Samsara Finale

Scritto da , il 2019-08-18, genere pulp

La spada e la guaina. Non una guaina basta che sia, quella che sembra fatta apposta fin dall'inizio, è calda, è bello muoversi dentro. Siamo a casa mia stavolta, e intanto s'è già fatta estate, la seconda di quest'anno per me. Dai suoi occhi chiusi sta colando del trucco, sorride, ha stretto le braccia dietro il mio collo, respiro male in questa posizione del cavolo, ma vado avanti.

Non è solo una cosa di spade e guaine, maschile e femminile tra loro non si sommano, si moltiplicano, il tempo si dilata, diventa pieno di cose da fare.
Abbiamo fatto la passeggiata attorno al promontorio ed era mancato tanto così dal finire in mezzo a uno sciame di calabroni, abbiamo assistito ad altre mostre d'arte, l'ho spazientita ficcando il naso nel suo lavoro e ho accettato i suoi consigli sul mio, con molti aperitivi in mezzo.

Sono anche io tutto sudato, il cuore batte forte mentre lei sospira e si ranicchia, vuole rilassarsi, mi fa venire su un doloretto questa posizione del cavolo, ma non voglio disturbarla.
Quando avrò le ferie potremmo fare una settimana in Liguria, mi piacerebbe anche mostrarle Cape, ma in autunno, cioè quando la è primavera e fioriscono gli alberi del latte.
Certo che se poi fosse ancora disponibile quel posto all'università.. Lei accetterebbe di seguirmi così lontano ?
Vorrei spostarmi, ma ho una fiacca che anche toglierle il braccio di sotto è una fatica, vorrei respirare, ma il petto rimane serrato.
Vorrei dirglielo, ma mi esce solo un filo di voce e Lei si è addormentata.
Poi, come se mi avessero buttato un lenzuolo sulla testa, buio, sono in apnea proprio, per un momento molto lungo lo sforzo per liberarmi di quella cappa è tutto il mio mondo, non c'è altro, non penso ad altro.

E ce l'ho fatta ! Sono in piedi, respiro, il dolore è passato, Cristo che para mi ero fatto, adesso apro la finestra che voglio più aria, che si svegli pure.
Ma perchè c'è uno nel mio letto steso con Lei ? Da dov'è uscito fuori questo ?
E perchè c'è un'altra persona sulla sedia ? Sta seduta sui miei vestiti !
E ha capelli biondi, ma ricci, corti, è sottile, ma alta, una specie di vestito da sera bianco, e la conosco.

" Gabi ? "

" Ciao. E' tanto che non ci vediamo "

" Ma cosa.. "

" Cosa faccio qui ? Sono venuta a prenderti. Di solito mandano un parente, ma volevo essere io, i tuoi mi hanno ceduto il posto. "

" Potresti parlare più piano ? Potrebbe spaventarsi se si sveglia con tutta questa folla. "

" Non ci può sentire, neppure vedere, per lei c'è solo il tuo corpo mondano sul letto, che hai appena abbandonato. "

" Sarei io quello ? Oddìo c'è una somiglianza, ma mi pare piuttosto consumato, e poi io sono più bello. "

" Certo che lo sei. Ora ti faccio vedere. "

Gabi, Gabrielle, è ancora paziente e sicura come la ricordavo, mi porta per mano nel salotto, davanti allo specchio tra i due scaffali.
L'immagine è la mia senza dubbio, ma io come dovevo essere. I capelli del colore giusto, la pelle piena, e la barba, è vero, avevo la barba coi riflessi ramati sui lati del mento, Gabi me la pettinava con le sue dita lunghe.
La prima volta che l'avevo fatta crescere, credevo fossero macchie di sugo.

" Ritter Kratzbart. Ricordi che ti chiamavo così ? "

Sono morto, ecco cosa è successo.
Sono immortale.

" Allora sei davvero un angelo, come aveva detto Gianna .. "

" Siamo sempre in mezzo a voi, ma solo chi è pronto riesce a riconoscerci. Però c'è una cosa che Gianna non ti ha detto: quando qualcuno è pronto passerà poco, prima che si risvegli nella realtà, fuori dalla caverna di Platone. "

" Quando uno vede gli spiriti, significa che sta per schiattare.. "

" Ti sembro uno spirito ? "

L'avevo di fianco, senza neanche girarmi a guardarla le afferrai la mascella da sotto, e la tirai alla mia bocca.
Sempre imperturbabile si lasciava fare tutto, mi accolse subito nella sua, i nostri corpi, seppur fatti di solo etere, sapevano a memoria come muoversi, presto le mie mani furono dentro la sua veste, sotto i palmi sentivo i suoi capezzoli, in rilievo su quei seni quasi inesistenti.

