Da amica a schiava - Un sabato sera da urlo

Scritto da , il 2020-09-12, genere dominazione

Nuotai nella piscina per mezz'ora, poi mi missi sulla sdraio per asciugarmi. Fu una sensazione piacevole, dopo le fatiche della giornata ebbi un attimo di relax e potei rinfrescarmi dal sudore. Nel frattempo, l'idea che Valeria, invece, fosse legata ed immobilizzata dentro casa, con un dildo dentro la figa, mi eccitava non poco, tanto che mi tornò duro.

Rientrai in casa che erano forse le 19. Trovai la schiava esattamente dove l'avevo lasciata, con l'unica differenza che da seduta si era messa sdraiata sul divano, a pancia in giù. In questo modo offriva a me che entravo la vista del suo sedere, che appariva più sodo che mai. Le tette erano invece schiacciate sui cuscini sotto di lei e dalla bocca spalancata dalla pallina colava saliva che bagnava il divano. Sembrava proprio un maiale con tanto di mela in bocca. A quella vista l'eccitazione tornò a salirmi e il pene si rizzò all'istante. Era stata una giornata speciale, piena d'emozioni per entrambi, ma non era ancora sufficiente. In testa mi ronzavano un paio d'idee per concludere in modo degno quel sabato, e per il giorno successivo mi ero prefissato l'obiettivo di passare ad emozioni ancora più forti. Erano anni che aspettavo quell'occasione e sarei stato un idiota a non sfruttarla in pieno, sopratutto se avevo il consenso della schiava.

Facendomi avanti, feci rumore per far capire a Valeria che ero tornato, e infatti voltò la testa in mia direzione, ma con la benda sugli occhi non poteva vedermi. Chinatomi di fronte al divano diedi una lieve manata al culo.
- "Eccomi qua, puttanella! Ti sono mancato? Scusa per averti lasciata sola, ma l'acqua della piscina era davvero stupenda. Comunque, non mi pare che ti sei annoiata."
Con la mano testai la sua figa. Il dildo era uscito un pò, ma si trattava solo di pochi centimetri. La maggior parte era ancora dentro di lei, riempiendola, ma toccando l'inguine e il sex toy mi accorsi che entrambi erano appiciccosi. Sotto di lei si era formata una netta chiazza che non poteva essere altro che liquido seminale, segno che nonostante la situazione si era eccitata veramente. - "Ummm... Vedo che non ti dispiace essere lasciata così. Sei ben bagnata. Sei proprio una troia nata, hai un'indole da sottomessa sotto quel bel aspetto da brava ragazza. Ed io che mi sono sempre fatto dei problemi a farmi avanti con te! Bé, adesso recuperiamo il tempo perduto!"
Spostando la mano, arrivai alle natiche e le saggiai con il palmo la loro consistenza. Erano belle sode e la pelle era liscia come seta. Poi mi ritrovai davanti il buchetto dell'ano, e a quella vista mi venne l'acquolina in bocca. La confessione di prima, che era vergine analmente, era stata spontanea quanto inaspettata. Mi chiesi se davvero se lo fosse sfuggito involontariamente, oppure se fosse tutta una messinscena per mettere pepe a tutta la vicenda. Ma mi ero accorto personalmente che era vero, che sotto quel aspetto la mia amica era inesperta, eppure, quando mi aveva lasciato quel biglietto mi aveva dato completa carta bianca, quindi doveva aspettarselo. Poi capì: quello del sesso anale era un argomento sennò tabù almeno complicato per Valeria: voleva provare, ma le poche esperienze passate, evidentemente, l'avevano lasciata insoddisfatta e non le erano piaciute, perciò non era andata oltre. Ma la curiosità le era rimasta e si chiedeva come potesse essere. Organizzando quel weekend così particolare aveva preso, forse inconsciamente,una decisione. Voleva essere sverginata da dietro e, fidandosi di me, voleva che fossi io a farle provare quell'esperienza. Ed io non l'avrei delusa.

