Da amica a schiava - La serata finale

Scritto da , il 2020-11-12, genere dominazione

Mentre Valeria nuotava beatamente nella piscina, cercai di riordinare le idee per concludere nel migliore dei modi il weekend. Mi dispiacque di non avere altri strumenti oltre a quelli che già c'erano, in quanto ciò limitava il divertimento. Erano stati due giorni fenomenali, in cui avevo finalmente realizzato di usare la mia migliore amica in un giocattolo sessuale sotto ogni punto di vista, e la voglia di scopare non mi era ancora passata del tutto.

Mentre pensavo a ciò, entrai in casa a prendere un asciugamano per Valeria. Dopo pochi minuti tornai fuori, proprio mentre lei usciva dall'acqua. Era una visione stupenda: completamente nuda, con i capelli bagnati che le si appicciccavano addosso, gocce d'acqua le scivolavano su tutto il corpo, scintillando alla luce del sole al tramonto. Già l'avevo ammirata in tutto il suo splendore e la sua vergogna a mostrarsi come mamma l'aveva fatta, se mai c'era stata, era ormai svanita del tutto. In modo nel più naturale possibile, si fece avanti verso di me e con un sorriso prese l'asciugamano che le porgevo.
- "Ahhh! Mi ci voleva proprio, ero sudatissima. Grazie, Carlo"
- "Di niente." - le risposi. Aveva ricominciato a darmi del tu, ma in quel momento non ci feci caso. L'avevo concesso un attimo di tregua e poteva starci che ancora per qualche minuto tornassimo ad essere ancora amici. Io stesso ero più rilassato e più ala mano. Ma ovviamente non potevamo fare finta di niente: dopo quel weekend le cose non potevano tornare più come prima, sarebbe stato impossibile ignorare quello che era successo. Così decisi che quello era il momento migliore per farci qualche confidenza.
- "I miei complimenti, ti sei organizzata proprio per bene per organizzarmi questa sorpresa. Dì la verità, ti sei sempre sentita attratta dal sadomaso?"
- "All'inizio no, se devo essere sincera con te. Ma mi pare di averterlo già detto una volta, avevo un ragazzo a cui piacevano queste cose. Non si è mai spinto oltre, sia chiaro, preferiva giochetti soft. Ma quando ci siamo lasciati mi è rimasta, non so, una sensazione di... insoddisfazione. Mi è venuta la curiosità di provare qualcosa di più, di vedere dove potevo spingermi. Avevo paura di affidarmi chissà a chi, però, e così..." - A queste parole, si imbarazzò un pò e chinò lo sguardo a terra, per non guardarmi.
- "E così ti sei rivolta a me. Ti sei ricordata di tutte quelle confessioni e allusioni che ti avevo fatto e hai voluto farlo con me. Ho indovinato'"
- "Oh, mamma, sì! Lo confesso, è proprio come dici tu!" - rispose sorridendo, ed entrambi scoppiamo a ridere.
- "Ben fatto, complimenti. Ti assicuro che ieri mattina eri proprio un bel pacco regalo, conciata in quel modo! Ma toglimi una curiosità. Se non fossi venuto, cosa sarebbe successo? Non hai pensato che potesse essere pericoloso? Eri sola in casa, legata in quel modo non avresti potuto liberarti e..."
- "Tranquillo, avevo pensato anche a questo. Ci avrebbe pensato Monica."
- "Ah sì? E come? In questi due giorni non mi pare che si sia fatta sentire. Come poteva sapere che avrebbe potuto servirti aiuto?"
- "Semplice, grazie al tuo coinquilino, Massimo."
- "Massimo? Ma... Come? Lui...?"
- "Oh, no! Non sapeva nulla, almeno non nei dettagli. Semplicemente, lui e Monica, ultimamente si stanno frequentando. Nulla di serio, almeno per il momento. Comunque, lei aveva lasciato detto che tu saresti stato fuori per tutto il weekend, ma non gli ha detto con chi. Suppongo che abbia inventato qualche scusa. A metà mattinata, sicuramente, gli ha telefonato per sapere se tu eri disponibile. Se avesse saputo che non venivi da me, o che eri rimasto a casa tua, allora ti avrebbe chiamato e ti avrebbe detto tutto, pregandoti di accorrere per aiutarmi. Ma così non è stato: sapevo che saresti venuto, se te lo avessi chiesto."
- "Ma tu pensa" - feci perplesso. Non avevo idea che Massimo e la sorella di Valeria si frequentassero. Era stato tutto organizzato fin nei minimi dettagli, quelle due avevano pensato proprio a tutto, anche ad eventuali misure di sicurezza. Quella Monica doveva proprio essere una sporcacciona, non l'avevo mai conosciuta sotto questo punto di vista. Quasi, quasi...

