Quel sapore di ventenne olandese (parte 4)

Scritto da , il 2020-01-11, genere orge

Le sorprese erotiche sono come le ciliegie, una tira l'altra. Alla cena di Capodanno, indovinate chi è la M-I-L-F che fa da accompagnatrice al gioielliere Filippo? La maestosa Emanuela De Carlo, l'elegante "contessa" dai capelli color miele, che l’anno scorso aveva infuocato il mio cazzo in una travolgente orgia nello studio del nostro dentista di fiducia. Sì proprio lui, il dentista, quell'impeccabile professionista dell'odontoiatria che, per la cronaca, si trombava senza pudore la figlia-segretaria (per un ripasso dei fondamentali, date una letta al racconto "La segretaria del dentista").

Questa volta la De Carlo, invece di presentarsi con minigonna e stivali tacco dodici (e senza mutandine), indossa un abitino blu cobalto di Versace, con sandali dal tacco vertiginoso griffati Casadei. Ciò che mi sconvolge non è tanto che lei conosca Filippo (è una perfetta cliente per una gioielleria a pochi passi da piazza di Spagna) o che faccia finta di non avermi mai visto in vita sua. Il fatto che mi fa sgranare gli occhi è che sia un'amica di mia moglie. Una conoscenza tra l'altro non occasionale.
– Sylvie, tesoro... Che piacere rivederti. Che fantastico vestitino rosso... Filippo mi ha voluto fare una sorpresa, non sapevo che sarei venuta a casa tua!
– Emanuela, mon amour... Sei sempre bellissima, fatti vedere... Insolita comme d'habitude, vestita di blu proprio la sera di Capodanno.

Quando la contessa incrocia il mio sguardo imbarazzato, con classe infinita deglutisce senza dare nell'occhio. Poi si riprende e con voce flautata pronuncia:
– E questo bel signore dev'essere tuo marito... Me ne avevi parlato ma non immaginavo che fosse così giovane!
– Oh ouais, lui per tutti è Piff. In verità è giovane soprattutto di gusti. Poi capirai meglio.
– Che gentile che sei tesoro – sorrido a mezza bocca, per poi rivolgermi radioso alla De Carlo, ancora più alta di come me la ricordavo. Quando cioè, accovacciata sulla moquette del dentista, mi offriva a pecorina (per carità, con nobile eleganza) il suo inestimabile orifizio anale. – Venga madame, si accomodi in soggiorno. Anche tu, Filippo... Ma che bella sorpresa...
– Caro – interviene Sylvie – ti vedo un po' imbarazzato. Mentre porto le tartine, tu vai a chiamare gli altri due ospiti, sono nella stanza della musica.

La stanza della musica è un capriccio di mia moglie. Sembra una sala prove per ballerine, con il parquet a terra e gli specchi alle pareti. Sui lati, due piccoli altoparlanti dispensano musica caraibica. Al centro, a ballare e flirtare sculettando con movimenti salseri, ecco gli ultimi due partecipanti alla serata da mille e una fregna: l'olandesina Famke (minigonna di pelle nera, stivali a mezza coscia, perizoma di seta bordeaux e camicetta bianca aperta sul reggiseno coordinato) e Santiago detto Thiago, il mitico istruttore di merengue di mia moglie, in diretta (lui e il suo cazzo telescopico) dalle spiagge di Santo Domingo.

– Hola chico, era orrra che arrivassi! Nel frattempo sto facendo scaldare la tua amica del nord Europa. No te importa, vero?
– Hi Piff – mi sorride Famke mezza sudata – Thiago è davvero uno spasso! In mezz’ora ho già imparato qualche passo di bachata…
– Bravi, non avevo dubbi che gliel’avresti bachata – dico, sorprendendomi nell’averlo detto veramente – Ora venite di là che sono arrivati gli altri due ospiti.

