Da amica a schiava - Punizione e blow job

Scritto da , il 2020-09-03, genere dominazione

Mi recai un momento in bagno per sciaquarmi e riprendere fiato, lasciando la schiava legata sul letto e dando tempo alla sborra sulla sua faccia di asciugarsi. In meno di due ore avevo già messo in pratica alcune delle fantasie che avevo sempre desiderato sperimentare su Valeria: non era più, in quel momento, una delle mie migliori amiche, ma una schiava come tante altre. Anzi, la mia schiava dei sogni, quella sulla quale ho sempre voluto esprimere il mio potere. Il corpo su cui sbavavo dietro da anni era finalmente mio, ero libero di sfogare le mie più sporche fantasie su una ragazza che aveva accosentito in tutto e per tutto ad essere mia. Ed avevo ancora due giorni davanti a me per andare avanti, farci tutto quello che volevo. Al pensiero di ciò che ancora doveva succedere non resistetti: mi eccitai profondamente e mi feci una sega. In men che non si dica venni copiosamente.

Riordinate le idee, tornai dalla mia vittima. Era ancora lì, legata sul letto, con le tette segnate dai segni del frustino e con il volto del tutto ricoperto di sborra ormai seccatasi, in attesa della mia prossima mossa. Decisi allora di passare alla fase successiva. Mi avvicinai e la misi a sedere sul materasso, che si era nel frattempo bagnato dei suoi umori; slegai la corda che legava le mani al letto, e afferrate un paio di manette che si trovavano sul comodino, le cingi i polsi dietro la schiena, immobilizzando le braccia, mettendo da parte la chiave. Infine, le tolsi il bavaglio, dandole modo di utilizzare di nuovo la bocca. Grata per il sollievo ricevuto, la schiava fece dei respiri profondi, dopodiché aprì e chiuse velocemente la bocca, per controllare che la mascella non si fosse slogata. Dovetti riconoscere che la sorella Monica aveva fatto un buon lavoro, immobilizzandola per bene e impachettandomela come un regalo che si deve. Mi chiesi se lei non avesse già per conto suo una certa esperienza BDSM, o se semplicemente non si fosse documentata o avesse seguito delle istruzioni da parte della sorellina. Nel biglietto che mi era stata lasciato si faceva esplicito riferimento che non fosse una santarellina, al punto da indurmi qualche fantasia su di lei.

Tornando al momento presente, prima che potesse parlare, assunsi il tono più autoritario che potessi e mi rivolsi a Valeria:
- "Come inizio non è stato male, ma adesso viene la parte divertente, troia. Non credere che non mi sia accorto di come sia venuta: hai tutta la figa fradicia e il tuo letto ha sicuramente bisogno di una lavata. Eppure mi sembrava di essere stato chiaro. Il tuo corpo ora mi appartiene e posso farci quello che voglio, quindi sono io a dirti come e quando puoi venire."
- "Sì, scusa, hai perfettamente ragione Carlo, ma non ho resistito. Tutta quest..."
Prima che potesse andare oltre, le sferrai in faccia uno schiaffo che la zitti. La colsi di sorpresa, perchè subito mi guardò come mai mi aveva visto e nei suoi occhi lessi una lieve traccia di stupore e di paura.
- "Ma allora sei di coccio! Chi ti ha detto di darmi del tu? Io sono il tuo master, mentre tu sei semplicemente una sgualdrina, una puttanella della peggior specie. Quando ti rivolgi a me devi chiamarmi padrone o signore. Chiaro?"
Per qualche secondo Valeria rimase in silenzio. Era lei che aveva organizzato tutto quanto, aveva già accettato prima le regole del gioco, eppure era davvero sorpresa. Evidentemente non si aspettava che mi calassi così convincimente nella parte del Master. Le diedi un altro schiaffo. - "Ho detto: è chiaro?!"
- "S-sì,...padrone. Mi perdoni, non capiterà più" -, rispose.
- "Bene, vorrei vedere. Ora, per tornare al discorso di prima," - e mentre le dicevo questo, misi la mano sul suo generosissimo petto e cominciai a massaggiarlo - "per insegnarti la disciplina, dovrò punirti per essere venuta senza il mio permesso. Per prima cosa, ti sculacerò per bene. Pensavo di darti 20 manate, ma visto che non mi hai risposto come si deve te ne darò 30, e tu dovrai contare. Se non lo fai, dovrò ricominciare da capo. Siamo intesi?" - Questa volta, la schiava rispose come si doveva: - "Mmmh... Sì, certo, padrone." - Nel frattempo, aveva assunto uno sguardo assente ed era diventata tutta rossa in viso, con i capezzoli che si erano induriti, segnale che gradiva la palpata al seno.

