Quel sapore di ventenne olandese (parte 3)

Scritto da , il 2020-01-05, genere orge

Durante la passeggiata per il centro di Roma, non c’era uomo che non si voltasse a osservare il culetto sodo di Famke, inguainato in una minigonna di pelle nera e stivali a mezza coscia. Di rosso per il Capodanno aveva già indossato un perizoma di seta bordeaux e una camicetta bianca aperta sul reggiseno coordinato. Il tutto avvolto in un adorabile cappottino grigio scuro, anch'esso targato Dolce&Gabbana.

– Mi dimentico sempre di quanto sia forte il vostro caffè espresso – mi dice cinguettando l'olandesina, mentre gli avventori dell'Antico Caffè Greco vorrebbero leccare la sua tazzina sporca di rossetto. – Mia sorella ha girato uno shooting proprio qui dietro, credo fosse per Sephora... Per mesi ho avuto trousse piene di make up fantastici.

Il suo italiano mezzo inglesizzato la rende ancora più frizzante. Decide di darmi un bacio sulle labbra lì davanti a tutti, la sua bocca profuma di miscela arabica con sgranocchiamento di arachidi salate: l'effetto è del genere cappuccino-tramezzino.

– È ora di andare a casa, Famke. Così diamo una mano a preparare la tavola, i dolci e lo champagne.
– Ummh, Pifferaio. Mi hai fatto venire voglia... Ma no, my piggy! Cos'hai capito?!? Parlavo dello champagne. Si può avere adesso un assaggino?
– Sei insaziabile e viziata come una bambina. Ma stasera è l'ultimo dell'anno e quindi faremo come dici tu. Vieni, qui a via del Babuino c'è il mio amico gioielliere che ha sempre in fresco una bottiglia di classe.

Lei sembra non capire perché in Italia per bere champagne occorra entrare in una gioielleria. Tant'è che i dubbi le scorrono via come bollicine al cospetto della vetrina interna.
– Complimenti, everything is fantastic – dice Famke rivolta a Filippo, il titolare. Ma si intuisce che la sua attenzione di ventenne capricciosa è interamente diretta allo smeraldo da quasi settemila euro che brilla dietro il cristallo antiproiettile.

Uomo di mondo ed erede della storica famiglia di orafi del lusso, Filippo ha l'espressione del celebre commesso in colazione da Tiffany.
– Vi sboccio una bottiglia di Krug se mi dici da che angolo del paradiso è atterrata a piazza di Spagna...
– È il mio regalo olandese per Capodanno – sussurro, mentre lui apre un insospettabile mobiletto frigo – ma non mi crederai mai se ti dico chi l'ha invitata...
– Qualche simil-Briatore-Vacchi-o-giù-di-lì..??
– Sei lontano anni luce. Mia moglie.

A Filippo parte il tappo che rimbalza sulla parete dei Glashütte da diecimila euro. Per fortuna è tutto infrangibile.
– Quella topona che ancora ti sopporta?!? Certo che dev'essere proprio innamorata dei tuoi bonifici... Quand'è che me la fai ripassare un pochino come ai vecchi tempi? Con l'età si è fatta ancora più sorca.
– Facciamo così: tu vieni stasera da noi per Capodanno con una delle tue ereditiere bocchinare, porti qualche regalino che brilla e io ti apparecchio un'orgia con l'olandesina succhiante e la culona chiavabile. Oh, mi raccomando che sia una milf forty-fifty, non quelle sessantenni che ti sbatti qui nel retro...
– A proposito di retro – mi interrompe Filippo, alzando il sopracciglio e rivolgendosi a Famke – signorina, prego. Ci segua che gustiamo lo champagne qui nel mio salottino. Non vorrei che i clienti da fuori scambiassero questo luogo per un locale torbido...
– Piff, che vuol dire torbido..?? – dice Famke con una smorfia delle sue. Quando le si apre il cappottino, lo spettacolo della minigonna e degli stivali cuissardes mette a repentaglio le nostre coronarie.

Al terzo flute la ventenne inizia a ridere delle basette di Filippo. Il quale, se non avesse di fronte a sé la prospettiva serale, sarebbe già partito di capoccia.
– Sai, piccola – inizia il suo repertorio da gioielliere-incantatore – con queste mani così delicate potresti provare una fedina in oro bianco come questa...

Famke si fa infilare il gioiello senza respirare e poi lo guarda in controluce, alzando la mano e restando a bocca aperta. Per un attimo temo il peggio, anzi il meglio. Poi incredibilmente la ragazza si ritrae, forse reagendo agli influssi del Krug, e si sfila l'anello con gesto strattonante.
– Non sono quel genere di ragazza! – dice con voce stridula e alterata.

Io e Filippo ci guardiamo, soffocando una risata ma anche un po' delusi dal precipitare degli eventi. Lei mi viene vicino, mi prende il lobo dell'orecchio e lo tira fino a un millimetro dalla sua bocca.
– Dì a quel tuo amico che io non accetto regali. Voglio pagare, io. Non sono come quelle troielle, tornelle...
– Troiette, volevi dire? – intercetto il labirinto dei pensieri.
– Ecco bravo!
– E come potresti pagare? Era il mio regalo di Capodanno – fa Filippo finto offeso.
– Ripensandoci meglio... – miagola Famke, riguardando meglio l'oro bianco della fedina – Va bene, solo per questa sera accetterò un regalo e... ricambierò con un regalo!

Riprendendo una lucidità inaspettata, la ventenne socchiude la porta che divide il negozio dal salottino e si avvicina al gioielliere con sorriso da portatrice di pace. Filippo capisce tutto ancora prima di me: anni di esperienza da consumato frequentatore d'arte. La trae verso di sé iniziando a baciarle il collo, mentre con l'altra mano le solleva la minigonna per accarezzare la seta bordeaux delle mutandine.

Con tonalità da finta arrabbiata, Famke pronuncia una specie di "italiani tutti scopatori" mentre si apre il cappottino scuro lasciandolo scivolare sulla moquette. Mentre i due slinguano al sapore di champagne, le infilo una mano in mezzo alle cosce da dentro l'intimo. Lei sembra ritrarsi, forse per il freddo delle dita. Ma poi si ammorbidisce mielosa.
– Pifferaio, avrete il resto stasera. Non siate ingordi.

Riesco a immergere per qualche frazione di secondo i polpastrelli nel suo fluido di orgasmo trattenuto. Lei se ne accorge e mi guida la mano verso la mia bocca.
– Assaggia, italiano scopatore. Senti il profumo dei tulipani. Questa sera le tue palle gireranno come mulini a vento.

Filippo mi guarda come lo scienziato di ritorno al futuro. Beve d'un fiato l'ultimo flute di Krug e spegne la luce del salottino.
– Ora fuori di qui. Devo passare da casa a prendermi qualche pillola per la pressione. Voi siete matti. Potrei non vedere l'alba del nuovo anno.
– Certo caro Nick. Ma ti assicuro che nel caso ne sarà valsa la pena. Eccome!

[CONTINUA / 3]

Questo racconto di è stato letto 3 1 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.