Milly: una porca di scorta

Scritto da , il 2019-06-26, genere trio

Storia Vera

Sono soddisfatto di tutta la mia situazione. Sessualmente sono appagato dal sesso molto frequente, che Evanghela non mi fa mai mancare. Sono un patito dell’anale e posso inculare con continuità la mia cavia. Eppure non mi piace troppo essere costretto a legami esclusivi per cui spesso e volentieri evado con piacere e per piacere, senza che Evanghela mi crei problemi. Venerdì sera non ho avuto voglia di una solita scopata con Evanghela ma ho sentito di aver bisogno di altro e così ho iniziato a scorrere l’agendina delle mie scopamiche più prelibate...volevo cercare una serata diversa. Avevo voglia di trasgressione, sentivo un desiderio più forte e così ho iniziato a cercare fra le donne che io ritengo siano state fra le più porche che mi sono scopato….quelle che mi sono trombato con soddisfazione massima, magari anche con cattiveria e con stronzaggine. Mentre stavo sfogliando la mia agenda avevo puntato un nome : Milly ….una milfona che per circa un anno era stata alla mia mercè….ingorda come una cagna…..e di una porcaggine indicibile. Ricordo bene che bastava darle il cazzo in bocca o in mano e lei faceva di tutto…..Ecco era perfetta Milly la cagna affamata, la vacca porcona. Era passato un anno ma ero certo che non si sarebbe mai e poi mai persa una serata di cazzo puro… Certo, devo dire che non ci eravamo lasciati bene, poiché lei mi aveva rubato un bel poco di denaro e oggetti vari, per cui mi ricordo di averle dato una lezione che non poteva dimenticare. Prima di farla andare via le avevo sfondato il culo e la figa per tre giorni di seguito, finché lei piangendo mi aveva chiesto di lasciarla andare e io che le avevo fatto di tutto avevo acconsentito urlandole di non farsi più vedere….perché se no la avrei denunciata. Senza pensare due volte le ho telefonato…..e lei come prevedevo non ha risposto…...la ho richiamata ogni dieci minuti e la ho bombardata di messaggini su wathapp e messenger finché lei non ha risposto prima per iscritto e poi per telefono. Mi ha detto di essere impegnata…..Questa sera sarebbe stata ospite del suo uomo, a casa di lui. A suo dire lei aveva trovato un uomo vero che la soddisfava in tutto e per tutto…..ma io sapevo che non era vero….sapevo troppo bene che Milly non era una donna facilmente da soddisfare e solo io ero riuscito a farle uscire il cazzo dalla bocca dagli occhi e dal naso. Mi ero ormai impuntato e le chiedevo solo l’indirizzo della casa di questo grand’uomo. Sentivo chiaro che su di me stava agendo il mio solito senso di potere, la voglia di mettermi in competizione con questo maschiaccio terribile, sentivo il clima della sfida che a me eccita e mi ha sempre fatto sentire imbattibile.
Ad un certo punto della telefonata volevo solo che lei mi dicesse dove ci saremmo incontrati ma lei mi aveva chiuso il telefono in faccia e io stronzo le avevo scritto che sapevo dove abitava e che prima o poi la avrei presa a sorpresa e allora sarebbe stato molto peggio. Sapevo che avrebbe risposto e infatti rispose. Rispose dandomi l’indirizzo preciso e soprattutto dicendomi che lui non avrebbe dovuto sapere nulla dei nostri rapporti. Lei avrebbe detto che ero un cugino più grande, mi avrebbe presentato cosi e poi sarei dovuto andare via a cena finita…..mi aveva detto che un giorno o l’altro saremmo usciti insieme a mangiare e bere qualche cosa...e io avevo detto certo come no…. Le dissi che la avrei trombata perché avevo una voglia irresistibile del suo culo e della sua figa e lei aveva iniziato ad eccitarsi, mentre io le dicevo cosa le avrei fatto e come...e lei lo sapeva….perché lo avevo già fatto più volte.. Partii con l’unica avvertenza di arrivare a casa del competitor dopo Milly, e questo lo ho fatto. Sono Arrivato mi ha aperto Milly che perfettamente a disagio mi ha abbracciato falsamente dicendomi caro cugino….e io ho approfittato per una bella palpata e un bel bacio a tutta lingua in bocca. Milly era ancora più tesa. Lui si chiamava Mirko, alto, muscoloso, da palestra, non male, un bel manzotto, si sarebbe potuto dire per chi aveva gusti diversi dai miei. Ci eravamo serviti un buon prosecco, con alcuni stuzzichini, poi avevamo aggredito alcune tartine e poi ci eravamo seduti al tavolo. Una rosticceria aveva portato la cena mentre Mirko abbrancava Millona. Devo dire che un pochino era rimasto stranito nel vedermi abbracciare e baciare quella che riteneva la sua donna, ma io non avevo intenzione di cedere per nulla. Mirko