Parco della Sigurtà

Scritto da , il 2020-08-12, genere esibizionismo

Il tempo era stato eccezionalmente perfetto. Maria si era fatta influenzare dal luogo comune che la pianura veneta era una zona perennemente immersa nella nebbia e nella foschia, soffocata dall’umidità e resa opaca da un perenne strato di smog.
La sua vacanza invece si era rivelata degna di essere ricordata a lungo. Partita il venticinque aprile, aveva visitato Venezia, sfavillante gioiello architettonico circondato da una laguna blu, Padova, detentrice della più vasta piazza di Europa, Vicenza, impreziosita dalle architetture neoclassiche di Palladio, Verona, resa straordinaria dalla presenza di una Arena risalente all’epoca romana e ancora utilizzata.
Assieme ad Alessio, un suo caro amico, stava varcando l’ingresso del parco della Sigurtà, sorto a Valeggio sul Mincio. Un dépliant trovato in un espositore posto in un centro commerciale di Verona, l’aveva incuriosita e indotta a spostare il rientro a casa al primo di maggio invece che il trenta di aprile.
Quando scese dall’auto, Maria rimase a bocca aperta per la bellezza del luogo.
- Alessio! Guarda che meraviglia quei cespugli di rose! E quell’aiuola di petunie non è una favola? Guarda guarda guarda: c’è una cascatella in mezzo a quel prato. Sembra fatto di velluto verde, tanto è perfetto.
- Sì, lo vedo anch’io. È bellissimo, ma cerca di calmarti, ora.
- Come si fa a calmarsi? È come essere dentro lo scenario di una favola. Manca solo che passi un cavallo bianco con un tizio vestito di azzurro e sarebbe esattamente come immaginavo le fiabe che mi raccontava nonna quando ero bambina. Andiamo per di là, dai!
Alessio si fece coinvolgere dall’energia e dall’entusiasmo che aveva invaso la sua irrefrenabile amica.
Maria era di colpo tornata una bambina che sembrava aggirarsi per la prima volta in una luna park ricco di giostre, dolci profumati e prelibatezze golose.
Si aggirava lungo i sentieri riempendosi gli occhi di infinite gradazioni di verde e di molteplici chiazze colorate che una incommensurabile varietà di fiori dipingevano nell’aria circostante.
Maria era affascinata e il suo cuore era gonfio di piacere e di emozione nel vivere in quello che le sembrava un Eden. I suoi sensi erano sovraeccitati da cotanta bellezza e la stretta della mano di Alessio che circondava la sua sembrava un ponte attraverso il quale fluiva altra energia.
Dopo un paio di chilometri lungo sentieri, prati, boschetti, giardini, Maria si fece attrarre da un laghetto a cui si arrivava da un sentiero delimitato da una siepe di circa un metro di altezza. Attorno ad esso sorgevano alberi di varie specie su cui la faceva da padrone il salice piangente. Attorno agli alberi crescevano cespugli che isolavano visivamente la zona dal resto del parco.
Alessio e Maria si sedettero a terra, appoggiati a un tronco, a rifiatare e a godere della vista incantevole del posto.
Si erano seduti l’una a fianco dell’altro, con lo sguardo che indugiava pigramente lungo la superficie piatta e increspata dal lento incedere di una coppia di cigni e frammentata da sei cerchi di ninfee fatte crescere in modo da creare un cerchio di dimensioni maggiore.
Era ora di pranzo e Maria, dopo essersi sollevata in piedi per guardarsi intorno, notò che le famiglie avevano occupato le zone di ristoro che erano state ricavate a circa duecento metri di distanza, all’inizio del sentiero che avevano appena percorso.
Si sedette di nuovo e avvicinò le proprie labbra alla bocca di Alessio.
- Ti voglio bene, Adamo – gli sussurrò, sorridendo – per me il paradiso terrestre era fatto così.
