Una famiglia originale 22 - Il marito è fuori casa e la famiglia incontra il parroco col suo giovane amante.

Scritto da , il 2020-05-10, genere incesti

Quel primo pomeriggio era iniziato avvolto da uno strano alone di inquieta attesa.

La mamma continuava a prendersi cura dell'apparato genitale della figlia che,fortunatamente,grazie alle sue cure ed alle pomate usate,pareva migliorare riducendo l'arrossamento e l'edema che interessava tutta la vulva e la corona dello sfintere anale.

La ragazza tuttavia,nonostante l'infiammazione,pareva non riuscire a controllare l'eccitazione che le scuoteva il corpo e le faceva indurire i capezzoli e lacrimare senza sosta le pareti uterine sino a bagnarle le grandi labbra.

La mamma per contro,mentre si prendeva cura della figlia,doveva difendersi dai continui assalti del figlio che cercava di montarla o farsi succhiare il cazzo.

L'ambiente aveva un non so che di cinofilo con il ragazzo che,come un cane arrapato le ronzava intorno col membro duro tra le mani e lei,come una cagna,costretta a respingere i suoi tentativi di accoppiamento.

Naturalmente,anche lei,come la femmina in calore di un cane,aveva le sue voglie e tra un intervallo e l'altro nella cura della figlia gravida,gli si era cocessa più di una volta quel pomeriggio e durante la notte.

In un certo senso,lei si concedeva volentieri in quanto,come era già successo,in mancanza di un suo assenso,il ragazzo afferrava la testa della sorella e la chiavava in bocca lasciandola senza respiro sino alla sborrata finale.

-Sei il solito animale!-

Lo sgridava la mamma in quei momenti.

Le verità era che anche la sorella,nei momenti in cui la mamma la spalmava di crema,non riusciva a trattenere il godimento per quei massaggi e ansimando,ricordava quanto avesse goduto con quel maschione e quanto grosso e duro fosse il suo cazzo.

Tutti quei minuti e quelle ore erano trascorsi come nel gioco dell'oca in cui,a momenti di tensione e poi relax,si tornava indietro ed il gioco riprendeva come prima coi tre protagonisti,preda dei loro stessi sensi.

Al mattino,quando al risveglio delle donne,il padre prima di uscire per andare al lavoro,aveva portato il caffé al lettone dove giacevano assonnte la moglie e la figlia,la ragazza,evidentemente in via di guarigione,era saltata sul letto e scoprendosi dal lenzuolo,aveva allargato le cosce e,mostrando la fica al padre gli aveva chiesto:

-Guarda papà...guarda anche tu,non mi sento più il bruciore di ieri....mi sembra di essere guarita.

Cosa ti sembra è vero papà che sono guarita?Dimmi che è vero papà...dimmelo!-

Il padre dopo aver inforcato gli occhiali ed essersi avvicinato col viso al sesso della fglia aveva confermato che non era più gonfia e arrossata come il giorno prima.

Poi,chinandosi su di lei,le aveva allargato la fica con le dita e vi aveva incuneato la lingua sin oltre le piccole labbra.

Subito si era ritratto e con l'espressione disgustata,si era girato ed aveva sputato a terra.

-Che schifo!-

Aveva gridato mentre sputacchiava.

-Che schifo...ma che cosa ci avete messo dentro?-

-E' la pomata max!

E' la pomata medicante!

Come credi sennò che sarebbe potuta guarire in così poco tempo?!

Lo so,ti capisco,fa veramente schifo,l'avevo provata anch'io ieri e confermo che davvero è disgustosa.

Vieni quà amore,dai una leccatina alla mia passera profumata che ti passa quel veleno e il mio sapore ti accompagnerà per tutto il giorno.-

Il marito diligentemente,l'aveva leccata sino all'orgasmo e poi mentre stava per uscire,era arrivato il figlio che gli aveva detto:

-Grazie papà,grazie per avermela preparata.-

Il ragazzo col cazzo già duro in mano,si stava fionadando sulla mamma quando lei:

-Aspetta...aspetta porcello che non ho ancora finito di parlare con tuo padre:

-Ascolta Max,come sai,stasera vengono a cena da noi il parroco e il suo amico......sai di chi parlo? Quello che ha conciato così nostra figlia.

Per quella occasione,siamo tutti eccitati e non so come andrà a finire.

Per evitare spiacevoli situazioni imbarazzanti soprattutto per la presenza del prete,non potresti trascorrere questa notte fuori casa?-

-Va bene!-

Aveva risposto l'uomo baciando la figlia sulla bocca col sapore della madre sulle labbra,prima di uscire.

