi di metterne in pratica subito un paio. Ordinai a Valeria di rimettersi in piedi, con le braccia conserte dietro la schiena, mentre tornai nella sua camera e ripresi le corde che erano avanzate dal giorno prima.
Lì trovai anche un altro bavaglio, a cui non avevo dato molta importanza il giorno prima. Come il primo, era composto da una pallina di gomma con un laccio che cingeva la testa, ma era nero invece che rosso e, differenza fondamentale, era fatto per simulare una fellattio. Infatti, usciva da ciò un piccolo cazzo di dimensioni modeste, circa 6 cm di diametro per 8 di lunghezza, da ficcare in bocca alla schiava per costringerla ad un simil-rapporto orale. E brava la porcellina, non si faceva proprio mancare niente! Per il nostro fine settimana aveva organizzato proprio le cose per bene. Con rammarico notai invece la mancanza di plug anali: forse perché fino alla sera precedente Valeria era refrattaria a perdere la verginità anale, o forse perché non essendo esperta non capiva la differenza con i dildi. In ogni caso, decisi di accontentarmi... per il momento.

Tornai in camera matrimoniale, dove Valeria era rimasta in posizione ad attendermi. Con lo sguardo notò con curiosità gli oggetti con cui tornavo, ma non chiese niente. Invece fui io a parlare.
- "Bene, troia, ora che hai preso la pillola, bisogna soltanto aspettare che faccia effetto, dopodiché potrò farcirti come un bignè con la mia crema! Ah, ah! Nel frattempo, ho in mente qualcosa che potresti fare. Per prima cosa, sganciammo il collare, che per il momento non ci serve." - Detto questo, glielo tolsi dal collo, facendolo cadere a terra. Valeria si massaggiò la pelle immediatamente sotto la testa, per togliersi di dosso la sensazione di fastidio che le procurava da 24 ore. - "Tranquilla, non hai segni evidenti che possano rimanere, se è questo che ti preoccupa. Comunque, non ti illudere, voglio legarti come un salame, perciò non ti tolto il guinzaglio per sfizio, ma perché è inutile per quello che ti voglio fare. E ora, rimetti le braccia dietro la schiena. Adesso!" - Ella obbedì senza fiatare. Riprese le manette, andai dietro di lei e le agganciai ai polsi. - "Ma, padrone, mi scusi. Adesso dobbiamo mangiare, ed io devo preparale la colazione. Come faccio a .... Ahia!" - Si interuppe in quanto le presi da dietro un capezzolo e con le dita glielo torsi, facendole un pò male.
- "Non capisci, cagna? IO farò colazione, adesso! Tu mangerai solo e se lo decido io! A prepararmi da mangiare ci penserò io, che tu avrai altro a cui pensare. Mi sono spiegato?"
- "Ahi! Sì, padrone. Mi scusi"
Lasciai la presa sul capezzolo e tornai a dedicarmi alle braccia di Valeria, che legai con una delle corde che avevo preso per immobilizzarle ancora di più. Soddisfatto del mio lavoro, passai alla fase successiva. Presi il più piccolo dei dildi che avevo usato la sera prima e lo puntai sul culo della schiava, da cui grondava ancora il mio sperma. - "Questo per tappare la perdita... Non vogliamo certo sporcare la casa ai tuoi più di quanto non stiamo già facendo, vero?" - le sussurrai all'orecchio. Appoggiai la punta sull'ano, mentre Valeria, capendo che opporsi sarebbe stato inutile, tirò un sospiro e disse: - "No, padrone, certo che no. Faccia come meglio lei creda." - Sentite queste parole, spinsi lentamente, facendolo entrare nelle sue viscere. Feci piano, in quanto aveva già subito due inculate selvagge in meno di 12 ore ed aveva già avuto quel buco tappato per tutta la notte, ma le provocò comunque fastidio. Ma notai con piacere che lo sfintere si era ormai allargato, perciò la penetrazione fu meno difficile di prima. Ma sopratutto, il dolore era quasi del tutto sparito e provò veramente piacere nella penetrazione. Alla fine, entrò tutto senza troppi sforzi. - "Adesso stringi, che non voglio che cada fuori, altrimenti te la faccio pagare. E ora, il tocco finale!"
Ripresi la ball-gag con il cazzo finto e la misi davanti agli occhi di Valeria. Non disse una parola e restò a guardare, ma di sicuro non poteva rimanere indifferente. - "Ho apprezzato molto le tue qualità di pompinara, ma se vuoi continuare ad esserlo dovrai tenerti allenata. Sta tranquilla, non ti farò morire di fame. Anzi, mi preoccupo che abbia sempre la bocca aperta! Ah, ah!"
Avvicinai la pallina alla bocca della schiava, con il cazzo finto rivolto verso l'interno, ma ella mostrò resistenza. D'accordo che mi aveva dato carta bianca affinché fosse una schiava per due giorni, ma trovavo che a volte fosse troppo vollubile. Se era una messinscena per rendere le cose più eccitanti o davvero aveva dei ripensamenti su alcuni punti, non saprei dirlo.
- "Su, coraggio, non fare la stupida vacca! Non abbiamo tempo da perdere! Fattello mettere e non rompere!"
Ma lei continuava a sottrarsi all'imbavagliamento. Così, decisi di provare qualcosa di diverso. Con la mano libera scesi sulla sua figa e presi tra due dita il clitoride. Se non collaborava, avrei deciso di rincorrere a mezzi più convincenti. Così, glielo strinsi con un gesto rapidissimo, facendola urlare. E subito ne approfittai.
- "Ahhhiiaaaaaaammmmmmmmhhhhmmmm!" - Non appena ebbe aperto la bocca, ficcai dentro la pallina, infilando il cazzetto fino in fondo. Poi, prima che potesse sputarlo fuori, legai la cinta dietro la testa, assicurandolo.
- "Oh! Visto? Inutile fare la capricciosa. Tu sei mia, e fai quello che voglio io, capito? E adesso, andiamo giù, che ho fame."

