Samsara ( Questa volta alla mia maniera ) Pt.1

Scritto da , il 2019-06-17, genere pulp

Quella cosa che i buddisti chiamano Samsara, a spiegarla, è come un campo gravitazionale che ci tiene incollati alla vita di tutti i giorni, al punto di farci credere che la realtà non possa estendersi oltre.
A volte capita che un evento eccezionale possa proiettarci oltre il quotidiano, permettendoci di vedere la realtà dall'alto, con l'occhio presbite dell'intuizione, ma dura poco. Presto il Samsara ci riporterà indietro e si aprirà nuovamente l'altro occhio, quello miope della ragione, incapace di tenere a fuoco quel che un attimo prima ci sembrava così evidente. Come il ricordo di un sogno.

Così quella sera, proprio la sera dello stesso giorno in cui avevo conosciuto Gianna e visto cose che non si pensa possano esistere, il Samsara venne a riprendermi col'cacchio.
No, non è uno scherzo, in Sudafrica c'è davvero una catena di pizzerie che si chiama Col'cacchio e anche l'apostrofo c'è davvero. Una intera catena, solo nella zona di Cape ce ne sono sedici.
Finimmo in una di quelle, dove davanti a una pizza, Ernestina e la moglie dell'amico mi estorsero la promessa che non avrei anticipato il mio ritorno in Italia e avrei concesso un'altra uscita appena fossi stato più riposato.

Due giorni, mi ero messo a lavorare su di una pubblicazione perchè non potevo trascurare del tutto i doveri accademici, ed ecco uno squillo di telefono, la chiamata del portiere per informarmi che ero atteso giù nella Hall.
Ad aspettarmi di sotto c'erano il mio amico e sua moglie, che è una indiana di Cape, ma anche lei sembra italiana.
Poi c'era Ernestina e una sua compagna di corso che si era accodata, tutte e due ragazze Xhosa, perchè si fa presto a dire negre, ma ogni tribù è un pianeta a se stante. Le famiglie Xhosa spingono le loro ragazze a studiare e a vivere in maniera autonoma, per questo presso tutti gli altri hanno la fama di izifebe, tutto il mondo è paese sotto questo aspetto. Erano molto differenti a vista, l'amica era tutta curve, indossava una vestaglia colorata che non riusciva a nasconderle e un turbantone azzurro più largo che alto, mentre Ernestina è più secca, dimostra meno della sua età. Quella sera era vestita all'europea, con i capelli corti scoperti, ma aveva decorato le guance e il contorno degli occhi con puntini di pittura bianca, all'uso tribale.

Mi spinsero nella macchina prima ancora di decidere dove si dovesse andare, i coniugi davanti, io dietro tra le due ragazze, calde, morbide, profumate, con la mia voglia solita di mettere le mani sulle loro gambe.
Mi veniva da ridere, quella voglia è la radice degli eventi che mi avevano portato a rifugiarmi a Cape, scappavo dalle conseguenze del mio desiderio per le giovani universitarie, per cosa, per trovarmi ancora stretto tra i corpi di due giovani universitarie.
Non esiste una vera fuga, perchè Samsara quel che non vogliamo affrontare continuerà a riportarcelo davanti, e non ha bisogno di raggiungerci, siamo noi a esserci dentro per quanto lontano si vada.

L'automobile traballava e le sentivo strusciare, dove si va ? Avrei preferito il Julep, un bar tranquillo appena fuori Long Street, ma le ragazze vollero tirare poco più avanti, Bree Street, la zona dove le giovani negre di famiglia agiata vanno a esibire l'ultimo bianco che abbiano arpionato, un italiano poi è il massimo, anche se prossimo alla rottamazione.
Il bar più quotato di Bree è l'Orphanage, cent'anni fa era davvero un orfanotrofio, adesso è uno di quei posti hip dove servono i cocktails nei vasetti della marmellata o nelle buste di plastica. L'esterno è essenziale, tetto piatto, linee pulite da tempio greco, rotte soltanto da due tendoni spioventi alle finestre, tavoli e panche di legno sulla strada, stranamente vuoti. Bastò mettere dentro la testa per capire il perchè: Jeremy Loops si stava esibendo dal vivo, con Jamie Faull al sax, e la sala era piena all'inverosimile di hipsteroni barbuti con i vestiti di marca sopra i tatuaggi, nell'aria si respirava più coca che ossigeno.