- Eva, non ti sembra di correre? Siamo ottimi amici e questo è sicuramente un posto favoloso, ma non vorrei che facessimo delle scelte sbagliate.
Maria non lo fece andare oltre. Lo baciò inizialmente con delicatezza e poi con sempre maggior ardore, assecondando la tempesta di ormoni che quella situazione aveva scatenato nel suo sangue.
Il silenzio che avvolgeva quel bacio appassionato era interrotto da casuali grida di rimprovero o di giubilo che provenivano dalla loro destra, in un prato dove sicuramente dei ragazzi stavano giocando a calcio.
Alessio si era sdraiato completamente a terra, mentre Maria gli era salita a cavalcioni. La ragazza pensava alla cabala mentre la sua lingua guizzava nella bocca dell’amico. Lei aveva ventiquattro anni, lui trentadue. “Siamo accomunati dalla tabellina dell’otto!”, pensò mentre percepì la brezza che stava soffiando dalla sua sinistra, giusto dalla direzione in cui si trovava il campo dove stavano giocando i ragazzi.
Le voci e i calci al pallone ora erano più distinti e Maria pensò che era un ottimo modo per capire se qualcuno potesse vederli.
La giovane aveva scelto un abito intero, verde, a decorazioni floreali, giusto per restare in tema con il parco. Fu semplice percepire la dura consistenza della virilità di Alessio che premeva sotto i suoi bermuda attraverso i suoi slip. L’aria intanto si era riempita dei sonori respiri che la passione aveva acceso in entrambi. La ragazza strofinava i suoi seni sul petto dell’amico ed egli rispose alzando il torace per sentire meglio le rotondità piene e sode di Maria.
Con le gote rosse, la donna scavalcò l’uomo e si pose alla sua sinistra, in modo da controllare la siepe che li divideva dal campo di gioco. Si pose con i fianchi in vicinanza alla testa di Alessio e poi si adoperò a sbottonare i pantaloni per estrarre la verga turgida. Si fermò un istante quando udì il fruscio del pallone che finiva tra le foglie della siepe, ma afferrò subitamente il membro quando udì “passa..passa” e poi “gol!”.
Alessio non stette passivo: fece scivolare via le mutandine dalle caviglie e accarezzò la vulva luccicante della ragazza.
Maria chiuse gli occhi, sopraffatta dal piacere e non resistette all’impulso di prendere in bocca il sesso di Alessio.
Poteva ancora controllare quanto succedeva lungo la siepe e quindi usò la lingua per percorrere l’asta dai testicoli alla punta, più e più volte. Mise la mano davanti al fallo quando udì nuovamente il pallone colpire il fogliame. Attendeva che le voci riprendessero a dare ordini o consigli, ma non accadeva nulla.
Vide delle chiazze colorate tra i pochi varchi lasciati dalle foglie e dedusse che i ragazzi si erano accorti della loro presenza.
Si vedevano chiaramente le sue gambe scoperte e la parte inferiore del vestito accumulata sui fianchi, mentre la mano di Alessio le frugava il basso ventre. Maria era incerta su cosa fare, ma poi il desiderio, che si era infiammato in quel contesto paradisiaco, le fece prendere una decisione inusuale.
Guardò verso la siepe, mentre con la bocca prendeva possesso del glande che la mano aveva lentamente messo all’aria. Succhiò e leccò con lentezza, controllando i movimenti sospetti che provenivano dalla siepe. Notò che in due posizioni precise si mossero delle foglie in alto, probabilmente legato al fatto che la mano di qualcuno aveva toccato un ramo davanti a sé.
Continuò il sesso orale con maggior enfasi, per far smuovere tutti gli spettatori che probabilmente si erano posizionati dietro la barriera verde. Dopo un paio di minuti, osservò dei movimenti in quattro punti diversi.
- Alessio, adesso girati con le gambe verso la siepe: voglio possederti.
