Guardare e non Toccare

Scritto da , il 2020-09-29, genere etero

Le tende vecchie, di colore scuro, cadono pesanti coprendo la finestra al lato del letto.
Sono così doppie e grezze che lasciano filtrare a malapena, la luce debole di questo giorno un po’ grigio. Sembra quasi notte infatti, o forse neanche notte. È un momento senza tempo, indefinito, un qualcosa che prende vita nell’atmosfera intima e calda di questa stanza a noi più che familiare. Il silenzio assordante, rotto solo dal rumore dei tacchi, crea il giusto distacco dal mondo esterno e dalla nostra realtà che teniamo ben lontana da questa. Tanto è tutto fuori dalla porta ormai. Dentro ci siamo solo noi, i tuoi vestiti poggiati sulla sedia e, come sempre, i due calici di prosecco scadente offerti dall’albergo ed esposti in bella vista sulla scrivania. Il tuo decidere di incontraci qui, in questa occasione, non fa altro che girare e rigirare senza pietà, il coltello nella piaga. Perché questa non è casa mia o casa tua. Non è ne la tua camera dove non abbiamo mai potuto alzare la voce, ne la mia in cui tutto è avvenuto sempre troppo fugacemente. Questo è il nostro posto. Il posto dove siamo sempre venuti a viziarci, a darci piacere. Il posto dove puntualmente ci saltiamo addosso per scoparci l’anima prima che il corpo.
Queste mura sono pregne del nostro odore e nell’aria risuonano parole sporche e gemiti spezzati in gola.
Siamo qui da poco ma io mi sono già vestita mentre tu ti spogliavi. Ti sei messo comodo e la tua faccia da schiaffi insieme all’espressione compiaciuta mi ricordano le tue condizioni.
Non so perché ho accettato.
Ti guardo disteso sul letto, nudo, una mano dietro la nuca, l’altra che porta la sigaretta alla bocca. È da quando abbiamo messo piede qui dentro che cerco di mettere a tacere la voglia di cavalcarti che è subito diventata prepotente. Il cazzo già duro che fiero mi mostri, è un richiamo indecente che non posso ignorare.
Una delle cose che in assoluto mi risulta più difficile, nel nostro infinito gioco delle parti, è l’estenuante e ludico meccanismo del guardare e non toccare.
Eppure è questo che succederà oggi, no?
E già mi mordo le mani.
“Mi offro io se vuoi..ma niente..non succederà niente che non sia quello che mi stai chiedendo ora.”
Lo hai detto più volte, al telefono, nei messaggi.
E lo hai ripetuto così spesso e in maniera così decisa, che ne ho perso il conto! Però, professore, devo dirle che grazie al suo tono convincente, ho appreso ogni cosa. Ho assimilato senza sforzo la parte che più mi piaceva e imparato la fottuta lezione a memoria. Non avevo molta scelta.
Prendere o lasciare.
Sono caduta nella mia stessa rete quando ti ho detto che avrei voluto un culo da frustare.
Mi si sono ritorte contro la mie fantasie quando le hai prese alla lettera e le hai fatte tue.
Perché lo volevo io tutto questo, si. Ma vorrei anche il resto.
E invece in uno dei miei momenti di eccitazione folle, quando ti ho sbattuto in faccia l’osceno desiderio di avere il tuo culo fra le mani, ho tacitamente accordato questo gioco malato.
“Si può fare.” Avevi detto. E ora il ghigno soddisfatto che hai stampato in volto mi ricorda costantemente le tue parole:
“Non succederà niente, niente sesso. Vuoi frustarmi il culo? E solo quello avrai.”
Neanche il cazzo in bocca e la lingua nella fica!
Penso mentre continui a sbattermi in faccia la tua nudità. È difficile.
Il corpetto nero in latex con la cerniera laterale, mi stringe sui fianchi accentuando lo stacco del giro vita. Non mi chiederai di toglierlo, non servirà. Non cederai di fronte alla troiaggine di chi vuole solo essere sbattuta al muro. Mi toccherà rimanere stretta nella morsa di questo capo che mi fa tanto mignotta, con le tette scoperte, messe bene in risalto dalla scollatura a cuore. Ma che peccato. Iniziare e non finire. Sfilo davanti al letto non distogliendo mai gli occhi dai tuoi se non per guardarti fra le cosce.
