Il Castello: Una cenetta molto intima

Scritto da , il 2019-03-16, genere scambio di coppia

Detesto l’autunno in laguna: è umido come solo un autunno in laguna può essere. In più, tira vento e gli affari ristagnano.
Giulia è in collegio, la schiava è in vacanza dal marito cornuto, Jasmine si è trasferita a Roma, e siccome Eva ha sempre il naso nel laptop per studiare, io non ho nessuna per leccarmi la fica: mi tocca farmela a mano tutto il tempo…
L’Agenzia non è stata molto generosa nel liquidarci la missione al largo di Cap: almeno non se consideriamo che ha recuperato i lingotti della Banca d’Italia… Per noi c’è stato solo un bonus ridicolo.
Tipico del governo italiano.

L’agenzia immobiliare l’abbiamo liquidata: non riuscivo più a starle dietro abbastanza, e Eva non può passare tutto il suo tempo online a seguire i miei affari; tanto non rendono neanche abbastanza da giustificare lo sforzo, con il mattone bloccato di brutto e la crisi che non accenna a faci vedere la luce in fondo al tunnel.
Finisco di fare le piccole manutenzioni quotidiane in coperta, controllo i cavi d’attracco che ci tengono al sicuro legati alla banchina del Lido, e torno di sotto mentre ricomincia a piovere.
Mi fermo a guardare la mia ragazza che studia diligentemente al tavolo del quadrato, il naso immerso nello schermo del laptop nuovo, e mi lascio sfuggire un sospiro di tenerezza…
Eva è sempre più bella.
I lunghi capelli biondi le ricadono ai lati del viso mentre si aggiusta gli occhiali da lettura sul nasino all’insù e fa una smorfia cercando di interpretare le tabelle che sta studiando per l’esame di psicopatologia…
Indossa solo una camicetta bianca, generosamente aperta sul davanti a mostrare i seni pieni e sodi che ormai si sono assestati in una terza di reggiseno quasi piena.
Le gambe nude sfuggono da sotto i lembi della camicia e si estendono per un paio di chilometri sotto il piano del tavolo, snelle e eleganti come quelle di una modella.
Con un piede si strofina la caviglia, con un gesto flessuoso che mi fa fremere di desiderio.
Mi appoggio allo stipite dell’ingresso e lascio che una mano s’insinui nelle mutandine… Sospiro quando le mie dita trovano il clito nel cespuglio umidiccio del pube e cominciano a tormentarlo.
Mi masturbo lentamente, osservando in silenzio la mia ragazza che studia ignara delle mie turbe da ninfomane ultraquarantenne frustrata.
I capezzoli mi fanno male: sono eretti e durissimi, e protrudono attraverso la canotta che indosso abitualmente quando sono a bordo, tendendo il tessuto sintetico con abbastanza forza che potrei anche appenderci un quadretto. Senza smettere di sgrillettarmi, mi porto la mano libera al seno e comincio a giocare anche con i capezzoli.
Eva accavalla le gambe chilometriche, e a me sfugge un debole lamento nel vedere che è ancora senza mutande da stamattina.
Mi piace da impazzire…
Con la sinistra mi pizzico un capezzolo mentre con la destra accelero la masturbazione. Ho bisogno di un orgasmo: un bisogno disperato…
- Oohhh…
Vengo con un brivido: un piacere bruciante, troppo rapido e non abbastanza intenso mi lascia intontita, frustrata e più infoiata di prima.
Cazzo.
Eva non si è accorta di niente… Almeno credo.
Per come la conosco, se anche si fosse accorta che mi sono masturbata guardandola studiare, avrebbe fatto finta di niente per il gusto sadico di farmi crogiolare nel desiderio del suo corpo.
Che stronza.
Quanto la amo…

