Frenesia Estiva

Scritto da , il 2020-04-23, genere etero

Farnetico oggi, più del normale, ho voglia di mare, di sole, di estate!
Di corpi nudi vestiti solo di indecenza, di pelle sudata, bagnata, salata. Di baci appassionati come quelli a cui siamo abituati, di mani addosso che non ci siamo mai negati.
Ho voglia di fare l’amore, di notte, in spiaggia, sulla sabbia umida e fredda.
Ho voglia di istigarti, provocarti, ammaliarti.
Di agire con tutta la malizia di cui sono capace e tentare ogni strada, anche la più complicata, sfruttando le arti della più scorretta seduzione e le doti esperte della più esigente amante.
Ho voglia di leggerezza, di momenti rubati, di frasi non dette e di pensieri malati. Di occhi negli occhi a parlare di sguardi senza farsi domande ne a se stessi ne all’altro. Ho voglia di respiri affannati, di insaziabili baci, di voci rotte da un desiderio bruciante, di mani capaci.
Ho voglia di rompere questo silenzio assordante con frasi sporche e volgari e col suono incessante di ripetuti orgasmi.
Per questo mi tocco, per questo mi spoglio. Mi giro e rigiro sul letto eccitata, con la testa altrove e le manI fra le cosce.
Il letto non è più letto e la stanza non è più stanza, il soffitto è diventato cielo e la fica pulsa alla sola idea di ciò che mi passa per la testa.
Appena posso ti darò appuntamento e non potrai rifiutare, ti aspetterò sorridendo e ti guarderò arrivare.
Sarò impaziente ed inquieta, come ora, e quando mi sarai davanti, ti butterò le braccia al collo ispirando il tuo odore. Avrò una minigonna e presa da questa stessa foga, allargherò le cosce perché tu possa mettermi una mano nelle mutande fradicie e le dita nella fica subito, senza aspettare.
Non sarò nuda come adesso, avrò una canotta di seta e sarò senza reggiseno, la brezza marina mi indurirà così tanto i capezzoli che ti verrà voglia di succhiarli ancora prima di spogliarmi. Mi struscerò sul cazzo che turgido spingerà contro la stoffa leggera dei tuoi pantaloni di lino, mi piace quando non hai i jeans perché posso godere appieno dell’erezione. Lo sentirò tutto, grande e duro e con le mani sul culo ti terrò stretto a me. Ti girerò intorno irrequieta e i miei capelli, mossi dal debole vento, ti accarezzeranno il viso quasi graffiandolo. Saremo illuminati solo dalla luna piena, le luci fredde degli stabilimenti balneari saranno solo puntini piccoli in lontananza.
Sarà buio proprio come ora è buio qui.
Sarà una notte calda, di un caldo appiccicoso, le barche dondoleranno appena sulla distesa di acqua scura, tu siederai a riva e incrocerai le braccia aspettando che io faccia. E allora ballerò, mi muoverò sinuosa, leggiadra e spensierata in una danza sensuale a te riservata. Mi avvicinerò alla tua faccia, mi toccherai le gambe, avrò la pelle d’oca e fremerò al solo contatto. Il tuo sguardo mi farà sentire molle, mi tirerai giù, a cavalcioni su di te, mi morderai il collo e con le mani sotto alla gonna risalirai la carne fino ad arrivare al culo. Lo toccherai, lo stringerai, ne accarezzerai il buco stretto e alzerò il bacino lentamente quando sentirò il tuo dito entrare. Gemerò sentendoti dentro, ti chiederò di spingere e accompagnerò i movimenti. Ti infilerò la lingua in bocca e assisterò al mio spettacolo preferito quando ti allontanerò da me con decisione per guardare i rivoli di saliva passare dalla tua bocca alla mia e colare giù sulla pelle troppo bianca anche se è estate.
Le tette calde spingeranno sul tuo petto, ti aprirò la camicia bottone dopo bottone con una lentezza estenuante. Gli occhi saranno fissi su di te e ti terrò testa sempre anche se preda di un eccitazione folle, non distoglierò mai lo sguardo dal tuo per non perdere niente, neanche il tuo ghigno. Affonderò il naso nella tua pelle, ti leccherò fino ad arrivare all’orecchio, ti sussurrerò piano che ti voglio, che sei dannatamente sexy, che mi sei mancato, cazzo, mi sei mancato. Il respiro si farà più intenso, la voce sarà più calda, la lingua più insistente, le unghie nella carne.
“Voglio il tuo cazzo..”
Ti dirò ansimando e tu mi scosterai di scatto, mi spingerai a terra, con la schiena sulla sabbia, sussulterò nel percepirla fredda e bagnata, mi monterai sopra, ti prenderai gioco di me facendomi sentire il tuo peso addosso. Avvicinerai la bocca alla mia per poi negarmela, mi afferrerai i polsi e mi alzerai le braccia strusciandole sulla sabbia. La canotta si alzerà scoprendomi la pancia, il mio corpo, sovrastato dal tuo, sarà attraversato in ogni dove da potenti brividi. Alzerò gli occhi al cielo che sarà pieno di stelle, il mio volto sarà illuminato dallo stesso desiderio che mi inchioda su questo letto oggi. Ti alzerai, mi prenderai le mani, mi guiderai fino a una cabina, lasceremo le scarpe lì dove le abbiamo tolte. Le mie spalle sporche di sabbia aderiranno al legno di quello che sembra lo spogliatoio di un lido, mi alzerai la gonna sui fianchi e affonderai il naso fra le tette. Le morderai violentemente mentre veloce libererai il cazzo per mettermelo dentro. Ti spingerò a me per la nuca e ti sussurrerò in bocca parole che si spezzeranno in gola.
“Scopami..si scopami!”
Mi tapperai la bocca e mi verrà più voglia di alzare la voce, annuserò il mio odore sulle tue dita sporche di umori, mi sbatterai forte imponendo il tuo corpo sul mio, mi afferrerai una coscia e l’allargherai a tuo piacimento.
“Zitta che ci sentono, ci sarà un guardiano qui.”
E più premerai forte la mano sulla mia bocca, più mi ecciterò, più cercherò di parlare più mi fotterai senza pudore,
Il pensiero di qualcuno nei dintorni mi farà sentire sporca, inarcherò la schiena nella frenesia di prenderti tutto ma i tuoi colpi decisi mi rimetteranno al mio posto.
Godrò della tua espressione accesa dall’eccitazione, del tuo viso stravolto ma sempre bello, ti guarderò ancora e mi abbandonerò al piacere che sentirò arrivare. Avvicinerai la faccia alla mia, mi parlerai in bocca.
“Fammi sentire come godi.”
Oh si e te lo farò sentire.
Respireremo forte e ansimando e gemendo, mi sentirai venire, come ora. Oh si, come ora.
Farai dei passi indietro e impugnerai il cazzo, mi inginocchierò aspettando il tuo seme caldo. Esploderai nel tuo orgasmo e mi schizzerai addosso, lo raccoglierò con le dita e lo leccherò investita da un nuovo fremito.
Andremo a riprendere le scarpe, guardando le stelle e ascoltando il mare. Avrò caldo e freddo, fame e sete.
Sorriderò ancora e senza mai fiatare anche se già lo so che mi assalirà la voglia di parlare.

Questo racconto di è stato letto 2 5 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.