" Scusa, ma.. hm.. è il mio cuore quello che mi stai tirando fuori ? "

" Dobbiamo pesarlo sulla bilancia di Maat. E' la procedura. "

La procedura, chi sono io per contestarla, il giocatore d'azzardo mi sorride dalla cornice alle mie spalle, mentre libero la mia valchiria dalla sua veste e la spingo sul tavolino rotondo, neppure il pianto proveniente dalla camera oltre il corridoio mi ferma. Lei si è svegliata a fianco di un vestito di carne abbandonato, brutta roba, con sangue freddo è riuscita a chiamare subito il pronto soccorso, prima di scoppiare a piangere.
E l'angelo aveva intanto aperto le gambe in spaccata, per farsi trafiggere meglio, ci ha sempre tenuto a mostrare la sua preparazione atletica.
E' un tradimento quel che sto facendo, potrei dire che anche a volerla consolare non mi sentirebbe, ma non è quello il punto, è che non mi sembra più vero, è come un programma che passa in sottofondo alla radio, come se avessi lasciato il mio posto al cinema, le immagini ancora scorrono, sento le parole, ma non ne faccio più parte.
Sono contento, è quel sollievo di chi si sveglia da un sogno e capisce che non ci sono conseguenze, voglio che anche Gabi sia contenta, per questo ben sapendo cosa le piace esco all'improvviso da lei e lo pianto nell'altra fessura, inarca la testa all'indietro, oltre il bordo del tavolino, e sorride.
Intanto entrano i medici, efficienti, arrivati prestissimo, hanno un defibrillatore, che non serve a nulla, il mio cuore, la sua essenza, lo tiene il mio angelo nella sua mano destra, ho quasi paura che lo rompa da quanto stringe, intanto si sditalina con la sinistra e muove la testa, gli occhi grigi fissi come se non vedesse più nulla, la bocca aperta..
Portano via in barella quel che non mi riguarda più, Lei è tutta rigata dal trucco sciolto, li segue e continua a piangere, rinuncerei a tutto per poterle dire anche solo una parola, ma non si può.

" Oh, spegnere le luci vi sembrava troppa fatica ? La porta !! "
Cosa glielo dico a fare, non sentono, mi tocca andarmene con la casa in disordine.
Gabi intanto comincia a orgasmare, come può essere l'orgasmo di un corpo d'etere ? I chakra non sono più imprigionati, pulsano quanto gli pare, come essere corde di chitarra pizzicate in più punti, attraversati da onde liquide che si allargano e stringono, dal sedere alla testa e ritorno, da lei a me, e il desiderio che non finisca mai.
Finisce però, e viene il momento di ricomporsi.

" E' solo un piccolo anticipo, sai ? Su tutto quel che avrai dopo il giudizio, se andrà come spero. "

" Quand'è che dobbiamo andare ? "

" Quando vuoi, tanto il tempo non esiste. Ci sono alcuni che vogliono rimanere a guardarsi attorno, vogliamo fare una passeggiata in spiaggia ? Vuoi vedere il funerale ? "

" Sei scema ? Sorbirmi una noia mortale e dover anche ascoltare le vaccate che diranno i colleghi ? No, no, fammi vedere da che parte si va per la bilancia ! "

E si torna così allo specchio, che adesso però non riflette più, è una porta fatta di luce calda, Gabi mi prende le due mani e mi tira dentro con lei, ma c'è ancora una esitazione sulla soglia.

" Però.. mi dispiace, io le avevo promesso che non l'avrei più lasciata sola.. "

" Liebling.. pensi di essere l'unico ad avere un destino ? Il suo era di perderti ogni volta che le sembrava di averti, e attraverso queste delusioni capirà anche lei quel che doveva imparare. Ti ha aiutato molto, senza di lei non avresti capito quel che dovevi, ma anche tu adesso la stai aiutando. Quando poi avrà completato il suo compito, sarà richiamata anche lei, e sarete riuniti, come tutti alla fine. "

E' questa l'ultima risposta che mi serviva, ora so che il poco tempo non è stato sprecato, non rimangono cose lasciate a metà, a parte quelle cinque o sei pubblicazioni di cui la comunità accademica farà tranquillamente a meno.
Si può attraversare il confine, ed è come tuffarsi nel mare d'estate.

Questo racconto di è stato letto 1 3 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.