Non abbiamo veramente bisogno di soldi: abbiamo liquidato il lingotto d’oro che era accidentalmente rimasto a bordo della Serenissima quando abbiamo consegnato il tesoro alle autorità, l’attracco è pagato fino alla fine dell’anno e la nave è in regola con le manutenzioni e i rifornimenti.
Bisognerà pensare a tirarla in secca e far manutenzionare lo scafo l’anno prossimo; per ora abbiamo solo metà dei soldi necessari, ma in dodici mesi dovremmo avere tutto l’occorrente.
Intanto però ho deciso di andare al casinò.
Come dicevo non è che ci servano soldi, però una marchetta di tanto in tanto è sempre utile farla, per tenere un po’ di contante a disposizione per le piccole spese e anche per non far dimenticare la mia faccia alla clientela abituale…
Ma cosa sto dicendo? Non è il caso di prendermi in giro da sola. Diciamola tutta: ho bisogno di cazzo.
Un cazzo che mi scopi e mi strappi alla frustrazione dei miei desideri inappagati.

Eva si offre di accompagnarmi. Che tesoro…
Lo sa che sono in fregola. Non è colpa sua: facciamo l’amore due volte al giorno, a volte anche tre; sono io che ho le scalmane. Lei deve studiare, ha un esame alla sessione invernale, e la sua testa è occupata mentre la mia è libera di fantasticare su tutte le mie complicate fantasie sessuali che fanno di me una ninfomane senza speranza.
Mi metto in tiro: tacchi da sei, calze di seta grigie, abito aderente con spacco rivelatore e schiena nuda, pelliccia e bigiotteria da puttanone di classe…
Bacio Eva e mi avvio al vaporetto.

***

Rientro che sono le quattro del mattino.
Che notte di merda.
Al casinò mi sono fatta abbordare da un bel tipo elegante di quelli che piacciono a me: era lì con la moglie, ma siccome quella con il demone del gioco è lei, lui gironzolava fra i tavoli e il bar per passare il tempo.
Abbiamo fatto conoscenza al bancone del bar: lui è un mezzo aristocratico austriaco, pieno di soldi e (dice lui) perfino con un castellotto in Carinzia. Sarà.
Quando si accorge che la mogliettina si è lanciata in una partita di Backgammon che prenderà almeno due ore, si lancia: mi propone un salto nel suo albergo, subito dietro al casinò.
Inarco un sopracciglio e gli domando se il suo castellotto è abbastanza grande perché si possa permettere una notte con una come me…
Lui sorride e mi chiede il mio prezzo; io sparo cinquemila e lui non batte ciglio.
Anticipati: bonifico diretto sul mio conto corrente.
Lui mette mano al cellulare ed esegue prontamente.
A questo punto non posso più tirarmi indietro: sono in ballo e ho un’etica professionale…
In più, il tipo mi piace e la fica mi prude ancora dal solitario del pomeriggio.
Ci defiliamo e raggiungiamo in fretta la sua camera d’albergo, o forse dovrei dire la sua suite.
Kurt – si chiama così, o almeno è il nome che dichiara – ha classe e ci sa fare.
Champagne, musica di sottofondo, due carinerie, una carezza delicata seguita da un’altra più intima, un bacio a fil di labbra per farmi assaporare appieno il suo dopobarba di ottimo gusto…
Ci rotoliamo sul divano ancora vestiti e cominciamo a darci dentro.
Il bel Kurt è ben fornito: virile e dotato, con un’esperienza consolidata e uno stile innato che mi fanno apprezzare fino in fondo la marchetta.
Non ho un uomo da almeno due settimane, e apprezzo la cavalcata: il maschio mi scopa a pecorina dopo un lungo servizio orale reciproco, poi mi rivolta e mi prende da davanti fino a farmi godere.
Mi viene in bocca, e io lo gratifico con un ingoio completo.
Lui è soddisfatto del servizio, e mi propone un bis.
Io sorrido sorniona e lo avverto che questo significa raddoppiare la parcella, ma lui annuisce senza problemi.
Io riparto di bocca e lo tiro di nuovo bello duro prima di montargli in sella; lo cavalco per una mezzoretta buona, mentre lui mi strapazza i capezzoli tirandoli e mordicchiandoli come piace a me…
Una gran bella scopata.
Perché allora è stata una notte di merda?
Perché il “bis” ha scombinato la tabella dei tempi e la partita di backgammon è durata meno del previsto. La cornuta è tornata in albergo e ci ha colti in flagrante copula, e ha fatto un casino.
Non è la prima volta che mi capita, però questa volta la tipa (peraltro fisicamente piuttosto gradevole) si è messa a gridare in tedesco, e siccome io non capisco un accidente di crucco, mi ha infastidita parecchio.
Se fosse diventata violenta le avrei rifilato un ceffone e la cosa sarebbe finita lì, ma lei ha mantenuto il controllo, limitandosi alle contumelie in ostrogoto mentre Kurt cercava di farla ragionare.
Alla fine, mi sono girate le ovaie; mi sono rivestita e me ne sono andata senza riscuotere l’extra che mi spettava per il “bis”.
È per questo che quando rientro sono incazzata.