- "Ahia! Certo che non ci sei andato leggero. Ho tutto il culo che brucia!" - Valeria lanciò l'asciugamano sulla sdraio e si massaggiò con una mano il deretano.
- "Ma scusa", - risposi con finto fare innocente- "nel biglietto avevi detto che potevo farti quello che volevo, e così ho fatto! Del resto, non mi pare che ti sia poi dispiaciuto più di tanto. La verità, cara mia, è che cercavi qualcuno che ti sverginasse lì dietro."
- "Sì, ma credevo che ci andassi un pò più delicato nell'infilarmelo. Ahi! Per qualche settimana avrò problemi a sedermi. E guarda un pò qua, che casino che abbiamo fatto!" - Si girò intorno, guardando agli accessori da cagna che le avevo applicato addosso. Voltandomi, mi diede le spalle, mostrandomi di nuovo il suo lato B. A quella visione, ebbi di nuovo un principio d'erezione. A questo punto, mi ricordai che si era parlato di tregua, ma non di fine dei giochi. Non si era ancora arrivati alla fine del divertimento.
- "Uffa! Mi dovrà toccare di sistemare l'intera casa, da cima a fondo!" - Si chinò per raccogliere le orecchie da cane da terra, sporgendo ancora di più il culo. - "Certo che si siamo proprio divertit..."
Mentre diceva questo, non resistetti. Fu una questione di un attimo. Mi piombai su Valeria alle spalle e in men che non si dica le presi le braccia e le immobilizzai dietro la schiena.
- "Ehi! Ma cosa fai?"- chiese con sorpresa sincera. In tutta risposta, senza lasciarle le mani, le mollai uno schiaffo sulla patatina. - "Ahia! Ma..."
- "Stttt! Zitta! Che succede? Mi pare di averterlo detto, prima. Non ti ricordi? Ti ho dato il permesso di prenderti una pausa, perché te la sei meritata, ma non si è mai parlato di fine dei giochi."
Valeria rimase per pochi secondi in silenzio, come se davvero non se lo ricordasse. Ma poi, evidentemente, glielo tornò in mente. Ero sicuro che stesse fingendo, ma sapeva davvero dare credibilità alle sue azioni. Mi rispose con un tono scherzoso, a metà strada tra il sorpreso e il sensuale. - "Ah, sì! Certo! Scusa, hai ragione. Si era detto..." - Non la lascia finire, perchè le mollai una forte manata sul culo. Era tempo di tornare ad essere duri.
- "Stupida puttana, chi ti ha detto di darmi del tu. Sono il tuo padrone, e decido io come mi devi rivolgere. Capito?"
- "S-sì, certo... Mi scusi,... Padrone. Non ricapiterà!"
- "Così va meglio. Tornando a noi, hai promesso di essere la mia schiava sessuale fino a questa sera, e così sarà. Ed ora, dimmi, puttana. I tuoi genitori, non è strano che non ti abbiano chiamato, per veder come stai?"
- "No, padrone. Loro si fidano di me ciecamente. E poi avevano avvertito che andavano in un posto dove il segnale dei cellulari non prende, quindi non ci saremmo sentiti tutti i giorni. Ma mi hanno assicurato che si sarebbero fatti sentire, domani o dopodomani al massimo. Perchè me lo chiede?"
- "Perché, mia cara sgualdrinella, non avranno nulla da ridire se in loro assenza sfondiamo il loro letto. Non trovi? E ora" - le lasciai andare le braccia - "a quattro zampe. Subito!"

