Ukra la regina delle posche di Ucraina

Scritto da , il 2020-05-10, genere etero


Storia Vera
Ormai Ukra è divenuta la mia donna, cosa molto importante specie in questa fase di quarantena. Ho deciso di scrivere questa nostra storia, su suo incitamento e lei, è pienamente consapevole della carnalità passionale e travolgente che stiamo attraversando e che vogliamo condividere. Lei spesso mi ricorda le cose e mi stimola, mi eccita continuamente e spesso io interrompo la scrittura per possederla. La sua straordinaria voglia di cazzo si è perfettamente sublimata con il mio continuo desiderio di sesso, e ciò è avvenuto senza alcuna difficoltà, in maniera assolutamente naturale, quasi a far credere che sia vero il detto: dio li fa e poi li accoppia. Ukra è l’Ucraina perfetta, una donna veramente molto prosperosa, tanto che io la chiamo la mia gigantessa, perché ha tutte le forme di una abbondanza straordinaria. Si a me piacciono le grandi forme, quelle giunoniche e felliniane e mi piace vedere che le sue forme eccitano quelli che la vedono. Mi piace vedere che quando uscivamo la gente si girava per guardarle il culo e mi piace sentire le esclamazioni che il suo corpo prorompente provoca negli uomini. Ukra appartiene a quelle donne Valchirie che sono tutto sesso e senza limiti. Inoltre, come tutte le donne dell’Est Europa, sa molto bene come si può e si deve soddisfare un uomo e lo fa anche per molto tempo, con una dedizione che mi sembra a volte imbarazzante. Ormai è un rito che ogni mattina, appena svegliatasi, inizi a masturbarmi ed è fantastico perché lo fa senza stancarsi addirittura per ore, e questo solo perché sa che a me piace; solo dopo sa che deve salire sopra e che può iniziare a montarmi finché non veniamo entrambi e lei non ha squirtato fra le lenzuola tutta la sua voglia. La fantastica particolarità di questa valchiria è una fame atavica, primordiale, primitiva. Quando ho avuto modo di rendermene conto, ho fatto di tutto per conquistarla, sottraendola al suo precedente uomo, anche egli, a dire la verità, estremamente dotato sessualmente, presumibilmente con dimensioni del pene anche maggiori delle mie, e desideroso come pochi di poter fare sesso continuo, come è un vero gran porco. Da quanto raccontatomi da Ukra, lui preferiva possederla in macchina o anche fuori dalla macchina, in zone isolate ma spesso con presenza di guardoni. Si chiamava Ugo, fa parte delle forze dell’ordine, in particolare è un carabiniere, ed è con pochi, anzi pochissimi scrupoli. Aveva incontrato Ukra molti anni prima e porco come è, ha subito compreso quanto godimento ne avrebbe potuto trarre, essendo Ukra una vera maialona ucraina. Aveva cosi iniziato a frequentarla assiduamente, possedendola ogni giorno, in ogni occasione possibile, e anche nelle occasioni impossibili, ed Ukra era diventata per lui una macchina di piacere, sesso e perversione, da fottere in ogni istante e senza dover mai chiederle il permesso. Ugo era certo che una donna come Ukra, proprio per la sua innata porcaggine, non lo avrebbe mai lasciato, anche perché come la donna mi ha sempre detto, a lei piacevano i grossi cazzi e quello di Ugo era un esempio spettacolare. Detto da Ukra che aveva avuto tantissimi uomini, le ho subito creduto. Per Ukra basta un cazzone dritto, qualche bacio in bocca, qualche altro sul collo e la sua figa è già bagnata come un oceano, ed è quindi pronta per essere montata in ogni momento, in ogni luogo ed in ogni posizione. In questo frangente, Ugo ha avuto la possibilità di fare di Ukra carne da macello. Con la scusa di essere carabiniere e lei una donna che lavorava senza permesso di soggiorno, le ha posto le sue condizioni, e ciò gli ha consentito di dominarla quasi come fosse una schiava del sesso, per ogni suo capriccio. La cosa straordinaria, tuttavia, è che Ukra non ha mai visto tutto ciò come una violenza o come una sottomissione, anzi, ne è stata contenta e soddisfatta, poiché ha sempre accettato di buon grado di stare sotto e soprattutto le piace che l’uomo la sappia dominare e violare con forza, arroganza e anche prepotenza. Lei