SQuarcio

Scritto da , il 2020-05-06, genere tradimenti

Cazzo, non lo prendo nel culo da quando andavo all’università.
Mario ha provato un paio di volte a mettermelo, ma non c’è riuscito e poi ha lasciato perdere.
Ci penso e ci ripenso rivoltandomi nervosa nel letto mentre mio marito russa accanto a me.
Dare il culo ad Alessandro? Magari così lo porto via alla Gloria...
La stronzetta è in camera sua: quando sono arrivata al bungalow stava facendo la doccia, immagino per liberarsi della sabbia dopo essersi fatta sbattere da Ale sulla spiaggia, così mi sono infilata direttamente sotto le lenzuola. Mi laverò l’indomani appena alzata; tanto il Mario ronfa contento e non si accorgerà che sono tutta imbrattata di sborra fresca.
Forse è proprio vero che una donna adulta ha i suoi vantaggi su una ragazzina scapestrata... Almeno se sa essere zoccola quanto basta.

***

Mi alzo per prima e mi infilo dritta sotto la doccia, dove mi faccio uno shampoo di mezz’ora: la sborra di Andre mi si è seccata fra i capelli e sono un vero disastro... Perfino un marito tonto come il mio se ne accorgerebbe, per non parlare di una figlia stronza.
Quando finalmente ne esco scopro di avere la famiglia mezza fuori combattimento: non solo il Mario ha ancora la febbre, anzi gli è salita, ma la Gloria ha un raffreddore epico.
Così impara a farsi scopare di notte sulla spiaggia... Lo sanno anche i muri che sotto la luna la sabbia è gelida e la brezza di mare non perdona.
Gloria prepara il cappuccino nell’angolo cucina e io corro a comprare i croissant freschi al centro commerciale, così facciamo colazione al bungalow con il malato. Poi però la Gloria insiste per andare in spiaggia anche con il raffreddore: dice che il sole le farà bene, e potrebbe anche avere ragione; naturalmente io so perfettamente che il vero motivo è che non intende lasciarmi campo libero con Ale, ma suo padre non ne ha idea e quindi è d’accordo.
- Non rovinatevi la vacanza per colpa mia – ci dice, magnanimo – Andate pure a divertirvi: io starò meglio domani.
Io sorrido. Speriamo di no...

Indossiamo costumi e prendisole, prendiamo le rispettive sacche da mare e ci avviamo dopo aver augurato pronta guarigione al paparino... Gloria gli starnutisce anche addosso.
Il silenzio mentre camminiamo fianco a fianco dura meno di un minuto.
Dopo due starnuti è lei ad aprire le ostilità.
- Puttana – mi fa – Addirittura due alla volta?
- Senti chi parla – replico stizzita – La zoccoletta che si è presa un accidente facendosi sbattere sulla spiaggia davanti a tutti. Noi almeno ci siamo chiusi nella tenda.
- Già, bella privacy: vi avrà sentito tutto il campeggio...
- Se è così non è certo per colpa mia: avevo la bocca piena tutto il tempo.
Mi guarda disgustata.
La fisso sdegnosa: - Come se tu i pompini non li facessi...
- Non mentre mi faccio scopare da qualcun altro.
- Questo solo perché sei ancora imbranata.
Lei mi guarda oltraggiata e accelera come per evitarmi... Ma io ho le gambe più lunghe e per staccarmi dovrebbe mettersi a correre.
Lo so: non è una conversazione edificante fra madre e figlia; siamo più due rivali che si contendono lo stesso uomo.
In spiaggia ci sistemiamo al solito posto e ci ungiamo per bene: addiveniamo a una tregua per passarci la lozione solare sulla schiena una con l’altra, poi decidiamo all’unisono per il topless.
Ale e gli altri non sono ancora arrivati e visto che ci tocca aspettare almeno perfezioneremo l’abbronzatura...
I tre si fanno aspettare un bel pezzo. Dobbiamo averli davvero sfiancati la sera prima, penso con un filo di soddisfazione.
Finalmente eccoli.
Questa volta non fanno i difficili e vengono direttamente a piazzarsi vicino a noi. Ale ci ha avute entrambe più volte, e adesso Enri e Andre hanno avuto anche me: ormai sanno che ci stiamo tutte e due ed è inutile fare finta.
Gloria continua a starnutire e a tirare su col naso, e più si sforza di non darlo a vedere e peggio è. Ale si informa se non abbia preso freddo la notte in spiaggia, e gli altri due ridacchiano: è ovvio che si sono raccontati fra loro le rispettive avventure notturne, e Gloria arrossisce imbarazzata.
Io invece sono contenta: spero proprio che Enri e Andre abbiano raccontato ad Ale anche i dettagli più sconci... Ci tengo che sappia quanto so essere porca.
Spero che ci stia meditando sopra...
Infatti dopo un po’ Ale si alza in piedi e si rivolge direttamente a me, suggerendomi di accompagnarlo a prendere ghiaccioli per tutti... Specialmente al mango.
Gloria avvampa, ma è troppo orgogliosa per cercare di accodarsi come una bimbetta stizzosa... E poi ha un’altra crisi di starnuti.
Mentre lei cerca di spruzzare i polmoni in faccia a Enri e Andre e Ale mi aspetta in piedi, io mi avvolgo con calma lo scialle alla vita, rimetto il reggiseno, inforco gli occhialoni e offro un sorriso smagliante al mio stallone preferito.
Ci avviamo con calma verso l’interno, e non facciamo nemmeno finta di dirigersi al bar: infiliamo direttamente il vialetto che porta al campeggio, e io ancheggio sicura di me con la manona del mio maschio che mi guida tenendomi per il culo verso la sua tenda...