La mia amica era di nuovo sparita per me, al suo posto era ricomparsa la schiava. La ragazza che conoscevo da anni era diventata in tutto e per tutto il mio nuovo giocattolo sessuale, ed io avevo tutte le intenzioni di sfruttarla al massimo. Era stata lei ad entrare nella parte di sua spontanea volontà, ed ora doveva recitarla fino in fondo. Senza protestare, mi ubbidì al volo, mettendosi a quattro zampe in attesa di nuovi ordini. Forse si aspettava che volessi di nuovo bardarla da cane, ma avevo altri progetti in mente.
Presi in guinzaglio e la ball gag da dove li avevo lasciati e le rimisi addosso, senza che protestasse. Ogni residuo di resistenza era scomparso, era diventata una bambola docile ed ubbidiente. Presi il guinzaglio e le feci capire che doveva seguirmi dentro casa per il gran finale. Nell'altra mano tenevo il vibratore a forma d'uovo con relativo telecomando. Lasciai fuori tutto il resto, ci avrebbe pensato lei a mettere a posto l'indomani.
Rientrati in salotto, ci fermammo un'istante e raccolsi le manette e la benda. Valeria non si lasciò sfuggire niente di tutto quello che succedeva, ma non osò fiatare niente.
Risalimmo le scale, con lei sempre dietro di me e a quattro zampe. Non ebbe le stesse difficoltà riscontrate sabato, ormai si era abituata a muoversi a quattro zampe e non mostrava segno di lamentarsi per il dolore alle ginocchia. - "Brava la mia cagnolina! Ti muovi benissimo, quasi quasi mi dispiace che sappia camminare. Se dipendesse da me, ti lascerei in questa posizione per tutta la vita. Ah, ah! Ma tranquilla, tra poco non potrai muoverti proprio per niente."

Entrammo nella camera dei genitori di Valeria. Il letto matrimoniale era largo e spazioso e si prestava meglio alle nostre attività sessuali.
- "Su, Fuffy, salta sopra! Hop, hop!" - In realtà, Valeria non saltò, ma si arrampicò sul materasso e si mise sopra in ginocchio, a quattro zampe, e mi guardò in attesa di nuove istruzioni, con la bocca riempita dalla pallina. Che bocconcino succulento!
- "Bravissima, Fuffy! Adesso ti prepariamo come si deve." - E mi misi subito all'opera.
Per prima cosa bendai la cagna, privandola della vista. Dopodiché, la feci stendere sul materasso, a pancia in giù e con le braccia distese lungo i fianchi. Ma non ci rimassero a lungo, perchè presi le manette e con quelle immobilizzai le mani dietro la schiena della schiava. Poi, dato che la tastiera del letto era di ferro battuto, legai la corda del guinzaglio all'estremità superiore, assicurandomi che fosse abbastanza lunga da non strozzarla. Ma non era sufficiente.
- "Aspettami qui, torno subito." - feci con tono scherzoso, e uscì dalla stanza, mentre Valeria, o a meglio dire Fuffy, protestò debolmente con la pallina che la imbavagliava. Tornai subito con delle corde, che mi servivano a completare il lavoro. Presi il vibratore che già avevo sperimentato con successo in piscina e lo puntai alla passera della schiava, Lei sentì la superficie di plastica toccarle la pelle e, capito cosa stava per succedere, allargò le gambe e non oppose alcuna resistenza. Non poteva che farmi piacere! Con un colpo leggero, ma deciso, glielo infilai nella vagina, scendendo in fondo con la mano. Lei sentì il mio tocco e si sciolse come il burro. In fondo, non le andava così male, ad avere un vibratore in corpo.
Infine, il tocco finale. Preso un tratto di corda, le legai i piedi unendoli all'altezza delle caviglie. Poi le piegai le gambe e, tagliato un altro pezzo di corda, le unì alle manette. Mi fermai un attimo ad ammirare il mio lavoro: in quella posizione oscena, con una pallina in bocca e le gambe legate alle braccia, sembrava proprio un maiale con tanto di mela! In fondo, quello era il mio dopocena.
- "Bene, bene, cagna. Tu aspettarmi qui, cagna, che io vado a mangiare un boccone. Mi dispiace, ma a te toccherà saltare la cena. Ogni tanto un pò di digiuno ti farà bene: ci penso alla tua linea. Ah, ah!"
A queste parole Valeria si agitò: non poteva crederci che la abbandonarsi così, senza cena. Dopo lo scherzetto che le avevo combinato la mattina sapeva che non poteva essere nulla di buono. Protestò energicamente, ma dalla sua bocca uscivano solo mugugni incomprensibili. Tanto era inutile, non avrei cambiato idea.
- "Tranquilla, in attesa che torno non te ne starai con le mani in mano. Ecco un bel modo di passare il tempo." - Ripreso il telecomando, feci ripartire il vibratore, impostandolo su una velocità media. Valeria fu subito sconquassata dalle vibrazioni, impossibilitata a muoversi più di tanto. Finché non fossi tornato, avrebbe dovuto sopportare quella dolce tortura. E allora ci sarebbe stato il gran finale con il sottoscritto! Con questi pensieri, uscì chiudendo la porta.