Portandomi le dita alla bocca, le leccai dai suoi umori, il cui sapore un pò amarognolo mi riempì i sensi. Poi, in previsione di quello che le avrei fatto di lì a breve, le insalivai per renderle più scorrevoli. Allontanai la mano dalla bocca e, puntando sull'ano, missi giù l'indice, fermandolo proprio sull'ingresso. Al tocco la schiava emisse un respiro più profondo degli altri, mentre il buchino si strinse. Era una reazione istintiva, di timore verso quello che stava per succedere.
- "Su, adesso non ti agitare. Se opponi resistenza, sarà ancora più doloroso. Se ti abbandoni, invece, potrai anche godere. Ti assicuro che sarà ben poca cosa rispetto a quello che ti infilerò più tardi! Ah, ah!". - Finito di parlare spinsi dentro e lo infilai fino in fondo. Valeria gridò per la sorpresa, ma la pallina soffocò l'espressione di dolore.
Aspettai che il buco si adattasse, che prendesse confidenza con quel corpo estraneo. Poi, mantenendolo in posizione, lo girai dentro di lei, esplorando le sue viscere e sollecitando le sue pareti interne. Al contatto il dito era avvolto da una sensazione piacevole, calda, e potevo sentire il corpo della ragazza sotto di me che fremeva. Presa confidenza, tirai lentamente via il dito, facendolo uscire, ma giunto alla punta mi fermai, e invece lo lasciai dentro. Poi, con un gesto deciso, lo infilai di nuovo tutto dentro. Inutile dire che Valeria fu colta di sorpresa dalla mia mossa. Senza dire niente, ricominciai a tirarlo fuori.
Andai così per cinque minuti, muovendo il dito avanti e indietro, dentro e fuori. Per Valeria non fu doloroso, anzi. Dopo l'iniziale fastidio si abituò a quella presenza e dalla pallina uscirono gemiti di piacere. Per un attimo mi stupi di quanto fosse porca la mia amica, che stava cominciando a conoscere il sesso anale legata e imbavagliata, mentre il dildo dentro di lei continuava a darle piacere. A un certo punto poggiai sul buco anche il dito medio e lo spinsi dentro. La sensazione di fastidio fu maggiore, ma io non ci feci caso e continuai a stantuffarla, in preparazione del momento in cui avrebbe accolto il mio cazzo. - "Sei davvero stretta, cagna! Ma non ti preoccupare, tutto questo sta per cambiare. Dopo che ti avrò trapanato con il mio gingillo, dubito che nei prossimi giorni potrai sederti!" - Con la mano libero raggiunsi la testa della schiava e sganciandolo da dietro la liberai del bavaglio. - "Ahiaa! M-m-mi fa... Ohh! Mi-mi fa m-ma... Ohhh! Mi fa male! Ohhh! Ma, Oh! Oh! Che sensa..z..io..n...eee!"
- "Che ti dicevo? Ci stai prendendo gusto! Preparati, pupa, che questa sera diventerai in tutto e per tutto una vacca al 100%! Mi dovresti ringraziare per questo, non trovi?" - E detto questo, la presi per i capelli e la tirai in me, facendole mettere in petto in fuori- - "Ho detto: "Non trovi?"
- "Io... Gra..gra..gr-azie, padrone, di scopare questa umile vacca. Ohhh, sììì! La prego, continui! Mi faccia godere!"
- "E proprio quello che farò. Ma ci sarà un prezzo da pagare per questo, dopo." - Con queste parole sibilline, infilai dentro un altro dito, portando il totale a tre. Andammo così per un pò, con io che la scopavo con le dita e lei che gridava sempre meno di dolore e più di piacere. Portai a quattro le dita infilate, lasciando fuori solo il pollice, ma già così Valeria era in estasi. Dagli occhi bendati scendevano sulle guance lacrime, ma lei continuava a godere sempre di più, mentre io continuavo a fotterla con le dita sempre più velocemente. Finchè, a un certo punto, non ce la fece più e, fremendo dalla testa ai piedi, si liberò con un urlo liberatorio: - "Ohhhhhhh, sìììììììì! Veeeeeennnnnnggggooooooo! Ohh, sì, Come goooooooddddddoooo!"
- "Puttana, sei propria una porca! Non hai il benchè minimo ritegno! Ma, ooohhhh, sììì! Ma adesso, tocca a meeeeeeeee!". - E segandomi con la mano libera schizzai tutto il mio seme addosso alla schiava, prendendola in pieno sulla schiena e sui glutei. Alla fine, era completamente sporca dalle spalle in giù, arrivando fino al solco delle chiappe.

