Oltre il tramonto (parte 5)

Scritto da , il 2019-04-01, genere sentimentali

Benedetta, la segretaria della scuola di danza, era seduta sul divano di Madame L. non ricordandosi di essere rimasta senza mutandine da almeno un paio d'ore. Da quando, nel locale degli aperitivi, le aveva consegnate al ragazzino che faceva la spola con gli spogliatoi della palestra.

Ora, dal bordo sollevato della minigonna potevo intravedere la linea tonica del suo gluteo sinistro e una parte del tatuaggio impresso all'altezza dell'interno coscia. Parlando si era riannodata i capelli e rimesso un filo di lucidalabbra rosso chiaro.
– Caro Pifferaio, come ti dicevo non sono l'unica a vendere mutandine usate a quei feticisti del circolo...

Mentre parlava con discreto accento romanesco, muoveva a scatti la coda di cavallo e il suo ciuffetto di capelli mori. Gesticolando faceva ondeggiare il reggiseno in pizzo scuro (quello senza ferretti né push-up) che in macchina la mistress aveva palpeggiato per strizzarle dolcemente un capezzolo. Del carabiniere chiuso in gabbia al piano di sotto, nessun lamento. Madame L. sembrava rilassata ma attenta. Sfilati gli stivali sul tappeto, era venuta a sedersi al mio fianco, con le gambe ripiegate sotto il sedere.
– Come vi dicevo, all'interno della scuola di danza c'è un bel numero di maschi arrapati che scuce centinaia di euro per comprare i nostri perizoma impregnati di succhi vaginali. Immagino sappiate come funziona, no?

Per non risultare totalmente sprovveduto, mi giro verso Madame L. che aveva dato prova di saperne più di me.
– Beh io so che esiste una piattaforma online – miagola con tono ironico la mistress – dove le ragazze che vogliono vendere la loro biancheria intima possono aprire una sorta di vetrina e presentare i loro prodotti. Io l'ho usata qualche volta: persone da tutto il mondo mi chiedevano di comprare non solo mutandine e reggiseni, ma anche scarpe usate con tacco dodici, stivali di pelle, addirittura frustini con piccole macchie di sangue. Si possono fare bei soldini se non hai le palle per fare le cose dal vivo!

Una volta riaffermata l'autorità in materia di dominazione "sul campo", Madame L. fa un cenno a Mike, l'autista-cameriere che era rimasto seduto in un angolo del soggiorno.
– Mon chéri, perché non ci apri una bottiglia della Maison Bollinger? Io e miei amici stiamo iniziando ad avere sete. O tu Benedetta preferisci Coca-Cola con la cannusscia?

Stranamente, forse perché presa dal racconto, la segretaria sembra non cogliere la perfidia della mistress.
– Sì funziona proprio così. Crei il tuo profilo di venditrice, carichi le foto dei prodotti, imposti i prezzi e prepari delle offerte presentando le mutandine con brevi testi persuasivi. Ci sono donne che vendono anche calzini usati, autoreggenti, leggings, felpe, scarpe da ginnastica o décolleté da vera borghese.

Guardo i calici con lo champagne davanti a me, sebbene la mia mente sia ormai completamente altrove. Benedetta sembra davvero esperta, anche il suo tono di voce prende sicurezza.
– Si parte rispondendo agli annunci, ma poi la conversazione può saltare su Skype, su Kik e su WhatsApp. Ci si scambia foto, video e tutto ciò che può servire per far salire la temperatura dell'eccitazione. Poi il cliente paga con PayPal e riceve il pacchettino odoroso a un fermoposta qualsiasi.

Il Bollinger ghiacciato scorre che è un piacere. Mi raddrizzo sul divano e guardo la segretaria dallo sguardo saputello.
– Scusa tesoro, quindi mi confermi che i tre personaggi di cui mi voglio vendicare sono clienti di questa piattaforma?
– No no, "caro". Noi abbiamo creato la nostra...
– Che significa – interviene Madame L. con la sua erre parigina – la "vostra"?

È in quel momento che tutti e tre veniamo attratti da un mugolìo proveniente dal fondo delle scale. Dal dungeon del piano di sotto, il carabiniere ammanettato ha evidentemente oltrepassato la soglia della sopportazione.
– Merde alors! – esclama la padrona di casa – scusate un attimo... Quel pezzente non resiste alle pinze allunga-capezzoli. Scendo un istante a tappargli la bocca con il nastro!

Approfitto per andare al bagno e scaricare un po' di tensione facendo pipì. Il mio membro pensa ormai per conto suo e rilassare la vescica non è impresa da poco. Benedetta, beata giovinezza, ne approfitta per fare due chiacchiere con il toy-boy palestrato. Sorride, agita un po' le ciglia da coatta e con la punta delle dita scorre il profilo del bicipite.

Dopo essere risalita, Madame L. afferra il cellulare per controllare i messaggi.
– No caro, questa sera non posso proprio riceverti – risponde a un vocale su WhatsApp. Poi guarda Benedetta flirtare con Mike e decide di abbassare la guardia.
– Sì cara, stai tranquilla... non sei così stronzetta come pensavo. Dopo te lo faccio assaggiare, il mio cameriere. Anzi, mi è venuta un'idea: venite qui tutti e due.

Nel frattempo, rientrato dal bagno, mi accorgo che la scenografia è cambiata. Madame L. ha preso in bocca il cazzo turgido dell'autista mediorientale per spompinarlo lussuriosa, guardando Benedetta di fronte a sé negli occhi.
– Oh oh... – riesco a dire in onore allo spirito francese – je vois que nous avons commencé à nous amuser...

Dopo qualche aspirazione ricca di saliva, e cinque-sei colpetti di lingua nei rilievi più sensibili, la padrona del gioco fa avvicinare la ragazza e passa a lei l'esercizio del risucchio. Sincronizzata nell'arte del bocchino, Miley Cazzus si impossessa dell'asta rigida per farsela (ça va sans dire) scomparire in bocca.
– Ci voleva una pausa pratica dopo tutta quella teoria – è la chiosa della mistress insolitamente divertita.

Mentre già mi immagino di subentrare a supporto dell'uomo muscoloso, intuendo le mie mosse Madame L. mi fulmina con lo sguardo.
– No pifferaio, arrête toi. Il tuo turno arriva tra un pochino. Mon ami Mike mi serviva solo come selz.

Con mossa decisa, la mistress estrae l'uccello dalla bocca della ragazza e lo posiziona sul bordo decorato del calice di cristallo.
– Forza ragazzino, aggiungi un po' di crema a queste bollicine!

Sorridente, senza quasi scomporsi, Mike rilascia almeno tre-quattro fiotti della sua sperma calda in direzione champagne. Con sguardo riconoscente, Madame L. sorseggia lungamente e si risiede sul divano con nonchalance, come dopo una pausa pubblicitaria.

La segretaria, stupita ma non troppo, si aggiusta con la lingua gli angoli della bocca e procede nel racconto. Da parte mia, sono l'ultimo a riprendermi. Rimasto in piedi al centro della stanza, guardo Mike. Il quale annuisce socchiudendo le palpebre. Con un'espressione a metà tra un maître di sala e uno scugnizzo del deserto approdato in paradiso.

[CONTINUA / 5]

Questo racconto di è stato letto 1 1 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.