Mi preparai un panino e sedendomi nudo sul divano guardai un pò la televisione. Avevo l'intenzione di lasciar cuocere a fuoco lento la mia amica/schiava, per accrescere ancora di più l'attesa per il finale della serata. Ogni tanto la sentivo gemere dal salotto, dove i suoi mugugni arrivavano attutiti. Me la immaginavo, legata come un salame, che veniva ripetutamente per l'ovetto, contorcersi sul letto (al proposito, speravo che non cadesse dal materasso o si agitasse troppo, per non strozzarsi), pronta ad offrirsi ame senza che potesse in alcun modo opporsi. Ciò mi indurì il pene e due o tre volte, avvalendomi di fazzolettini di carta, mi segai e venni.

Alle 21 spensi il televisore e risalì al piano di sopra: era giunto il momento della scopata finale, quella che avrebbe sigillato quel fine settimana così surreale, ma ricco di erotismo ed emozioni.
Trovai Valeria esattamente dove l'avevo lasciata. Era sudata e dalla pallina emetteva respiri affannosi, di stanchezza ma anche di piacere, mugugnando faticosamente. Sotto di lei il letto era completamente sfatto per quanto si era mossa e dalla macchia che si vedeva era facile capire che era venuta molte volte. Di certo non poteva lamentarsi che non si eccitasse! Presi il telecomando in mano e spensi il vibratore, concendendole un attimo di tregua. La schiava smise di contorcersi e capì che ero entrato nella camera da letto. Con fare interrogativo girò la testa da una parte all'altra della stanza, dato che non poteva vedere niente con la benda.
- "Eccomi qua, vacca. Ti sono mancato? Beh, a sentirti direi che il mio giocattolino ti ha tenuto perfettamente compagnia! Ma adesso ci sono io, a scoparti come si deve. Sono sicuro che non vedevi l'ora." - Avvicinatomi al letto, slegai le gambe e le riportai giù, con sollievo della schiava, e le tolsi definitivamente il guinzaglio e il collare, lasciandole le manette, la ball gag e la benda. Appoggiai la mano sulla schiena e l'accarezzai. Toccare quella pelle, liscia e sudata, rendeva tutto ciò più reale di quanto non fosse già. Per 36 ore avevo disposto di quel corpo statuario come più mi piaceva, riempiendo ogni orifizio di sperma con grande piacere di entrambi. Ma adesso, con il tempo a mia disposizione che era agli sgoccioli, godere di quei ultimi momenti lo rendeva ancora più sensuale, più emozionante. Scendendo con la mano, percorsi tutta la schiena, fino ad arrivare al solco delle chiappe. Con un dito ripassai lo spazio ed infine mi fermai sull'ano. Per un istante mi soffermai con la punta sull'ingresso di quel buchino che per primo avevo sverginato. Poi, spingendo lentamente, entrai dentro. Ormai, tra il mio pene e i plug, si era ben allargato, ma era sempre dolce muoversi dentro quel buco burroso, caldo, che ti avvolgeva e che ti accoglieva. Anche Valeria si era abituata: non provava più dolore, al contrario aveva scoperto il sesso anale e non ne poteva più fare a meno. Affondai il dito su e giù, girandolo dentro, e nel frattempo lei si scioglieva come burro, sospirando da dietro la pallina per quello di cui non poteva più farne a meno.
- "Ti piace, eh? E pensare che solo fino a ieri non volevi che mi ci avvicinarsi neanche. Adesso, invece, sei una puttana da inculata, scommetto che da ora in poi mi pregerai in ginocchio per fartelo sempre più largo. Alla fine, ti servirà un tappo per chiuderlo, ogni volta che cagerai. Ah, ah!" - Esageravo, ma era vero che non si opponeva più.