Eva è un tesoro: mi consola, fa la doccia assieme a me, mi offre un caffè, mi dà una carezza, un bacino, e poi mi lecca la fica fino a farmi godere.
Ci addormentiamo abbracciate, e così tutto sommato la notte non è poi così brutta…

***

Il mattino dopo piove ancora.
Ci alziamo con calma, facciamo di nuovo la doccia insieme pomiciandoci pesantemente come al solito sotto il getto dell’acqua calda, poi io preparo la colazione mentre Eva controlla la posta elettronica.
- Pat!
È così che comincia questa storia: con un’e-mail in tedesco.

***

Il tempo fa sempre più schifo.
Non mi sembra proprio il caso di usare la moto per arrivare fin oltre Klagenfurth, così noleggiamo una macchia in aeroporto, ci carichiamo i bagagli senza impazzire a trovare la soluzione più ergonomica possibile, e partiamo allegramente diretti prima a est e poi a nord.
La sorprendente e-mail era di Kurt.
Si scusava per la scena della sera prima e mi avvertiva di aver mandato i soldi rimanenti sullo stesso conto dove aveva versato il resto. Poi ci invitava ad andare a trovare lui e la moglie nel loro castello in Carinzia per una piccola festa fra amici per il fine settimana.
Il suo segretario ha dovuto faticare un po’ a trovare l’indirizzo di posta elettronica, ma Kurt ha diverse azioni della mia banca, e attraverso il mio IBAN ha avuto il mio nome, e così ha trovato anche il nostro sito web. Lo ha esaminato, e ha pensato che Eva e io siamo perfette per la festicciola che lui e sua moglie Johanna stanno organizzando con alcuni amici, visto che le dame erano in minoranza e non ne conoscevano di “adatte” al tipo di intrattenimento che intendono offrire ai loro ospiti.
Eva ha immediatamente spostato tutti i nostri risparmi su un conto in un’altra banca, poi si è detta d’accordo ad accettare l’invito: un weekend di distrazione è quel che le serve, e la proposta, oltre che conveniente in termini economici, appare anche piuttosto intrigante.
La mia descrizione di Kurt e signora è stata sufficiente a intrigare l’olandesina, e l’offerta di ventimila euro per lei è semplicemente irresistibile…
Sfrecciamo attraverso Tarvisio con la nostra Giulietta in affitto e scopriamo che in Austria il tempo fa ancora più schifo che in Italia: nevischio misto a pioggia, e vento.
Eva sorride: si sente a casa…
Altre due ore di autostrada e poi di strada normale in territorio austriaco, e alla fine il navigatore ci porta a destinazione nel “Nido del Corvo”, il castello della famiglia von Koltitz.