Le girai intorno e raccolsi altre corde e il secondo dildo, quello che avevo usato per la figa. Poi, con un gesto atletico, presi in braccio la schiava e me la caricai in spalla, con la testa e i suoi lunghi capelli che dondolavano sulla mia schiena. Una bella ragazza giovane, nuda, legata e con il culo trapanato da un sex toy, sulle mie spalle. Non per essere maschilista, ma era una scena che sembrava ripresa dal Ratto delle Sabine! Di buon umore, le assestai una pacca sul sedere. - "Questo sì che è quello che chiamo un bel carico! Se vuoi annussarmi il culo, troia, te lo concedo! Ah, ah!" - E detto questo, uscì dalla camera con la mia preziosa preda.

Non era certo un peso da poco quello che trasportavo, Valeria si era sempre tenuta in perfetta forma, ma questo non vuol dire che fosse un peso piuma. Comunque, essendo costantemente allenato, non fu neanche troppo difficile portarla giù in cucina. Erano ormai le 9:40 circa. Posai un attimo Valeria sul pavimento, sdraiandola su un fianco; presi allora una sedia e la spostai al centro della stanza, di fronte al tavolo, e sul piano d'appoggio misi quindi il dildo, assicurandomi che rimanesse in piedi a svettare. Per essere ancora più sicuro, cercai nei cassetti del nastro adesivo e quando lo trovai tagliai dei pezzi con le forbici, con i quali assicurai il cazzo di gomma affinché non si muovesse. Valeria seguì tutta la scena e capì sicuramente quello che avevo in mente. Comunque, mi voltai verso di lei e le spiegai tutto. - "La colazione è il pasto più importante della giornata, troia, e anche se difficilmente te lo meriti (anzi, penso che la mia sborra che hai bevuto sia abbastanza nutriente), voglio essere generoso. Adesso, ti metterai a sedere qui sopra e ti impallerai su questo totem. Dopodiché, andai su e giù da sola, e non smetterai finché non verrai. Quando avrai finito, potrai fare colazione; io starò a guardare e mi godrò la scena. Tutto chiaro? Guarda che non hai molte alternative..."
Con un cenno della testa Valeria rispose positivamente. - "Benissimo! Allora, cominciamo!"