toccava, Mirko baciava, Mirko si faceva macho e io ero li a guardare e io desideravo quella porcona vestita in maniera da pornostar. Pensavo mentre mangiavo che doveva esserci un limite e vedere Mirko che se la trombava davanti ai miei occhi….per me non andava affatto bene. Finita la cena io guadagnai la poltrona mentre Mirko e Milly sedettero sul divano e Mirko che aveva bevuto un bel pochino stava andando con le sue mani a suonare Milly. Ero arrivato al livello massimo….non riuscivo più a resistere, avevo il cazzo duro come il marmo e senza dire nulla mi spostai a fianco a Milly che aveva compreso e iniziava a temere azioni mie. Io avevo iniziato a carezzare Milly e mentre Mirko mi guardava perplesso io continuai come se non mi fossi accorto di nulla. Vedevo il viso di Milly che era sempre più timorosa e quasi scherzando le avevo detto: le mie carezze non ti piacciono più e lei “No mi piace cugino …. mentre io ravanavo in mezzo alle cosce. Mirko mi guardava sempre perplesso e devo dire anche arrabbiato. Aveva iniziato a baciarla con la lingua in maniera appassionata e Milly nonostante un certo disagio rispondeva. Io però a quel punto lavoravo già all’altezza del perizoma. Lo sguardo di Mirko era ormai un atto di guerra….aspettavo da un momento all’altro un atto violento da parte sua, mentre io apertamente ormai strizzavo le tette di Milly. Proprio in quel momento Mirko si era alzato e aveva cercato di colpirmi….ma io ero stato molto più lesto di lui. Tanti anni di Karate mi avevano insegnato molto….in men che non si dica gli avevo assestato in velocissima sequenza un calcio nei testicoli e 5 colpi che avevano colpito spietatamente il basso ventre e il volto e lui era caduto come una pera cotta. Mentre si contorceva mi sono alzato e dandogli un ceffone in viso gli ho detto….hai capito stronzo….. o devo gonfiarti e guardandolo in faccia gli ho detto: senti io a questa vacca la ho riempita in tutti i buchi compresi occhi e orecchie, hai capito? Sono venuto per riempirla di nuovo, e lei vuole essere riempita da me ancora…..rivolgendomi a lei le ho chiesto: è vero che lo vuoi, e lei che da sempre è sottomessa al più forte si è accucciata su dime. Ho aperto il pantalone e le ho detto di fare quello che doveva….e lei ha iniziato a fare un pompino…..mi sono rivolto a lui di nuovo e sorridendo gli ho detto: lo vedi? Ora se vuoi riempirla anche tu …..non rompere e qualche cosa ti faccio fare, se no te ne puoi anche andare…..quando abbiamo finito ti lasciamo le chiavi sotto lo zerbino. Ora siamo impegnati io e Milly...stai zitto e gli ho dato un altro cazzottone sul mento. Mentre ancora era un pochino rincoglionito per i miei colpi che aveva subito ed era dolorante, Milly svolgeva il suo compito. Lei amava essere trombata dal maschio alpha e io le avevo dimostrato una volta di più che chi comandava ero io. A giudicare dal comportamento di Mirko….anche lui aveva capito chi era dei due che menava la danza e io ciucciavo i capezzoli di Millona, sotto gli occhi di Mirko stando attento a farla squagliare ben bene. Non c’era dubbio, questo atto di forza da parte mia aveva fatto sbrodare Milly. La avevo presa ormai integralmente. Avevo detto a Milly la maialona di prenderlo in bocca e lei aveva obbedito. Ormai la milfona era in perizoma e sfilandole la mutandina dissi a Mirko che cazzo voleva fare, non mi piaceva vederlo li imbambolato, per cui mi stavo rialzando e minoccioso gli dissi di spogliarsi e partecipare leccandole la figa. Mi è bastato un ceffone a Milly per farle capire che lei doveva continuare a fare la mia ciucciacazzi. Intanto guardavo Mirko e mi rendevo conto che non era affatto male….muscoloso e tatuato al culo e alle spalle ma non male….due bei pettorali, un bell’uccello...non grosso come il mio ….ma buono. Milly era sempre più eccitata e io avevo invitato il mio sottoposto a partecipare sempre più attivamente. Quando mi sono reso conto che Milly era calda a punto giusto e bagnata, ho chiesto a Mirko di accompagnarci in camera da letto dove si svolgerà tutta la notte di sesso. Lei mi ciuccia in maniera fantastica le palle e il cazzo, mentre Mirko timidamente inizia a leccare la figa, con un occhio di rispetto a me.. Milly gode e Mirko lecca e ciuccia bene….sa fare sesso. Lo vedo da come Milly si dimena. Sono duro e lei lo sa ma guardo anche Mirko e rimango sempre più colpito in positivo. Si è proprio un bel cazzone anche lui. Io continuo a riempire la bocca della donna con il mio cazzone e Milly inizia il suo spettacolo da troiona. Ho invitato