Strip-tease

Scritto da , il 2020-04-30, genere esibizionismo

Lo sapevo che prima o poi tutto il tempo speso, per qualcuno sicuramente perso, nella ricerca accurata e nell’acquisto di lingerie sexy, sarebbe tornato più che utile. Le mattinate in giro per negozi di intimo e sexy shop, mai come ora, sembrano avere trovato il giusto senso. In realtà per me un senso lo hanno sempre avuto, mai ho pensato che un solo minuto di quel tempo fosse stato sprecato ma, oggi è così! Mi sento particolarmente soddisfatta delle mie numerose compere, utili più che mai ai nostri fini malati.
Perché se in questi giorni avessi avuto a disposizione solo la metà della metà delle cose che ho, non avrei perso tutto il tempo che ho perso e non mi sarei divertita così tanto a scegliere cosa indossare e a provarlo di continuo senza mai stancarmi. Ho preparato sul letto ogni sorta di stoffa e, quando avrò deciso se mettere o no le calze e, soprattutto quali, di conseguenza sceglierò le scarpe. Vorrei non farmi condizionare dall’ormai risaputa preferenza per i sandali neri dal tacco 12, come vorrei non scegliere d’istinto le calze a rete ripensando alla tua voce calda e languida che mi sussurra piano “rete grande, cazzi grandi”.
Ah quel plurale che ogni tanto usi! Mi manda tutte le volte fuori di testa e mi fa colare indecentemente mettendomi addosso un senso di squallore che non so spiegare.
E d’altronde mai potrei fare l’errore di mettere i sandali con le calze, oh no, manderei a puttane tutta la mia arte e il tempo impiegato a scegliere la mise più adatta.
Forse, guardando sul letto, un occhio non attento potrebbe pensare che tutto si somigli e che una cosa valga l’altra perché messe così effettivamente sembrano tutte pezze nere senza distinzione di genere e tessuto.
Eppure questo è un vestitino di pizzo dalle sensuali trasparenze sui lati e questo è un body dalla generosa scollatura a cuore che mette bene in risalto le tette. Questo è un balconcino davvero sexy che, come sempre, abbino a un perizoma dal filo così sottile, che mi sparisce puntualmente nel culo e questo, che dice già tutto al tatto, è un baby-doll di seta di quelli da accarezzare prima e togliere dopo. Il micro top tutto ricami, che avvolge anche il collo, mi piace metterlo con la brasiliana e poi ancora ci sono le canotte, il Carioca, le tutine. E poi i vestiti, quelli da mignotta ma non mi serviranno oggi perché in testa, mentre riguardavo il tutto, si è fatta strada improvvisamente una nuova idea. Rovistando nei cassetti, insieme alle mille cose, ho ritrovato anche le pinzette, quelle per i capezzoli, quelle che appoggi e poi stringi fino a sentire dolore. Quelle che tirano perché hanno i pesetti alla base, come fossero denti, come fossero dita, anche se non ci sono bocche e non ci sono mani.
Prendo dal letto quello che avevo tacitamente scelto e, ormai condizionata dalla voglia di torturarmi le tette, infilo tutto lentamente e, prima di alzare le bretelline, metto le pinzette. Ho un sussulto di piacere quando la stoffa aderente preme contro la carne stretta nella loro morsa. Mi siedo sul bordo del letto per allacciare i sandali alle caviglie e abbassandomi in avanti i pesetti spingono giù facendomi sussultare ancora, mi sento già fradicia, sento gli umori colare copiosamente e bagnarmi il perizoma.
Resto così per prolungare la sensazione ed eccitata lascio cadere giù, sui piedi, un rivolo di saliva sporca di rossetto rosso.
Non so se alla fine riuscirò a mettere su lo spettacolo che mi è stato richiesto e per cui sono qui da ore, perché mi è venuta una voglia di succhiarti il cazzo ora e subito che quasi non mi trattengo! Se non fosse per il fatto che mi piace finire sempre quello che ho iniziato, ti urlerei di correre qui a strapparmi con violenza il vestitino e poi le pinzette prima di venirmi in bocca e sui capezzoli doloranti.