Presi la schiava e lo portai alla sedia, girandola in modo che guardasse il tavolo, e quindi me. Tenendola in piedi, le feci allargare le gambe e la spostai in modo che la sua vagina fosse esattamente sopra la punta del cazzo. Presi le corde più piccole che avevo portato da sopra e con quelle legai i piedi alle gambe della sedia. Valeria si trovava così in una posizione scomoda, in piedi sopra un dildo che, minaccioso, l'avrebbe impalata per un suo gesto volontario.
- "Bene, adesso mi preparo la colazione, troia, mentre tu sai quello che devi fare. Spero che non ci sia bisogno di costringerti." - E con ciò mi diressi verso i fornelli a preparare il caffè. Valeria mugugnava, ma dalla sua bocca uscivano parole incomprensibili.

Misi su la caffetteria e preparai la tavola, tirando fuori latte, biscotti, fette biscottate e marmellata. Nel frattempo, Valeria esitava ancora a scendere sul cazzo, ma mentre i minuti passavano faceva sempre più fatica a mantenersi in quella posizione, con le gambe che le tremavano facendo ballare la sedia. Così, ad un certo punto, mentre il caffè usciva, si rassegnò e lentamente scese con tutto il corpo a sedersi. Piano piano, centimetro dopo centimetro, il bacino si avvicinò al dildo, il quale sfiorò le labbra, ma ad un tratto, per la fatica, i piedi le cedettero e lei cade con tutto il peso sul cazzo, che la penetrò per metà in un colpo solo.
Subito lei lanciò un grido acutissimo, smozzato dalla pallina, e gli occhi le si riempirono di lacrime per il dolore. Lì per lì fui quasi sul punto di accorrere ad aiutarla, ma poi mi fermai: se mi fossi dimostrato preoccupato per lei (anche se un pò lo ero davvero), non sarei più stato il padrone, ma sarei tornato un semplice amico/quasi fidanzato, e il gioco sarebbe finito. Invece lei stessa, nel biglietto che mi aveva lasciato, aveva espresso il desiderio di andare oltre ogni limite, di non farmi scrupoli a maltrattarla. Così, senza tradire alcuna emozione, non andai da lei. Anzi, mi versai il caffè e mi misi a tavola, per guardare comodamente seduto quello spettacolo. Avevo cominciato a spalmare la marmellata su una fetta che Valeria, passato il dolore, ricominciò a scendere lentamente con le sue gambe, finché non si infilò completamente il dildo dentro la figa, appoggiando il pube sul piano. Era davvero disposta a andare avanti, obbedendo ciecamente ad ogni mio ordine! Non potevo essere più orgoglioso (ed eccitato) della mia amica-schiava.

Per qualche istante rimase seduta immobile a prendere fiato, accogliendo il cazzone al suo interno, nonché quello che le riempiva ancora il culo, mentre io mangiavo. Poi, quando fu abbastanza sicura di sé stessa, salì di qualche centimetro sul giocattolo di silicone, poi si lasciò di nuovo a cadere fino in fondo. Poi ricominciò, prendendo a stantuffarsi da sola. - "E brava la mia puledra, così ti voglio. Forza, bestia, fammi vedere come è una vera cavalcata, riempiti come la troia assetata di sesso che sei. Yidaaah!"
Era uno spettacolo entusiasmante, con lei che progressivamente prese sempre più ritmo, andando su e giù sempre più velocemente, mentre le sue tette marmoree ballavano per la gioia dei miei occhi. Finito di mangiare, presi un tovagliolo di carta e mi feci una sega, sorridendo del potere che ormai esercitavo su una ragazza con la quale ero sempre stato come un fratello, che avevo già scopato in ogni buco e che in quello stesso momento si scopava da sola con un dildo di gomma, con un altro in culo, con grida di piacere strozzate da un bavaglio a forma di pene. Mi massaggiai il membro, i testicoli, la cappella lentamente, con gocce che facevano capolino sulla punta del grande, immaginandomi lì, seduto su quella sedia, con la mia schiava che mi cavalcava dandomi le spalle. Una goduria pazzesca!
Il tutto durò 20 minuti circa, e probabilmente Valeria fu incoraggiata a andare sempre più in fretta per i morsi della fame. Fatto sta che, eccitatissima, alla fine si liberò con un lungo sospiro, abbandonandosi sulla sedia che si sporcò dei suoi umori, mentre io feci lo stesso in quello stesso momento, sborrando sul tovagliolo. E chi ha detto che la masturbazione è un atto sessuale minore?