Tolsi il dito all'improvviso, senza alcun preavviso. Lei se ne accorse, e non ne fu molto contenta. Dopo aver interrotto la vibrazione dell'uovo, era in calore. Almeno, era quello che mi sembrava di capire da quelli che assomigliavano a mugugni di protesta. Ne ebbi conferma quando gli tolsi il bavaglio.
- "No! Vi prego, padrone, non smettete!"
- "Smettere cosa?"
- "Di, di... di fottermi."
- "Senti, senti. Allora ti piace! Ma dimmi, dove vuoi che te lo metta?
- "Dentro... l'ano."
- "Come, scusa?" - E le mollai un ceffone sulle chiappe - "Non ho sentito. Dove?"
- "Nel... culo, signore."
- "Non ho sentito. Come hai detto?"
- "Io... La prego, padrone, mi scopi...lì!"
- "Scoparti? E dove?"- Mi divertivo troppo a fare il finto tonto, solo per esasperarla.
- "Vi prego, padrone. Mi scopi nel culo, vi supplico!" - Disse proprio queste parole, quasi urlando! Che lavoro avevo fatto!
- " E va bene, se insisti. Per celebrare la tua troiaggine e in ricordo di questo weekend da cagna schifosa succhiacazzi, ti farò il culo fino a farciterlo. Contenta?"
- "G-grazie, ... padrone. Ne sono molto onorata!"

Salì sul letto, mettendomi dietro di lei, mi chinai con la testa e sputai sul buchino, per insalivarlo un po’ e rendere la penetrazione meno dolorosa. Notai che i muscoli dell'ano si contraevano e si contorcevano, quasi avessero vita propria. La schiava non poteva vedere quello che stava succedendo, ma era in attesa dell'atto sessuale, in trepidazione di essere di nuova piena.
Mi venne allora un'idea. Ripresi il telecomando del vibratore, sperando che le batterie non si fossero scaricate per tutto quell'uso prolungato, e lo attivai. Valeria sentì immediatamente la vibrazione che la percuoteva di nuovo.
- "Per rendere le cose più piccanti, mi è parso che fosse una buona idea rimettere in funzione il nostro giocattolino. In questo modo, ti sembrerà di avere due cazzi che ti fottono invece di uno solo."
- "Ooohhhh, sì! Che bella idea! Grazie, signore!"
- "Non mi devi ringraziare, tutto quello che faccio è per il mio piacere. E adesso" - mi posizionai e puntai il cazzo sul buchetto posteriore - "rilassati." - E detto questo, spinsi tutto dentro con un solo colpo di reni. Riuscì a far entrare metà del pene, con la ragazza che non si oppose minimamente. Anzi, oltre al vibratore, si era abituata anche a quello!
- "Mmmhhh! Oh, che bello! Ahhh! OOhhhh! Vi prego, non vi fermate. Fottetemi!"
- "Come vuoi, bella pulendrina!" - FEci uscire un pò il mio membro, facendo rimanere solo la punta, e con un nuovo colpo di reni riaffondai, riuscendo a farcelo entrare tutto. Non mi sarei mai stancato di quel culo!
- "Ohhhh, sìììì! Come godo! Vi prego, non vi fermate! Ohhhhh! Mmmmmhhhh! Ahhhhh!"
E non mi fermai. Dopo un attimo di pausa, presi a stantuffarla avanti e indietro, prima lentamente, poi sempre più veloce, tenendola per i fianchi. Nello stesso istante, l'ovetto continuava a vibrare dentro la sua figa, facendola tremare come un budino sotto quella doppia penetrazione. Inutile dire che lei provava piacere a più non posso.
- "Ohhhh, sììììì! Che, che sensazione! Ohhhh! Ch-che... stupida a... a... a non cedere... pri-prima... il culo! Ohhhh! Oh, sì, come godo!"
- "Puttana, sgualdrina di una cagna! Ti ho fottuto in tutte le posizioni, ti ho trattato come l'animale che sei, e ancora non ne hai abbastanza? Sei davvero una troia!"
- "Sìììì. Avete ragione, sono una troia! Ma, vi prego...Ohhhh! N-n-non... vi ... fermate!"
- "E chi si ferma? Ti devo riempire di sperma come un bignè! E visto che ti piace, acceleriamo un pò le cose!" - Ripresi il telecomando e impostai la velocità massima del vibratore. Di fronte a quel sconquasso, la mia amica non poteva che essere contenta; dalla sua figa sgocciolavano umori a iosa!
- "Ooohhhh, sììììì! Pa-pa-padrone! Sto.. sto per venire!"
- " E vieni! Ohhhhh! Te lo concedo! Ohhhh, sìììì. Adesso vengo! Ohhhh, preparati! Sì! Sì! Sìiiiiiiii!"
E nello stesso momento esplodemmo entrambi sonoramente: io mi scaricai nel culo di Valeria, con tre, quattro, cinque getti potenti e lunghi; lei eruttando umori dalla figa come un vulcano in eruzione, finendo con l'inzuppare ancora di più le coperte sotto di noi. Non c'era nulla da fare, insieme eravamo una bomba atomica del sesso!