***

Johanna e Kurt von Koltitz sono molto ospitali, anche se in maniera piuttosto distaccata.
Ci accolgono personalmente, ma solo per affidarci al personale di servizio che ci accompagna alla nostra suite al piano superiore del mastio.
Veniamo lasciate a rinfrescarci e a rilassarci per un paio d’ore, durante le quali approfittiamo della vasca jacuzzi e della tavola per massaggi, dove ci scambiamo di ruolo più volte.
Quando la cameriera torna a comunicarci che siamo attese in venti minuti per la cena ci rivestiamo (casual elegante: io con i jeans di pelle, stivali e camicetta nera a maniche rimboccate; Eva in minigonna crema, toppino nocciola e tacchi alti dorati) e raggiungiamo i nostri ospiti in sala da pranzo.
La cena per fortuna è informale: ci siamo solo noi con i padroni di casa e la graziosa cameriera, che serve le portate prima di congedarsi.
La vera scoperta a tavola è Johanna: pare che a causa della mia ignoranza del tedesco io abbia completamente equivocato sulla scenata della sera a casinò. La contessa non era incazzata per il tradimento del marito, ma per essere stata lasciata fuori dalla partita.
I due sofisticati aristocratici sembrano avere gusti e abitudini sessuali abbastanza decadenti e rilassati: non disdegnano lo scambio di partner e praticano l’amore libero purché consumato in sicurezza e con la massima discrezione.
Quando Kurt ha completato il pagamento, Johanna si è incuriosita per la mia tariffa piuttosto elevata e ha richiesto lei di indagare per scoprire qualcosa di più su di me; quando i due hanno scoperto che avevo una partner fissa negli affari e hanno visto le nostre foto sul sito web, Kurt si è offerto di invitarci entrambe allo scopo di completare l’elenco degli invitati per il loro ricevimento del sabato sera, anche per placare l’irritazione della consorte per essere stata trascurata la settimana prima a Venezia.
A quanto pare, i von Koltitz hanno l’abitudine di organizzare questo tipo di ricevimenti quattro volte all’anno…
Mentre ci spiegano, mi gusto i canederli giganti e il Tokai…

