Da amica a schiava - Godi come e quando lo dico io!

Scritto da , il 2020-10-10, genere dominazione

Dopo un pò di tempo mi stancai di guardare la televisione e la spensi. Non c'era nulla di interessante da vedere, e poi, ad essere sincero, l'occhio cadeva, di tanto in tanto, sulla schiava in ginocchio, proprio di fronte a me. Valeria rimase per tutto il tempo ferma ed immobile dove l'avevo lasciata, limitandosi a stendere le gambe, di tanto in tanto, per stare più comoda sul pavimento. Gocce di sudore scendevano lungo il suo corpo statuario, mentre il seno prosperoso saliva e scendeva al ritmo del suo respiro, con la pallina che riempiva la bocca come se fosse una mela e la benda che le impediva la vista.
Nel vederla così il pene cominciò a tornarmi duro e la voglia di fotterla di nuovo saliva parallelamente alla mia libidine. Decisi insomma che era passato tempo a sufficienza e che era giunto il momento di ricominciare i nostri giochi. Controllando l'orologio mi accorsi che erano le 16:30 circa; fuori faceva ancora caldo, ma la temperatura era scesa ed era ora più accettabile. Potevamo giocare di nuovo all'aperto.

Alzatomi dal divano, mi tolsi i pantaloncini e le mutande, rimanendo solo con i sandali, dopodiché mi avvicinai alla schiava. Sganciai il guinzaglio dal mobile e le tolsi la banda dagli occhi, ma lasciai tutto il resto al suo posto.
- "Brava la mia Fuffy! Sei stava bella paziente ad aspettarmi. Adesso andiamo fuori a farti fare i bisogni e a divertirci. Ho una bella sorpresa per te. Prima non l'ho tirata fuori, ma nei sacchetti che ho comprato stamattina è rimasto un altro giocattolo che sono sicuro ti piacerà. Che dici, sei contenta?"
Con un cenno della testa la cagna rispose di sì.
- "Stupendo! Allora non perdiamo altro tempo, che ci sono altre due o tre cose da fare!"
Detto questo rimisi i guanti a forma di zampa a Valeria/Fuffy e tenendola al guinzaglio la portai fuori. Lei mi segui senza fare storie, con la coda che sculettava faceendo bella mostra di sé.
Tornati al nostro solito albero, le tolsi il plug e lasciai prima che si svuotasse. Come già successo precedentemente, lei pisciò e defecò senza alcun ritegno davanti ai miei occhi ed annussò le sue stesse feci, e questa volta mi sembrò molto meno disgustata. Lavatala con la pompa, le rimisi la coda posticcia e solo allora la liberai dal bavaglio.
- "Bene, bene... Adesso, per prima cosa, giochiamo ancora un pò a palla, tanto dovresti aver capito come fare, no? Mi voglio fidare di te e per questo non ti frusterò, ma voglio che sia veloce a prenderla e riportarmela. Nel frattempo, preparerò la sorpresa di cui ti parlavo. Okay?"
- "Woof!" - Rispose contenta, sbavando come una vera cagna.
- "Fantastico! Allora, va a prenderla, Fuffy!" - e lanciai la palla con forza, più lontano di quanto non l'avessi già lanciata quella mattina. Subito, Fuffy si lanciò dietro di essa, più veloce che poteva, e andò a riprenderla. Usando, ovviamente, solo i denti.
Ripetemmo il gioco una decina di volte, l'ultima delle quali più lontano di quanto non avessi fatto. Era uno spettacolo vedere la schiava allontanarsi a quattro zampe mostrandomi il suo lato B, riempito di un plug a forma di coda. E mentre lei abbaiava!
Nel tempo che ci impiegò ad andare e tornare, io ripresi la busta del sexy shop che avevo lasciato prima di pranzo sotto il nostro albero. Avevo infatti dimenticato lì un altro gadget che avevo comprato, ma ora ero del tutto intenzionato ad usarlo.

