Ragazza d’alto bordo

Scritto da , il 2020-04-03, genere sentimentali

Marcello parcheggiò l’auto a poca distanza dal piccolo porto dove stava ormeggiato placido e candido un Sealine F33.
Renata scese e si diresse verso il baule della macchina per prendere le borse della spesa e il trolley, subito imitata dall’uomo che prelevò il bagaglio rimanente. Percorsero in silenzio il pontile che conduceva al natante e poi, tolta la copertura di protezione, salirono a bordo.
“Finché mollo gli ormeggi, metti in frigo tutto il cibo fresco. Il resto della spesa può stare dentro la dispensa. Quando hai finito, dovresti trovare un paio di lenzuola pulite nella cabina letto: preparalo e poi sali a tenermi compagnia”.
La donna non disse nulla e iniziò a sbrigare i compiti assegnati. Stava facendo il letto quando udì il borbottio dei due motori diesel che iniziavano ad avviarsi. Arrivò sulla cabina di pilotaggio quando il cabinato aveva già lasciato alle spalle il piccolo porto di Jesolo e la prua era già puntata alla costa orientale dell’Adriatico.
“Visto che fa caldo, da questo momento e fintanto la temperatura non scenderà sotto i venticinque gradi, girerai nuda e sarai sempre disponibile a fare quanto ti chiederò. Comincia subito a toglierti i vestiti. Se casualmente incrociamo altre imbarcazioni, dovrai andare a prua a prendere il sole distesa o, meglio ancora, in piedi, tenendoti aggrappato al corrimano di protezione”.
Renata rimase un po’ interdetta dal tono autoritario con cui le parlava Marcello, ma non si oppose. Sfilò la maglietta e i pantaloncini, sganciò il reggiseno e sfilò gli slip. Lanciò tutti gli indumenti sottocoperta e camminò tenendosi sul corrimano fino a stagliarsi in piedi a gambe divaricate davanti al parabrezza, con le mani provocatoriamente appoggiate ai fianchi. Stava rappresentando spudoratamente la classica icona del “guardami quanto sono bella”.
Marcello aprì la bocca per la sorpresa nell’ammirare l’immagine di femminile sensualità che riempiva la sua visuale.
Renata aveva un viso da bambina perennemente imbronciata. I suoi capelli castani chiari cadevano leggermente mossi fino alle spalle. I suoi occhi erano grandi ed emanavano lampi turchesi. La sua bocca era carnosa e spesso rimaneva leggermente aperta, come se dovesse sempre succhiare un dito, un gelato, mangiare una banana o…altro. Scacciò momentaneamente il pensiero lascivo di presentare quella rubiconda, meravigliosa, lasciva bocca al suo pene e proseguì nell’osservare il corpo della giovane ventottenne. I seni erano strabilianti. Grossi e sodi come pure i suoi glutei. Le gambe muscolose emanavano potenza e carattere; promettevano memorabili incontri a letto, ma soprattutto fuori di esso; assicuravano la necessaria forza per attuare una numerosa varietà di posizioni. Il ventre e i fianchi erano pieni e morbidi ed emanavano una sensualità orientaleggiante.
Bloccò il timone, rallentò la velocità e raggiunse la donna al di là del vetro. Aveva notato che lungo la rotta avrebbe incrociato un paio di altri natanti e volle volutamente esibire il suo potere.
“Adesso mi tolgo la camicia e i pantaloncini e rimarrò in boxer. Quando saremo a duecento metri da quella barca, ti dirò di inginocchiarti e tu mi regalerai un appassionato pompino”.
Renata si girò e vide che avrebbero incrociato un cabinato, che però era fermo, e una barca a vela che si stava dirigendo verso la costa.
Marcello le diede l’ordine e Renata non si curò di verificare se qualcuno li stesse già osservando. Si inginocchiò tenendo le gambe aperte e fece sgusciare il membro già duro del suo amante. Non appena lo vide, il suo sguardo si accese per la sorpresa. Non avrebbe mai pensato che un uomo di oltre cinquant’anni possedesse un organo così ben formato e duro. Lo aspirò in bocca mentre con le mani gli soppesava lo scroto. I testicoli erano gonfi e la pelle del sacco era stata accuratamente depilata da poco.
