Diario di una Cagna

Scritto da , il 2019-02-10, genere dominazione

(dal diario di Roby)
Una notte da incubo.
Pat mi ha venduta. O meglio, mi ha venduta Eva: per ottocento euro… Come una puttana da strada.
Anzi, peggio: come una cagna da strada. L’unica differenza è che le lesbiche hanno fatto più soldi con me che con una cagna a quattro zampe.
Non so se esserne troppo fiera…
Il mio acquirente è stato il vecchio ciccione coperto di latex, con la moglie più grassa e con più latex di lui. Mi hanno portata al guinzaglio fino al loro appartamento a Heliopolis, e una volta dentro hanno staccato il guinzaglio ma mi hanno lasciato il collare.
Sono francesi, credo… Non capisco niente di quello che dicono.
Ma quello che vogliono da me è abbastanza chiaro.
La cicciona si mette comoda e comincia a masturbarsi; il marito invece si spoglia e pretende un pompino… Che schifo.
Io speravo di passare la notte nel lettone con Eva e Pat, e invece eccomi qui a cercare un pene flaccido fra le pieghe di grasso di uno sconosciuto con più soldi che amore per l’igene…
Farglielo tirare è un casino: il tipo è mezzo ubriaco e decisamente non molto virile; però a quanto pare la moglie pretende uno spettacolo, e lui sembra deciso a offrirgli ciò che vuole.
Ci metto quaranta minuti a tirarglielo duro, e cinque a farlo eiaculare.
Poi un’altra ora a farglielo tirare di nuovo.
La moglie nel frattempo è venuta tre volte, ma non le basta ancora.
Alla fine il ciccione decide di prendermi da dietro; ci mette un po’ a trovare il buco, ma alla fine riesce a penetrarmi. Abituata come sono ultimamente ai grossi calibri, quasi non lo sento neppure.
Dura una decina di minuti, poi mi si sfoga sulla schiena: carino, non vuole mettermi incinta…
No, non era per quello: la megera si avvicina e si mette a leccarmi la schiena… Evidentemente il seme del marito è di sua pertinenza.

Speravo finisse lì, invece i due si fanno una bicchierino di cognac e pretendono di ricominciare…
Ne hanno abbastanza che è quasi l’alba, e crollano addormentati. Io non ho nemmeno la forza di alzare un dito e crollo a mia volta sul divano.
Mi sveglio di soprassalto quando i due cominciano a russare, e mi accorgo del sole che irrompe dalla porta finestra… Oddio, sono le otto passate!
Io e Franco dovevamo partire alle sette per guidare fino a Empoli…
Mi guardo intorno affannosamente cercando il cellulare, poi mi ricordo di averlo lasciato sulla mensola della barca di Pat, assieme alla sacca con i vestiti e i documenti…
Vengo presa dal panico.
Salto dal divano anche se sono stanca morta, afferro il guinzaglio e mi precipito di fuori.
Corro senza fiato fino alla nostra villetta: è solo a un centinaio di metri di distanza, e in giro non c’è quasi nessuno, così non perdo nemmeno il tempo per togliermi il collare.
Arrivo alla villetta senza fiato, e trovo il cancelletto aperto, ma la porta finestra nel patio è chiusa a chiave e la saracinesca è abbassata.
Il patio è deserto: le nostre cose sono sparite.
Sul tavolino c’è un pezzo di carta con due righe nella pessima grafia di Franco.
Sono le sette e ancora non ho tue notizie. Non rispondi al cellulare. Domani devo andare al lavoro altrimenti mi licenziano. Porto con me le tue cose: magari un giorno tornerai a prenderle… Addio.
Scoppio a piangere istericamente.
Franco mi ha lasciata lì.
Sono sola in mezzo alla Francia, senza soldi, senza documenti e senza vestiti…
Una cagna abbandonata sul ciglio della strada, lontanissimo da casa.

Mi risveglio un’ora dopo: sono crollata addormentata sul lettino da sole del patio, ma adesso sono arrivate le signore delle pulizie che devono preparare l’appartamento per i prossimi ospiti.
Mi scacciano come una vagabonda.
Mi ritrovo in mezzo alla via dello struscio che comincia a riempirsi di famigliole nude dirette alla spiaggia: sono sola e mi sento scuotere da singhiozzi isterici.
Due lacrimoni mi colano lungo le guancie.
Poi, con passo esitante, mi avvio in direzione dell’unico posto che mi resta.

