Sporca

Scritto da , il 2020-02-14, genere etero

Sono venuta due volte stanotte. Appena arrivata a casa, con la vescica piena e le brasiliane sporche, seduta sul cesso non ho resistito. Quante volte mi hai vista così in questi giorni, senza vergogna.
Le macchie bianche di orgasmo sulla stoffa nera e l’odore pungente del sesso fatto e non fatto, mi hanno costretta a toccarmi di nuovo. Ero ancora umida, gonfia. Sono scivolata con le dita dentro con estrema facilità e, sussurrando appena, ho goduto. E poi a letto, silenziosamente, come facevo da ragazzina. Tirando forte le mutande di cotone pulite e candide perché sfregassero forte fica e culo. Attenta a non farmi sentire, mettendo in scena movimenti più che normali per nascondere a tutti e, soprattutto a me stessa, il piacere provato.
E pensando a quello che è stato e che sarebbe stato, insonne e impaziente, stanotte, ho goduto ancora.
Appena sveglia, però, me ne sono stata buona. Ho aspettato tutta la mattinata in un crescendo di eccitazione e voglia. E ora che stai per aprirmi e sto per sfogare tutta l’attesa, neanche mi sembra vero.
È mezzogiorno. Ti ritrovo cosi, come ti ho lasciato ieri. In mutande. Ti sarai addormento tardissimo, proprio come me. Steso sul letto, pancia all’aria e con una mano sotto alla nuca, ti sarai segato ancora. È anche a questo che ho pensato mentre mi toccavo. Alla tua faccia eccitata e a questo cazzo che avresti preso ancora in mano fino a venire.
Mi apri e il calore del tuo corpo insieme a quello di questa casa che ho imparato a conoscere bene, mi avvolge.
“Ti sei svegliato finalmente!”
Ti passo davanti e ti sfioro, sono diretta in camera, quella che un tempo è stata tua, quella in cui dormi ora quando Giuseppe non c’è.
“Buongiorno eh!”
Ti sento dietro, mi segui. Chiudi la porta in un solo colpo e siamo io e te, soli.
Ti poggi alla scrivania e a braccia incrociate, curioso, aspetti faccia tutto da sola. Ho le idee così chiare, sai!? Si che lo sai.
Inizio a spogliarmi piano. Non dico nulla ora, perché ogni cosa che uscirà da questa bocca sarà volgare. La aprirò solo per succhiarti il cazzo, per sussurrarti prima all’orecchio e urlarti dopo in faccia, tutte le oscenità che già conosci.
E potrei dirti di mettere un po’ di musica. Così questa camicia sobria che sopra indosso potrei toglierla al ritmo di una canzone che mi piace. Così questo capo sexy che sotto indosso, potrei mostrartelo dimenandomi in una danza sensuale. Ma no, non ora, non ora che me la devi leccare. Mi siedo sul bordo del letto e a cosce aperte ti invito. Lo sguardo acceso mi conferma che ho scelto proprio bene. Le calze autoreggenti che tanto ami, rigorosamente nere con fascia alta di pizzo.
Il body, sempre nero, a corpo, che stringe sulla vita e mette in risalto le tette. E non hai visto ancora dietro. Ti avvicini con una lentezza estenuante, ti pieghi sulle ginocchia e con le mani sui miei fianchi mi spingi a farmi più avanti. Mi allarghi le gambe, mi stringi l’interno coscia, mi annusi. La bocca sfiora il bordo delle calze, poi l’inguine. Mi sbottoni il body e subito con la tua lingua prepotente, sulle labbra gonfie, inizi a leccare e succhiare. Ti tiro a me per la nuca, ti spingo la fica in bocca stringendo la tua testa fra le cosce.
“Leccamela ancora, lecca!”
Non parlo, ansimo. Fremo in corpo e mi muovo.
La tua lingua dentro scava in ogni angolo della mia intimità, i denti appena accennati sul clitoride graffiano e accarezzano.
Ti voglio più dentro ancora, sollevando i
piedi e con le mani sul letto ti poggio le gambe sulle spalle. Affondi nella mia carne bagnata con movimenti prima lenti e poi più ritmati, con le mani mi allarghi mentre bevi e succhi tutto il mio piacere.
E di tutte le cose sporche che mi farai e che ti farò, ora, guardandoti, me ne viene in mente una sola. Ti voglio addosso. Io sotto, tu sopra. Faccia su faccia a sputarmi in bocca la tua saliva ancora più sporca e pregna del mio orgasmo.