Sia io che la schiava ci abbandonammo seduti per riprenderci da quella prima fatica mattutina, ansimando e sudando, ma soddisfatti. Pulita la mano con un altro tovagliolo, mi rimisi in piedi e notai che il mio pene si era ammosciato, ma non del tutto, segno che voleva un nuovo round! Mi avvicinai alla sedia e guardai negli occhi Valeria, che con lo sguardo mi ringraziò per quella nuova emozione. La accarezzai in testa come si fa con un cane o un gatto, perché era quello che era in quei due giorni: una creatura che si sottometteva al sottoscritto. - "E brava la mia cagnolina" - mi complimentai, mentre le tolsi la penis-gag dalla bocca - "Sei capricciosa e difficile da domare, ma quando lo faccio ti mostri per quello che sei veramente: una vacca che ha scritta la puttanaggine nel DNA. Mi dovresti ringraziare per dedicarmi a te, non trovi?"
- "Sono perfettamente d'accordo, padrone. Sono proprio una puttana, la ringrazio di scoparmi e di farmi godere così! Ma adesso, se mi posso permettere, vorrei mettere qualcosa sotto i denti. Muoio di fame."
- "E lo farai, mia bella bestiolina! Naturalmente, come la cagna che sei, cioè nella tua ciottola e a quattro zampe. Ma sbrigarti, che è già tardi e voglio godermi questa domenica fino all'ultimo secondo. Intesi?"
- "Sissignore. Farò come dice lei. Ogni cosa pur di soddisfarla."

La liberai dalla sedia, slegandole piedi e braccia e togliendole le manette, e delicatamente la alzai dal dildo. Infine, sfilai anche il cazzo che aveva nel culo. La feci mettere a quattro zampe e presa la ciottola preparai la sua colazione. Rovesciai dentro biscotti e fette biscottate alla rinfusa, spezzai il tutto perché potesse essere più facilmente masticabile. Dopodiché, presi il latte dal frigo e lo versai nella scodella. Misi quella sbobba davanti a Valeria, che prima lo fissò con aria neutra, poi, senza lamentarsi, si chinò e cominciò a mangiare. Aveva capito benissimo la lezione del giorno prima, vietato lamentarsi del cibo.

Vedendola mangiare in quella posizione, ancora sporca di umori, non potei fare altro che eccitarmi e in ben che non si dica mi tornò duro come l'acciaio, quando nella scodella non restava che poco da mangiare. Mi tornò in mente della pillola anticoncezionale che l'avevo fatta assumere e mi accorsi che era passata già l'ora necessaria affinché facesse effetto. Ora, fino alle 10 di lunedì mattina, potevo stare tranquillo che non venisse ingravidata per sbaglio. Non resistetti, sarei stato un folle a non approfittarne.
Così, inginocchiandomi, mi missi dietro di lei e l'afferrai per i fianchi. La schiava sobbalzò, con la bocca ancora sporca di latte e di poltiglia si voltò, mentre mi posizionai e appoggiai il cazzo sulla figa. - "Ma padrone, non ho ancora finito. Aspetti che..."
La schiaffeggiai, costringendola a guardare di nuovo avanti a sé, mettendo così a tacere le sue proteste. - "Taci, troia! Non ho bisogno del tuo permesso per chiavarti! Del resto lo hai detto anche tu, poco fa: qualsiasi cosa, pur di compiacermi."
- "Sì, è vero. Però non intend..."
- "Niente "Ma". Se vuoi, continua pure a mangiare. Io comincio a scoparti, del resto sei già lubrificata. Non ti lamentare, altrimenti ti frusto a sangue, e poi ti faccio il culo a secco. Mi sono spiegato?"
La schiava ebbe un sussulto alla possibile punizione, così rispose umilmente: - "C-certo, mi scusi, padrone. Può farlo liberamente."
- "Ci puoi scommettere che lo faccio. Tu intanto finisci, che la giornata è ancora lunga."