Mi alzai e mi diressi in cucina. Tornai subito dopo con dei fogli di scotex e con quelli pulì la cagna, togliendole i nostri umori dalla figa e dalla schiena. Completata l'operazione, ci mettemmo entrambi a tolsi la benda. Poi mi rivolsi a lei. - "Adesso ci prendiamo un boccone, poi continuiamo. Ma prima mettiamo in chiaro un paio ci cosette. Primo, il dildo che hai dentro resta dove è. Da puttana che sei, devi abituarti ad avere tutti i buchi sempre pieni. Può darsi che più tardi potrai toglierlo, ma se lo fai senza che te lo dica io, o se lo fai cadere, te ne pentirai amaramente. Inoltre, non potrai toccarti, in quanto ho deciso che dedicheremmo la serata unicamente al tuo culo, perciò sarà solo con quello che potrai godere. Mi sono spiegato?"
- "ma, padrone... Non sono certa che ce la posso fare. Potrebbe essere...Ahiiaaaa! Ma che cosa?!?" - Senza che lei se ne accorgesse, con la mano avevo raggiunto i sex toys che giacevano sul tavolino: avevo preso una molletta da bucato e, cogliendola di sorpresa, l'avevo applicata sul capezzolo sinistro. Sapevo che era particolarmente doloroso per una donna, ma a me mi è sempre piaciuto e serviva a cementare il mio dominio sulle mie schiave.
- "Niente ma! Se ti dico che devi sopportarlo, lo sopporterai. Mi sono spiegato? E secondo..." - presi un'altra molletta dal tavolino - "... come schiava è tuo dovere sopportare il dolore, non importa quanto grave sia. Perciò, finché non lo decido io, ti becchi queste. Siamo intesi?" - Ed applicai la seconda molletta sull'altro capezzolo. Valeria gridò di dolore e gli occhi le divennero lucide per le lacrime. Ma dopo il dolore iniziale si fece coraggio ed assunse un'espressione rassegnata, con nient'altra scelta che sopportare. - "Ahi! I-io... Va bene, padrone! Farò del mio meglio. Ahia!"
- " Benissimo! Adesso ti slego! Puoi camminare in piedi, ma non fare scherzi con il dildo o le mollette, altrimenti è peggio per te. E adesso muoviti! Naturalmente, anche per cena io starò seduto e tu starai a quattro zampe."
Le tolsi le manette e le slegai le gambe. Lei si rimise subito in piedi e, timorosa di far uscire il dildo, strinse le gambe intorno a sé. Dopodiché, mi diresse in cucina. Fu una scena divertente: camminava a piccoli passi e con le gambe chiuse e si massaggiava i seni introno ai capezzoli per far andare via il dolore delle mollette. Ero davvero spietato nei suoi confronti, ma non avevo alcun rimorso. Aveva deciso di fare la schiava? Che si beccasse tutte le conseguenze!

Per cena ci arrangiamo con una frittata alle cipolle, toast e prosciutto. Io mi sedetti a tavola e mangiai comodamente seduto, lei in ginocchio e con la bocca dalle ciottole del cane, solo dopo che avevo finito. Questa volta non si lamentò e in meno di mezz'ora avevamo già finito di mangiare e pulito la cucina.
Dopo cena mi misi comodamente seduto a guardare la TV, mentre Valeria, ancora una volta, si rimise a fare da poggiapiedi umano. Finsi di disinteressarmi di lei, mentre guardavo distrattamente un vecchio film erotico anni '70. In realtà, aspettavo che la situazione della schiava diventasse insostenibile. A lungo andare il dolore delle mollette cominciò a farsi sempre più insostenibile, mentre doveva sostenermi con tutto il mio peso. D'altro canto, doveva tenersi dentro il dildo, alla cui presenza si era ormai adattata, mentre le immagini che trasmettevano alla televisione suscitavano pensieri impuri. Ma fedele ai miei ordini non poteva toccarsi, mentre io mi facevo le seghe a vedere il film porno armato di fazzolettini trovati in cucina. Venni tre o quattro volte, mentre a malincuore la cagna doveva trattenersi. Tutto ciò doveva portare a quello che speravo che succedesse.