dice che sono caratteristiche dell’uomo forte. La particolarità di Ukra è che ha un culo enorme, poderosissimo ed una struttura da vacca, con due tette enormi che fanno venire la voglia di mungerle a chiunque la incontri, e queste caratteristiche fisiche associate ad un viso da vera porca e ad una sua totale libertà di costumi, la hanno sempre resa una vera e propria figlia del peccato. Ukra e il sesso sono una sola cosa. Lei ha sempre pensato al sesso, allude continuamente al sesso e desidera essere sempre al centro del desiderio di un uomo, mentre vuole essere libera e senza impegni stringenti. Mi ha raccontato di aver avuto sino a quattro amanti al giorno, e di essere stata posseduta più volte da due e da tre uomini, senza minimamente dire mai di aver subito violenza, anzi godendosela molto, quasi vantandosi di ciò. Ha fatto sesso di gruppo e io ho avuto modo di saggiare le sue prelibatezze sessuali, il suo fisico atomico e la sua potenza travolgente, quasi fosse una vichinga, una forza della natura, in più occasioni, sia da sola sia in un rapporto a tre, insieme a una altra ucraina. Ormai sono arrivato alla conclusione che le Ucraine sono le amanti più porche in assoluto, e che in quanto a porcaggine Ukra le batte tutte senza dubbio. Posso dire che è la campionessa di porcaggine mondiale. Sapevo che Ugo era riuscito, fra l’altro, a inserirla in un circuito di scopamici e da li il passo era stato breve per inserirla in una serie di club prive’ e nello scambio di coppie, dove Ugo portava la sua vaccona, facendosi ammirare e invidiare per avere questa cavalla da monta a sua totale disposizione. Ukra faceva tutto, sembrava del resto non riuscire a uscire dalla fitta tela di incontri in cui Ugo la aveva inserita, finché, con il continuare della nostra frequentazione sessuale, estremamente continuativa, le mie esigenze non hanno più consentito di soddisfare altri uomini. Devo dire che io l’avevo messa di fronte al classico o me o gli altri, con le spalle a lmuro e lei aveva iniziato a capire che se Ugo non scherzava, non scherzavo neanche io. Ricordo bene l’angoscia e la paura che Ukra aveva dovuto sopportare. Ugo era un tiranno e si comportava da tiranno con lei, offrendola ad altri uomini per dimostrare quanto fosse il suo possesso nei confronti di quella che chiamava: la sua vacca ucraina. Ugo la faceva seguire, e ha fatto di tutto per evitare di perderla, ma le sue perversioni non hanno retto a lungo. Io montavo Ukra a ripetizione, la facevo sentire la più femmina delle femmine, la più porcona delle porcone e la più donna delle donne, una signora fuori dal letto ma una troiona nel letto, facendole fare tutto senza pietà. Oramai l’Ucraina aveva scelto me e siccome Ugo non voleva cedere in un fatidico incontro che ha segnato la libertà della donna Ukra, sono stato io con le buone e con le cattive a disimpegnarla da tutti i vincoli precedenti. Non ho mai sofferto di gelosie ne retroattive ne reali anzi vado fiero del fatto che Ukra sia stata e sia così desiderata. La mia filosofia è semplice: la donna sta con un uomo finché gode e fa godere. Nel caso in cui le cose cambiano, ognuno va per la sua strada. Ci è voluto tempo per far capire ad Ukra che lei poteva fidarsi di me e lo stesso tempo ci è voluto per farle passare la continua montante gelosia che lei provava nei miei confronti, poiché anche io ho avuto moltissime storie e tantissime donne. Le ho raccontato tutto di me e ho fatto si che lei mi raccontasse tutto dei suoi uomini, del suo passato, delle sue tantissime storie a partire da quando era in Ucraina e anche di quando era arrivata in Italia. Ho voluto sapere di tutte le storie di sesso con tutti gli uomini con cui era stata in tutte le città in cui era stata, con tutti i particolari. Le ho fatto vedere tutti i video delle donne che ho avuto e ho chiesto a lei di filmare molti dei nostri rapporti erotici. Ora il nostro rapporto è basato sulla carnalità che soddisfa entrambi, non importa quante volte al giorno e non importa per quanto tempo. Possiamo fare sesso per una intera giornata senza fermarci, se