“Ho voluto che le palle fossero lisce perché adoro sentire la saliva che mi rinfresca lì, in basso”.
Marcello vide che le donne che stavano prendendo il sole in topless sul motoscafo a sinistra si erano poste a sedere e ammiravano lo spettacolo inconsueto della giovane donna che praticava la fellatio a un uomo avente l’età di suo padre.
Sicuramente i riprovevoli commenti delle signore erano in netto contrasto con quello dei consorti che, richiamati dalle mogli, espressero il loro entusiasmo con giubilo e grida di incoraggiamento.
Renata udì il chiasso che proveniva dalla barca, ma non per questo smise di leccare e succhiare l’asta esuberante di Marcello.
Quando si avvicinò la barca a vela a dritta del Sealine, gli occupanti erano già in piedi per capire i motivi di tanto entusiasmo da parte del motoscafo che stava solamente galleggiando.
Il timoniere virò per vedere meglio quanto succedeva e Marcello, al colmo dell’eccitazione, non si trattenne dallo spruzzare il proprio seme sulla faccia di Renata, mentre dalla barca si levavano fischi di ammirazione e inviti alla donna a salire a bordo e a fare altrettanto a tutti i passeggeri.
La giovane si alzò, gocciolando sperma dal mento e si diresse a prendere una salvietta umida per ripulirsi. Il motoscafo intanto sgusciò via dalla coppia di imbarcazioni e puntò solitario verso la Croazia.
L’uomo raggiunse Renata mentre si detergeva i seni e la baciò sulla punta delle labbra. Nei suoi occhi c’era freddezza e riprovazione.
Marcello allora raggiunse il posto di guida e lasciò che la donna si stendesse a prendere il sole. Frugò nel borsone sportivo che aveva con sé, prese un flacone di crema solare e si avvicinò alla donna.
Renata sollevò il viso quando sentì i passi avvicinarsi e apprezzò la premura con cui Marcello spremette la crema sulle spalle e la spalmò con delicatezza. Si meravigliò che avesse dedicato lo stesso tempo impiegato per la schiena per proteggere il suo sedere e le gambe. L’uomo poi le chiese con dolcezza di girarsi a pancia in su. Fece uscire il fluido denso dal tubetto e lo distribuì uniformemente sui seni. La giovane ancora una volta si stupì per la totale assenza di malizia in quel gesto. L’uomo non rimase un secondo più del necessario a proteggere la sua pelle. Concluse la sua opera sul ventre e sulle gambe, la baciò sulle labbra e le disse che poteva rimettersi nella posizione che più le piaceva.
Renata volle prendersi una piccola rivincita. Si mise supina con la testa verso la prua e con il sesso rivolto alla cabina di guida. Allargò spudoratamente le gambe e iniziò a toccarsi, gemendo dapprima sommessamente e poi sempre più intensamente.
Marcello stava con le mani sul timone e poté solo godersi lo spettacolo. Il suo membro, nonostante la recente chiamata al servizio, si indurì nuovamente. La voglia di provocare emerse prepotente quando Renata si appoggiò sul gomito sinistro e con il medio destro rimestò platealmente il proprio sesso. Tolse il dito intriso dei suoi umori e lo succhiò come fosse un ghiacciolo. Ripeté la scena per altre due volte e poi roteò vorticosamente le dita su clitoride e labbra fissando negli occhi il suo amante, mentre urlava al mare sconfinato la sua autonomia nel godere.
L’uomo contemplò le sue labbra dischiuse, riarse dal caldo e dalla iperventilazione indotta dall’orgasmo e, bloccato nuovamente il timone, prese una bottiglia di acqua fresca e si avvicinò alla divina creatura.
Renata rimase interdetta e accettò volentieri di dissetarsi. Indugiò con lo sguardo sul corpo atletico di Marcello. Oltre al cazzo di buone fattezze, notò la solidità delle gambe e dei muscoli pettorali. Benché non potesse mostrare una tartaruga definita sugli addominali, la buona forma lasciava intuire che sotto il ventre c’erano muscoli allenati e non la flaccidezza tipica degli uomini maturi.