“Sono belli gli stivali, ti fanno più aggressiva.”
La tua voce calda mi arriva piena, in tutte le sue sfumature.
“Non era aggressiva che mi volevi? Lo sai che mi piace fare le cose bene.”
“Io voglio esattamente che tu faccia, niente più e niente meno, quello che mi hai detto di voler fare.”
Il frustino in pelle nera è già nelle mie mani, lo accarezzo lenta e mi avvicino a te lateralmente.
Tiro via l’elastico dai capelli, teneva su una coda fatta a mestiere, ma perché lasciarla se non la tirerai mentre mi scopi il culo?
Ti sfioro il petto con l’oggetto rigido e sottile che ieri mi sono ficcata in ogni buco, ti disegno cerchi immaginari intorno ai capezzoli, tu chiudi gli occhi rilassato.
Il rumore di quello che dovrebbe essere un carrello della biancheria, mi distrae pochi secondi dal tuo bellissimo corpo nudo.
Con le ginocchia sul letto, apro le gambe e mi siedo sui tuoi piedi, il frustino scende piano fino all’inguine e al tuo cazzo che mi svetta davanti turgido e vivo.
Se mi chinassi in avanti per ingoiarlo con ingordigia, mi allontaneresti? Non te lo chiedo perché sono certa che lo faresti.
Il collarino in pelle che porto alla gola è quello che mi regalasti e che tutti mi invidiano quando lo sfoggio innocentemente al polso facendo due giri.
Non ti muovi ma la mia irrequietezza è anche la tua, solo che sei così figlio di puttana che la nascondi ad arte e non la dai a vedere.
“Mettiti a pecora che devo frustarti il culo.”
Lo dico così, di getto, come se non ce la facessi più ad averlo in corpo e lo vomitassi.
Sono così bagnata che il perizoma fradicio è attaccato alla fica gonfia e grondante di umori. Come se mi fossi pisciata addosso, godo della sensazione umida e dell’odore del mio sesso.
Il tuo sguardo si accende d’improvviso regalandomi un fremito violento quando ti sento muovere intento a sfilare le gambe e a girarti di spalle.
A quattro zampe, con il culo insolente che mi offri senza alcuna esitazione.
Mi fa letteralmente impazzire lo spettacolo a cui assisto, cerco di mantenere il controllo ma la voglia mi assale.
Indietreggio un po’ per regolare il colpo, il frustino sbatte sulla tua carne, una volta, due volte, tre volte.
Il suono rimbomba fra le pareti della stanza e la tua impassibilità mi spinge a rincarare la dose.
Ti sento ansimare e il respiro profondo si confonde col mio.
La pelle è rossa, bruciante, mi fermo.
È una finta tregua, una falsa pace. Depongo le armi solo per avvicinare la bocca e leccarti, un sollievo più mio che tuo.
Questo mi è concesso, lo prevedevano i patti.
La lingua scivola sulla tua carne provata, arriva al buco del culo, ci gira intorno ma senza entrare.
Ti cerco la faccia per perdermi nel tuo sguardo eccitato, poi mi sollevo, i tacchi affondano nel materasso morbido.
Abbasso il perizoma e lenta scendo sulle ginocchia fino ad avvicinare la fica al tuo culo. Ce la struscio sopra, aperta, gonfia, pulsante.
Mi sento molle e divisa a metà dalla voglia di scopartelo e quella di farmelo scopare. Mi aggrappo ai tuoi fianchi, ti sbatto la fica sul culo. Spingo forte come se potessi entrarti dentro, le unghie affondano nella carne lasciando nuovi segni.
“Fattelo in mano, fammi vedere.”
Non mi rispondi, non cedi.
Immagino il tuo cazzo duro sborrarmi addosso, copiosamente, sporcandomi ogni centimetro di pelle.
“Fattelo in mano, dai sborrami addosso.”
Mi tocco la fica e le dita d’impeto entrano dentro. Ti sollevi, ti giri e mi guardi, rimani davanti a me, così, e lo fai dannatamente apposta. Il cazzo è duro, è grande, io sono bollente. La fica sbatte, risucchia le dita, ti vuole dentro.
Lo avevi detto “non succederà niente”.
Guardare e non toccare, fare solo quello che in un preciso istante ho detto di voler fare.
E a me non resta che venirmi in mano.

Questo racconto di è stato letto 2 3 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.