Tabbapuchi 9 - In partenza

Scritto da , il 2020-02-20, genere incesti


Una donna che ti sveglia succhiandoti l'uccello è sempre da apprezzare. Tanto più quando si tratta della tua matrigna.
Visto che era l'ultimo insieme, Maria aveva deciso di svegliarmi a quel modo ed era stato stupendo. Quando avevo aperto gli occhi pervaso dalla piacevole sensazione mi ero trovato il suo visino da vacca che succhiava come un'idrovora e le sue tettone che mi massaggiavano l'asta a tutta forza.
Ovviamente appena raggiunta la durezza desiderata Maria non aveva esitato un attimo a saltarmi in braccio, sbattermi le poppe in faccia, infilarsi da sola il mio uccello fra le gambe e cominciare a cavalcarmi a tutta forza.
“Hey ma che ore sono?” chiedo.
“Le cinque e dieci”.
“Ummmm credevo che nonna mi aspettasse per le otto”.
“Infatti...” e intanto già gemeva e contraeva le labbra della vagina come faceva ad ogni orgasmo.
“Vuoi scopare per tre ore porcona...” dico strizzandole le tettone fra le mani.
“Nooo -ummm- solo due. Poi devi farti la doccia e ci vuole mezz'ora per andare da lei”.
“A bhe giusto.... Solo due ore” e muovo il bacino per darle ritmo.
SOLO!
“Voglio prosciugarti, ti devi far bastare questa scopata per un mese”.
“Ummmm difficile lo sai che fra qualche ora sarò di nuovo in tiro. Mi hai abituato troppo bene mammina”.
“Lo so, lo so porco... Anche io, cosa credi... Un mese di ditalini”.
“Bhe anche quel cazzone di lattice che hai nel comodino penso aiuterà” rido.
“Ummm o siiiii.... O siiii eccone un altro siiiiiii... Non è mai come il tuo credimi”.
“Bhe anche le pippe che mi farò al mare non valgono la tua figa tesoro”.
“A porcello, magari ti trovi una ragazzina ligure che ti succhia anche il midollo e a me non ci pensi proprio”.
“Ma figurati... La zia abita su un colle a un chilometro dal mare e a due dal mondo... Solo io, lei e nonna a tenermi d'occhio.
Finirà come al solito che mi farò pippe a manetta ogni sera quando dormono”.
“O povero il mio pisellone che si dovrà slogare il braccioooooo ooooooo ooooooo!”.
“Altro orgasmo?”.
“Siiiiiii oggi sono in calore davvero”.
“Permetti che ora tocca a me”.
“Stai venendo amore mio?”.
“Siiiiiiiiiiiiii” e parte lo schizzo inondandole la figa.
Lei si ferma. Col cazzo sempre dentro mi fissa “vuoi fare pausa?”.
“No voglio fottere ancora anzi mi fai un piacere?”.
“Cosa?”.
“Mi dai anche il culo dopo”.
“Maiale!” ride Maria.
“Si lo so.... Dai forza cavalcami, scopami ancora ti prego”.
Maria riprende a cavalcare, le tette mi piovono in faccia e succhio avido i capezzoli, le mani scorrono sui suoi glutei che strizzo con tutte le forze che ho.
“O Maria come farò un mese senza le tue tette e la tua figa....”.
“Ummmm scopati tua zia allora!” ridacchia lei.
“Cosa?”.
“Tuo padre dice sempre che ha la sorella zoccola” e ride ancora.
In effetti su zia Serena, sorella minore di mio padre, se ne dicevano tante. In primis che fosse lesbica o per lo meno bisex visto che non si era mai sposata e secondo, detto da papà che la conosceva bene, che da giovane si fosse ripassata quasi tutti i coetanei del paese senza farsi tanti problemi e che ancora adesso non avesse perso il vizio. Nella sua villetta a bordo mare portava a casa chissà chi e si faceva chissà quante scopate...
L'altra mia zia, Adriana, sua sorella maggiore, giurava che una volta era passata a trovarla e aveva ospiti due ragazzoni bene in carne che lei aveva detto essere i muratori. Però non erano sul tetto o in giardino erano in salotto e non parevano troppo contenti di vederla... Così era nata la leggenda che Serena si facesse queste mini gang bang all'insaputa di tutti.
In effetti zia Sere bionda, ben tettuta e sempre in mini gonna la voglia te la faceva venire e ammetto che qualche sega pensando a lei me la ero pure fatta. Lei però, forse perchè ero un ragazzino non mi aveva mai dato modo di pensare che l'interesse fosse ricambiato quindi non ero mai andato oltre alla pura fantasia, a parte, una volta che l'avevo vista nuda mentre si cambiava il costume da bagno in giardino. E li, era stato naturale e dovuto farmi il mio bel pippone pensando alle tettone e alla sua figa rasata.
“Aaaaaarghhh”.
“Tesoro ma sei venuto di nuovo? Così presto?”.
“Capita.... Comunque tranquilla è ancora duro...”.
“Come mai questo bis dopo pochi minuti.... Ti ha eccitato pensare a tua zia ammettilo” dice Maria più con comprensione che con rabbia.
“Bhe forse un po....Mi hai fatto venire in mente quella volta che l'ho vista nuda e....”.
“A bene”.
“Scusami....”.
“Tesoro tranquillo mica posso essere gelosa o pretendere da te chissà cosa è chiaro che prima o poi ti troverai la ragazza ed è ovvio che con un pisello così di donne ne troverai tante.... Che devo dirti. Se tua zia te la da... Prendila”.
“Non credo lo farà”.
“Mai dire mai.... Adesso però basta parlare di lei.... Fammi venire”.
“Ok amore, scivola sotto che adesso pompo un po io.... Voglio sfondarti....”.