Tolsi la mano e, risistemandomi sul letto, appoggiai la schiava sulle mie ginocchia, con il sedere ben in vista e facilmente raggiungibile. Il contatto tra i due corpi nudi mi fece rizzare l'uccello e sicuramente lei si doveva esserne accorta. Avere quel culo così sodo, già segnato dalle frustate di prima, fu una benedizione per i miei occhi. Mi aveva sempre perseguitato nei miei sogni più proibiti, nei quali mi gettavo a capofitto a leccarlo, a palpeggiarlo, a sentirlo con il tocco soffice e delicato della mia mano, ed infine di fotterlo con tutta la mia sfoga e di riempirlo come un bignè alla crema. Ma non era quello il momento di pensare a ciò. Adesso avevo altro per la testa, avevo tutto il weekend per godere.

Alzai la mano destra, mentre con la sinistra tenni ferma la vacca per la schiena. Rimasi un attimo con il palmo sospeso in mano, a godermi la scena che si stava svolgendo: come un maestro che si prepara a punire un alunno ribelle, come nei tempi andati, la mia amica era indifesa, nuda, sulle mie ginocchia, pronta a subire i miei capricci. Fissatami una volta per tutte questa immagine, calai la mano e battei un sonoro ceffone su quel culo. Anche se non era troppo forte, Valeria gridò per il dolore. - "AHIA!"
- "Non ti lamentare!" - feci, - "Ti ho detto di contare!" - E così dicendo, ecco la seconda manata, più forte della prima. - "Ahi! D-due!" - disse, capendo subito la lezione.
E così proseguimmo, con io che mi alternavo tra una chiappa e l'altra e la schiava che, stringendo i denti, contava. Ad ogni manata il lato B ballava e tremava, mentre l'eccitazione del sottoscritto cresceva come non mai. Non mi pareva vero, i miei sogni si stavano realizzando. La mia amica/schiava era in mio potere, in casa sua, solo noi due, per due giorni di fila di sesso estremo! Il programma si preannunciava sempre più divertente...

Giunti infine a trenta, mi fermai, concedendo alla cagna un attimo di tregua. Il culo era ormai tutto rosso e si poteva benissimo individuare il segno delle mie manate. Ero immesso in pieno nel ruolo del master e Valeria in quello di vittima. Ad un tratto, sentì qualcosa di appiccicoso sulla sua pancia. Sollevai la schiava e mi accorsi che, senza toccarmi, avevo quasi goduto: qualche goccia di sperma era uscito dal mio cazzo e finita addosso a Valeria, che adesso aveva la pancia sporca e l'ombelico che non era da meno. Il mio pene era ancora del tutto ritto e duro, con le vene che pulsavano in evidenza. Che ragazza! Il semplice contatto con la sua pelle mi eccitava fin nel profondo, suscitando bollenti spiriti. Era giunto il momento di fottermela come si doveva.

Misi la cagna a terra, in ginocchio, di fronte a me. - "Ti sei comportata come si deve, cagnetta. Hai subito senza lamentarti e per questo ti meriti un premio. Infatti, ho generosamente deciso di usare la tua inutile bocca come buco per il mio uccello, e di utilizzarlo come mio personale sborattorio, per accogliere il dolce nettare del tuo padrone. Sei contenta?"
- "Io,... è un grande onore per me, padrone, darti sollievo con la mia bocca. Ti ringrazio dell'onore che mi fate. Cercherò di esserne all'altezza" - disse Valeria, con il capo chinato e gli occhi chiusi. Era già una schiava in tutto e per tutto, ma io avevo intenzione di andare oltre.
- "Benissimo! Allora, per cominciare, puoi leccare la mia asta come se fosse un gelato. Solo che invece che fredda, avrai la bocca piena di una sostanza calda. Ah, ah, ah!"

