E ancora fremo, ancora godo.

Scritto da , il 2020-05-17, genere etero

Una strana e soffocante sensazione di secchezza alla gola, mi spinge ad alzarmi di scatto. Seduta al centro del letto e con la mano stretta sul collo, cerco di riprendere fiato. Sono sudata come ogni notte da qualche notte ormai, da quando le temperature più alte e l’anticipo di estate, hanno cominciato a torturarmi senza darmi la benché minima tregua. Già mi vedo, come ogni anno, a lamentarmi di continuo e a sbattere in faccia a tutti la mia insofferenza verso il caldo. Una lagna incessante che, a quanto pare, sembra essere iniziata prima del previsto. Sono le 4, cazzo, ma mi sento, d’un tratto, incredibilmente sveglia e, gli occhi spalancati nel buio della stanza, sono la fottuta conferma che non riprenderò sonno facilmente. È proprio afosa l’aria, è di scirocco. Semmai dovesse piovere ancora, che palle, mi ritroverò di nuovo i balconi sporchi e colorati di quella snervante polvere rossa che tanto odio.
Mi tocco le spalle umide e scoperte, alzo i capelli cercando sul comodino, qualsiasi cosa mi permetta di tenerli su, mi danno fastidio ora, li sento appiccicati alla schiena.
A memoria seguo con le dita la parete fino all’interruttore, accendo almeno la piccola lampada che è sul comodino, la luce, anche se bassa e calda, mi aiuterà a ritornare alla realtà e a ritrovare un respiro regolare. La mano dal collo è passata al petto, nel silenzio assordante che mi circonda, riesco persino a sentire nitidamente il battito del cuore, è accelerato, come me, che a darmi una calmata proprio non ci penso. La mia attenzione ricade di colpo su ieri, sulla voglia di te che avevo e sul tempo che ho trascorso a giocare con la tua assenza. Sorrido ora, pensando ai teatrini che metto su con minuziosa attenzione e che poi puntualmente sfascio arrabbiata se mi ritrovo sola.
Mentre pranzavo avevo già tutto in testa, “distratta” dal quel mare e da quella “gente”, portavo il cibo alla bocca come un automa, presente con il corpo ma decisamente altrove, fremevo sulla sedia immaginandomi davanti allo specchio nuda, a guardare il viso stravolto dall’eccitazione crescente e a passarmi sulle labbra il solito rossetto. A questo pensiero ho un sussulto! Improvvisamente mi appare davvero chiaro il motivo della mia agitazione.
L’ho sognato! Ho sognato tutto, ogni gesto, ogni movenza sinuosa, ogni piccolo dettaglio che ieri mi ha portato all’orgasmo.
E che orgasmo!
Perciò lo sento ancora addosso, la sensazione che provo non è legata soltanto al piacere che mi sono data ore fa.
È ancora intensamente viva, le gambe sono molli.
Ho appena goduto, cazzo! Ma non è stato un assolo. E la fica ancora gonfia e pulsante, attaccata alle mutande fradicie, ne è testimone attendibile. La accarezzo piano e ogni cosa riaffiora prepotente sulla pelle. Ero svestita come ieri e come ieri mi toccavo, prima in questa camera, poi nel cesso. Solo che nel sogno il teatro era pieno e gli spettatori tanti.
E ti sei alzato, mi sei venuto incontro. Hai guardato tutti in faccia prima di salire sul palco e guardare me negli occhi, inchiodandomi al tuo sguardo malato. Mi hai abbassato i leggins con foga, come se avessi la fottuta urgenza di mettermelo dentro, di sbattermi e farmi male, invece eri lì, di fronte a me, su di me, ma non per scoparmi. Hai spostato le mutande e hai raccolto i miei umori, li hai leccati per bene e quelle dita sporche poi sono finite nella mia bocca.
Non hai parlato ma i tuoi occhi accesi me lo hanno detto.
“Succhiami il cazzo che ne ho voglia.”
E te l’ho preso in mano liberandolo da pantaloni e mutande. Era turgido, caldo, così vivo come sempre. E come sempre lo avrei preso in ogni buco. L’ho smanettato un po’ avvicinando la cappella alla mia fica bollente. Me lo sono strusciato addosso, tu premevi sulla carne ma senza entrare.
E sono scesa giù lentamente, a cosce aperte, piegandomi sulle caviglie.
L’ho ingoiato subito, tutto, per sentirmi piena. Lo volevo da quando ieri ti ho visto sul divano, da quando mi sono soffermata sul tuo cazzo duro che spingeva contro la stoffa dei pantaloncini, mentre tu, comodamente disteso, facevi l’indifferente. Lo volevo e mostravo la mia voglia a tutti poco fa, con devozione mi dimenavo fra le tue cosce e nel mio cesso, te lo leccavo, te lo succhiavo, ci sputavo sopra e me lo rificcavo dentro. È a questo a cui pensavo ieri sera fino a quando non sono riuscita ad addormentarmi. Al bucchino che non ti ho fatto, perché lontani. Alla voglia che avevo di salire a cavalcioni su quel divano e togliermi tutto, dopo averlo tolto a te. Alla voglia di darti le spalle, di piegarmi in avanti e metterti il culo in bocca un attimo prima di succhiarti il cazzo. Alla voglia di graffiarti le cosce, di morderle, di aggrapparmi ai piedi spingendoti le tette sulle gambe. Per questo ansimo ancora adesso. È la tua sborra che sento in gola. Quella che copiosamente mi hai spruzzato in bocca dopo che te l’ho lavorato per bene, quella densa e calda che ho ingoiato avida fino all’ultima goccia, quella che ha soffocato i gemiti e che mi ha tolto il fiato.
E mi ritocco le tette ora, come sul cesso. I capezzoli fra le dita che stringono, stringono aspettando i tuoi denti. La mano risale piano la carne, è di nuovo sul collo.
Chiudo gli occhi e ti sento, sento la tua forte presa. Mi spingi con forza contro le mattonelle fredde del bagno, sento le dita farsi strada, giù, fra le cosce. Mi metti un dito nella fica, poi due, le labbra gonfie ti accolgono, ti risucchiano, tu spingi, affondi, esci e rientri, masturbandomi a tuo piacimento.
“Leccati le tette, ora, come ieri, succhiati i capezzoli.”
La tua voce calda mi arriva ovattata, sono schifosamente fradicia e il rumore della tua mano che sbatte contro i miei umori mi manda fuori di testa. Sento il tuo fiato sul collo, il respiro, non capisco più nulla, mi abbandono all’orgasmo e ti graffio la pelle soffocando il piacere in gola.
Vengo e ho di nuovo un sussulto. Ora ricordo.
L’ho sognato. Ho sognato tutto, ogni gesto, ogni cosa.
Ogni parola che mi tiene sveglia e la tua faccia che mi toglie il sonno.
E ancora fremo, ancora godo.

Questo racconto di è stato letto 3 6 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.