Infatti, finito il film, spensi il televisore e andai in cucina a bere una birra. Al mio ritorno, trovai la cagna seduta sul pavimento, con una mano sul dildo e rossa in viso. Imbarazzata, chinò la testa e mi fece la domanda che aspettavo.
- "Mi scusi padrone, ma se mi permetto, vorrei farle una richiesta. Anzi, due. Potrebbe, per favore, togliermi le mollette dai miei capezzoli? Inoltre,.. Bè, ecco... Mi chiedevo se non fosse possibile toccarmi e godere." - A giudicare dal rossore, era davvero umiliata.
Inizialmente finsi di non avere sentito, ma il mio cazzo parlava chiaramente, duro e dritto come era. Poi, assunta una finta aria di non curanza, le dissi: - "Bè, cagna, non saprei. Potrei anche accontentarti, ma tu che mi dai in cambio?"
- "Ma, la prego, non ce la faccio più! Io, io, io..."
- "Vorresti scopare, non è vero?"
- "Bè, ecco... Sì, padrone, è così! Non riesco a trattenermi, è tutta la serata che..."
La fermai con un cenno della mano. Fingendo di pensarci su un minuto, mi feci dolce e dissi: - "D'accordo, potrai toglierti le mollette e sfilarti il dildo, ma dovrai essere convincente. Quindi, cosa è che vuoi? E vedi di usare le parole giuste."
Rossa in viso e a capo chino, Valeria si fece coraggio e disse: - "Padrone,... Io... Le chiedo, per piacere, di... scoparmi?"
- "Non c'è male, ma puoi fare di meglio. Prova ad usare la terza persona."
- "Io,,, Padrone, questa umile serva le chiede se, gentilmente, può essere soparta da lei."
- "Serva? Tu sei molto di meno di ciò, ricordi? Che sei tu?"
- "Vero, mi scusi. Padrone, questa cagna le chiede di essere scopata"
- "Scopata dove?"
- " Ma, mi sembra ovvio!"
- "Eh, no! Ricordi che ti ho detto prima di cena? Non voglio un buco qualsiasi, voglio QUEL buco! Capito?"
A questo punto la cagna era tutta rossa e non sapeva cosa dire. Io, invece, mantenni uno sguardo fisso e fermo, che non accettava repliche. Così, capendo che non c'era altro, si rassegnò. - "PAdrone, questa umile ed ignobile cagna le chiede se lei, gentilmente, volesse scoparla... nel culo!"
- "Bè, grazie! Per me sarà un vero piacere! Per te,... Sarà tutto da vedere! Allora, forza! Puoi toglierti le mollette e sfilarti il cazzo di gomma. Poi mettiti a quattro zampe e preparati."

