La sorellina maggiore

Scritto da , il 2019-03-31, genere incesti

Credo che un poco, sia anche merito di mia sorella, se io sono diventata quello che sono, si, e dico, grazie sorellina.
Io sono la seconda di due figli, la classica famigliola, una femminuccia, Anna, e un maschietto Paolo, ma maschietto fino ai quattordici anni, e credo, nemmeno tanto, è stata a quell'elletà, che tutto è iniziato.
Mia sorella, è molto più grande di mè, di 11 anni, e quindi, quando sono nata io, tutte le attenzioni, della famiglia, si sono dirottate su di mè, dalla mamma alle zie, e anche alla sorellina, e come spesso accade, lei è stata lasciata più libera, o almeno meno controllata, così a quindici anni, il nostro cugino, di ventuno anni, ha fatto in modo, di renderla signorina.
E' stato, tutto naturale, da come poi mi ha raccontato lei, eravamo tutti in vacanza, mia sorella, precocemente, a quattordici anni, si è trovata, con un seno sviluppato, del tipo una quarta, e con le sue mesturazioni, aggiungiamo, che era veramente bella, e il quadro è fatto.
Un bel giorno, lei e mio cugino, che aveva la macchina, si sono trovati soli al mare, la famiglia per vari motivi era occupata, così, è stata affidata alle sue amorevoli cure, molto amorevoli, una volta soli, e appartati, l'ha convinta a prendere il sole nudi, e così, lei ha potuto vedere dal vivo il cazzo di Piero, nostro cugino, e vuoi l'età, vuoi, la voglia di nuove esperienze, un bacio tira l'altro, e prima di sera, Piero, era intento a sfondare mia sorella, che da come dice lei, era pure soddisfatta.
Così, per circa un anno, è stata la sua amante, e ha insegnato ad Anna tutto sul sesso, le ha sverginato anche il culetto, e le ha insegnato a fare pompe con ingoio, per poi passare alle orge, e lì, l'ha persa, perché Anna, ha capito cosa fosse la sua vita, scopare.
Quindi, sono cresciuta tra donne ed ho assimilato il comportamento femminile da sempre, vivevo trà reggiseni e slip, trà calze e reggicalze, e poi non passava giorno, che una delle donne di casa, non scopasse con qualcuno di esterno, mia madre compresa.
Spesso entravo in camera sua, e trovavo lo zio, piuttosto che un amico di famiglia, intento a visitarla, si così mi hanno detto la prima volta che l'ho trovata nuda a letto con lo zio, è ammaata, mi hanno detto, e lui la stà visitando, strano, le infilava in mezzo alle gambe un enorme coso di carne, e lei urlava.
Poi papà, una sera, dopo che ingenuamente l'ho detto a tavola, mi ha spiegato, che la mamma soffriva di un disturbo particolare, e che solo alcune persone potevano curarla, ma di non dire mai a nessuno dell'accaduto, poi capii col tempo che cura fosse.
Così, col tempo parlai al femminile e mi comportai come tale, e poi a quattordici anni, iniziai a indossare gli slip di mia sorella, ma non per mia decisione, ma perché, il marito della vicina,un giorno si presentò nudo, ero da loro per motivi familiari, ero sola e quindi chiesero alla vicina di accudirmi per alcuni giorni, di pomeriggio, e una volta lì, lo vidi nudo, e iniziammo un gioco semplice, lui me lo dava in mano, e io ci giocavo, e in una settimana ho imparato a farlo godere, e poi farlo venire in bocca, era ottio il suo seme.
così, iniziai a interessarmi ai cazzi dei maschietti che giravano per casa, e mia sorella se ne accorse, e dopo le dovute spiegazioni, un bel giorno, mi ha portata dal vicino.
Era solo, siamo entrate, e dopo una decina di minuti, ero nuda sul letto, indossavo lo slip di mia sorella, e dopo una mezz'ora, mi sono trovata impalata dal suo cazzo, mia sorella mi aveva venduta al tipo, che mi ha scverginata, pagandola profumatamente.
ecosì, ho iniziato la mia cariera di sborratoio, si perché, mia sorella ebbe un'idea, visto che allora non c'erano pillole valide, o almeno lei lo diceva, mi portava ai suoi incontri amorosi, e dopo che lamontavano, venivano dentro di mè, o quando aveva le sue cose, io la sostituivo negli amplessi.
Poi verso i diciassette anni, era palese cosa fossi, la mia voce era femminile, i testicoli non erano scesi, e il pene era un clito, in compenso il mio ano era una caverna, ma ben messo, tanto, che a una visita del dottore di famiglia, in presenza di mia madre, lo stesso le disse, complimenti cara, sei riuscita a fare un mix, non un maschio, e poi, le fece vedere il mio buchetto, osserva, senza difficoltà, solo spingendo, infilò quattro dita dentro di mè, e io inizia a godere, vedi, sono anni che prende cazzi, e nemmeno piccoli, e si mise a ridere, nemmeno tù sei così sfondata.
A casa le raccontai tutto, non potevo certo nasconderle nulla, e così, mia sorella prese un sacco di parolacce, e di castigo, e io fui mandata in collegio, ottima scelta.
In un anno, divenni la donna del rettore, un tipo sposato con figli, e visto che ci dovevo rimanere per alcuni anni, lo feci volentieri, anzi, potei così mettermi en femme, e farmi tutti quelli che volevo, dai compagni, ai genitori, a un paio di professori.
Una volta uscita, la mia famiglia non ha più potuto nascondere la mia natura, e così, mi ha mandata all'università a Milano, prendendomi un appartamentino,tutto mio, inutile dire che dopo un anno, abbandonai gli studi, ma non Milano, iniziai a prostituirmi.
A 24 anni, ero una proffesionista, e così, decisi di farmi visitare da un medico molto bravo, che costatò, l'ormai atrofizzazione dei testicoli, e la conseguente asportazione.
Così, la mia femminilità ebbe un'accelerazione, forse gli ormoni impazziti, non lo so, mi feci rifare il seno, e a venticinque anni, decisi, volevo battere per strada, me lo sentivo, così, tramite un amico, mi presentai da un Algerino, un pappone che aveva una decina di donne e così, decidemmo di provare, però, per una settimana rimasi con lui, fui la sua donna, e devo dire che fù meraviglioso, era pazzesco, aveva un palo, e poi, fece una cosa che ancora adesso apprezzo, mi picchiava.
Si se sbagliavo qualcosa erano sberle. e io facevo apposta per prenderle, così, capì la mia vera natura, e mi mandò per strada, ma quando arrivava un cliente particolare, mi faceva portare in un luogo apposito, legare, e ppi ero a disposizione del cliente, che a volte mi picchiava, a volte mi infilava la mano e il braccio, a volte mi torturava il cazzetto, ma sempre con violenza, anche se ero controllata da un suo uomo, e così, sono cresciuta.
Ora sono una prostituta decaduta, mi sono trasferita in Marocco, dove vivo in una casa chiusa, come vuole la regola, indosso il velo, e sono del mio uomo, che chiaramente mi cede per danaro, poco direi, visto che sono vecchia e sfondata.
Ora servo, per addestrare i ragazzi a scopare, quelli con il cazzo grosso, io ormai no sento più nulla, a volte si divertono, a mettermi due braccia dentro e a impalarmi, grazie sorellina.

Questo racconto di è stato letto 1 0 5 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.