La mamma con la fica in naftalina è sempre lì quando vado a farmi scopare: comincio a pensare che sia una guardona. Mi scocca un’occhiata di fuoco e io le faccio una boccaccia prima di buttare le braccia al collo del mio uomo e di farmi baciare in bocca prima di entrare nel combo.
Voglio che la sfigata sappia che faremo sesso selvaggio sotto il suo naso.
Lui richiude la zip quando siamo dentro, poi mi raggiunge sul materasso per pomiciare un po’ prima di passare al dunque.
Sento le sue mani su tutto il corpo... Sembra una piovra. Una piovra con un bel cazzone duro.
Si sgancio il reggiseno, poi getto la testa all’indietro per farmi baciare sul collo, e poi per farmi mordere i capezzoli.
Mentre lo fa, mi infila una mano intraprendente nello slippino... Cazzo, non capisco più niente. So solo che lo voglio, e lo voglio subito.
Mi tuffo fra le sue cosce muscolose e glie lo tiro fuori... Poi spalanco la bocca e lo prendo dentro per succhiarlo finché non sarà più duro della pietra.
Hmmm... Che buono il cazzo di Ale! Una cappella larga, turgida, che sa di maschio sano e forte.
E’ così grosso che riesco a fatica a pecchiare la cappella, e con le labbra arrivo poco più in giù... Non sono mai stata una gola profonda, ma l’idea che quell’arnese duro e nodoso sta per sfondarmi il culo mi fa impazzire, e me lo caccio più in fondo di quanto abbia mai fatto prima, a costo di strozzarmi da sola.
- Oohhh... Cazzo, Cinzia: sei proprio affamata, oggi!
E’ vero, ho una fame di cazzo da paura. Devo ammettere che la competizione con Gloria mi rende davvero troia.

Adesso è duro come l’acciaio: tempo di prenderlo nel culo.
- Usa l’olio solare per lubrificarmi il buco – gli faccio – Sono parecchi anni che non lo prendo lì...
Ale afferra la bottiglietta e comincia a versarmi un filo di liquido fra le chiappe: - Tuo marito non ti incula mai?
- A lui il culo non l’ho mai dato – sospiro io, scodinzolando per aiutare la lubrificazione – L’ultimo è stato il ragazzo che avevo all’università subito prima di sposarmi. Tu piuttosto hai mai fatto?
- No – ammette lui senza problemi – Le ragazzine di solito non lo fanno, e con una donna sposata è la prima volta che mi capita.
Carino... Sarò io la prima con cui lo fa: e l’idea mi piace da pazzi!
Sono carponi sul materasso e lui mi lubrifica l’ano: dapprima superficialmente, poi comincia a spingere dentro un dito bagnato di olio; scivola dentro che è un piacere.
Mi rilasso; ricordo che faceva un male cane, ma era un supplizio che mi piaceva moltissimo... Ale ce l’ha più grosso del mio ragazzo di allora, però adesso non sono più vergine e il mio buco se opportunamente preparato dovrebbe reggere al colpo. Almeno spero...
- Avanti, mettimelo dentro!
Ale si piazza dietro per prendermi alla pecorina. Sento la sua larga cappella allogarsi alla fica guazza e scivolare facilmente dentro la mia fica.
Sospiro di piacere, lieta che abbia deciso di bagnare anche il cazzo con il miglior lubrificante naturale del mondo. Mi scopa con calma, facendomi fremere tutta per l’anticipazione, e intanto continua a scovolarmi il buchetto con un dito... Poi con due...
Non ce la faccio più ad aspettare: - Adesso ficcamelo nel culo... Sfondami!