Così, giunse il momento che avevo sempre desiderato: il lato B di Valeria stava per diventare mio! Senza farselo ripetere due volte, si tolse le mollette dai capezzoli e, rimassi in piedi, si sfilò il dildo dalla vagina, facendolo con non poco piacere. Poi, si girò e si mise a quattro zampe, offrendomi l'ambito premio. Mi avvicinai e massaggiai le chiappe con le mani, dandole un paio di piccoli schiaffi per farle suonare. Presi un bel respiro, con gli occhi fissi sulla mia meta. Avvicinai lentamente la cappella al buchino e mi fermai a pochi millimetri di distanza. Era un sogno che si avverava e sapevo già che mi sarei goduto ogni singolo momento. E il giorno successivo ci sarebbe ancora stato molto spazio.
Prima di cominciare, però, Valeria ebbe un ultimo attimo di incertezza e si rivolse a me: - "Mi perdoni, ma... Non potrebbe renderlo un pò meno doloroso? Si tratta della mia prima volta e..." - Non finì la frase, in quanto la colpi con una manata sulla schiena.
- "Zitta, puttana! Decido io cosa fare o no! Tu stai zitta o ti imbavaglio di nuovo!"
Comunque presi con la mano alcuni degli umori che sgocciolavano dalla figa e con quelli mi umidì il cazzo, per rendere la prima volta di Valeria un pò meno dolorosa. Una volta fatto questo, mi feci avanti, appoggiando la punta sull'entrata dell'ano e preparandomi.
- "Adesso, non stringere, altrimenti sarà più doloroso. Abbandonarti, e vedrai che ti piacerà!" - "Mi scusi, ma non sono sicura che sia ancora pronta. Non potremmo..."
Proprio in quel momento spinsi in avanti e, con un colpo secco, entrai per un pezzo dentro di lei. L'urlo che Valeria lanciò fu lacerante.
- "Aaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhaaaaaaaaaaahhhh! Nooooo! Ohhhhhh, che doloreeeeeeeee!"
- "Zitta! O ti chiudo la bocca!"
- "Ahhhhhh! Ma fa maleeeeee!"
Incurante, la colpi con uno schiaffo sulla schiena. -"Zitta, ho detto! é solo per un momento, poi vedrai che ti piacerà! Quindi, cerca di abituartici!"
- "Ahhhhia! V-va bene, padrone!", rispose tra le lacrime.
Era ormai troppo tardi, infogliato come ero non mi sarei fermato di certo. LAsciai che il buco accettasse la mia presenza, con le pareti che si richiusero introno al mio ano. Ero entrato dentro solo di 6-7 cm, ma quella lunghezza era già che sufficiente per sverginare il fiorellino della ragazza. Una volta che si fosse adattato alle mie dimensioni, ritirai il membro andando all'indietro, per poi fermarmi quando c'erano ancora 2-3 cm dentro. E con un'altra spinta poderosa, tornai dentro, infilandoci un pezzo in più.
Andò così per circa 10 minuti, in cui infilai poco alla volta il pene nell'orifizio. Alla fine, arrivai fino in fondo, toccando con lo scroto le labbra vaginali. Valeria aveva sofferto, aveva stretto i denti per il dolore, ma non si era più lamentata ed era rimasta invece in silenzio, limitandosi a piccoli sospiri e gridolini.
Non mi sembrava ancora vero: avevo sempre trovato invitante il culo di Valeria, nei miei sogni erotici era il mio obiettivo fisso. Adesso era tutto vero, ero dentro di lei, e il fatto che fossi il primo a sverginarla lo rendeva tutto ancora più eccitante.

Una volta che ebbi ripresi fiato, mi mossi dentro di lei, andando avanti e indietro e chiamandola con i nomignoli più degradanti. Nel frattempo mi appoggiavo a lei prendendola per le tette, che al mio tocco furono strapazzate e massaggiate. Dopo un pò, anche Valeria prese il ritmo e progressivamente i gridi di dolore furono sostituiti da sospiri di piacere. L'obiettivo era stato raggiunto, l'avevo aiutata a raggiungere nuove vette del piacere, superando l'ultima verginità che le era rimasta. Ad un certo punto, fu lei stesso ad andarmi incontro, muovendo il bacino al mio stesso ritmo.
- "Visto? Lo dicevo io che eri una puttana! Dite tutte di no, ma alla fine non riuscite a fare a meno di offrirci il culo! Ohhh, sìììì! Quanto tempo che ho perso! Avrei dovuto prendermerlo prima!"
- "Sìììì, hai ragione, sono una troia! Sbattimi, fottimi, fammi tua! Riempimi, scopami in culo! Ohhh, oh, sì! Che cosa mi sono persa!"
- "Non ti preoccupare, recuperemo il tempo perso! Oh, sì! Adesso vengo e ti sborro in culo! Oooohhhh, sììììì!"
E nello stesso tempo venimmo entrambi copiosamente, con io che scaricai tutto il mio seme nelle viscere della schiava. Fu una sborrata lunga ed abbondante, che non si limitò ad una, ma a quattro getti, ed anche dopo rimasi dentro di lei. Alla fine il pene mi si sgonfiò, ed entrambi ci abbandonammo l'uno sopra l'altra, esausti.

Passato qualche minuto, mi alzai e sfilai il cazzo. Uscendo il buco del culo fece un suono osceno, come di bottiglia di champagne strappata. Era ormai larghissimo, tanto che avrei potuto benissimo infilarci dentro una mano chiusa a pugno. L'ano era pieno come un bignè alla crema, con lo sperma che usciva e che colava sulle gambe. Notai che c'era anche qualche rivolo di sangue, non abbastanza da far temere una rottura, ma che indicava chiaramente che le misure erano state ormai allargate. Tracce di sangue e sperma c'erano anche sul mio cazzo. Era sicuramente un modo memorabile di concludere quella giornata memorabile, che sanciva un cambiamento profondo nei rapporti tra me e la mia amica.

