Monoi

Scritto da , il 2020-09-15, genere masturbazione

Monoi de Tahiti, c’è scritto così sull’etichetta.
Prendo la bottiglietta scura ben esposta sulla mensola di vetro del bagno e ne ispiro l’essenza intensa, così che mi invada le narici e mi distragga, ancora una volta, dal casino che ho dentro. Sono appena uscita dalla doccia e languidamente mi lascio accarezzare dalla spugna morbida del mio accappatoio bordeaux.
Davanti allo specchio umido di condensa, lo apro per guardarmi nuda e, con le dita, sinuosamente, raccolgo le goccioline d’acqua che dai capelli scorrono sul collo fino ad arrivare alle tette.
E pensare che quando l’ho comprato, l’olio, prima dell’estate, lo scopo era quello di idratare la pelle secca e profumarla con i fiori di gardenia thaitiana. Perché passarlo su tutto il corpo, spalmarlo lentamente fino a farlo assorbire dissetando così la cute provata dal sole, è un rituale di bellezza a cui mai rinuncio.
E poi la consistenza, cazzo, la consistenza! Inevitabilmente mi fa ripensare ai massaggi che tanto mi piace farti, a quell’intreccio audace di mani vogliose su carni scivolose. Tutto questo prima di sabato sera. Tutto questo, come se non fosse poi abbastanza, prima che tu aggiungessi al consueto cerimoniale, nuovi elementi di perdizione. Prima che mi chiedessi di girare per il centro con la pelle lucida di olio e vestita solo di un leggero abitino estivo, uno di quelli morbidi, che danzano ad ogni passo e che sono facili da alzare sui fianchi nel caso fossi venuto a scoparmi il culo. Con i tacchi ovviamente e rigorosamente con le mutande. Perché come ti ho sussurrato all’orecchio, mi piace averle addosso quando me lo metti dentro. Sentire la mano che le sposta così prepotentemente da sfregarmi e segarmi la fica in un solo colpo. L’elastico che stringe la carne e le cosce che fanno più fatica ad aprirsi. Te lo ripeto sempre, sempre perché mi fa impazzire. Prenderti nel culo con in vestiti addosso. Con te che ti apri i pantaloni e cacci il cazzo solo per darmi ciò che voglio.
L’accappatoio cade definitivamente giù e retrocedo piano fino a poggiare la schiena sulle mattonelle fresche.
Premo il dito sull’erogatore e il primo spruzzo è diretto ai capezzoli già turgidi. Sussulto.
Il profumo si spande nell’aria e ad occhi chiusi lo ispiro come ne fossi già assuefatta.
È da sabato sera che ho bisogno di sentine la fragranza per godere. È da sabato sera che ho il fottuto bisogno di annusarlo sulla pelle liscia e setosa per venire copiosamente soffocando il piacere in gola. Eppure adesso sembra non darmi sollievo.
Le mani sulle tette scivolano lentamente, stendono l’olio, massaggiano, toccano.
Il desiderio di te stasera mi fa dannatamente male perché non cessa, non dá tregua, non si placa. È insoddisfatto. Sollevo una gamba sulla cassettiera che è sotto il lavandino. Il secondo spruzzo è sulla fica, la accarezzo con decisione, la bagno e la sporco di Monoi. Scendo giù fino alle cosce, poi ritorno a stenderlo sulla pancia, sui fianchi, sulle braccia. I movimenti sono lenti, non mi appartengono perché per quanto possa godere di ricordi recenti, nulla mi distoglie da oggi pomeriggio. Dalla tua faccia, dai tuoi occhi nei miei.
Cerco di non pensarci ma è più forte di me.
È stato bello averti di fronte anche se per poco. È stato eccitante mostrami a te come più ti piace. Solo che, cazzo! Avrei voluto toglierli quei vestiti da puttana. Prima il corpetto, poi il perizoma. Senza fretta, no?
Mi avresti lasciata sui vertiginosi tacchi, completamene nuda, me lo hai detto, lo so.
E io avrei continuato a divertirmi, a mostrarti ogni buco, a infilarci dentro le dita, come sto facendo ora.
Il terzo spruzzo è sul buco del culo. Se fossi qui ora con il cazzo duro in mano me lo appoggeresti e scivolerebbe dentro senza forzature. Così come stanno scivolando le dita.
Oh, si, le sento e non sai quanto ti vorrei nel culo ora.
Spingo forte piegandomi in avanti e penetrando anche la fica. Mi muovo ritmicamente sulla mano, mi sbatto con foga mentre mi ritornano in mente anche i discorsi su Stefania. Mi mandi fuori di testa quando parli di lei e sono io, ora, che manderei fuori di testa te parlando con lei.
Non ho finito oggi, per una questione di tempo.
Ho aspettato fremente la fine del gioco che non è arrivata. Ho aspettato impaziente di continuare ciò che avevamo iniziato.
Ma tu lo sai che voglia avevo? Che voglia ho ora di fare e di lasciarti fare? Ma siamo fuori tempo, il maledetto tempo! E poco importa se ora posso rivestirmi e poi spogliarmi, se tu non puoi guardarmi. Poco importa se ora posso dirti cose sporche in bocca, se tu non puoi sentirle. L’orgasmo monta, impetuoso ma incompleto. La pelle risplende lucida nel riflesso dello specchio. Annuso le dita, poi le assaggio. Hanno il sapore amaro di Monoi.

Questo racconto di è stato letto 1 8 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.