Ma non lo farò, non mi perderò tutto il resto per la bramosia di un momento.
Mi alzo, sistemo un po’ i capelli e mi dò un occhiata allo specchio controllando il rossetto un po’ sbavato, i cerchi grandi alle orecchie mi fanno decisamente più puttana, li tengo.
Tu sei sul divano e ti raggiungo avvisandoti del mio arrivo solo picchiettando forte i tacchi sul pavimento. Chissà che hai fatto mentre aspettavi. Ti piombo davanti e mi soffermo subito sullo sguardo curioso che ti si è acceso in volto mentre cerchi di capire cosa ho messo sulle tette, sorridi, le hai riconosciute.
“È lei che mi ha chiamata?” Rompo il silenzio subito. La curiosità lascia immediatamente spazio alla malizia, ti accomodi meglio prendendo la posizione che più ti aggrada.
“Si, sono stato io. Lei ha capito per che cosa, invece?”
Sei sguaiatamente seduto ora, in mutande e scalzo, saresti da prendere subito senza nessuna accortezza. Forse potrei passare da quel bucchino che volevo farti a metterti la fica in bocca direttamente, così da farti annusare la voglia accumulata da quando hai iniziato questo fottuto gioco.
“Per uno strip, certo che ho capito. Pensa che sia forse il primo per me? Le vado bene, o si immaginava altro?”
“Vediamo prima, no?”
“Le dispiace se non metto la musica, vorrei che sentisse la mia voce.”
“Faccia come vuole, è il suo strip-tease questo.”
Infatti è Il mio e faccio come mi pare.
Inizio a muovermi sinuosa ondeggiando il bacino mentre mi accarezzo la pelle. Scendo piano giù piegandomi sulle ginocchia e risalendo ancora più piano. Schiudo la bocca leccando lentamente le labbra, ti guardo negli occhi, ti parlo.
“Se le piace quello che faccio me lo dice? Mi fa vedere se le si rizza il cazzo?”
Mi giro di spalle sollevando un po’ il vestito anche se è trasparente e quindi il perizoma è già ben visibile. Con un dito lo scosto dal culo piegandomi in avanti e mostrandotelo. Lo infilo e lo sfilo danzandoci sopra con la fica per sentirmi sfregare ogni buco. Rimetto al suo posto tutto, mi rigiro abbassando le bretelline, una alla volta, lasciando le spalle libere. Le mani scivolano sui fianchi, ancheggio persa nel tuo sguardo eccitato.
“Che cosa sta pensando, me lo dice allora?”
“Cosa sto pensando? Che mi è andata bene, che mi hanno mandato la più zoccola di tutte!”
Mi rispondi mentre continui a toccarti il cazzo, da sopra le mutande, poi abbassandole e facendomelo vedere. Aumento il respiro perché tu possa sentirlo affannato, sfilo il vestito fino ai fianchi e prendo in mano le pinzette, alzandole e tirando quindi i capezzoli.
Ti guardo ammiccante giocando con le tette, torturandole, alternando smorfie di dolore ad espressioni di godimento, poi mi avvicino muovendomi al ritmo di una musica che è solo nella mia testa e guidata dal suono della tua mano che ti smanetta il cazzo.
Mi fermo, cercando di trattenere l’orgasmo che vuole esplodermi in corpo, faccio cadere giù il vestito, rimanendo in perizoma e tacchi.
“Se potesse mettermi le mani addosso, da dove inizierebbe?”
Ti alzi di scatto, mi sei davanti, vicinissimo.
“Si deve togliere tutto, signorina, ogni cosa.”
Signorina..ma che figlio di puttana!
Poggi le dita sull’elastico nero e io poggio la mano sulla tua bloccandola.
Abbasso lo scampolo di stoffa mentre mi giro dandoti le spalle, mi stringe sulle cosce ora, permettendomi di aprirle appena. Spingo il culo indietro strusciandotelo sul cazzo, mi afferri le tette senza grazia, tirando via in un solo colpo le pinzette. Emetto un impercettibile gemito, il piacere misto a dolore soffoca in gola. Sento il tuo cazzo spingere, che voglia di prenderlo nel culo ora.
Giro la faccia indietro, verso la tua.
“Le costerà molto di più, lo sa?”

Questo racconto di è stato letto 3 3 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.