A quel punto il ragazzo non avendo più ostacoli tra se e la mamma,le si era sdraiato addosso e l'aveva chiavata ancora alla missionaria.

Da quel momento,sia la mamma che la sorella,avevano imposto un imperativa astinenza sino alla sera.

Anche la ragazza,per evitare di cadera in tentazione,le ultime medicazioni se l'era spalmate lei stessa sulle parti intime oramai in via di completa guarigione.

Anche la crema idratante sul pancione e sui seni se l'era messa lei.

Già nel pomeriggio,dopo aver finito di cucinare la cena,avevano dato inizio ai preparativi per accogliere gli ospiti nel migliore dei modi.

Tutti e tre avevano fatto un profondo clistere a base di erbe aromatiche emollienti poi,mentre le donne si preparavano curando la depilazione delle parti intime,i capelli,il trucco e la scelta degli abiti da indossare,il ragazzo era tornato in camera per cercare di studiare nonostante l'eccitazione che non l'abbandonava e che gli fremeva in corpo.

Alle otto in punto,come concordato,era squillato il citofono.

Il ragazzo era nella sua camera mentre la mamma era impegnata con gli ultimi ritocchi sul tavolo da pranzo.

Ad aprire era andata la ragazza che indossava una larga gonna abbondantemente sopra al ginocchio.

Una corta blusa di seta rossa generosamente scollata sul seno e sulla schiena,lasciava intravvedere il reggipetto in pizzo nero e la pancia con l'ombelico sporgente come una piccola susina incastonata sulla procace forma dalla pelle bianca.

I sandali di vernice rossa dal tacco vertiginoso,slanciavano più del solito l'eccitante ed armonica figura della futura mamma mostrando al tempo stesso le affusolate dita dei piedi con le unghie laccate di fuoco.

A quella vista,gli occhi dell'uomo elegantemente vestito di lino ecrù,avevano brillato lampi di lussuria.

Ache il prete nella sua elegante tonaca nera,appariva meno repellente di come lo ricordava.

Aveva i capelli brizzolati tirati indietro leggermente impomatati di gel.

Piccoli occhiali tondi color verde mela,gli conferivano un'aria vagamente giovanile,certamente sbarazzine e meno impegnativa del suo ruolo ufficiale.

Indossava persino un lezioso orecchino tanto per sottolineare che quella visita informale non era dovuta al suo ruolo di parroco.

-Buona sera!-

Aveva esordito la ragazza afferrando contemporaneamente le mani dell'uomo in lino e del prete.

Con un gesto forse istintivo,li aveva tirati a se ricevendone come saluto,un bacio su entrambe le guance.

Il profumo di maschio che emanava dall'uomo in lino,l'aveva subito inebriata facendola bagnare.

-Mamma,c'è don Santino con Fulvio.-

Aveva gridato la ragazza mentre invitava i due a sedersi in salotto.

Dopo un po,era giunta la mamma che indossava un chiaro camicione in seta stretto in vita che non lasciava il benché minimo spazio all'immaginazione sul contenuto fluttuante di quel pacchetto infiocchettato.

Dopo i saluti,si era dedicata lei stessa alla preparazione dell'aperitivo.

Mentre sorseggiavano il loro bicchiere conversando del tempo e dei tempi(si fa sempre così per rompere il ghiaccio)era arrivato il figlio che prima di sedersi aveva consegnato alla mamma il suo smart phone.

Col telefonino in mano la donna si era seduta accanto al prete.

-Don Santino....io non so che cosa mi dirà questa sera,ma in famiglia abbiamo deciso che non è giusto usare nei suoi confronti questo strumento di ricatto.

Ecco,voglio che tu mi veda coi tuoi stessi occhi mentre cancello tutto quello che abbiamo registrato in quel posto quella sera e quando sono venuta nel tuo confessionale.-

Il prete,visibilmente commosso per ciò che gli stava avvenendo,le si era inginocchiato davanti e le aveva baciato le mani.

-Su...su....don Santino,non è proprio il caso che tu mi ossequi per una scelta che libera la mia coscienza da un gesto ignobile dettato solo dalla mia paura.

Per fortuna c'è mia figlia,giovane,disinibita,per niente ipocrita e senza le mie paure che ci ha guidati in questa difficile,ma giusta scelta.

Ora alzati e parlaci di te....raccontaci la tua storia!-

segue

Questo racconto di è stato letto 4 9 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.