Il ragazzone esita un momento: è la sua prima volta, non è del tutto sicure come fare...
Poi lo sento appoggiare il glande all’orifizio e cominciare a spingere. Ho uno scatto di paura, poi sento che c’è qualcosa che non va... Sta premendo nel modo sbagliato, con la testa del glande invece che con la base del prepuzio e così la cappella spinge con la parte più larga contro lo sfintere.
- Aspetta.
Lo faccio rivoltare e stendere di schiena col cazzo puntato verso l’alto; io mi giro dandogli le spalle e mi accuccio su di lui per prenderlo a smorzacandela, spalancando le ginocchia come una farfalla...
Impugno il cazzone durissimo e unto con la destra e me lo punto in mezzo alle chiappe, posizionandolo nel modo giusto... Poi mi lascio cadere lentamente su di lui.
- Oohhh... – annaspo – Cazzo quant’è grosso!
Mi sta spaccando. Fortuna che ho il buco pieno di olio...
Mi fletto all’indietro e sento che lui mi afferra per i fianchi accompagnandomi saldamente mentre mi impalo lentamente.
L’ano cede poco alla volta e sento la verga durissima che mi penetra allargando dolorosamente le crespe del buco. Stringo i denti e mi calo sul palo rovente che mi sta sfondando...
- Aaahhhh! – grido, sentendomi squarciare tutta quando lui comincia a spingere da sotto – Mi stai sbudellando...
Maledizione, è MOLTO più grosso del mio ragazzo dell’università. Mi sento sventrare...
Ma ho troppa voglia di prenderlo: mi faccio coraggio, contraggo i denti e m’impalo di colpo, proprio mentre lui spinge all’improvviso dentro di me.
- AHIAAA!!! - grido straziata – Mi squarci tuttaaa...
Come essere trafitta da un palo infuocato: brucia da pazzi, e mi rivolta le budella.
Però adesso è tutto dentro. Venti centimetri di carne tostissima e pulsante nel mio culo affamato.

Mi rilasso sentendo che il bruciore si attenua, poi mi lascio andare all’indietro con la schiena flettendo le braccia, e sento le sue manacce che mi risalgono i fianchi andando a ghermire i seni schiacciati che ondeggiano al ritmo con cui dimeno le anche per allogarmi meglio il cazzo nell’intestino.
Non contento di incularmi, il porco mi strizza dolorosamente le tette, poi mi tira anche i capezzoli gonfi, strappandomi un altro urlo di dolore.
La sfigata della tenda di fronte si starà facendo un ditale ascoltando le mie urla.
Ale comincia a prendere il ritmo scovolandomi il retto: anche se per lui è la prima volta che lo mette nel culo a una donna, è abbastanza sicuro di sé da darsi da fare con una certa intraprendenza. In breve lo sento andare avanti e indietro con sicurezza crescente, e il tremendo bruciore del primo momento comincia ad attenuarsi grazie all’abbondante olio che il maschione mi ha versato dentro al buco.
- Hmmm... – fa lui, torcendomi crudelmente i capezzoli durissimi – Hai un buco caldissimo, Cinzia. Mi piace un casino!
Io mi dimeno sopra di lui mentre lo sento spingere con entusiasmo crescente. Ho la testa rovesciata all’indietro e me la sento girare mentre lui mi rimesta le budella con il suo ariete.
- Aspetta, giriamoci – gli faccio, desiderosa di aumentare l’escursione dei suoi affondi – Inculami come una cagna...
Ci rotoliamo sul fianco: fortunatamente è un materasso matrimoniale, altrimenti finiremmo per terra... Me lo ritrovo sopra la schiena, ancora saldamente piantato dentro di me, che mi schiaccia sotto il suo peso. Mi sollevo un po’ sui gomiti e sulle ginocchia, con lui sempre avvinghiato alle mie povere tette, e mi metto di nuovo a pecorina per farmi fottere meglio.
Ale si assesta sulle ginocchia, mi lascia finalmente in pace i capezzoli e torna ad agguantarmi i capelli con una mano e il fianco con l’altra; poi mi sferra un colpo nel culo che a momenti mi butta fuori dalla tenda...
- Aahhh! – grido – Così mi spacchi in due...
Probabilmente è proprio quello che vuole. Mi tira per i capelli facendomi inarcare tutta, e allo stesso tempo mi affonda nel culo con tutta la verga fino a sbattermi rumorosamente con i fianchi contro le chiappe.
A questo punto la vicina starà sicuramente chiamando la polizia...