La brillantezza intellettuale non era male e anche negli spostamenti c’era qualcosa di felino che guidava le movenze dell’uomo. Appoggiata su entrambi i gomiti, lo guardò con interesse mentre raggiunse nuovamente il posto di guida.
Rimase al sole per circa un’ora, si alzò e volle poi stare accanto al compagno di viaggio.
“Come va, finora?” le chiese.
“A parte l’esibizione di mascolino potere che mi hai fatto subire, bene”
“Era un’occasione irresistibile e non ho voluto perderla” si giustificò.
“Capisco benissimo che il tuo ego ne abbia avuto un gran giovamento. Per fortuna ho la scorza dura e riesco a sopportare bene certe situazioni che molte ritengono inappropriate per una donna o addirittura imbarazzanti al punto da far perdere loro la stima nel loro partner”.
Marcello tacque e le appoggiò una mano sul fianco, accarezzandola dolcemente.
Il silenzio calò sulla coppia e ciascuno rimase con i suoi pensieri, con lo sguardo a rimirare il blu del cielo che andava a congiungersi con quello del mare.
“Tieni tu il timone mentre scendo sottocoperta” disse Marcello. Renata, un po’ sorpresa di aver ricevuto questa forma di fiducia, prese la ruota tra le mani e provò a muoverla per sentire le reazioni della barca.
“Divertiti se vuoi, ma ricorda sempre di tenere la bussola posizionata stabilmente a Est” le gridò da sotto.
Passò quasi una mezz’ora quando Marcello riemerse, appoggiando entrambe le mani sul sedere tondo della donna. “Blocchiamo il timone, aumento il volume sonoro del radar e mettiamo i motori al minimo. Abbiamo tutto il tempo che ci serve per cenare. Scendi con me”. La donna ubbidì ed entrò nella confortevole cabina pranzo.
Renata rimase senza parole. Il tavolo era preparato con cura e gran classe. Al centro della tovaglia bianca troneggiava un vaso di vetro con tanto di rosa rossa. Ciascun piatto aveva un sottopiatto e un set completo di posate. Un tris di bicchieri completava la dotazione mentre su un piccolo carrello stazionava un secchiello d’argento con una bottiglia di Franciacorta immersa nel ghiaccio.
La donna confessò il proprio imbarazzo a essere nuda di fronte a tanta raffinatezza, ma Marcello la rincuorò. Adagiò un asciugamano su entrambi i sedili e servì l’antipasto a base di gamberetti in salsa rosa. La cena proseguì con vari assaggi di salmone e pesce spada affumicato, alici marinate e tartare di tonno. Il vino era buonissimo e la giovane donna si trovò suo malgrado nella sensazione paradisiaca di essere al centro del mondo. La conversazione non languì mai: entrambi approfittarono dell’isolamento per confidarsi l’una con l’altro.
Quando Marcello propose di preparare il caffè, Renata si alzò e gli si pose dietro. Gli leccò la spina dorsale fino all’attaccatura delle natiche e poi lo invitò a girarsi verso di lei. Gli prese in bocca il pene già mezzo gonfio e lo omaggiò di una fellatio appassionata. L’uomo si sorprese, ma non troppo. Indipendentemente dai motivi che avevano portato la coppia a mettersi assieme durante la traversata dell’alto Adriatico, il suo atteggiamento era stato recepito da lei nella sua forma corretta. Lui non voleva sminuire quella donna né trattarla male. Lei percepì quest’aura di attenzioni e istintivamente volle restituirgliele, offrendogli quello che sapeva fare meglio. Fu così che in breve si trovò con il sesso duro e costretto a sedersi per non farsi tradire dalle gambe tremolanti di eccitazione. Quando si fu accomodato, Renata gli salì sopra e si impalò con un sospiro sonoro di soddisfazione.