non per i pasti e per poche altre esigenze. L’importante è soddisfarci carnalmente, in ogni modo possibile. Io preferisco andare giù pesante con i rapporti anali e lei si è abituata a prendermi con buona resistenza, dopo aver squirtato a dovere, visto che questo è il suo sogno continuo io do fondo al mio gusto di incularla. La soddisfazione fisica, del resto, è il principale alimento per la soddisfazione spirituale, per cui non abbiamo limiti in nulla. Pratichiamo il sesso orale, il sesso vaginale con moltissima soddisfazione, visto che lei raggiunge lo squirting, ed è pluriorgasmica, e il rapporto anale. Io adoro quell’immenso culone e non posso fare a meno di tuffarmici dentro ogni volta che ne ho la possibilità. Ovviamente questa fase di blocco delle attività per il covid 19, personalmente non ha fatto altro che favorire il nostro bisogno di sesso, perché tutto quello che precedentemente poteva essere legato ad attività lavorative lo abbiamo totalmente impegnato per farci del bene, desiderandoci e possedendoci giornalmente, quotidianamente. Ogni sera io provo il sottile desiderio di immaginare quale sarà la sorpresa del giorno successivo e sistematicamente vedo Ukra posizionarsi con il suo possente culone di fianco e con un sorrisetto malizioso pronta a dirmi: di fianco, pecorina o succhino? Succhino sta per pompino che, comunque, a quel punto non serve, perché il mio cazzo è duro e grosso come una mazza di tamburo già e bussa in continuazione alla figa di Ukra che apre subito. Il più delle volte la prendo dai fianchi possenti e la possiedo di fianco, ma anche l’opzione del doggy style non ci dispiace. La vacca a pecorina mi da grande eccitazione, con lei che muove il suo culone mente io la infilo senza pietà. Quando dopo tempo la posizione inizia ad essere difficile da tenere, le salgo letteralmente sopra e Ukra sotto si posiziona in modo tale da poterlo prendere tutto dentro, leccandomi le dita delle mani con la sua lingua, mentre io le infilo nella sua bocca, e lei riconosce che io sono il suo padrone. Riconosce di essere la mia schiava sessuale, la mia porcona, la mia vacca, e io la incito come una cavalla schiaffeggiandole le natiche per tutto il tempo e lei sente questi incitamenti e impazzisce ancora di più. Facciamo il nostro sesso sfrenato e già io penso che se mi sveglierò, l’indomani mattina, prima io, di lei, inizierò a molestrarla nel lettone, ciucciandole le tettone enormi, titillandole il clitoride finché non si concederà e mentre la possiedo la guardo negli occhi e già lei ha lo sguardo del sonno: E’ abboffata dagli orgasmi che le ho fatto raggiungere…..mi sorride ebete e si addormenta. Faccio solo in tempo a sorriderle e lei mi sorride soddisfatta. Io intanto so che se si sveglierà prima lei, l’indomani mattina, inizierà con il prendere il mio cazzone nelle mani e lo maneggerà già in dormiveglia in un ritmo eccitantissimo che me lo fa crescere, lavorandolo a lungo come piace a lei, visto che io non vengo mai con la masturbazione. Occorrerà che si ridesti e ancora insonnolita vada verso il bagno, mentre io guardo il suo corpo pieno e giunonico, pregustando cosa accadrà al suo ritorno. Puntualmente accade questo: Ukra ritorna e dopo aver fatto il bidet ed alcune abluzioni è pronta a discostare le coperte e a scendere dolcemente verso il cazzone che è barzotto. Io la lascio fare, mi godo il suo pompino e il suo gioco sapiente che fa ai miei coglioni belli grossi e gonfi come quelli di un toro. Si ho i testicoli enormi. Il mio desiderio è capire cosa vorrà fare lei. Difficilmente Ukra porta a termine il pompino, questo è un piacere che ci si riserva in occasioni particolari, come quando ha il ciclo. Il più delle volte, superando la sua inclinazione a farsi possedere, a pecorina, come abituata in precedenza da Ugo, prende sempre più spesso la posizione di dominio, inforca il cazzone nella sua figona e inizia a cavalcare senza limiti a tutta velocità con me di sotto che la incito e la mungo come una vacca da monta. Ukra ha un grande temperamento e averla sopra è un vero godimento, specie per me