Decidemmo di sistemarci fuori, con quella folla ce ne sarebbe voluto prima che qualche cameriere si accorgesse di noi, ma tirava un bel vento di mare, le chiome degli alberi lungo la strada filtravano la luce del tramonto, si chiacchierava tranquilli e l'attesa non pesava.
L'amica di Ernestina mi sorprese piacevolmente chiedendomi del rinascimento a Firenze e dell'accademia neoplatonica, uno di quei discorsi razionali che mi permettono di non sembrare perso in qualche luogo irraggiungibile.
Nel frattempo a un chilometro da li, o anche meno, una quantità di persone viveva in condizioni miserabili, si ammazzano tra loro per i quattro soldi ottenuti dal lavoro in miniera, ma protestare non è solo inutile, è vietato.
Se l'alleanza tra ANC e compagnie minerarie vuole che siano trattati peggio delle bestie, allora è così, chi protesta viene prima o poi visitato da una delle bande criminali a libro paga.
E protestare all'estero, mettere in dubbio la santità del partito di Mandela, è la maniera più sicura per finire nella lista nera delle peer reviews, allora titoli accademici ciao, pubblicazioni ciao e amicizie anche.

“ Alla realtà non interessa come vorresti tu che fossero le cose. “ - mi aveva detto Gianna solo tre giorni prima, e mi sembravano anni.

Così potevo solo stare seduto al cocktail bar e parlare del rinascimento con la figlia di uno dei politicanti, contenta di essere vista da tutta la strada assieme al professore straniero, fare in modo che una su decine di migliaia si sentisse realizzata quella sera, perchè di più non è permesso.
Intanto ascoltavo la sua voce e immaginavo in che maniera avrebbe gridato se avessi potuto affondare le dita nelle sue curve polpose, mordere quel seno tondo..

Finalmente l'arrivo del cameriere interruppe tutti quei pensieri, ordinammo analcolici, solo Ernestina chiese un Knicker Dropper ( Strappamutande ) guardandomi intanto in maniera significativa. Penso intendesse ricordarmi che quella sera non ero li per l'amica.

Nel mentre che bevevo per prendere tempo, e pensavo a come includere Ernestina senza tagliare scortesemente il discorso con l'amica, arrivarono i soccorsi, cioè Def-Con il rapper con tutta la sua Crew.
Anche loro, come avevamo fatto noi, buttarono appena uno sguardo dentro e decisero di raggiungerci ai tavoli esterni. L'amica trovò subito da fare conoscenze, il rapper riprese con noi il discorso di giorni prima in pizzeria, mentre io potevo finalmente dedicarmi al compito principale.
Mi riuscì così bene di farmi perdonare che, quando il rapper chiese chi volesse continuare la serata nella sua villa, Ernestina fu irremovibile, dovevo accompagnare lei e l'altra, non c'era modo di scappare.

Solo il tempo di salutare il Sidi e moglie, si partì con una colonna di quattro macchine, io unico italiano in mezzo a tutti sti negri americani e locali, gente armata, sembrava una spedizione militare, anche se la destinazione era una delle zone più sorvegliate di tutta la periferia. Sulla nostra macchina No sleep till Brooklyn, dei Beastie Boys, usciva sparato a mille dallo stereo, Ernestina mi si strusciava addosso come una gatta, poco mancava che facesse le fusa. L'altro negrone in camicia rosa seduto dietro con noi, lasciava lampeggiare da dietro gli occhiali scuri degli sguardi di intesa.
Silenziosamente era come se mi dicesse : " Questa te la scopi, brutto rotto nel culo. Non vedi ? E' garantito che stanotte tu scopi, mentre io, chissà. "

Questo racconto di è stato letto 1 9 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.