La conversazione scorre abbastanza fluida: anche Johanna parla un inglese discreto, così ho modo di approfondire un po’ la sua conoscenza.
Mi sembra abbastanza sincera quando dice che è sempre curiosa di capire come sono le altre donne che suo marito si porta a letto: la itrigano…
Quanto la intrigano?
Lei mi guarda con espressione indefinibile: non mi dà affatto l’impressione di essere bisessuale, né tantomeno lesbica.
L’interesse di Kurt per Eva è evidente: vuole farsela; ma d’altra parte sono pochi gli uomini che non vogliono farsi Eva… Johanna sembra davvero non essere gelosa, però il suo interesse nei miei confronti mi rimane poco chiaro.
Lei a me non dispiace: ha due tette notevoli e decisamente naturali, la pelle molto chiara e i capelli castani. Piacevolmente in carne, voluttuosa… Molto femminile e di classe. Non è il mio tipo, ma merita una ripassata, non fosse che per la curiosità di provarla.
Decido di essere diretta, come del resto mi riesce più naturale, e le chiedo se vuole fare l’amore con me.
Lei inarca un sopracciglio con aria più dubbiosa che sorpresa.
- Non saprei – risponde dopo un momento di riflessione – Non sono mai stata con una donna… Non da sola, intendo. Kurt e io apprezziamo il sesso di gruppo, e durante i nostri incontri con altre coppie mi capita spesso di giocare con l’altra donna… Ma non l’ho mai fatto esplicitamente con un’altra: di solito durante le orge siamo sempre due o più coppie eterosessuali.
- Eva e io siamo una coppia – la informo.
Di nuovo, Johanna non fa una piega: - Oh. Credevo foste solo – come dire – colleghe.
Sorrido: - Sì, quando capita lavoriamo anche insieme… Ma ormai Eva è la mia compagna fissa da diversi anni.
- Siete lesbiche?
- Domanda difficile. Io preferisco le donne, ma mi piacciono anche gli uomini. Eva è decisamente etero, ma non disdegna le ragazze… Diciamo che a modo nostro siamo tutte e due bisessuali.
Lei mi osserva in silenzio con il bicchiere di tokai in mano per un momento, poi sorride: - Penso che sarà un’esperienza interessante…
Kurt ha classe: per arrivare a mettere le mani addosso a Eva mette un po’ di musica, e prima di tutto invita me a ballare un walzer… Mi chiede anche se mi dispiace se ci prova con lei, e a me quasi viene da ridere…
Lo rassicuro, e in cambio gli domando se ha niente in contrario se io mi do da fare con Johanna; lui mi confessa che l’idea lo eccita alquanto. Come capita a molti uomini, l’idea di vedere sua moglie alle prese con un’altra donna lo arrapa: anche lui mi conferma che per loro gli scambi di coppia sono normali, ma finora sono sempre avvenuti con altre coppie. Oppure si sono concessi entrambi avventure separate con partner distinti, ma sempre con rapporti eterosessuali.
Quando la musica cambia, Kurt invita sua moglie; io prendo Eva per mano e insieme raggiungiamo i padroni di casa al centro del salone, così che ci vedano scambiarci qualche tenerezza fra noi…
Solo al terzo giro il mio cliente del casinò si sbilancia ad invitare il vero obiettivo della sua serata; Eva, che lo ha puntato dal primo momento, accetta scodinzolando come una gattina in fregola, e io mi rivolgo con un sorriso a Johanna.
Lei mi guarda con espressione interrogativa, poi sorride e mi tende la mano: - Perché no? In fondo a me piace fare nuove esperienze…
La prendo fra le braccia facendo da cavaliere per metterla a suo agio, e devo dire che dopo una breve esitazione la signora si rilassa abbandonandosi alla musica familiare.
Dopo poche evoluzioni (non sono una gran ballerina di walzer, ma una escort di lusso non può esimersi dal saper ballare il Bel Danubio Blu), me la stringo addosso e lei non oppone resistenza.
Inalo il suo profumo classico e sento montare in me il desiderio per la sua carne tenera; lei avverte il mio interesse, e chiaramente apprezza il mio interesse per lei.
E’ curiosa… Bene.
Adoro le tipe un po’ perverse e senza troppe inibizioni. Faccio scivolare un po’ le mani lungo le sue curve, e lei non si sottrae all’esplorazione del suo corpo.