Quando Fuffy tornò con la pallina, avevo già tirato il sex toy fuori dalla sua confezione ed inserito in esso le batterie che erano comprese. Lasciata cadere la palla ai miei piedi, la cagna alzò lo sguardo per guardarmi negli occhi e fu allora che lo vide. Nei suoi occhi potei leggere un misto di sorpresa e di eccitazione.
Nella mia mano faceva infatti bella mostra di sé un vibratore di ultima generazione. Era a forma di uovo, di dimensioni tali da poter stare nel mio pugno chiuso, bianco e liscio, lucente sotto la luce del sole. Era abbinato a ciò un telecomando, con il quale era possibile accenderlo e spegnerlo, e decidere la velocità. Non so se Valeria avesse già utilizzato dei vibratori, ma di sicuro quella era una sorpresa che non si aspettava.
- "Ecco il giocattolo di cui ti stavo parlando, cagna. Con questo ovetto la tua passerà tremerà come un budino durante un terremoto, e di riempirà fino a farti eruttare come un vulcano. Ma attenzione! Questo che tengo è un telecomando, con cui posso fare quello che mi pare e piace. Questo significa che sarò IO a decidere se e quando potrai venire, e sempre io imposterò la velocità che più mi aggrada. Ci siamo capiti?"
- "W-woof!?!"- rispose Valeria, ma mostrò comunque incertezza, chiedendosi cosa volessi dire. Pago di quella risposta, ripresi il guinzaglio e la strattonai verso la piscina.

Sul bordo, decisi che era giunto il momento di togliere i panni del cane. Tolsi alla schiava le orecchie finte, le ginocchiere e le zampe da cane, sganciai il guinzaglio e le liberai il collo dal collare, con suo grande sollievo. Meno sollevata, invece, lo fu quando, lentamente, sfilai dal suo sfintere il plug, ma non tanto per la sensazione di fastidio, quanto, almeno così mi parve, di delusione di essere vuota. Che si fosse davvero abituata a quel corpo estraneo dentro di lei? In ogni caso, non doveva temere nulla: ci avrei penato io a riempirla di nuovo!
Non lasciai tempo a Valeria di riprendere fiato che subito, perentorio, le ordinai di rimettersi in piedi. Mettendomi alle sue spalle, legai le braccia dietro la schiena usando il guinzaglio, poi, le feci allargare le gambe. Infine, presi in mano l'ovetto e glielo missi davanti alla bocca.
- "Anche se so che tutti i tuoi buchi sono più che allargati, voglio facilitarti il compito. Prendi questo in bocca e lubrificarlo, prima che te lo sbatta dentro in un solo colpo."
- "Sì. D'accordo, padrone" -, rispose, e subito se lo prese in bocca. Proprio come se fosse un cazzo o un dildo, lei andò avanti e indietro con la bocca e ci passò tutto intorno con la lingua, salivandolo come si doveva. Quando ritenni che fosse sufficiente, lo tirai fuori.
- "Uao! Volevo solo che lo lubrificarsi un pò, ma sembrava proprio che te lo stessi mangiando! E brava la mia troia, che sotto questa aria da santarellina è proprio una maiala!" - E con la mano la palpeggiai sul culo. - "Ma te l'ho detto, sono io a condurre il gioco e tu farai quello che dico io. E adesso, allarga le gambe e rilassarti."
Spostai il vibratore in basso, proprio sotto la figa, e l'avvicinai lentamente all'orifizio, mentre con la lingua la leccavo dietro le orecchie e le solleticavo il collo, per aggiungere un pò di pepe all'atmosfera. Mi fermai con la mano proprio sulla passera, con la punta che appoggiava sulle labbra della mia amica. Invece di procedere alla penetrazione, mi misi a giocarellarci, passando la punta del'ovetto tutt'intorno al buco, strinciandolo sulla pelle.
La schiava si sciolse come burro nelle mie mani: le gambe le tremavano e lei gemeva, o meglio, mugugnava, in quell'attesa eroticamente eccitante, ad occhi chiusi, mentre affondavo la faccia nei suoi capelli e soffiavo nelle sue orecchie.
Ma non durò molto. Senza darle alcun preavviso, con un gesto rapido quanto brusco, puntai il vibratore sul buco e spingendolo lo ficcai fino in fondo, infilandoci anche le dita. Valeria fu colta di sorpresa e si lasciò scappare un grido, ma non di dolore. Oramai si era allargata là sotto e non poteva più provare alcun male. Tolsi le dita e mi staccai da lei. Senza troppi complimenti, la feci sedere per terra, a gambe conserte, dopodiché mi misi a sedere su una delle sdraio.