che ho tempi molto lunghi per venire e quindi è perfetta sino alla sua esplosione fragorosa, che avviene allagando il letto. A quel punto sono io che sento l’esigenza di montarla a pecorina davanti ad uno specchio e inizia il festival dello squirting…..anche questo senza limite, fino a quando lei ce ne ha, in modo da poter battezzare ogni angolo della casa in tutte le posizioni che il desiderio più che la ragione ci impone. Dopo questa corrida, siamo pronti a fare colazione e la fine della colazione abbondante, generalmente prevede che Ukra metta le cose a posto. Il culo è sempre in particolare evidenza per cui alla prima occasione la spingo sul divano e mentre lei si posiziona a pecorina io la monto nuovamente nel culone. La preparazione della giornata contempla la soddisfazione dei bisogni corporali, che ognuno ha imparato a svolgere per conto suo e successivamente la doccia, che invece facciamo insieme, insaponandoci l’un l’altro. Una conseguenza inevitabile è a questo punto che io la prenda analmente. Sono sempre stato particolarmente desideroso di rapporti anali e con il passare del tempo la mia predisposizione si è orientata verso i culi poderosi, cioè grossi e possenti, come quello di Ukra, in grado di soddisfare la mia forza che a volte si tramuta in vera e propria violenza. Ecco Anche in questo caso Ukra è perfetta, sa muovere il suo culone a ritmo, ha le natiche saldamente resistenti che mi cosentono la penetrazione in profondità, senza creare alcuna difficoltà. Ovviamente Ukra urla perché sente la violazione del suo ano, specie con un cazzone di tutto rispetto, ma la sua esperienza sessuale è veramente straordinaria. Sa tenere la posizione a pecorina sia nell’anale che nel vaginale e questo dimostra la sua porcaggine. Nei nostri discorsi spesso compaiono ricordi legati adUgo, ma anche ad almeno quattro altri amanti, che la hanno saputa far godere, soddisfare. Ukra è una macchina da sesso, come ho avuto modo di constatare ormai senza equivoci e la sua dedizione e pressoché totale. Non vi sono desideri che lei non è disponibile a esaudire. Quando si tratta di sesso è disposta a tutto; basta guardarla nei suoi occhi azzurri e il gioco è fatto. Compare il sorriso, dopodiché allunghi la mano, la tocchi nella figa glabra e lei è già pronta, per tutto. La sua figa è un fiume caldo e il suo perizoma è sempre costantemente zuppo di umori, di liquidi. Omaggiarla con la lingua in figa è il massimo, anche se la sua voglia di cazzo, secondo quelli che sono gli schemi tipicamente maschili, la rendono poco interessata alle pratiche preliminari troppo lunghe. Lei ha bisogno del cazzo duro immediato e a ripetizione, se lecchi troppo e perdi tempo si infastidisce, quando dice cazzo lo deve prendere duro e forte, non ci sono altri modi. Ukra vuole il cazzo e te lo chiede, lo vuole dentro prima in figa e poi in culo, sempre secondo questo ordine soddisfare la figa e soddisfare il culo. Questa è la sua prerogativa. La prima esigenza è quella di squirtare, sino alla fine, sino all’ultima goccia, per il suo totale soddisfacimento, poi viene il resto, e nel resto ci sta anche la sodomizzazione, il voler essere riempita, dopo essere stata totalmente svuotata. Adoro Ukra per questa sua capacità di soddisfarsi completamente e per la abilità di soddisfare anche l’uomo che la ha saputa soddisfare. Troppo spesso sono rimasto eccitato sino al parossismo perché molte donne non mi hanno saputo far godere, non hanno saputo prendere e dare, e io ho sofferto di questa situazione per tantissimo tempo. Sono lieto di iniziare ogni mattina con la stessa febbre di sesso e scoprire ogni giorno il diverso copione del nostro film porno. Mi chiedo sempre cosa si inventerà la porcona Ucraina e cosa le farò io. Spesso me lo chiedo mentre la guardo nuda che dorme, Ukra la cavalla, la vacca, la porca, la cagna, iniziando a palparla tutta mentre lei prova a continuare a dormire e allora io mi tuffo a succhiare e leccare quei senoni enormi, a titillare i capezzoloni che piano piano si ingrossano e diventano mia proprietà, inghiottiti dalla mia bocca.