Milly a salire sopra di me e lei abituata si è subito lanciata in una cavalcata rapidissima con impalamento, mentre Mirko guardava eccitato e Milly era fradicia….già all’inizio. Avevo preso il ritmo e ora potevo permettere a Mirko di succhiare i capezzoli della milfona….non c’erano dubbi, anche Mirko aveva un bell’attrezzo e quando vedo venire ancora ed ancora Milly su di me decido di cambiare posizione…. Mentre Milly sfranta si abbatte sul letto faccio posizionare sotto Mirko e invito la porcona a salire di nuovo su, io agiro Milly e mi vado a posizionare dietro. Aspetto che Milly si impali su Mirko e poi la penetro nel culo almeno per metà del mio cazzo…. Le urla mi hanno fatto capire che avevo colpito bene il bersaglio e siccome siamo tutti e tre molto esperti in poche posizioni ci riusciamo a sistemare tanto che entro in culo fino alle palle e lo stesso aveva fatto Mirko. Da subito iniziamo un sandwich fantastico… con un sincronismo perfetto……. Io e Mirko pompiamo allo stesso ritmo e Milly espolde in continuazione, poi cambiamo ritmo e ci alterniamo con i batacchi, pistono io e subito dopo lui e così Milly è ancora più sbrodolante. Lei Piange, ride, urla, si dispera, ma gode come una porca…..in maniera straziante . Colpi su colpi, sempre più forti ed è uno sfondamento continuo…..Milly urla il piacere è una cagna indicibile viene in continuazione….e più viene più la stantuffo nel culo. Voglio massacrarglielo e anche gli occhi di Mirko dicono questo, mentre lui parla, la chiama Zoccola, troia, puttanone e lei dice si tra l’orgasmo della vagina e la bava dalla bocca. Milly era cotta urlava che era troppo bagnata e anche Mirko non aveva più presa per cui mentre io continuavo ad andare duro nel suo culo Mirko ora si era dedicato a leccare la figona calda e bagnata. Finalmente sono al limite e so che esploderò nel culo della milfona….gli e lo dico ma Millona lo sa già ed è predisposta a prenderlo nel mio assalto finale…..apre le natiche al massimo mentre io la svaccavo con violenza….in colpi a ripetizione che la dilaniavano….e Milly era tutta in un urlo. Dopo l’esplosione eravamo tutti e tre sul letto e Milly era senza dubbio la più provata…..Mirko facendo finta di nulla continuava a sollecitarle il clitoride… ma lei non rispondeva. Io mi sono reso conto dei suoi movimenti. Ad un certo punto gli blocco la mano e gli dico a brutto muso insomma la vuoi finire stronzo e Mirko si acquieta, e dopo un po' dice che ancora non è venuto. Lo guardo in faccia….ha tutto il volto tumefatto...i miei colpi lo hanno reso livido all’occhio naso e parte della mascella, ho un moto di compassione, inizio a leccare la figa di Milly e la lavoro bene di lingua….le bombardo il clitoride con la lingua appuntita...la sgrilletto, la umetto, la succhio e finalmente Milly risponde, la bacio e la tocco e poi la sento ripartire, Milly ora vuole cavalcare ma io non sono a disposizione la oriento verso Mirko….ma lei vuole essere dominata dal più forte….si ributta su di me, io la metto a pecorina e inizio nuovamente a stantuffarla in figa. Lei riparte. Ad un certo punto, in corsa faccio inserire il cazzo di Mirko, mentre io mi pongo davanti e Milly non ha il tempo di protestare perché mentre entra Mirko io sono gia nella sua bocca e il suo urlo le rimane dentro. Lei ciuccia e Mirko infica in un ritmo anche questo indiavolato, tanto io quanto Mirko sappiamo che Milly non deve avere un attimo di tregua….quello che lei fa quando è fuori di testa non ha paragoni con nessuna altra troia e allora via giù duri e pesanti alla ricerca del godimento che finalmente arriva anche per Mirko….e anche le sue sono urla strazianti e si accascia mentre io rimango ritto nella bocca di Milly ed ora è una gara fra me e lei a chi viene…. O meglio e lei che viene mentre io mi godo le sue venute. Lei mi strizza le palle, mi succhia, mi lecca si tocca le tette, me le offre, io le lecco, le succhio, le mungo, e poi vado di spagnolona mentre Mirko guarda...e io sono felice dello spettacolo…...Milly la troia maiala, sfodera tutto il repertorio ed è un piacere vedere come sale e scende da me, come si avvita a pecorina, poi di fianco a missionaria e Mirko non ci riesce più ed inizia a masturbarsi mentre io sorrido, di lui che ci prova e di lei che vuole me. Riprendere Milly dopo un anno e scoparmela sottomettendo il suo uomo è stato fantastico….non vi è nulla di più bello e di più eccitante….. che trombata favolosa

Questo racconto di è stato letto 4 5 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.