Dette queste parole, mi misi seduto per bene sul letto, con il cazzo che svettava davanti al viso della schiava. La quale, subito, tirò fuori la lingua e cominciò a leccare l'asta. Fu una sensazione piacevole, ma non soddisfatto, presi Valeria per i capelli e tirandola la costrinsi a guardarmi in faccia. Così facendo, interuppi il suo lavoro e la feci male. - "Continua così, cagna, ma voglio che tu, per tutto il tempo, mi guardi negli occhi. Intesi?" - "Sì, padrone. Come vuole lei, padrone." - "Bene. Ricomincia." E così riprese il lavoro, avendo attenzione di fissarmi con i suoi occhi verdi.
Andò così per 20 minuti, nei quali Valeria dimostrò di non essere una novellina nel sesso orale. Con la lingua andava su e giù a leccarmi il pene, girandoci intorno, salendo fin sulla cappella, su cui si soffermava brevemente elargendo baci e prendendo in bocca la punta; poi, scendeva, fino ad arrivare ai testicoli, leccandoli con leggiadria e prendendoseli in bocca. Ero in estasi. Mai avrei immaginato di godere così, un giorno, della mia migliore amica, trattarla come la peggiore delle prostitute e ricevere un così sublime lavoro di bocca! Il cazzo continuava a pulsare, gocce di sborra continuavano a fare capolino sulla punta, eppure sia io che lei avevano cura che non venisse ancora troppo presto.
Giunta ad un certo punto, senza che le dicessi cosa fare, aprì la bocca e ingoiò tutto il mio pene. Lei continuava a guardarmi, a cercare un segno della mia approvazione, mentre non smetteva di andare su e giù lungo la mia asta. La mia eccitazione era alle stelle, non avrei resistito ancora per molto. Presi allora la testa di Valeria con entrambe le mani e cominciai a dettarle il ritmo, infilandole in bocca il membro fino alla base e facendole anche venire i conati di vomito. Assunsi un ritmo sempre maggiore, fottendole la bocca sempre più veloce e riempiendola di insulti. - "Puttana! Troia! Vacca! Mignotta! Se penso a tutto il tempo che ho perso a starti indietro, a non farmi mai avanti con te! Oh, sì! Ti fotto la bocca, ti riempirò ogni singolo buco che ti ritrovi, ti farò un bagno di sperma, e infine, ti farò il culo! Oh, sì! Vengo, vengo, vengo! Ingoia tutto, puttana, o te la faccio pagare! Oh, sìì! Sì, sì, sììììììì! GOOOOOOOOODDDDDDDDDDOOOOOOOOOOO!" - E con un urlo pazzesco, venni con un potente e singolo fiotto dentro la bocca di Valeria, tenendole la bocca incollata al cazzo, impedendole quasi di respirare. Dopo un primo fiotto, ci fu un secondo, e poi un terzo. Scaricai così una quantità di sborra come mai mi era capitato. Qualche goccia uscì dalla bocca di Valeria e finì sul collo e sulle tette, ma per la maggior parte riuscì a mantenerla. Infine, deglutendo con non poca fatica, digerì tutto quanto. Solo a quel punto tirai fuori il pene ormai sgonfiato, mentre Valeria prese a tossire e a prendere aria. Sapevo, da amici (e amiche) comuni che a lei non era mai piaciuto bere la sborra, quindi per lei era stato uno sforzo non da poco.
Non contento, le dissi sorridendo: - "Ehi, non ti dimentichi qualcosa?" -, indicando il cazzo a riposo su cui c'era ancora qualche goccia. Capendo al volo quello che volevo dire, riprese a leccarlo per pulirlo da ogni residuo di sborra, finchè non fu di nuovo pulito.

Guardai la sveglia sulla cassettiera. Si erano fatte le 12:50 ed io cominciavo ad avere fame. Decisi quindi che fosse ora di fare una pausa e di riprendere nel pomeriggio. Stavo per alzarmi, quando mi venne un'idea. Sapevo che la famiglia di Valeria possedeva un bellissimo cane, un pastore tedesco di nome Ricky. Era un animale festoso ed aveva sempre fatto le feste a me e agli amici di Valeria quando eravamo in visita. Purtroppo, quattro mesi prima era uscito, non si sa come o perchè, in strada ed era stato investito da una macchina che poi era scappata via. Essendo passando così poco tempo, sperai che ci fosse quello che mi serviva.
- "Senti, cagna, toglimi una curiosità. Hai ancora la roba di Ricky, qui da te? O hai buttato tutto quanto?
- "No, padrone. Mio padre ha messo tutto quanto in garage, vicino alle biciclette, in un grande sacco di plastica. Avremmo dovuto già buttare tutto quanto, ma non finora non c'è stato il tempo. Ma, se mi posso permettere, perchè lo chiede?"
- "Oh, niente. Aspettami solo qualche minuto." Detto questo, mi infilai i boxer e mi misi ai piedi le scarpe ed uscì dalla stanza, lasciando Valeria in ginocchio, con le mani ammanettate dietro la schiena e sporca di sperma.

Tornai dopo mezz'ora, avendo trovato quello che mi serviva. - "Eccomi qua, cagna. Dovevo verificare se c'era tutto quello che mi serviva. Adesso scendiamo a mangiare un boccone, e poi ricominciamo con i nostri giochi. Naturalmente, sarai tu a cucinare, apparecchiare, sparecchiare e lavare i piatti, e non potrai sederti a tavola con me. Ma prima, ti manca qualcosa." - Detto questo, le mostrai quello che tenevo dietro la schiena: un collare bocchiato, nero, ed un guinzaglio dello stesso colore. L'espressione di sorpresa sulla sua faccia fu totale!
- "Se proprio devi essere una cagna, comincia a comportarti come tale!"

Continua...

Questo racconto di è stato letto 6 3 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.