Il giovane non capì il perché dello spostamento, ma ubbidì. I suoi pantaloni finirono abbassati alle caviglie, mentre Maria abbassò le spalline del vestito, facendolo scendere fino alla vita.
Con i seni scoperti e con il viso rivolto alla siepe, si accucciò sul fallo di Alessio, rivolgendogli le spalle.
Le mani del giovane si impossessarono dei seni e li massaggiarono con delicatezza.
Maria sapeva che gli spettatori avrebbero notato il suo pube scuro, che non aveva fatto a tempo a depilare prima della vacanza, ma che ora mostrava al mondo tutta la sua personalità femminea e animalesca.
Con i palmi e i piedi appoggiati a terra, la ragazza muoveva il bacino con vigore, impalandosi e quasi sgusciando dal membro rigido e luccicante di Alessio.
Maria non si frenò nel manifestare vocalmente il suo piacere, aumentato anche dalla consapevolezza che sicuramente i ragazzi che giocavano a palla ora stavano giocando con il loro birillo.
Per un attimo ebbe paura di sé stessa: la sua mente aveva immaginato una scena in cui i quattro, impossibilitati a resistere alla lussuria, si sarebbero precipitato su di lei, schizzandola su tutto il corpo. Non avrebbe mai pensato che la sua mente potesse concepire una scena del genere, eppure, a conti fatti, anche quello che stava facendo non era mai stata una situazione che pensava di vivere realmente.
Alessio le stava strizzando i seni e i capezzoli, tuttavia i forti stimoli che gli arrivano al cervello erano piacevoli e non dolorosi.
Sentì improvvisamente che la sua sessualità prese il dominio sul raziocinio. Un orgasmo la soprese con la sua velocità e intensità, facendola mugolare a lungo, come una qualsiasi mammifera che si accoppia nella natura pura e incontaminata.
Alessio non aveva ancora raggiunto l’orgasmo e attese che Maria si acquietasse.
Lei notò che i movimenti del fogliame non erano cessati e allora penso tra sé che “fatto trenta, facciamo trentuno!”.
Sfilò il pene di Alessio dalla vagina e lo appoggiò allo sfintere. Alessio rimase interdetto, ma la lasciò fare.
Con qualche ben assestato colpo di bacino, accompagnato da una forte concentrazione per rilassarsi, il membro trovò la strada per un rapporto contro natura.
Maria lanciò un gridolino quando il suo corpo accolse interamente la verga del suo amante e poi, con circospezione e pacatezza, iniziò a muovere il bacino attorno al piolo di carne. Oscillò in tutte le direzioni, mentre osservava i movimenti della siepe.
Sorrise, quando notò che le foglie superiori si muovevano nei quattro punti dove aveva individuato gli spettatori.
Udì anche i grugniti di Alessio che ormai stava per esploderle dentro. Un altro improvviso e lussurioso pensiero le attraversò il cervello. Si stupì per aver concepito qualcosa che sembrava scopiazzato malamente da un film porno, ma a quel punto sarebbe stato ipocrita avere degli scrupoli.
- Dai, amore! Inculami come sai fare solo tu. Spaccami in due. Sfondami tutta.
Alessio, che conosceva bene Maria, rimase di stucco di fronte a queste frasi pronunciate ad alta voce, ma inconsciamente il suo ego maschile prevalse e fiotti di sperma accompagnarono un lungo gemito che giunse fino ai guardoni.
Maria udì chiaramente i mugolii che la brezza portò alle sue orecchie e sorrise, soddisfatta.
Si sfilò dal membro di Alessio ed espulse sonoramente il seme dal suo intestino. “Si saranno divertiti alla grande, i quattro maialini che mi hanno visto”, pensò tra sé.
I due amanti si baciarono teneramente e si ricomposero.
Quella vacanza si era conclusa nel migliore dei modi. Maria aveva potuto vivere un’esperienza indimenticabile e, partita con un amico, tornava a casa con un amante.

Questo racconto di è stato letto 1 6 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.