Ora poteva finalmente dare il suo corpo e ricevere il piacere di sentirsi femmina. Appoggiò le sue mani sulle spalle di Marcello e mosse i fianchi su e giù, roteandoli, danzando agilmente e sensualmente sul piolo che il suo corpo sembrava aver eletto come fulcro del proprio universo. Lo guardò negli occhi per cogliervi ogni minimo segnale. Renata voleva leggere la mente dell’uomo attraverso le pupille. Lo stava scopando e voleva togliersi la soddisfazione di vederlo implorare “basta”. L’uomo però sembrava desiderare che fosse lei a prendersi finalmente il piacere dalla congiunzione dei loro corpi. Il balletto andò avanti per svariati minuti e l’impegno fisico di Renata si esternò nella comparsa di piccole perle di sudore sulla fronte e tra i seni. L’uomo sorrideva sornione. Era passato parecchio tempo da quando un uomo le era resistito così a lungo e si trattava di un avvenente trentenne dal fisico palestrato e inaspettatamente dotato anche di cervello. I suoi seni erano massaggiati con delicatezza da Marcello e ogni tanto le arrivava una scintilla di eccitazione quando i suoi capezzoli venivano strizzati con decisione. La donna continuò a muoversi con l’energia e la sensualità che solo la passione sincera può scatenare e non tratteneva le sue espressioni vocali a commento del piacere che stava provando.
Poi accade un fatto inatteso.
Marcello accostò il viso ai suoi seni e succhiò i capezzoli, mordicchiandoli, mentre con le dita percorreva la schiena di Renata dalla nuca fino al sedere. La donna rimase colpita dal fatto che l’uomo la leccò anche tra i seni luccicanti di sudore e le soffiò sopra per raffreddarle la pelle. Quando si aggiunse anche il dito che le stava penetrando l’ano, la donna si lasciò andare e urlò e il suo spirito lasciò il verde scuro del mare che appariva oltre l’oblò per salire in alto, tra le nuvole variegate di fucsia e viola, di arancione e cremisi, di azzurro e di cobalto.
Quando le contrazioni cessarono, Renata adagiò il capo sull’incavo del collo di Marcello e ne ricevette una serie di baci affettuosi sui capelli, sul collo e sulla guancia. Si lasciò coccolare dall’uomo fintanto che il battito del suo cuore tornò alla normalità.
“Sei sorprendente” gli confessò, togliendosi dal membro per versare un calice di fresco spumante “di solito quelli come te sbavano come adolescenti quando si trovano assieme a un pezzo di figa come me e vengono veloci come studentelli delle superiori”.
“Vedi, Renata, io sono estasiato nell’averti qui con me, ma non è il tuo corpo che mi interessa principalmente. Io voglio entrare dentro il tuo cuore per poterci lasciare una traccia indelebile e se per fare breccia il modo più semplice è possederti sessualmente, lo faccio molto volentieri”
“Bello sforzo!” commentò ironicamente la giovane, sedendosi.
“Precipitosa nelle conclusioni, come tutti i giovani. La scopata va bene per molte donne, ma non per tutte. Tu fai parte di quelle che si conquistano quando si stabilisce un legame mentale. Deve crearsi un’intesa tale che poi ci si capisce con uno sguardo, si indovina il bisogno dell’altro solo da una parola, si intuisce le sue necessità da come si muove o da cosa cerca, si anticipano i suoi desideri dallo sguardo o dalla voce. Con te ho cercato di fare questo, anche se questa gita è partita con tutto un altro scopo”.
“Già. Non ti sei certo fatto onore nel farmi quella proposta. Hai approfittato della mia situazione”.
Marcello la guardò per alcuni secondi e poi spiegò il suo punto di vista.
“Mi sei piaciuta fin dal primo momento in cui sei venuta al tavolo a chiedermi cosa desiderassi. Ho continuato a frequentare la pasticceria dove lavori per poterti ammirare. Mi rendo conto che potrei essere perfetto per essere paragonato al professor Rath ne “L’angelo azzurro” o a Humbert in “Lolita”, ma credo di poter controllare i miei istinti con la ragione. Mi piaci moltissimo, ma mi rendo conto che per me non c’è posto nella tua vita. Quando mi confessasti di aver bisogno di millecinquecento euro per pagare la cauzione dell’appartamento in cui andrai in affitto, mi sono offerto di offrirteli in cambio di un fine settimana da trascorrere con me in barca”.
