Una Canzone d’Amore buttata via

Scritto da , il 2021-01-18, genere etero

“Sembra strano anche a me..sono ancora qui a difendermi..e non è mica facile..
hai ragione pure te..le mie scuse sono inutili..ma non posso stare senza dirtele..”

Il prestante ragazzo di colore mi sta ancora misurando la temperatura quando mi accorgo della canzone.
Mi perseguita, la sento ovunque ormai.
Come se già di mio non la cantassi abbastanza. Entro in un negozio e me la ritrovo in sottofondo, accendo la Tv e ne parlano al Tg, la trasmettono in radio continuamente e continuamente mi risuona in testa.
Evidentemente non mi è capitata una sorte diversa oggi. Sono appena entrata da Hm e le parole, come sempre in questi giorni, mi hanno investita senza che nemmeno me ne rendessi conto.

“Non lasciarmi andar via..non lasciare che sia..una stupida storia..una notte ubriaca..una sola bugia..”

Cazzo! È proprio quella “notte ubriaca” che mi turba più di tutto.
Quella frase che ritorna prepotente e che prende vita ogni volta che la ascolto.
È quello che mi è uscito di bocca la notte di Capodanno e che poi ho scritto senza freni, stupidamente, senza pensare minimamente alle conseguenze.
Perché l’alcol ha quel maledetto potere di svuotarmi la mente, di farmi sentire leggera e libera di buttare fuori quello che per scelta mi tengo dentro. Si insinua nelle vene.
E poi succede che dico ciò che sempre taccio. Per poi rinsavire e maledire la mia debolezza.
Apro il cappotto e lo sfilo, c’è aria calda a palla qui dentro e ad ogni pensiero che faccio e che la canzone riaccende, mi sento sempre più strana.
Come mi è venuto in mente di dirti “ti amo”.
Come.
Un tempismo perfetto il mio, da vera dilettante.
Ho abbassato le difese così ingenuamente che quando me ne sono resa conto sarei voluta sparire.
E invece sei sparito tu ma non avevo dubbi.
La lingerie sexy esposta nel reparto di intimo ed accessori mi fa sorridere scioccamente ripensando invece al giorno prima, al 30 dicembre, quando ancora non avevo fatto danni.
Rivedo le luci calde della mia camera da letto, il mio culo bene in mostra nel perizoma rosso scelto con cura per farti gli auguri di buon anno. Rivedo me stessa. Eccitata, bagnata, pronta a darmi in pasto a un lui o anche a una lei pur di farti essere il “terzo”.
Come mi è venuto in mente poi di dirti “ti amo”.
Come.
Un passo decisamente falso il mio.
In netto contrasto con tutto quello che è stato lo sporco pomeriggio trascorso insieme.
Come sono passata dalle oscenità che tanto ti piace sentirmi dire a quello che mai vorresti sentirti dire?
Come.
Eppure ero sempre io.
Era la stessa voce. Quella che ti ha urlato volgarità irripetibili il giorno prima e che poi ti ha sussurrato parole d’amore il giorno dopo. Era la stessa bocca. Quella che ti ha succhiato il cazzo avidamente e poi non è riuscita a stare zitta e a tacere i sentimenti.
La lunga serie di body neri sulla parete centrale cattura la mia attenzione. Indossarne uno adesso significherebbe spogliarmi di ogni paranoia, scacciare via il peso di quelle parole e sentirmi più leggera.
Significherebbe tornare al 30 dicembre e fermarmi a quel momento, al sesso, alla frenesia di andare oltre e ancora oltre, senza alcuna inibizione. Significherebbe parlare dell’ altro e di quello che ho fatto sminuendo, così, il “ti amo” come stai già facendo tu. Che bravo.
E così mentre un paio di donne sono intente a scegliere mutande caste in saldi, io mi affretto a cercare un paio di scarpe con il tacco. Perché se ho deciso di provare questo, in seta e pizzo, devo farlo bene. La fottuta voglia di vedermelo addosso e sentirlo sulla pelle, è impellente e io la assecondo.
Non c’è fila ai camerini, i saldi seri, quelli sui vestiti, sono esposti al piano inferiore e quindi è giù che c’è più movimento.
