Una famiglia originale 14 - Il prete sodomizzato mentre scopava la mamma.

Scritto da , il 2020-04-30, genere incesti

Incurante del fatto che la sorella e l'amica si davano da fare con ogni pertugio per avere e dare piacere ai numerosi maschi che si accalcavano intorno ai loro corpi già madidi di sudore e di sperma,il ragazzo dopo aver scelto una posizione strategica sul bordo del letto e dopo aver regolato lo smart phone per le riprese al buio,cercando di non essere notato,aveva cominciato a registrare quello che accadeva tra il prete e la sua mamma.

Il ragazzo ricordava bene la figura di quel sacerdote che incontrava quando frequentava la parrocchia per via dei numerosi giochi che vi poteva trovare oltre al campo di calcetto.

Sotto quella lunga tonaca nera,nascondeva un corpo obeso mentre il viso grassoccio col naso camuso e le labbra sottili,gli conferivano un non so che di laido.

La bassa statura con tutti gli arti sproporzionati,non contribuiva certo a migliorarne la figura.

La voce bassa con la sua cadenza a giaculatoria,ne completava l'essere poco rassicurante.

Alla mamma quel nuovo arrivato non piaceva e aveva smesso di frequentare quella parrocchia dopo poche settimane dal suo insediamento e da allora aveva smesso definitivamente di frequentare la chiesa ed anche le sue amiche di fede.

Vedere quel prete completamente nudo mentre cercava di farsi succhiare il cazzo dalla mamma aveva un non so che di paretico e disgustoso.

Senza la protettiva corazza della tonaca,quel corpo flaccido appariva ripugnante con i seni grassi e cadenti e la pancia che lo circondava come fosse un salvagente mezzo sgonfio.

Il cazzetto lungo e sottile era del tutto simile ad un wurstel,privo del prepuzio e senza nessun cenno del glande.

Il tutto appariva di un rosso livido senza la benché minima presenza di quelle vene che rendono virile l'attributo del maschio.

Un vero wurstel al peperoncino,lungo,di un colore rosso sanguigno e turgido al punto che pareva fuoruscire come se vi fosse infilato,da un enorme scroto ricoperto da lunghi peli grigi e neri.

Era veramente impressionante vedere quel bulbo peloso gonfio e molle come un frutto che sta andando a male.

"Chissà cosa c'è dentro quella sacca schifosa."

Si chiedeva tra se e se il ragazzo e poi:

"Come farà la mamma a prendere in bocca quel cazzetto informe....non le fa schifo?!"

Comunque,cercava di non distrarsi dalla scena attardandosi anche su alcune parti di quel corpo particolarmante repellenti come la pancia appunto e le natiche che ballavano come masse di lardo.

Le uniche distrazioni da quelle orribili scene erano le attenzioni che dedicava alla sorella per evitere spicevoli sorprese senza i suoi preservativi.

D'un tratto la mamma,con un movimento della mano lo aveva discostato offrendogli la fica aperta appena lasciata libera da un maschio che le aveva goduto dentro.

Con un sapiente gesto della mano,la mamma si era coperta il volto con i capelli accogliendo quel suo cosino dentro di se che,scivolosa per lo sperma che ancora aveva dentro,non poteva assolutamente sentire.

Il prete,mentre grufolando come un maiale cercava un impossibile contatto con le pareti vaginali della mamma,era accaduto l'impensabile.

Mentre lui era appoggiato con tutto il suo peso sul corpo della mamma,da dietro un giovane,indifferente a quello che stavano facendo la sorella di Andrea e la loro nuova amica,esibendo un cazzo enorme,gli si era inginocchiato dietro ed in un solo colpo,l'aveva penetrato nel culo.

Poi,afferrando come manubri,le masse di lardo che gli pendevano sui fianchi,aveva cominciato a martellarlo con affondi violentissimi.

A quel punto,a tutti gli effetti era lui che coi suoi movimenti stava inculando il prete e contemporaneamente chiavava la mamma masturbandole la clitoride coi riculi della pancia del prete.

Il giovane stallone sbuffava come una locomotiva mentre,la sua vittima inculata senza pietà,starnazzava come una gallina alla quale stanno tirando il collo.

Il maschio montatore pareva instancabile nella sua devastante opera e si era lasciato andare solo dopo che il prete,con la voce di un castrato aveva sibilato "Vengo....godo...godo..."

A quel punto il giovane grugnendo come una bestia,gli aveva stretto il lardo come in una morsa e schiantandosi in lui gli aveva rimpito il retto di sborra.

Mentre il prete con l'aria soddisfatta di chi aveva compiuto il suo dovere si sfilava dalla mamma,lei scostando i capelli e mostrandogli il volto,con un ghigno ironico gli aveva detto:

-Grazie padre!-

A quella rivelazione,l'uomo era sbiancato in volto e dal precario equilibrio della sua postura,era stramazzato di schianto.

Il ragazzo che l'aveva montato,si era subito prodigato per farlo rinvenire con una spugnetta imbevuta d'acqua mentre dal suo culo fuoruscivano rivoli di sperma che macchiavano tutto il materasso.

Quando,seduto sul bordo del lettone pareva essersi ripreso,la ragazza ed il fratello ponendosi davanti a lui lo avevano salutato all'unisono:

-Buona sera don Santino!-

Alla vista della ragazza nuda coperta di sperma e del fratello anche lui nudo e col cellulare in mano,era sbiancato ed aveva cominciato a tremare.....avrebbe voluto morire.

In quel momento la mamma,inginocchiandosi dietro di lui,lo aveva abbracciato ed accostando la bocca al suo orecchio gli aveva bisbigliato:

-Tranquillo padre...siamo tutti sulla stessa barca...siamo tutti peccatori.-

segue

Questo racconto di è stato letto 5 4 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.