“Hai comprato il mio corpo: ti sembra un bel gesto?”.
“No. Però in quel momento ho perso la ragione e l’ho riconquistata solo dopo che ti sei masturbata davanti ai miei occhi. I soldi che ti ho promesso sono già in una busta sopra il tuo cuscino, in cabina letto. Mi spiace di averti fatto umiliare con il pompino in pubblico, ma sono rinsavito subito dopo. Non ti ordinerò più di fare sesso con me. Se però accadrà nuovamente quello che è appena successo, ne sarò felicissimo. Sappi che l’unico obbligo che hai, da ora e fino a domani sera, è divertirti e rilassarti”.
Renata rimase interdetta. Aveva pensato a Marcello come un puttaniere e invece aveva sputtanato la propria dignità offrendole soldi in cambio della sua vicinanza. Non era certo un santo: un vero signore non avrebbe preteso nulla se avesse voluto aiutarla realmente. Però era vero che il suo atteggiamento verso di lei era tornato a essere quello del cliente cortese, premuroso e brillante che aveva bazzicato per mesi il bar dove lavorava. Pochi minuti fa avrebbe potuto approfittare della sua mezza ubriacatura per godere di lei e invece aveva resistito senza apparente sforzo fino a portarla all’apice del godimento. Si alzò e si diresse in bagno, attirando lo sguardo dell’uomo sulle sue natiche tonde.
Quando uscì, avvolta in un candido accappatoio, trovò Marcello che stava infilando una cialda nella macchinetta del caffè.
L’uomo si fermò un istante, raggelato dalla visione dei lunghi capelli bagnati che lasciavano scorrere qualche goccia sul viso finalmente rilassato della giovane.
“A me piace ristretto” dichiarò Renata, scongelandolo dalla posizione incurvata in cui si trovava.
Premuto il tasto di stop, spostò la tazzina sul tavolo e preparò il secondo caffè.
Sorbirono le bevande in silenzio, guardandosi negli occhi.
Quando appoggiò la tazzina, Marcello avvicinò la mano destra al lato sinistro del viso di lei e scostò i capelli dalla nuca. La baciò sulle labbra e ricevette in risposta uno strofinamento leggero. Poi le lingue si incontrarono e turbinarono ansiose di dare e ricevere passione.
Ora la libidine sembrò impossessarsi dell’uomo che, denudate le spalle dell’amante, fece scivolare la spugna sulla sedia e la baciò dalla base del collo fino al braccio. La prese per mano e la accompagnò all’esterno, sulla copertura della cabina di guida. Il cielo era scuro, senza luna, sgombro di nubi, punteggiato da una miriade di stelle. Marcello distese un telo di spugna sul piano di vetroresina e si sedette, invitando la partner a fare altrettanto. Quando Renata si trovò vicino a lui, la baciò nuovamente e la accompagnò a distendersi. Il suo pene pesava sulla coscia destra della donna, che, dopo aver avvolto le braccia attorno al collo del compagno, mosse la gamba per stuzzicarlo nel suo punto più sensibile.
Si sentiva desiderata e non si stupì affatto nel percepire il proprio scioglimento così subitaneo e neppure del poco tempo che l’uomo dedicò alle carezze prima di farsi largo tra le sue gambe e possederla.
I due sessi si congiunsero con una facilità impensabile fino a poche ore prima. Marcello non perse tempo a muoversi nel corpo caldo e accogliente della giovane e lei non trovò motivazioni valide per non abbandonarsi a quell’atto d’amore. Si stupì a pensare a una tale frase, ma l’atteggiamento dell’uomo maturo era inequivocabile.
