Il corriere Marocchino

Scritto da , il 2020-04-28, genere gay

In tempi di corona virus,mi faccio consegnare molta della mia spesa a casa mia. Non abito in paese ma in campagna,quindi i corrieri devono fare un bel giro per consegnarmi.
Ieri aspettavo la merce,era in contrassegno e quindi non potevo farla lasciare a qualcuno, mi chiama l’autista per avvisarmi e per chiedermi la strada per arrivare,gli descrivo perfettamente il mio indirizzo ma poi decido di andare incontro a lui con la bicicletta, dopo 1 km incrocio il grande camion e chiedo di seguirmi.
Era un nord Africano,un bel tipo,anche se aveva la mascherina avevo capito che dove essere Marocchino! Scarica la merce e lo pago,poi scambiamo due parole,spiego al Nord Africano la strada migliore per riprendere l’autostrada,poi mentre parliamo,noto che in mezzo alle gambe aveva un bel pacco....... gli chiedo se volesse entrare in casa a bere qualcosa, l’uomo accetta il mio invito ,visto
L’ora di pranzo,gli chiedo se gradiva du spaghetti..... ok,se non è maiale,visto che sei l’ultima consegna accetto volentieri!
Va in bagno a lavarsi le mani e io preparo la tavola, è molto carino e simpatico e dopo in piatto di spaghetti e mezza bottiglia di Ansonica il Marocchino era mezzo brillo..... prendiamo il caffè seduti in divano e parliamo, lui è sposato ma non vede la moglie da mesi,quindi aveva una gran voglia......scherzando gli chiedo se magari un pompino se lo poteva far fare ,nelle piazzole in autostrada è pieno di uomini che aspettano un cazzo da succhiare! Lui ride e confessa che una volta si era fatto fare una pompa da un uomo..... ti è piaciuto? Si abbastanza,mi risponde quasi vergognandosi .
Chissà che cazzo devi avere! Dicono che voi siete ben dotati......
Io non mi lamento,sono circonciso come tutti gli Africani, e toccandosi il pacco, mi dice che è meglio cambiare argomento perché sta avendo una erezione!!!
Ma dai! Ti ho fatto eccitare con i miei discorsi ?
Dai tiralo fuori che ti mando via svuotato......
Il Marocchino si apre la cerniera dei pantaloni e mi sbatte davanti un cazzo da spavento....... aveva un odore di piscio forte, ma riuscì a prenderlo in bocca mandandolo fino alle
Tonsille, lui godeva e e mi scopava l lo a bocca tenendomi la testa, ma sentivo che cercava di abbassare i pantaloni e il mio culetto. In un attimo ero sul tappeto per terra a pecorina, il Marocchino mi spacco il culo ormai stretto e a digiuno dai mesi di quarantena! Ci sapeva proprio fare,non godevo così da tempo. Era giunto il momento della partenza,mi saluto con un bacio appassionato e con la promessa di venire a trovarmi.

Questo racconto di è stato letto 8 8 0 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.