Sudato ed ansimante, mi fermai a riprendere fiato, ma rimanendo con il cazzo dentro di lei, e con un solo gesto spensi il vibratore telecomandato. Valeria, alla pecorina, affondò la faccia sui cuscini, riprendendo fiato ed ansimando come se avesse corso la maratona. E, sotto un certo punto di vista, era vero.
Potevo dirmi soddisfatto di tutto quello che avevo fatto in quei due giorni, di cosa avevamo passato insieme. Ma non potevo dirmi ancora del tutto soddisfatto, volevo un rapporto sessuale completo per concludere la serata. Così, allungando una mano, raggiunsi la passera di Valeria e, chiudendola a pugno, la infilai per un bel pezzo dentro. Lei lo sentì e si riprese immediatamente, ma mi lasciò fare. Probabilmente pensava che volessi giocare con le mani. Invece, presi il vibratore e facendo attenzione a non causare danni in quella parte delicata, lo tirai fuori. Dopodiché, incurante, lo gettai sul pavimento della stanza. Sfilai il cazzo dal culo e mi rimisi in piedi. Basta sesso anale, adesso volevo dedicarmi agli altri due buchi.

- "Padrone, che succede? Che cosa vuole fare adesso?"
- "Tranquilla, troia. Riprendiamo subito. Ma prima mi devi fare un favore." - Mi distesi sul letto accanto a lei, ma girato, con i piedi appoggiati sulla testiera. In questo modo, lei aveva il pene moscio davanti alla bocca ed io mi ritrovavo davanti la passera bagnata. Da lì, potevo vedere anche il mio stesso sperma che usciva dall'ano e si riversava sul materasso e sulle gambe. La girai mettendola di fianco.
- "Prima che ricominciamo, mi devi ripulire il cazzo e farmelo ritornare duro. Sono sicuro che sai cosa fare, hai tutto da guadagnarci! Nel frattempo, mi dedicherò a questo bel monte di Venere."
- "D'accordo, mio signore. Farò come dice lei, stia... Ahhhh!" - Non la lasciai finire la frase, perché col la lingua avevo già cominciato a ripulirla dai suoi stessi umori. Il sapore era amarognolo, come di mandorle, ma per me era la cosa più dolce del mondo.
- "Brava, hai capito. Allora vedi di sbrigarti, il mio totem ti aspetta."
- "Certo, padrone. Subito!" - Aprì la bocca e, pur essendo bendata, le fu facile trovare il pene e infilarselo dentro.

Andammo avanti in quel 69 per qualche minuto. Mentre io mi dedicavo alla sua passera, passando con la lingua tutt'intorno e sul clitoride, lei mi leccò avidamente il cazzo, ripulendolo da tutti i miei umori, incurante del cattivo odore che poteva emanare. Ci procurammo piacere reciprocamente, succhiando e leccando l'uno i succhi dell'altra. Così facendo, ci sciogliemmo e ci riscaldammo in vista dell'atto finale. In men che non si dica, il membro mi tornò di nuovo duro grazie al lavoro magistrale di bocca di Valeria, che nel frattempo non smetteva di mugugnare per il sollievo che le davo. Ma non sarebbe durato molto.
Quando ritenni che fosse abbastanza, e prima che potessi venire grazie al pompino, mi staccai dalla schiava, togliendo il pene dalla sua bocca e staccandomi dalla passera. Prima che potesse dire qualcosa, mi girai sul letto e mi misi nella giusta posizione, rimanendo al suo fianco.
- "Sei stata brava, cagna. Ma adesso sono un pò stanco, ed immagino che lo sia anche tu. Per concludere in bellezza, ti concederò l'onore di dedicarmi al tuo buco principale, quello anteriore. Ma ad una condizione: sarai tu ad impalarti su di me ed a muoverti su e giù. Sono stato chiaro?"
- "Sì, padrone. Non c'è problema. Non la deluderò."
- "Benissimo, non avevo dubbi. Del resto, sei una troia nata." - Le tolsi la benda dagli occhi, in modo che mi potesse vedere ed avesse il compito facilitato. Nei suoi occhi verdi brillava una luce stupenda, di fascino sensuale, e ci leggevo dentro tutta la voglia di voler finire come si deve.