Valeria fece come le avevo detto, chinò la testa e leccò i resti della colazione, mentre io, lentamente, mi avvicinai al buco e incontrando pochissima resistenza la penetrai come se fosse di burro. Ebbe un colpo dalla sorpresa, ma si riprese subito e continuò a leccare, finendo tutto e pulendo. Contemporaneamente, continuai a penetrare la figa, che bagnatissima di umori femminili fu facile da sforare, fino ad arrivare in fondo.
- "Uhmmmm.... La cavalcata ha avuto i suoi effetti, hai la topa larghissima! Sembri un lago. Sarà una passeggiata farcirti!" - Detto, fatto. Cominciai ad entrare ed uscire con il cazzo, ma senza toglierlo mai del tutto, con le pareti interne che si incollavano al mio cavallo e mi donavano calore, mentre l'umido dei liquidi seminali mi dava piacere. Era come passare un coltello bollente nel burro, talmente era aperta. Il trattamento del giorno precedente e quello del primo mattino aveva funzionato, potevo sentirla come se fosse parte di me, facendomi allo stesso tempo nelle sue viscere.
Prendemmo sempre più velocità, con io che la prendeva per i fianchi e la insultavo, e lei che spingeva all'indietro per favorirmi la penetrazione. Che scopamica fantastica!
- "Puttana! Vacca! Troia! Cagna! Ti piace, eh? L'idea di essere presa come un animale ti fa sbrodolare, lo sento! Sei incoreggibile! Ohhhh! Oh, oh, Siiiiiii!"
- "Siiiiiiii! Avete ragione, sono una vacca! Oohhhh! Come godo! Sìììììì! Vi prego, non vi fermate! Scopatemi, venitemi dentro, riempitemi tutta! Sìììììììììì. Sto per venire!"
- "Anch'io! Ohhhhh, Siiiiiiii! Vengooooooooooooooo!"
E all'unisono venimmo entrambi, esplodendo come fontane. Nel mio caso, venni copiosamente dentro di lei, riempiendole l'utero non con una, ma con ben quattro getti, uno più debole dell'altro, ma con sommo piacere d'entrambi. Alla fine, ci accasciammo entrambi l'uno sull'altra, mentre il cazzo mi tornava molle dentro di lei, abbandonandomi sulla sua schiena e accarezzando i lunghi capelli castani, tutti scompigliati e sudati per tutto quel sesso selvaggio.

Ripreso il fiato, mi sfilai da Valeria e subito sul pavimento colarono i nostri umori combinati, grondando abbondantemente dalla figa aperta. Mamma mia, che mattinata! Se il buongiorno si vede dal mattino, la giornata si preannunciava speciale.
Presi alcuni tovaglioli dal tavolo della cucina e con quelli pulì meglio che potei il pavimento. Sarebbe stata necessaria una pulizia con i fiocchi per tutta la casa quando avremmo finito, ma per il momento... meglio concentrarsi sul divertimento!
Spostandomi davanti a Valeria, le pulì la bocca dai resti di cibo che ancora le erano rimasti attaccati. Quando ebbi finito, le misi sotto il naso il cazzo sporco dei nostri umori. - "Io ti ho pulito la bocca, ora è giusto che mi restituisca il favore."
Senza farsi dire altro, si ficcò il pene in bocca e con la lingua lo pulì, fino a togliere ogni traccia. Poi lo tirai fuori: non era ancora il momento di un pompino. Avevo in mente altri progetti, come Valeria avrebbe presto scoperto... E che progetti!

Continua...

Questo racconto di è stato letto 4 6 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.