Sei più veloce ora, la mia fica ti sbatte in bocca, esci piano per entrare più forte, con la mano spingi sulla pancia e mi penetri fino a dentro, fino a dove riesci.
I piedi incrociati sul collo ti stringono a me, il respiro è affannato, gemo e godo ad alta voce, il fiato si spezza in gola e vengo, vengo mentre lasciva mi abbandono sul letto.
Ecco perché ti aspetto sempre, anche quando mando a puttane tutto perché mi fai incazzare. Anche quando mi dai il nulla e me lo prendo! Perché il nulla ha già il sapore di questo sesso.
E ora che ti vedo avanzare, sul letto verso di me, mi è ancora più chiaro. La faccia è sempre la stessa, da schiaffi. L’espressione è sempre la stessa, da insolente. Ma l’aria sicura che hai, il passo deciso, le movenze che non tradiscono mai esitazione, tutto questo, si, tutto questo, mi manda fuori di testa.
Mi sollevo e ti cerco la bocca, sai di me, della mia fica. Penso al bacio di dopo, forse all’ultimo, quello che avrà un sapore ancora più buono perché al mio piacere si mescolerà il tuo, dopo che avrò ingoiato ogni goccia del tuo seme.
“Mi piace quando ti vesti da troia” mi risbatti sul letto.
“Lo so” rispondo irrequieta.
“E lo sai cosa mi piace pure?”
“Cosa?
“Quando mi fai sentire che pisci. Quando ti fai vedere sul cesso.” Me lo dici in bocca mentre mi spingi addosso il cazzo duro.
Le mani sulla pelle nuda ti accarezzano le spalle, adoro il tuo ghigno, l’espressione malata di chi sa che può prendersi tutto.
“Lo so che ti piace, lo so” faccio fatica a dire.
Mi sei sopra, ti abbasso le mutande, me lo ficchi dentro in un solo colpo e mi mordi le tette vestite ancora del bellissimo body. Le cosce sono strette, resto ferma mentre spingi e spingi sempre più forte. Le mie mani sulla tua carne, la stringono, ti sfioro il buco del culo con un dito. Voglio sentirti godere mentre te lo infilo dentro e mi fotti.
Aumenti i colpi mentre le unghie affondano nella tua schiena, ti penetro e ti sento, lo vuoi, ti piace. Mi scopi con tutta la foga di cui sei capace, poi rallenti per non venire ancora.
Mi fai girare e in ginocchio ti do le spalle.
Mi lecco il dito, una volta, più volte, sorridi eccitato.
“Sei una sporca, lo sai?”
Sporca. Me lo dici sempre, ogni volta che porto alla bocca le dita che ho messo nel mio culo o nel tuo.
Mi sfili il body, avvicini la bocca al mio orecchio.
“Vediamo se ora posso ricambiare..”
Mi spingi in avanti afferrandomi le braccia. La testa sul letto, girata per guardarti fare.
“Scopami il culo, dai, scopami questo fottuto culo!” Lo spingo indietro offrendoti il mio buco più stretto.
“Oh si, è da stanotte che avrei dovuto farlo”
Me lo baci, lo mordi, lo sfiori con le labbra. Me lo lecchi per bene e la tua lingua dentro mi fa gemere indecentemente.
“Il cazzo ora, voglio il cazzo!”
Mi lasci libere le braccia, mi sollevo a pecora, poggiandole sul letto. Me lo metti nel culo, così, senza grazia, ma sono così morbida e fradicia che il dolore iniziale lascia subito spazio a un piacere folle.
Mi alzo ancora un po’ per aderire con la schiena al tuo petto liscio.
“Cazzo! Quanto lo sento così, tutto dentro, nel culo!”
Vengo mentre mi stringi i capezzoli fra le dita, mi giro per urlarti in bocca il mio godimento, mi sento aperta, piena, malata.
Sei al limite, hai l’espressione stravolta.
Ti passi una mano sul cazzo, come a pulirlo, poi per i capelli mi spingi a te e me lo metti in bocca.
“Succhia puttana, succhia” Spingi forte tanto da togliermi il fiato.
Pochi secondi, pochi. Lecco e succhio fino a sentirti esplodere in gola.
Ingoio. Il tuo piacere, la tua sborra. E ti guardo mentre mi guardi sporca di te. Sfiniti ci sdraiamo.
Sei il mio uomo, il mio fottuto uomo. E non me ne fotte un cazzo se non vuoi sentirtelo dire. Tu, sei il mio uomo.

Questo racconto di è stato letto 6 0 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.