Puttana

Scritto da , il 2020-11-05, genere etero

“Puttana!”
Lo hai detto guardandomi negli occhi, quasi gridando, con il solito tono deciso, sicuro, mai titubante. Io non aspettavo altro che sentirtelo dire, guardarti in faccia e sentirlo una volta e poi ancora.
Lo hai detto appena ti sono piombata davanti, sui tacchi alti, nel vestito avvolgente e volgare di stretch nero. E mi rimbomba in testa ora, mi fa mancare l’aria, mi fa sorridere eccitata ogni lettera di questa fottuta parola che mi fa lo stesso fottuto effetto di sempre.
Ti ho di fronte, a un passo dal mio corpo bollente e il tuo sguardo addosso che penetra già ogni centimetro di questa carne, mi fa colare copiosamente.
La fica è gonfia, morbida, indecentemente fradicia. Pulsa senza ritegno stretta nell’intimo nero che ho scelto con cura e che ho messo prima di ogni altra cosa. Il perizoma, il filo nel culo, solo quello ho sotto.
Mi sento colta con le mani nel sacco, beccata in flagranza di reato, pronta ad ogni ammissione di colpa, senza alcuna difesa. L’espressione seria che alterni a uno splendido sorriso malizioso, mi attrae magneticamente tanto da non riuscire a distogliere lo sguardo dalla tua persona.
È che me lo leggi in faccia che voglio il tuo cazzo e subito, è una smania evidente, mai nascosta. Ad ogni passo che muovo nella tua direzione ti esprimo il mio desiderio con movenze sinuose e respiri spezzati in gola.
“Ma che puttana!”
Lo dici ancora. E io ancora fremo. Come se fosse futile qualsiasi altra affermazione, come se puttana racchiudesse in sette lettere tutte le provocazioni di questi giorni.
Mi piace quando te ne stai buono così, quando aspetti tranquillo non tradendo impazienza. Quando mi guardi avanzare e io avanzo lasciandomi alle spalle ogni briciolo di pudore.
Voglio godere con ogni fibra del mio essere e con tutto il mio essere, oggi, voglio farti godere.
“Teng tutt ‘a fessa ‘nvos”.
Ma già lo sai. Te lo dico lo stesso, anche adesso, sussurrandolo piano come faccio sempre, avvicinandomi alla parete dove sei poggiato, lentamente, per farti sentire il mio fiato caldo sul collo.
Ora sei qui, non al telefono. Ora sei qui non dietro a uno schermo. Ora me la puoi accarezzare, toccare. Puoi raccogliere i miei umori, annusarli, leccarli.
Te la metterei subito in bocca, in questa bocca insolente che stai aprendo solo per essere indecente.
E la apri ancora, cacci la lingua. La fai scivolare sull’orecchio, lo mordi, lo succhi mentre la tua mano audace risale la coscia fino alla fica fradicia. La penetri con un dito spostando prepotentemente la stoffa trasparente, l’altra mano sul culo spinge, stringe, solleva il vestito sui fianchi.
Il rumore della tua mano audace che sbatte sulla mia carne morbida mi riporta agli assoli di cui sempre sei spettatore. All’orgasmo di stamattina quando fremente pensavo già ad ora, a quello di ieri quando vogliosa avrei voluto solo fare l’amore, a quello di domani quando ancora eccitata mi darò piacere rivivendo oggi sulla pelle.
Il cazzo è duro, lo sento. Mi giro dandoti le spalle per sentirlo premere sul culo mentre frughi ancora fra le mie cosce. Sei vestito ma l’erezione preme e io mi ci struscio.
“Mettiti a pecora”.
Chiudo gli occhi per godere a pieno della tua voce.
È questo che adoro, sentirtelo dire. Fare ogni cosa, anche la più sporca, guidata dal suono ammaliante delle tue squallide parole.
Ti sento dietro, il mio corpo irrequieto aderisce ancora al tuo. Alzo di più il vestito, con le mani mi sposti di lato i capelli, la bocca è sul collo e scende fino alla spalla.
Cammini spingendomi in avanti, mi porti alla parete di fronte. Mi riproponi di nuovo il silenzio così che i miei respiri spezzati siano l’unico sottofondo.
Ti allontani quando sono faccia al muro. L’ho scritto io questo copione e a me tocca interpretarlo senza errori, da prima attrice.
Mi giro solo un istante per guardarti mentre dici ciò che so stai per dire, per fissare la bocca schiudersi e il volto accendersi. Ti abbassi i jeans e le mutande, impugni il cazzo e parli:
“Scopati il culo, dai, scopatelo forte.”
Indietreggio con la mano fissa alla parete, mi piego a novanta, a pecora, poi alzo una gamba. Le dita spostano il perizoma, trovano il buco stretto, lo penetrano, io gemo oscenamente.
Mi sei di nuovo dietro, mi afferri il polso per sfilare via le dita, me le metti in bocca e me le fai succhiare mentre il cazzo spinge per entrare. Mi sento stracciare la carne e mi piace, godo, godo mentre mi sbatti e fotti il culo. Vengo ansimando rumorosamente, le gambe cedono ma ti voglio ancora. Mi sei addosso, le spalle ora aderiscono alla parete. Mi metti la lingua in bocca, le mani scavano sotto al vestito arrivando ai capezzoli duri. Il cazzo si fa strada fra le cosce, ci scambiamo saliva ardente, mi sei sopra e spingo il bacino in avanti per prenderti tutto. Mi blocchi le mani, stai per parlare ancora.
“Che cosa sei tu!?”
“Una puttana.”
La tua.

Questo racconto di è stato letto 4 3 4 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.