Accanto a noi, Kurt sta baciando Eva tenendole le mani sul culo; io attiro Johanna maggiormente a me, e le accarezzo le rotondità posteriori mentre le sfioro appena le labbra con le mie.
La sento fremere al leggero contatto, e ho la certezza che si lascerà andare a momenti…
Alla fine, è lei a premere la sua bocca sulla mia.
Bene, tempo risparmiato; le spingo la lingua in bocca e la bacio alla francese. Lei esita un istante, poi risponde con decisione, passandomi le braccia nude intorno alle spalle mentre io le palpo pesantemente le chiappe belle sode.
Johanna è languida fra le mie braccia, e si abbandona completamente. Per essere una novizia, sembra essere abbastanza a suo agio.
La musica muore, e mi accorgo che Eva e Kurt sono sul divano, avvinghiati in un bacio che rischia di mettermela incinta, con il maschio già intento a ridurre l’ingombro degli abiti della mia ragazza.
Johanna indossa un abito lungo screziato, con un ampio spacco laterale: infilando la mano nello spacco ho modo di scoprire che la signora indossa calze di seta con guepière di pizzo.
Ha le mutandine, ma le ha indossate sopra i reggicalze, nella tipica configurazione che indica l’intenzione di liberarsene il prima possibile…
La sostengo nel suo intento e gliele sfilo con destrezza; mi porto il leggero indumento intimo al viso e lo annuso con aria intenta, ammiccando.
Lei sorride, e si abbandona sul divano accanto a suo marito, aprendo le gambe e offrendomi accesso al suo scrigno del tesoro.
Eva ha il pene di Kurt in mano e lo sta segando con calma, mentre lui le sugge un seno ormai sfuggito al toppino arrotolato ai fianchi. Io scivolo sulle ginocchia fra le gambe aperte di Johanna, e comincio lentamente a sollevarle l’abito scoprendole le gambe fasciate di seta color carne…
Annuso il profumo del sesso di Johanna, ancora celato dall’ultimo lembo di vestito, e lei mi accarezza per la prima volta i capelli.
Le scopro il pube, rivelando un grazioso cespuglietto bruno, accuratamente sagomato a triangolo.
- Ti piace? – mi sussurra Johanna con voce languida.
- E’ bellissima – la rassicuro sinceramente – Adesso però voglio assaggiarla…
Sfioro la peluria con le labbra, arrivando a baciarle il ciccetto bello turgido, strappandole un primo sospiro di lussuria. Poi, delicatamente, le passo la lingua piatta sulle labbra ancora chiuse: sento la sua intimità aprirsi sotto la lubrificazione della mia saliva, segno sicuro che lei è umida dentro.
- Aahhh…
Sento il miele all’interno del suo sesso, e lo raccolgo con la punta della lingua prima di assaporarlo. Lei mi afferra i capelli, attirandomi maggiormente a sé. Sento la carezza delle sue cosce inguainate di seta sulle mie guance, e comincio a lappare di piatto.
- Oh, sì… - annaspa Johanna – Leccami!
Scavo all’interno della vagina succulenta, sleccazzando i suoi succhi, già abbondanti e dolcissimi; lei viene come attraversata da una scossa elettrica: mi tira i capelli con un gesto secco, incontrollato.
Comincio a succhiare, come per aspirarle l’anima dal sesso, e lei smania di piacere.
Accanto a noi, Eva ha preso il cazzo di Kurt in bocca e lo sta succhiando a sua volta: marito e moglie si godono le arti orali di noi mantidi tenendosi per mano a occhi chiusi, mentre noi ci diamo da fare per soddisfare le loro curiosità e le loro torbide fantasie… In fondo hanno pagato profumatamente e noi siamo due professioniste serie.
- Oohhh… Che lingua che hai! – uggiola la signora quando passo a vellicarle il clito – Mi fai morire!
Non è la prima volta che me lo dicono. Comincio a considerare la mia lingua come un’arma… Un’arma letale per le cerbiatte infoiate.
La tiro bella calda torturandole il grilletto, poi quando meno se lo aspetta, la penetro con due dita ad arco e aggredisco il suo punto G mentre all’improvviso la succhio con forza.
- AAGHHH! – grida Johanna, fulminata da un orgasmo improvviso e del tutto inaspettato, che la lascia inebetita, senza forze e più vogliosa di prima.
- Non ti preoccupare – le faccio, sollevando il viso dal mio fiero pasto – Abbiamo appena cominciato…