Quindici orgasmi dopo Maria si dichiarò soddisfatta e senza che avessi a chiederglielo si mise a pecora e allargò le gambe per farsi sodomizzare.
“Dai bello prenditi il culo che ti piace tanto”.
“O si.... A lo sai quanto mi piace farlo nel culo” e con due colpi secchi glielo ficcai dentro.
“Ummmm mi sfondi siiiiii.... Ummmm mi fai venire anche dal culo”.
“O si... Dai Maria che ti riempio di sborra siiiii”.
“Ti piace tanto inculare le donne vero?”.
“O si, siiii, lo adoro”.
“Tanto che sei con lei al mare mettilo in culo a quella gran stronza di tua nonna... Mi odia lo sai”.
Era vero. Nonna non aveva mai accettato che suo figlio si portasse a casa un'altra donna ed erano bastati un paio di pranzi insieme per capire che le due erano assolutamente incompatibili.
“Aspetti una volta che si china, lo tiri fuori e sbrang! Piglialo nel culo vecchia stronza....” e ride.
“Cazzzzzzzzz!” esclamo io.
“Tesoro ma sei venuto di nuovo?” esclama Maria perplessa.
“Temo di si”.
“Non dirmi che ti ha eccitato l'idea di inculare tua nonna?”.
“E come faccio a dire di no?”.
“A che porcello.... dai non farti problemi la tua Maria capisce tutto. Fammi solo un piacere, se mai un giorno inculerai tua nonna falle una foto e mandamela che così godo anche io”.
“Scherzi?”.
“No. Non scherzo. Sarebbe una bella soddisfazione vedere quella saccente perbenista che lo prende in culo dal nipote. Non sai quanto.... Che facciamo hai finito o vuoi ancora....”.
“Se resti così vorrei incularti ancora una volta”.
“Fai pure caro... Tutte le volte che vuoi”

Me la inculai per bene fin che non mi svuotai un'ultima volta i coglioni. Certo di essere sazio, e anche perchè erano le sette meno cinque, concludemmo. Andai verso il bagno a farmi la doccia raccomandando prima a Maria “per favore mettiti qualcosa addosso anche tu se no quando esco mi viene voglia di sbatterti di nuovo”.
Obbediente e puntuale alle sette e trenta la baciai in bocca e scesi a prendere la macchina fedele agli ordini ricevuti.
Alle otto in punto sarei stato a casa di nonna, l'avrei caricata e ci saremmo fatti il nostro bel viaggetto di tre ore fino a quel minuscolo paese ligure dove abitava mia zia Serena e dove saremmo restati un mese a fare le vacanze.
Negli anni passati ci aveva sempre portati mio padre ma ora che avevo la patente il compito era passato a me e non volevo fare brutta figura.
Approfittando che c'era poco traffico alle otto meno dieci ero già sotto al palazzo di nonna.
C'era qualcosa che mi turbava, una cosa che forse Maria aveva capito prima di me. Mai mi ero reso conto quanto inconsciamente fossi eccitato sessualmente da mia zia e da mia nonna. Mi era bastato pensare a loro mentre facevo sesso per venire dentro a Maria come una fontana.
Considerando che ora stavo per passare un mese da solo proprio con loro due la cosa mi creava da una parte un certo imbarazzo e dall'altra una forte eccitazione. Per un istante, come un flashback mi venne in mente quella volta che ero entrato in bagno per sbaglio e avevo visto la nonna mezza nuda a gambe larghe che pisciava o tutte le volte che si sedeva sul divano e la gonna le si sollevava abbastanza per scorgerle le giarrettiere...
“Basta!” mi dissi, perchè il cazzo mi stava già venendo duro.
Facendo forza su me stesso scesi dalla macchina cercando di non pensare ancora al sesso...

Questo racconto di è stato letto 7 1 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.