La montava a ritmo alterno. Lento e accorto per alcuni minuti, energico e animalesco subito dopo. Si fermava per succhiarle i capezzoli o baciarle il collo. Quando Renata avvolse le gambe nervose attorno alla sua schiena, Marcello le sollevò le braccia sopra la testa, tenendole ferme con le sue mani. Mentre lei stringeva con forza il corpo maschio contro il suo, l’uomo ne approfittò per gonfiare il proprio glande e spingerlo ancor più contro l’utero, facendo provare all’amante l’impressione di sentire il membro fino alla gola. Vederla così, impotente e disponibile, accese nell’uomo la voglia di solleticarla in punti non ancora stimolati dagli amplessi precedenti. Passò quindi la lingua sulle ascelle depilate e lasciò che la brezza marina raffreddasse la pelle umida di saliva. Renata inarcò la schiena e gettò la testa indietro. Marcello, durante le leccate lascive, iniziò a sbatterla con foga finché, sotto lo sguardo indifferente delle stelle, lei godette come non aveva mai goduto prima, con il cazzo che non smetteva di andare su e giù.
“Fermati! Lasciami respirare” lo implorò “quanto viagra hai preso, perdiana?”
“Sei tu il mio viagra” rispose l’uomo “non prendo pastiglie. Una gustosa cena, un buon vino e una donna splendida sono sufficienti a un uomo. Se frequenti un maschio attempato, allora è probabile che abbia bisogno della chimica per reggere il confronto con una figa come te”.
“Ma tu non vieni mai?” chiese incuriosita.
“Certo! Hai dimenticato cosa è successo nel pomeriggio?”
“Ma abbiamo fatto sesso due volte di seguito e io sono venuta e tu no. Cosa ci vuole? Un pubblico che ti inciti?” domandò provocatoriamente.
“No. Superato il desiderio animale, istintivo, irrefrenabile, decido io quando godere. Questo vale per un solo giorno, ovviamente. È chiaro che se la situazione assume dei contorni particolari, il mio desiderio di godere prevarica la mia voglia di far godere”.
“Adesso che siamo qui all’aperto, soli, in mezzo al mare, quale situazione vorresti ci fosse?”
Marcello esitò a rispondere e Renata intuì che aveva una evidente titubanza nel confessare cosa aveva in mente.
“Sono affascinato dal tuo sedere” rivelò.
Renata spinse il suo corpo con le mani e allungò le gambe per sfilarsi da sotto. Il buio celava la sua espressione del viso e Marcello non ebbe alcun elemento per capire quale reazione si fosse scatenata nella giovane donna.
Si alzò e senza fretta scese al ponte di prua. Appoggiò le mani sul corrimano, nel punto più estremo del motoscafo e divaricò le gambe.
“Vieni? È tuo!” gli gridò in tono scherzoso.
Marcello scese sottocoperta, sparì per un minuto, la raggiunse e dapprima le possedette la vagina e poi, sfilato il membro intriso di umori, lo lubrificò con del gel, lo appoggiò allo sfintere e spinse delicatamente.
Adottò tutti gli accorgimenti affinché Renata potesse godere anche di quell’atto intriso di bestialità, anche se gli animali in realtà si accoppiano solo ai fini riproduttivi.
Il borbottio del motore era l’unico suono che si udiva assieme al delicato fragore delle onde che si sfrangiavano contro la prua. Le uniche luci che illuminavano l’accoppiamento inusuale erano le stelle e le luci di posizione del natante.
L’uomo appoggiò le mani sui fianchi della donna e le baciò la nuca, mentre il suo pene entrava nel suo retto senza incontrare resistenza.
“Non credevo fossi così ricettiva” osservò canzonatorio con voce baritonale, resa ancor più calda e ricca di basse frequenze dal testosterone che circolava abbondante nelle sue vene.
“Sei abituato con le donne della tua età, caro il mio vecchietto! Le giovani oggi preferiscono allargare i propri orizzonti ed evitare di rimanere incinte pur di divertirsi e accontentare i propri compagni. Molte scopano all’inizio dell’amplesso, ma poi fanno godere il partner nel secondo canale”.
“Questo è un aspetto che mi piace della gioventù moderna” commentò Marcello.
“Quello che non capisco è che gusto trovate nel farlo lì, con tutti i problemi di batteri e infezioni che si potrebbero innescare”.