L'aiutai a sollevarsi un poco sul materasso, spalancò le gambe e si mise a cavalcioni del sottoscritto, sospesa a mezz'aria sopra il cazzo. Mi guardò dritto negli occhi e mi sorrise: dopo quello che le avevo fatto passare, quella era la cosa più normale che potesse mai subire. Già quella mattina si era scopata da sola con le proprie forze, ma questa volta trovava un vero pene di carne al posto di un pezzo di plastica. La situazione era molto simile, ma, allo stesso tempo, completamente diversa.
- "Lo so che non puoi usare le mani, ma se ti impegni non sarà difficile, vedrai. Spero che non ti dispiaccia se non ti aiuto."
- "Non si preoccupi, padrone. Non la deluderò" - mi rispose con aria da finta innocente, e sorridendomi. Senza che le dicessi niente, cominciò a calarsi lentamente su di me, facendo attenzione a non mancare il mio cazzo. Vederla scendere lentamente, di sua spontanea volontà (o quasi!), senza aiutarsi con le mani, mi faceva salire la libidine. Tutto quello che avevo sempre sognato si era avverato, avevo scopato la mia migliore amica e ne avevo fatta la mia schiava, eppure non sembrava affatto rancore o rabbia per i trattamenti pesanti. Si era calata perfettamente nella parte ed ancora si concedeva liberamente a me. Questo è uno dei motivi per cui, sesso a parte, io e Valeria siamo sempre andati d'accordo.

Finalmente, toccò la punta del pene e, senza aspettare altro, cominciò a scendere impalandosi da sola. Trovavo quasi incredibile che avesse ancora energie sufficienti per fare ciò, ma suppongo che non dovessi più stupirmi di nulla, dopo aver sperimentato con piacere le doti sessuali di Valeria. Centimetro dopo centimetro, proseguì nella sua discesa, prendendo sempre di più il mio cavallo, finché, finalmente, arrivò fino in fondo. Ce l'aveva fatta, era riuscita a farsi penetrare da sola! Adesso, ferma lì, riprendeva fiato, con le tette che si muovevano assecondando il ritmo del suo respiro affannato. Non mi potevo lamentare.
- "Bravissima! Non avevo dubbi. Quando ti impegni puoi fare qualsiasi cosa. Si vede che sei una porca di professione." - Mi rialzai con la testa e prendendola di sorpresa la bacia in bocca. Non si oppose affatto alla mia iniziativa e per qualche istante le nostre lingue si incrociarono tra di loro. Poi mi staccai e le ordinai un pò bruscamente: - "Su, forza, non perdere tempo. Muoviti!"
- "Sì, padrone! Non la deluderò!" - mi disse sorridendo. E senza perdere tempo cominciò a muoversi.