Preso il ritmo, il maschione comincia ad incularmi come un trapano rivoltandomi le budella senza pietà.
- Aahhh... Aahhh... Aaahhhh!
Mi sta davvero sventrando con quell’ariete enorme che si ritrova: mai preso niente di simile nel culo... Brucia da pazzi, ma mi sta anche mandando in brodo di giuggiole: mi porto una mano fra le gambe e comincio a masturbarmi freneticamente, le dita affondate nel pelo inzuppato di olio e di piacere, e mi accorgo che il cazzo scorrendomi nel retto mi sta sollecitando anche il punto G attraverso l’interstizio con la vagina.
Mi sta facendo impazzire.
- Più veloce – annaspo, ormai sull’orlo dell’orgasmo – Sfondami... Squarciami tuttaaaaAaahhhh!!!
Sborro! Sborrooo...
Un orgasmo da perfetta rotta in culo: devastante, doloroso, bruciante, atroce... Potentissimo.
Da quanto non godevo così? Non me lo ricordavo così bello, nel culo... Forse non avevo mai goduto tanto prima di questo.
Sono senza fiato, ma Ale continua a trapanarmi il culo con la potenza di un Frecciarossa e io continuo a godere come un fiume in piena.
- Aahhh... Aahhh...
- Puttana... Puttana rotta in culo... Ti sborro nel culo!
Mi si pianta dentro alla massima profondità e comincia a pulsare con forza. Avverto il calore improvviso che mi si spande nelle viscere mentre Ale mi rovescia nelle budella una secchiata di sborra giovane e bollente... Sembra una pompa da giardino che spara getti ad alta pressione nel mio intestino devastato.
- Ah! Ah! Ale... Mi stai ammazzando... Aahhh!
- Prendilo, troia rottainculo... – ringhia lui, esaltato – Prendilo tutto...
La sua sborrata sembra durare interi minuti, e io mi sento letteralmente farcire le budella col suo sperma...
Poi finalmente sembra placarsi, e mi crolla addosso, sempre saldamente allogato dentro di me.
Mi bacia il collo e i capelli, senza fiato per lo sforzo.
Io sono stremata, distrutta dalla ferocia e dalla brutalità di quell’accoppiamento contro natura che mi ha fatto godere come non ricordavo da molti anni.
Cerco di recuperare il fiato con la faccia affondata nel materasso e il maschio che continua a schiacciarmi sotto il suo peso: siamo inzuppati di sudore, e mentre il suo attrezzo comincia finalmente a deflatarmi dentro, sento anche la sborra che comincia a colare fuori dal buco sfondato inzaccherandomi l’interno delle cosce e bagnando il materasso sotto di me.
Con un rantolo di sofferenza lui si solleva ed esce dal mio culo che però rimane spalancato come il cratere di un vulcano: immagino lui possa vedere la lava che ribolle all’interno...

Ho ancora la mano sinistra fra le cosce, e sento fra le dita il liquame vischioso che cola liberamente dalla falla che il mio amante mi ha aperto fra le chiappe.
Mi giro dolorosamente sul fianco e mi osservo le dita imbrattate di liquido denso e colloso, assai meno limpido di quello che di solito mi cola dalla fica dopo essermi fatta sborrare dentro: la fede nuziale è tutta coperta di liquame giallastro.
Non sono mai stata così sudicia...
O così soddisfatta.

***

Bacio in bocca il mio amante, grata per il piacere proibito che mi ha appena regalato.
Poi con calma ci ricomponiamo e ci avviamo al bar per i ghiaccioli... Racconteremo che c’era una fila pazzesca, e gli altri faranno finta di crederci.

Questo racconto di è stato letto 5 9 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.