- "Prepararti, puttana, adesso inizia la festa. Questo che vedi è il telecomando del vibratore. Con esso posso decidere di andare alla velocità che più mi piace, per farti andare in calore. Io starò qui a godermi lo spettacolo, mentre te ne starai lì a divertirti con quel giocattolino. Alla fine, vedrai, mi supplicherai di venire. Ma bando alle ciance. Pronti, partenza,... VIA!"
Premerti un pulsante del telecomando e subito il vibratore partì, alla velocità più bassa. Valeria se lo aspettava, perciò non fu sorpresa più di tanto. D'altronde, aveva subito ben altro nelle 30 ore precedenti. Ci impiegò pochi secondi ad abituarsi alla vibrazione, e quando lo fece si sciolse come neve al sole. Rimanendo seduta al suo posto, cominciò a mugugnare e a sospirare per la vibrazione, entrando in uno stato d'eccitazione.
- "Ummmm, sì! Ohhh! Questo sì che è godere! Ohhhh! Vi prego, non vi fermate, padrone! Continuate. Ohhh! Ohhhh!"
- "Tranquilla, che siamo solo all'inizio!". - Premetti il pulsante e passai alla seconda velocità, maggiore della prima. Mentre mi sdraiai a vedere lo spettacolo, la schiava aprì le gambe e si mise a sedere oscenamente, mostrando in avanti il petto e aprendo le gambe in modo che la patatina non fosse più nascosta. Ma a lei non importava, voleva soltanto godere. Non aveva in mente quello che l'aspettava!

Andammo avanti così per una decina di minuti, durante i quali la schiava si sciolse sempre di più, lasciandosi andare alla vibrazione lenta, ma costante. Vederla contorcersi così mi accendeva la libido, avevo il cazzo eretto con le vene del sangue che pulsavano. Non c'era alcun bisogno di toccarmi per eccitarmi, bastava ascoltare i versi di piacere di Valeria. Questa era sul punto di venire, ma fu allora che, fedele al mio piano, passai al contrattacco. Presi il telecomando e, premendolo, spensi il vibratore!
Fu una grossa sorpresa per la schiava. Non aveva idea di cosa stessi facendo. Era nel pieno di un orgasmo e, all'improvviso, rimaneva a bocca asciutta? Voltandosi nella mia direzione con aria interrogativa, cercò delle spiegazioni: - "Ma.... Padrone, mi scusi, che succede? Ho fatto qualcosa che non andava? Perché...?"
- "Oh, no! Tu non c'entri niente, tranquilla. Il fatto, vedi, è che voglio giocare secondo le MIE regole! Ti avevo detto che avrei deciso sui tuoi orgasmi, ed è quello che farò! Manovrerò il vibratore come più mi piace e tu non avrai voce in capitolo. Sì, lo so, non è giusto, ma è così che decido. Quindi, non ti lamentare e proseguiamo."
- "I-io... D'accordo, ...padrone. Se così vuoleaaaaaaahhhhh!" - Non la lasciai finire che ripresi il telecomando e accesi l'ovetto, ma impostando stavolta una velocità maggiore. Valeria fu colto alla sprovvista, ma subito si abbandonò al piacere, mentre io mi feci una sega.

Andando così per un pò. Ogni volta che Valeria era sul punto di venire, spegnevo il vibratore e la lasciavo a bocca chiusa e con lo sguardo pieno d'odio per me. Poi ripartivo, impostando una velocità maggiore e salendo d'intensità, prima d'interrompermi un'altra volta. Allo stesso tempo, mi segavo sotto il suo sguardo, libero di godere mentre lei non poteva fare nulla.
Alla fine venni una volta, ma non contento ricominciai a segarmi e riuscì a godere di nuovo, mentre lei, distrutta e sudata, era rimasta a bocca asciutta. Avevo messo il vibratore alla sesta velocità più alta, la penultima, e lei si contorceva dalle vibrazioni, stendendosi per terra, quando, ancora una volta, la fermai. Ero davvero sadico!
- "NOOOOO! Vi prego! Vi scongiuro! Non, non fatemi questo! Farò tutto quello che volete! Ma vi prego, fatemi godere! Non ce la faccio più! Sarò buona,io..."
- "Ah, ah! Ma tu stai già facendo tutto quello che voglio! Non l'hai ancora capito? Questo fa parte del gioco, decido io dei tuoi orgasmi! Quindi, spiacente, ma..."
- "No! Vi scongiuro, non ce la faccio più! Fatemi godere, fottetemi, scopatemi, riempitermi di sperma, ma vi prego! Non potete farmi questo!" - Povera Valeria! L'avevo proprio messa sulla corda! Era così disperata che avrebbe fatto qualsiasi cosa pur di venire. Ma, in realtà, era quello lo scopo che volevo. Avevo deciso che l'avrei accontentata, ma prima volevo qualcosa in cambio da lei, a suggellare definitivamente la sua sottomissione.

- "Uhmmm....E va bene, mi hai convinto! In effetti, non è giusto che sia l'unico a godere. Allora, sai che facciamo? Mi sono sporcato tutto quanto, e bisogna che mi dia una ripulita. Perciò, ti andrebbe l'onore...?"
- "Sì, sì, sì! Lo farò! Qualsiasi cosa, ma la prego, non faccia così! Voglio godere!"
- "Benissimo! Allora, vieni qui e puliscimi. Su, forza, veloce!"
Così, con l'ovetto ancora dentro di lei, la schiava si rimise in ginocchio e, procedendo a gattoni, si avvicinò alla sdraio. Segandomi mi ero sporcato tutto quanto sulla pancia, sull'ombelico, sull'inguine. Ero, insomma, tutto appiccicoso. Valeria capì subito cosa dovesse fare e, chinandosi, si mise a pulirmi, usando solo la lingua.