Questo è un lavoro, un lavoro di fino e Ukra nonostante abbia gli occhi chiusi lo sente il cazzone rigido e quasi a tentoni lo cerca e lo trova sempre. Io impazzisco dall’eccitazione e quando voglio so che li è pronta. Qualsiasi cosa faccia è pronta, basta che la acchiappo e lei si posiziona subito nel modo in cui la voglio. Basta poco, basta nulla e lei è mia. Mi capita spesso di ricordare ciò che Ukra sorridendo mi ha sempre ripetuto. Quando Ugo parlava di lei a suoi amici era solito ripetere una frase: Ukra non sa dire mai di no al cazzo del suo padrone. Questo la diceva lunga sulla disponibilità della donna ucraina e ciò mi ha sempre fatto drizzare il cazzo ogni volta che ci penso. Accade ancora che io sono al computer scrivo e lei si presenta con un corpetto irresistibile, con un body in cui le forme debordano oppure addirittura nuda e io perdo ogni cognizione, cerco di rimanere seduto alla sedia ma lei inizia a leccarmi in viso, cerca la mia bocca, trova le mie mutande e sfodera il mio cazzo; in men che non si dica è in ginocchio che ciuccia il mio pistone senza tregua ed io sono quasi costretto ad alzarmi mentre Ukra si sculaccia le natiche e mi invita provocatoriamente ad entrarle dentro. Mi sorride come una porca e mi sfida alla monta, dicendomi che forse non sarò in grado di farla schizzare come ho fatto in precedenza e io accolgo sempre la sfida. Spesso ci guardiamo nello specchio, e lei sa che deve mantenersi forte al mobile del bagno. Io penetro tra le sue natiche in quella figona che è già calda e bagnata. I miei occhi verdi si incrociano con i suoi azzurri nello specchio. Non ci si deve dire niente, l’importante è farla spruzzare, farla venire più volte possibile: questa è la gara e io ogni volta non voglio perdere, mentre lei cerca con tutte le sue forze di farmi venire. Inizio a sbatterla con le palle al culo da subito, senza un attimo di riposo, in maniera martellante. Ukra deve essere trattata così, presa alla bersagliera, adora la forza dell’uomo e essere sbattuta con vigore massimo, completamente nuda. Io come un palo la sbatto e la impalo e penso sempre che è un paradiso quella figa eccitata e vogliosa, mentre la guardo nello specchio, con lei che fa tutte le smorfie. Spesso socchiude gli occhi e io la costringo a tenerli aperti….voglio che mi veda mentre la sto possedendo, violando senza rispetto, perché nel sesso spinto, quello nostro non può esserci rispetto: La figa di Ukra mi divora il cazzone e io godo nel mettere il mio cazzo e nel sentirla ansimare e gemere, stringendole le spalle enormi, leccandole il collo, e la nuca. Più aumentano i suoi urli, più la mia violenza incalza. Gli occhi di Ukra dimostrano sempre quando lei è soddisfatta e non tradiscono mai. Nonostante provi a trattenersi io la sento sempre quando non ci riesce più, quando sta per esplodere in maniera nucleare ed è fatta. Quando inizia vuol dire che il festival è tutto squirt. Ukra non si trattiene più e allora deve eliminare tutto e si tratta di tanta ma proprio tanto orgasmo. In quel momento io sospendo e do sfogo alla sua esplosione infilando la mano e strofinandole la figa fino a farla diventare una cascata di umori, di orgasmo, di piacere intensissimo due, tre, quattro cinque volte, finché la gigantessa non si svuota totalmente e si accartoccia come un palloncino sgonfiato senza più neanche la forza per raggiungere il letto e io continuo a fistarla di brutto. Un fisting continuo, martellante, asfissiante e lei prolassa, si abbandona totalmente e in maniera indecente, scandalosa, può fare di tutto. Allora sono io che la accompagno e la lascio godere dei suoi intensi orgasmi. Quando come oggi ho sentito il suo odore. lei dormiva attaccata con il suo culone a me. Ho iniziato a ravanarla e mentre la rovistavo nel dormiveglia si è offerta di figa, le piaceva il contatto alla porcona. Era fantasticamente abbondante. Che senone, e che culonazzo. Sono impazzito. Ho iniziato a desiderarla. ho iniziato a posizionala in modo da poterla prendere e lei si è lasciata gestire del tutto. Ho iniziato a leccarla ai capezzoloni. Sono sceso con la mia bocca alla figona e ho leccato senza mai fermarmi. Ukra si è svegliata di soprassalto, ha iniziato a gemere e ad ansimare, senza pace. Era bagnata la vichingona e tentava di chiudere le gambe ma il mio viso era dentro. Ukra mi ha stretto tra le cosce. Era sempre più bagnata tremava per l’eccitazione mi teneva la testa. La ho guardata negli occhi azzurri; era già stravolta dal godimento. Ho sentito la mia voglia solita, il desiderio di martellarla, di prenderla, di riempirla. La ho presa e le ho sollevato le coscione, le ho alzato le gambe e ho inserito il mio cazzone duro nella sua figona, infilzandola fino alle pallone gonfie e piene di orgasmo con la sua approvazione. Ho iniziato a possederla, pompandola con foga e forza, quasi con violenza. Urka non riusciva più a controllarmi. La ho sentita liquida fremente come sempre quando desiderava essere presa. Stava godendo senza ritegno e si contorceva freneticamente. Ho sentito gli orgasmi ripetuti, uno di seguito all’altro e il suo viso era oramai una maschera di piacere. Si vedeva la soddisfazione. Come sempre era il solito lago una altra domenica nella mia vichinga del sesso è pronta per essere vissuta

Questo racconto di è stato letto 3 6 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.