Famke ringrazia il suo maestro strofinando per una frazione di secondo la propria lingua sul lobo dell’orecchio sinistro del merenguero. Evidentemente nei Paesi Bassi non c’è modo più affettuoso di mostrare riconoscenza.
– Oohh la nostra amica sorella della modella – si fa scappare Filippo alla vista di Famke. Poi, accorgendosi dell’occhiataccia della contessa De Carlo, rimedia al volo con un – ci siamo visti oggi al negozio – che attira a sua volta un altro sguardo perplesso, quello della padrona di casa. “Perché quel porco di mio marito ha portato l’olandesina nel regno dei brillocchi..??” è il pensiero rimasto a mezz’aria di Sylvie.
– Sentite – intervengo io per sbloccare l’impasse e rompere il ghiaccio – siamo tutte persone adulte e vaccinate. Se questa sera siete qui nostri ospiti a festeggiare l’arrivo del nuovo anno è perché sia io che mia moglie abbiamo pensato di organizzare una cena un po’ insolita… Diciamo con molto peperoncino… nello spirito e nel corpo. Abbiamo con noi tre donne stupende, direi meravigliose per fascino, eleganza e attrazione erotica. E poi tre uomini che non sono proprio ancora da buttare, vero cara..??
– Un discorso da serata degli Oscar – sussurra Sylvie, finta stupefatta – parole di un fine cantastorie che sa incantare uomini e donne con maestria. Un tempo lo ha fatto anche con me.
– Evviva le serate piccanti – si esalta Thiago, afferrando al volo un calice di Veuve Clicquot "Carta Gialla" da mille euro la bottiglia, gentilmente offerto dal gioielliere più esclusivo di Roma.

La fame di sesso mette fame. Il catering per aperitivo ci ha preparato ostriche, spiedini di mazzancolle, crema di avocado e astice. Famke si butta sui mini sandwiches di foie gras e i fiori di zucca fritti. L’elegante contessa De Carlo chiacchiera assaggiando patate e caviale. Filippo si aiuta col dito per non far uscire dal piattino il suo baccalà mantecato al tartufo bianco.

Quando decido di aprire un Rosato “Si” Duemani, mia moglie porta sul buffet un gambero rosso scottato con insalata di carciofi e mentuccia. La serata si scalda, la De Carlo chiede all’olandesina notizie sulle sfilate della sorella Rianne.
– Hai degli occhi stupendi, ragazza mia – incalza la contessa, facendomi ricordare i suoi gusti bisex – e dei capelli mori davvero luminosi.

Famke accoglie con favore le carezze della bionda vestita di cobalto. Sorride languida guardando all’indirizzo di mia moglie: è lei l’ultimo guardiano della soglia. Con tempismo invidiabile, la padrona di casa decide di dare il via alle danze.
– In attesa dei primi… Spero piacciano a tutti i ravioli alla zucca con tartufo bianco..?? Ecco, in attesa, farei il gioco delle mutandine. So che a quel pervertito di mio marito piace molto!
– A chi non piace il gioco delle mutandine – fa eco il dominicano scalzo, euforico, col torace atletico e sempre un po’ fuori tempo.
– Hihi che bello – cinguetta Famke – Non so cosa sia, ma di sicuro sarà molto stuzzicante!

Il gioco delle mutandine “che mi piace tanto” consiste nello sfilarsi il proprio intimo - donne e uomini, ognuno in modo riservato - e infilarlo di nascosto in singole buste natalizie tutte uguali, color argento, chiuse da un fiocco rosso. A sorte verrà estratta una prima mutandina (o mutanda maschile) il cui proprietario avrà l’onore di scegliere la persona con cui abbandonarsi a liberi impulsi sessuali. Il secondo estratto sceglierà un secondo partner fino a formare tre coppie.
– Tutto chiaro? – dico dopo la spiegazione delle regole.
– Tutto più che chiaro – replica l’amico Filippo, già con la mano sulla fibbia della cintura.
– Quindi ci si rivede qui tra 5 minuti – aggiunge pratica mia moglie, consegnando a ognuno la propria bustina.