Fu un lavoro lungo e paziente, con la mia amica schiava che diligentemente raccoglieva il mio seme con la lingua e se lo inghiottiva, senza lasciarsi sfuggire una sola goccia. Cominciò dai miei pettorali, dove erano arrivati alcuni schizzi, poi scese in basso, si soffermò sull'ombelico e succhiò lo sperma che lì si era raccolto, facendo rumore; scesa ancora più in basso, saltò l'asta del cazzo, per mettersi invece in bocca i testicoli e ripulirli per bene da ogni residuo; infine, fiondandosi come un falco sulla preda, prese il pene in un solo boccone e lo leccò da cima in fondo, facendolo di nuovo tornare duro nella sua bocca. Che esperienza sublime! Potevo dirmi soddisfatto, e anche per Valeria era sicuramente così. Senza staccarmi da lei, mi misi a sedere e la lasciai fare, finché, ad un tratto, decisi che volevo qualcos'altro. Presi Valeria per la testa e la staccai dal pene. All'inizio lei non capì, ma poi la alzai un pò e infilai l'asta nel solco tra i seni.
- "Immagino che tu sappia cosa fare..."
Sorridendo, la schiava rispose "Sì, padrone", e senza che le mettesi le mani addosso procedette a fottermi con le tette su e giù. Era la seconda spagnola che mi sparavo in due giorni, e questa volta era lei a prendere l'iniziativa.
- "Ummmm, sì! Che brava, che meloni soffici che hai! Sei proprio una bomba sexy, ti meriti un premio!" - E così dicendo presi in mano il telecomando e feci ripartire il vibratore, impostando la velocità massima. Era il minimo, dopo averle negato l'orgasmo prima.
- "Non ti fermare, troia, che voglio riempirti la faccia di sperma. Ohhhh, sììììì"
- "Ohhhhhhhh, sììììììììì! Sì, sì, sì! Godo, godo, godo! N-n-non vi fe-fermate, vi prego, sto per venire! Ohhhhhh, sìììììììììì! Ch-che bello! Ohhhhhh, oooohhhhh, sìììììììììììììììììììì!"
E nello stesso momento, all'unisono, venimo entrambi: io schizzai tutto il mio seme sulla sua faccia e sulle tetta, mentre Valeria rilasciò i suoi umori in ginocchio, di fronte a me, formando una pozza sotto di lei e di fronte ai miei piedi. Che forza, ragazzi, insieme avevamo una carica erotica fenomenale.

Era ormai l'ora del tramonto, la giornata era quasi alla fine, e con questo quel fine settimana così speciale. Ne erano successe di tante in quei due giorni, ma io non potevo ancora dirmi soddisfatto del tutto. E, secondo me, neanche Valeria, che sotto sotto godeva nell'essere maltrattata e presa in ogni modo possibile. Nel pensare a come concludere in modo degno, decisi di mostrarmi generoso. Alzatomi dalla sdraio, rimisi in piedi la schiava e le slegai il guinzaglio, liberandole le mani.
- "Mi hai fatto godere come non mai, vacca. Devo ammettere che ti sei rivelata essere un giocattolo fantastico. Per questo, ho deciso di darti un pò di tregua."
- "Sul serio? Che intende per tregua, padrone?"
- "Intendo dire che potrai goderti questa bella piscina che ti ritrovi. Considerarlo un bagno per toglierti addosso i nostri umori di dosso. Ma non farti strane idee, che quando esci dall'acqua si ricomincia. Manca ancora il gran finale!"
Valeria era entusiasta. Un bagno in piscina, con quel caldo, sudata e sporca come era, non poteva essere più gradito. I suoi occhi si illuminarono e sfoggiò un sorriso raggiante. - "Uao! Io... La ringrazio, padrone! Mi ci voleva proprio!" - E detto questo, mi ci si buttò tra le braccia e mi baciò. Fu un bacio pieno di passione, con lei che mi infilava la lingua dentro, mentre lo sperma che le era finito sulle tette si appiccicava addosso al mio petto. Che ragazza!
Finito ciò, si staccò da me, mi fece l'occhiolino e, dandomi le spalle, si tuffò in piscina, decisa a godersi la nuotata fino in fondo.

Continua...

Questo racconto di è stato letto 6 2 4 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.