Mi richiudo la tenda pesante alle spalle e, come altre volte, ho scelto l’ultima cabina così che nessuno ci passi davanti.
Insieme agli abiti metto via la mascherina e lentamente mi rivesto di ciò che più mi piace.
Lo sgabello è di fronte allo specchio e mi siedo lasciando le cosce leggermente aperte.
Sono sempre io e mi guardo negli occhi scavandoci dentro.
Le auto reggenti nere, liscissime al tatto, mi fasciano le gambe e completano il quadro. Sono questa e mi riconosco.
Io non avrei mai cercato lui anche se lo avevo fatto altre volte.
È stata l’idea di mostrarmi lasciva ai tuoi occhi che mi ha eccitata come sempre mi eccita.
Farti vedere e sentire quanto so essere puttana se solo me lo chiedi.
Per il tuo piacere ed il mio.
L’impazienza di stamattina non mi dá tregua.
Ti ho cercato, dopo giorni, anche se sei un bastardo e non ti sei fatto più sentire.
Continuo a guardarmi scrutando ogni centimetro di questo corpo. La mano scivola fra le cosce, mi sfioro la fica ma non trovo sollievo.
Non dopo quel pomeriggio malato, non dopo la notte di Capodanno. Nè dopo le tue richieste, né dopo i miei cedimenti.
Mi avevi detto di voler essere il terzo..di volermi guardare. E ti ho fatto guardare!
L’ho contattato davanti a te e gli ho fatto rizzare il cazzo fino a farlo venire.
Ti ho fatto sentire le dita bagnate sbattere sulla carne fradicia. Ti ho fatto vedere i filamenti di saliva mista a umori mentre lui mi chiedeva sempre di più e io sempre di più aspettavo le tue mani addosso.
Io non lo avrei mai cercato anche solo per non ridargli lo spazio che qualche volta gli ho già concesso giocando con te.
Perché volevi essere il terzo, volevi guardare.
E hai guardato.
Sono stati i tuoi fottuti occhi addosso che mi hanno dato piacere, è stata la tua espressione compiaciuta.
È stata quella mano che portavi alla bocca per fumare, quella mano che io bramavo ardentemente fra le cosce.
È stato parlare con lui solo per farmi sentire da te. Farmi desiderare da lui per poi concedermi a te.
Perché più lui voleva fare l’amore con me e più io volevo fottere con te.
Più mi offriva il suo cazzo, più agognavo il tuo, in bocca per succhiartelo e poi in ogni buco.
Ora, davanti allo specchio come quel pomeriggio davanti a te, mi sento persa.
La fica pulsa e sbatte in questo body che neanche è mio e che vorrei mi strappassi di dosso qui, ora. Ma lo rimetterò al suo posto.
Mi rivesto in fretta perché non saranno due dita dentro a farmi godere, nonostante le voci che provengono dal camerino adiacente mi facciano sentire più sporca. Non sarà così perché non è così che voglio godere.
Sono passati troppi giorni e il tuo silenzio è diventato assordante. Devo dirtele in bocca le cose ora, mentre ti sono sopra, mentre ho il tuo cazzo dentro, mentre ti sputo addosso e dopo lecco.
Devi mordermi le tette, leccarmi il buco del culo. Devi mettermi a pecora e scoparmi da dietro finché te lo chiedo. Tirarmi i capelli ad ogni affondo e tapparmi la bocca ad ogni parola sconcia.
Sono fradicia e cammino noncurante della meta.
Come mi è venuto in mente di dirti “ti amo”.
Come.
La notte di fine anno, ubriaca, fra l’irrequietezza e i buoni propositi che vanno a puttane davanti a un buon vino.
Che ti schiarisce le idee, che ti fa essere onesta. Che ti fa dire la verità prima di tutto a te stessa.
Ero sempre io, quella che può fare tutto, anche la troia con un altro. Io, la stessa.
Come lo stesso sei tu. Un grandissimo figlio di puttana che vuole essere il terzo e che invece è semplicemente l’unico.
Provo a chiamarti, non rispondi.
Se penso che non mi hai fatto nemmeno gli auguri di “buon anno” ancora mi incazzo.
Metto le cuffie e continuo a passeggiare.

“Non lasciarmi andar via..non lasciare che sia..una canzone d’amore buttata via.”

Questo racconto di è stato letto 1 7 6 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.