Alzatomi, andai in cucina e presi il guinzaglio, facendo ritorno in salotto. Agganciandolo al collare di Valeria, la accarezzai sui capelli e la feci mettere dritta a quattro zampe. - "Brava, sei stata fenomenale. Sei stata un giocattolo perfetto oggi. Ma non credere che te la caverai così facilmente domani. Questa è stata la tua prima volta, ma ora che ci abbiamo preso la mano - zampa nel tuo caso - possiamo dedicarci a qualcosa di più impegnativo. Non so ancora cosa ho in mente, ma sta sicura che mi ci divertirò ancora con te."
Negli occhi di Valeria lessi soddisfazione, ma anche felicità ed eccitazione. Non si faceva problemi su quello che l'aspettava domani, ma ora che era una schiava in tutto e per tutto poteva essere più tranquilla. Abbaiò di felicità e, senza che le ordinassi nulla, si piombò sul mio cazzo e lo lecco per pulirlo. Ma la mia mente stava già formulando qualche altra idea perversa con cui divertirmi, e non ero sicuro che dopo sarebbe stata ancora così riconoscente.

Era giunta l'ora di andare a dormire. Andati in giardino, la riportai a sbrigare i suoi bisogni come era a pranzo, e questa volta le chiesi espressamente di annusare le sue feci. Cosa che lei fece senza fiatare. Poi la lavai con la pompa e rientrammo in casa. Prima di andare a letto, però, mi venne un'idea.
Presa una corda e delle forbici dalla cucina e con quelle tagliai un pezzo che legai intorno alla vita della schiava. Lei rimase in silenzio, curiosa di sapere cosa stessi facendo. La risposta arrivò subito. Presi il dildo che indossava prima e prima che potesse opporvisi lo rimessi dentro la figa. Ma non era sufficiente: c'era un altro dildo, nero, lungo 10 cm e largo 5 cm, che avevo scartato prima. Adesso, però, mi misi dietro di lei e le annunciai: - "Prima di andare a letto, ho deciso che lo farai con i buchi pieni! Considerarlo un allenamento, in questo modo il tuo corpo si adatterà e potrai ricevere qualunque cosa dentro di te. Per non parlare del continuo stato d'eccitazione che proverai. Ah, ah!"
Lei rimase sorpresa al pensiero di avere figa e culo pieni per tutta la notte. Sbiancò, ma prima che se ne accorgesse puntai il culo già aperto e, secco come era, ci piantai il dildo. Lei cercò di ribellarsi, ma la presi per i capelli e la immobilizzai. - "Niente storie, o ti assicuro che passerai la notte ancora più scomoda." - E così alla schiava non restò altro che subire in silenzio il trattamento, finché non arrivai fino in fondo. Fatto questo, tagliai un altro pezzo di corda e lo feci passare da una parte all'altra attraverso le gambe, legandola alla rudimentale cintura che avevo realizzato prima. In questo modo i dildi erano fissati al loro posto e non potevano in alcun modo uscirne. Un lavoro degno di questo nome!

Tirando il guinzaglio, trascinai Valeria a quattro zampe su per le scale. Salire sarebbe stato più semplice che scendere, ma con due buchi pieni i dildi si muovevano dentro di lei, rendendole le cose ancora più difficili. Ma forse non sarebbe stato così spiacevole. Giungemmo in camera dei genitori di Valeria, completo di grande letto matrimoniale. Legai il guinzaglio ai piedi del letto e, posta la schiava in ginocchio, le legai le mani davanti con la corda che era avanzata e la stessa cosa feci con i piedi. Soddisfatto che non potesse muoversi, andai in bagno e mi feci una doccia, mentre lei doveva rimanere sporca e sudata sul pavimento. Tornai dopo pochi minuti e fischiettando mi misi a letto, nudo.
Guardai la schiava un'ultima volta: - "Bene, cagna, adesso possiamo riposarci. O meglio, io lo farò. Te, non sono sicuro che starai comoda sul tappetino, ma in fondo non mi importa nulla. Ma come vedi ti ho lasciato la bocca aperta, quindi domattina tu mi farai un pompino per svegliarmi, dopodiché decideremmo cosa fare. Tanto, avrai i buchi già pronti! Ah, ah! Chiaro?"
- "Sì, padrone. Farò come lei chiede."
- "Bene, allora buonanotte." - E detto questo spensi la luce.

Continua...


Questo racconto di è stato letto 7 8 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.