***

Siamo nel lettone matrimoniale della camera padronale, sotto uno splendido baldacchino ricamato.
Accanto a noi, Kurt sta gagliardamente scopando Eva tenendola per le caviglie e trivellandola dall’alto con colpi tremendi che la squassano e la fanno gridare di piacere.
Io mi sono spogliata; sono sopra a Johanna, e me la sto facendo più o meno allo stesso modo, sfregandole la fica con la mia, clito contro clito, mentre lei mi abbraccia con le gambe e con le mani e io la fisso negli occhioni spalancati.
- Aah! Aah! – gridano entrambe le dame, contorcendosi per il piacere – Aahhh!
Per farla stare zitta mi abbasso e le caccio la lingua in bocca, baciandola di forza e succhiandole la saliva mentre si dimena sotto di me. Sento i suoi seni caldi e soffici contro i miei, e le mie punte durissime vibrano di piacere mentre premono nelle sue polpe delicate…
Ho una scossa e vengo appresso a lei: un orgasmo breve e poco profondo, ma che per un momento mi lascia senza fiato…
Kurt si sfila all’ultimo momento e schizza addosso a Eva, bagnandole il pancino piatto e abbronzato con il suo seme bianco e colloso mentre lei sobbalza scossa da un orgasmo ben più potente del mio.
Adoro il contrasto di colori sulla pelle della mia ragazza, per non parlare dell’aroma intossicante dei nostri corpi che palpitano ancora per il piacere: mi getto come una pantera a lavorare di lingua lo stomaco di Eva per ripulirla dalla sborra che lo inbratta dal pelo fino alle tette.
Johanna mi guarda, sorpresa per il mio improvviso abbandono; poi si rende conto che sto leccando lo sperma di suo marito e decide di unirsi a me…
Non ho ancora ingoiato la sborra che ho raccolto con la lingua, così quando mi raggiunge la abbraccio e le porgo la lingua sgocciolante di seme ancora caldo.
Lei esita un istante solo, poi apre la bocca, e io le rendo il seme di suo marito.

Sono sempre sulle ginocchia, intenta a pomiciare Johanna sul corpo disteso di Eva: quando abbiamo finito di consumare la venuta di Kurt, ci allunghiamo sul corpo snello dell’olandesina fino a raggiungere le sue tettine turgide e appuntite, e cominciamo a succhiarle di gusto una ciascuna.
Eva bramisce di piacere sentendosi succhiare entrambi i capezzoli, e comincia a toccarsi.
Smetto un istante di succhiare la ciliegina gonfia di Eva per baciarla sulla bocca, e attiro a noi anche Johanna per un breve, gustoso bacio saffico a tre.
Poi mi stacco per prima lasciandole a baciarsi fra loro, e torno a succhiare le tette sode della mia ragazza che freme di piacere sotto di me.
Sto scendendo lentamente verso il pelo biondissimo di Eva per divorarle la fica, quando mi sento afferrare saldamente per le anche. Kurt si è arrapato di nuovo assistendo alla nostra lesbicata di gruppo, ed è pronto per il secondo round, questa volta con me.
- Aarghhh! – strillo, quando lui m’infilza come un tordo con il suo spiedo di carne dura e rovente.
Ha le palle vuote dopo la scopata con Eva, ma è tostissimo, e mi scopa a pecorina con un’energia encomiabile.
Affondo la faccia fra le cosce della mia compagna e comincio a succhiarla di gusto mentre lei continua a pomiciare con la padrona di casa, e intanto Kurt mi scopa da padrone ringhiandomi dietro qualcosa in tedesco che io non capisco assolutamente, ma intuisco essere uno sproloquio poco elegante ma decisamente lusinghiero per la mia calda fica sgocciolante…
Dura più di venti minuti, poi Kurt mi viene dentro con un rantolo, e io avverto il calore dello sperma che mi riempie la vagina.
Certo che per la sua età, il signor conte ha una buona produzione di seme…

Non sono venuta, ma mi è piaciuto molto lo stesso.
Mi lascio andare su un fianco, Eva mi bacia in bocca, e Johanna va ad ispezionare il risultato dell’azione di suo marito, decisa a riprendere possesso anche della seconda emissione di spermatozoi coniugali della serata: evidentemente la signora ha apprezzato la dimostrazione saffica, e non ha problemi a leccarmi la fica scopata di fresco da suo marito.
Fremo di piacere mentre bacio Eva e sento la lingua di Johanna che mi scava nelle viscere alla ricerca della torta alla crema del suo uomo…
Chi ha detto che fare la puttana è sempre umiliante?

Questo racconto di è stato letto 5 2 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.