Chi al bagno, chi in camera, chi in cucina: ciascun ospite pare divertito dal nuovo gioco di fine anno. Tutti ci presentiamo in salone col pacchettino infiocchettato. Se le tre donne giocano con sguardi sensuali nella loro identità di… smutandate, noi maschietti primitivi ritorniamo cavernicoli, con i membri in rilievo sotto i pantaloni e l’effetto strofinante del contatto tessuto-glande.
– Facciamo estrarre la prima busta alla più giovane? – propongo io guardando Famke, che nel frattempo aveva afferrato un sandwich al salmone affumicato e verdure.

Lei avanza entusiasta verso la cesta coi pacchetti, leccandosi il burro dalle dita e guardando con la coda dell’occhio Sylvie. Istintivamente, sentendosi al centro dell’attenzione, dà una sistematina alla minigonna di pelle nera, tirando un po’ su gli stivali a mezza coscia.
– La prima busta contiene una mutandina femminile! – solfeggia l’olandese, osservando le facce allupate della curva maschile – e… NON sono le mie!

Mentre Famke guarda con curiosità il perizomino rosa-rosso, tutti spostiamo il focus su mia moglie e la contessa. È lì che esce fuori la noblesse oblige: con incedere teatrale la De Carlo entra in scena:
– Bene, bene. Tocca a me scegliere – sussurra allargando un po’ le narici – e in effetti non ho ancora deciso…
– Allora propongo una breve pausa riflessiva-mangereccia – interviene Sylvie indicando i piatti con ravioli di zucca e trancio di spigola grigliato.

L’effetto è un po’ da coitus interruptus, ma tant’è. Riabbassiamo la pressione del randello, spostandola verso la gola. In realtà questa sorta di attesa sospesa è davvero erotica. La contessa blu cobalto ci guarda a turno senza parlare, come per suggerire un… “cosa dareste per leccarmela al pari di una tartina”. Il gioielliere sembra più teso di prima, come subodorando qualcosa di cui non ha il controllo. Per fortuna c’è Thiago, che porta il sole caraibico in tasca e sembra buttarsi sulla vita:
– Sylvie, tesoro, questa cena è deliciosa – dice arrotando le consonanti alla spagnola.
– Ho una variabile, se siete d’accordo – intervengo io, versando champagne – andrei ad aprire anche una seconda busta in modo che i due vincitori possano concordare una strategia.

Accettata la proposta all’unanimità, tocca alla De Carlo infilare la manina nella cesta ed estrarre il secondo intimo.
– Anche in questo caso – dice lei, imitando divertita il modo di fare dell’olandesina – è una mutandina femminile!

Ricordandoci il bordeaux indossato da Famke, io e Filippo restiamo un attimo sospesi nell’osservare che la contessa rigira tra le mani una culotte rosa. Sylvie sorride come illuminata:
– Oh miei cari, che bella sorpresa – dice mia moglie, con l’espressione di una mistress che ha in mano le chiavi di una gabbia fallica – quelle sono mie! Ora comincia il divertimento vero.

In un attimo lei e la De Carlo spariscono in bagno per deliberare. Il gioielliere è imperlato di sudore, non solo per via delle bollicine ingerite. L’istruttore merenguero decide di riattivare la sua playlist tropicale. Mi avvicino alla giovane ventenne:
– Ehi Famke, che ne pensi di questa festa di pazzi? Racconterai tutto a tua sorella?

Lei posa il calice sul bordo della tavola e mi mette una mano sul collo.
– Vieni qui, scopatore italiano – dice mezza brilla – mentre mi baci la lingua (perdonatela, è straniera) ti faccio massaggiare ancora un po’ la mia verdurina…
– Tesoro – sorrido per l’ingenuità – noi diciamo “patatina”. È quasi una verdura ma non proprio.
– Stai zitto scopatore. Entra dentro con almeno tre dita. La salsina del salmone non era così buona.

Mentre inizio la mia esplorazione vaginale, così in piedi, davanti ai due maschietti “frizzati” dalla scena, escono dalla camera di consiglio Sylvie e l’Emanuela.
– Abbiamo scelto – dicono feline, con cadenza concordata.
– Potete iniziare a spogliarvi del tutto – chiosa mia moglie – per questo gioco occorre essere agili e liberi. Vero contessa?

[CONTINUA / 4]

Questo racconto di è stato letto 3 0 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.