Andammo così per non so quanto, con lei che saliva e scendeva senza alcun aiuto da parte mia. Dapprima lentamente, prese sempre più ritmo, fino a che quella scopata non cominciò a sembrare sempre di più ad una cavalcata. Non trovasse ancora energia dopo quella giornata non lo sapevo, ma di sicuro non aveva perso la voglia di sesso. Muovendosi a ritmo, sembrava un'indemoniata, con lo sguardo perso nel vuoto e con i sospiri che si susseguivano uno dietro l'altro. Nel vederla così, e nel sentirla muoversi intorno al mio pene, mi salì la voglia e ad un certo punto non ce la feci più. Allungai le mani e la presi per i fianchi e fiodandomi con la bocca mi avventai sul suo seno, leccandolo.
- "Mmmmhhhh, che buone! Dolci e soffici come piacciono a me! Se le strizzassi, scommetto che uscirebbe il latte come alle mucche. Perché è questo che sei, no? Una vacca!"
- "Ohhhh, sìììì, è vero! Ha ragione, ... padrone. Ahhh! Sono una vacca! Ma v-vvi prego! Ohhhh! N-n-non vi .... Ahhh! Non vi fermate!" - Come potevo dire di no ad una richiesta simile? Persi la testa e leccai sempre più avidamente quei due meloni, prendendoli in bocca e mordicchiando anche i capezzoli ormai duri. Alla fine, la presi per i fianchi e l'aiutai a montare il mio cavallo, ma non importava. Eravamo solamente preoccupati di raggiungere al più presto l'orgasmo.
Orgasmo che, alla fine, arrivò. Senza smettere di andare avanti, Valeria pronunciò frasi sempre più sconnesse e sentivo i suoi umori che mi scendevano addosso. Era ormai sul punto d'esplodere, ed anche a me non mancava molto.
- "Ppp-pa-pa-padrone, non... n-non ce la faccio più! S-s-sto per venire! Ohhhh, sììììì!"
- "Non ti fermare, troia! Vieni, vieni pure! Che adesso ti farcisco! Ohhhh, sììììììììì! Venggooooooooooooo!"
E senza che potessimo farci niente, venimmo contemporaneamente. Schizzai all'interno di Valeria un fiotto lunghissimo, che sembrava interminabile, un fiume in piena che rompeva gli argini e l'allargava. Nello stesso tempo, i suoi umori femminili prorompevano da tutte le parti, con il mio pene che faceva da argine. Dopo quel primo getto, ce ne fu un altro, poi un terzo, infine un quarto, di tale forza che non avevo dubbi che ormai l'utero fosse pieno fino al colmo. Fortuna che aveva preso la pillola!
Valeria rimase per tutto il tempo al suo posto, quasi immobile, in piena estasi, a riversare i suoi succhi su di me. Infine, quando ebbe terminato, cadde in avanti, finendomi addosso. Fortunatamente, non batte la testa sulla testiera di ferro.

Passarono un paio di minuti, senza che nessuno di noi si muovesse. Pensai velocemente a tutto quello che ci era capitato in quei due giorni. Facevo quasi fatica a credere che fosse successo veramente, ma era così. Ero stato il master indiscusso di Valeria ed avevo avuto carta bianca di fare tutto quello che mi passava per la testa. Un'esperienza che non dimenticherò mai.
- "Uao! Certo che abbiamo fatto il botto, eh? Se avessi saputo prima che avevi una tale indole... Dico bene?"
Non ricevetti risposta. E ciò lo trovai strano. - "Valeria? Mi hai sentito? Hai capito cosa ho detto? Oh!" - La presi per la testa e controllai che stesse bene. Fu allora che mi accorsi che era svenuta. Aveva gli occhi chiusi e respirava seguendo un ritmo regolare. Volevo scuoterla, ma capì che non sarebbe servito. Era evidente che la stanchezza, alla fine aveva avuto la meglio su di lei e si era abbandonata nelle braccia di Morfeo.
Anch'io mi sentì stanco. Era stato un lungo weekend. Guardai la sveglia sul comodino e mi accorsi che erano le 22:45. Il giorno dopo dovevo tornare al lavoro e mi sentivo distrutto. Non potevo certo presentarmi in ufficio come uno straccio, avevo bisogno di riposo.
Capì allora che era giunto il momento di farla finita. Il weekend da slave di Valeria era finito, dovevo togliere le tende. Lentamente, senza svegliarla, mi sfilai da lei e scesi dal letto. Ripresi le chiavi delle manette e le liberai le mani. Mi fermai un attimo ad ammirarla, e per un attimo quasi mi vergognai di essere andato giù pesante con lei, anche se alla fine era solo un gioco. Con questi pensieri uscì dalla stanza.

Mi feci una doccia ristoratrice nel bagno padronale. Una volta asciugatomi, mi aggirai per la casa a raccogliere le mie cose e mi rivestì. Salì un'ultima volta a controllare Valeria. Dormiva profondamente e non si era mossa dalla posizione in cui l'avevo lasciata. Non potevo andarmene così, ma non avevo altra scelta. Così, mi recai nella sua stanza, presi carta e penna e tornai. Scrissi un biglietto, che diceva così:

" Grazie per questo fine settimana così speciale, Vale. Sei stata grande! Rimettiti.
Ci sentiamo presto.
Baci, Carlo."

Lasciai il biglietto, piegato a metà, dove lo potesse trovare. In un attimo di tenerezza, l'accarezzai sui capelli e la baciai su una guancia. Era di nuovo Valeria, la mia amica, complice di molte marachelle e confidente in altre. Sperai che stesse facendo sogni d'oro, in quel momento. Sorridendo a ciò, la lasciai dormire beatamente. Uscì da quella casa, risalì sulla mia auto e me ne andai.

Questo racconto di è stato letto 4 7 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.