“Il tuo lato B ha una mucosa diversa rispetto alla vagina. Il tessuto è leggermente meno liscio e quindi solletica maggiormente il glande dell’uomo. E poi, vuoi mettere il piacere trasgressivo di farlo sapendo che pochi lo fanno? Non mi hai convinto dicendomi che molte ragazze giovani lo fanno: so per certo che a parecchie dà fastidio”
“Peccato…per loro…non sanno…cosa si perdono”
Renata era intimamente coinvolta nell’amplesso e sentiva già le inconfondibili vampate di calore che partivano dai lombi.
L’uomo invece era estasiato dall’accoglienza che avvertiva nel penetrare il sensualissimo corpo della sua amante. Le natiche semisferiche e compatte custodivano un’insospettata accettazione di membri invadenti. Il canale che percorreva instancabilmente avanti e indietro non opponeva resistenza e lo strofinio dell’epidermide interna era piacevolissimo. Manifestò l’apprezzamento baciando nuca e collo della donna, massaggiandole i seni e titillandole il clitoride.
“oh…” disse Renata
“Sì, lasciati andare” la esortò Marcello
“Oooh…”
“Non resistere al piacere, gioia”
“Ooooohh….”
“Così, tesoro. Continua a roteare lentamente i fianchi”
“Tesoro? Mi hai chiamato “tesoro”?....”
“Sì…ti stupisce, amore bello?”
“Mmmhh…sì”
“Perché sei sorpresa da questi miei vezzeggiativi?”
“Perché mi stai inculando…”
“Sbagliato. Stiamo facendo l’amore e non lo facciamo nel modo tradizionale”
“Sei abile a raggirarmi con le parole…il fatto è….che…”
Una serie di mugolii interruppe la frase e Marcello la incalzò.
“Qual è il fatto, piccola mia?”
“Sei…un….”
“Sono un? Continua: cosa ti trattiene nel dire quello che pensi?”
“Un adorabile…bastardo! Un… porco di classe”
“Tch tch tch: non è da te dire certe cose!” replicò Marcello facendo schioccare la lingua contro il palato.
“E’ la verità…sono già pronta a…godere di nuovo…e tu…riesci ancora ….a parlare…senza prender fiato”
“Sto troppo bene così. Soli, in mezzo al mare, tu ed io come Kate Winslet e Leonardo Di Caprio in “Titanic”, anche se lui non teneva la propria bella inchiavardata con il suo uccello”
“Non mi spiacerebbe…se adesso…smettessi di parlare…e mi facessi sentire…come urli”
Renata iniziò a uggiolare mentre l’uomo aumentò leggermente la frequenza delle penetrazioni. La donna rovesciò indietro i capelli un paio di volte, li gettò in avanti e poi appoggiò la fronte sulle braccia adagiate sul corrimano d’acciaio. Dalla sua gola uscivano suoni inarticolati.
Marcello non riuscì a trattenersi: lasciò che l’istinto naturale prendesse il sopravvento e martellò a più non posso il culo della donna che non dovette attendere molto per udire una serie di urla a pieni polmoni del maschio che le stava irrorando l’intestino di caldo sperma. Lei godette subito dopo perché la delicata mano maschile le stimolò vagina e clitoride. Si sentì avvolgere dalle braccia pelose e la sua schiena si riscaldò al contatto del corpo di lui, adagiatovi sopra.
Interi fasci muscolari erano doloranti. Stettero fermi alcuni minuti ad ascoltare i propri cuori rallentare battito e pulsazioni. Renata ruppe il silenzio.
“Mi tieni per mano mentre regalo al mare il tuo omaggio?”
“Mmmh”
“Non ho ancora imparato il muggese. È un “sì” o un “no”?”
“In questo momento puoi chiedermi tutto e io lo farei”
“Se fossi una perversa, ti metterei alla prova con una richiesta ignobile, ma mi limito a chiederti di toglierti e di darmi una mano a tenermi mentre mi siedo sul corrimano”.
Così fecero. La donna sporse il sedere fuori, mentre Marcello le teneva le mani per evitare che potesse scivolare fuori bordo, ed espulse sonoramente il seme maschile.
Andarono a turno in bagno e poi si misero a dormire, rilassati e totalmente privi di energia.
Il sonno li colse mentre la mano di lui stringeva quella di lei.

Questo racconto di è stato letto 1 7 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.