La Serenissima è ancora lì, ma non per molto: vedo Jasmine che comincia a sciogliere gli ormeggi, mentre Pat è in plancia che controlla la strumentazione di bordo.
Mi avvicino esitante alla battagliola e incontro fortunosamente lo sguardo della tunisina. Lei mi guarda con indifferenza, poi torna alle sue cose.
Cerco di chiamare Pat, ma dalla gola non mi esce che un suono strozzato.
Sto per scoppiare a piangere di nuovo.
Mi manca il coraggio per salire a bordo senza essere invitata.
Pat è di spalle e non mi vede; Jasmine mi ignora, e Eva dev’essere sotto coperta.
Alla fine, per attirare l’attenzione raspo per terra con le zeppe, proprio come farebbe una cagnetta timida e disperata come me.
Pat si volta e mi vede.
- Che cazzo ci fai qui, troia? Sgombra, tornatene da tuo marito!
Trattengo un singhiozzo: - Non posso… Se n’è andato.
Lei sbuffa infastidita: - Se non sei capace di tenerti un uomo non dovresti mettertici insieme, scema… Aspetta, se non sbaglio hai lasciato qui le tue cose: sei proprio una bestia!
- Ma io…
Mi tira la mia sacca, e riesco ad afferrarla al volo: meno male, perché dentro c’è il cellulare.
Lo prendo affannosamente e lo controllo: una dozzina di chiamate perse di Franco. Lo richiamo con il cuore in gola, ma la batteria è morta: lo schermo si spegne subito.
- No! – grido in preda al panico – E’ scarico, cazzo…
- Cosa pretendevi, che te lo tenessimo anche sotto carica? – mi sbeffeggia Pat mentre Jasmine scende a terra e scioglie gli ormeggi dalla parte del molo – Adesso levati dalle palle, che noi dobbiamo partire.
- Cosa… No! – grido disperata – Pat, non lasciarmi qui da sola, ti prego…
- Sono una skipper, non una babysitter: sparisci!
- Ti prego! Non ho un altro posto dove andare… Voi tornate in Italia?
- E se anche fosse? Potresti pagarti il passaggio?
- Io… - mi rendo conto di avere venti euro nel portafogli; il bancomat ce l’ha Franco.
Pat mi guarda con aria canzonatoria: - Magari potresti pelare le patate per Eva: lei ne mangia a quintali…
Io annuisco con aria speranzosa, ma ovviamente è una burla.
Eva si affaccia dalla scaletta: - Mi dispiace, abbiamo il pelapatate elettrico!
Scoppio a piangere mentre Pat accende i motori: - Pat!
La skipper si gira con aria infastidita: - E va bene, sali a bordo, stupida cagna!
La passerella si sta già muovendo sulle rotelle che poggiano sul molo, e Jasmine è pronta a tirarla a bordo.
Faccio per salire di corsa, poi mi ricordo che mi è proibito toccarla con i piedi, così mi butto sulle ginocchia e comincio a gattonare velocemente mentre la barca vibra tutta, riprendendo velocemente vita.
Rotolo sul ponte con la mia sacca mentre Jasmine issa la passerella a bordo e la Serenissima si allontana lentamente dal molo.
Appena in tempo…

Rimango lì a poppa sotto il gonfalone di San Marco che garrisce pigramente alla brezza del mattino mentre Pat pilota con disinvoltura la grossa imbarcazione fuori dallo stretto porticciolo di Cap e poi lungo il breve canale che conduce in mare aperto.
Me ne sto seduta nuda sul ponte, accanto alle corde d’ormeggio che Jasmine ha appena ritirato e arrotolato ordinatamente.
Quando usciamo oltre la diga foranea e sfiliamo davanti alla spiaggia prima di puntare verso il mare aperto, Jasmine torna da me con una ciotola d’acqua: la appoggia sul ponte accanto a me, poi senza dire niente mi rimette il guinzaglio che avevo nella sacca e mi lega all’asta della bandiera.
Sono una cagna, e non mi è permesso andare in giro per la barca mentre l’equipaggio è impegnato nella manovra…
Jas mi prende anche il cellulare. Non ho la forza o il coraggio di protestare; del resto, è anche scarico.

Un’ora più tardi Jasmine mi restituisce il cellulare, ben carico. Ma non importa, visto che siamo in mezzo al Mediterraneo e non c’è campo…
Almeno posso aggiornare il mio diario.
Mentre digito nervosamente la minuscola tastiera mi viene in mente che non so neppure dove stiamo andando.
Credo che siamo dirette a est, quindi immagino che stiamo facendo rotta verso l’Italia, ma non ho idea di dove esattamente: Sicilia? Sardegna? Genova? Napoli?
Non ne ho idea. Ma non credo abbia troppa importanza, a questo punto.
Dopo che le lesbiche e la loro marinaia hanno mangiato, Jasmine mi porta gli avanzi in un’altra ciotola: pesce e cuscus… Ne deduco che Jas oltre che da marinaio fa anche da cuoca. Un’ottima cuoca, lo ammetto: il pesce è delizioso anche se ormai freddo.
Il sole picchia e comincio a sentirmi un po’ stordita: non sono come Franco che non regge l’esposizione prolungata, ma comincio a essere rosolata come un’aragosta e non vorrei che Jas mi servisse per cena alle lesbiche, magari con un po’ di limone.
Frugo nella mia sacca e trovo l’olio solare: meno male… Mi cospargo per bene e mi consolo pensando che quando riuscirò a tornare a casa avrò un’abbronzatura che sarà l’invidia di tutte le mie amiche.
Eva e Pat hanno una tintarella integrale assolutamente perfetta: si vede che sono abituate a stare nude a bordo. Tutte e due indossano solo gli occhiali da sole; Pat porta anche un orologio da polso maschile, mentre Eva ha una graziosa cavigliera d’oro, ma per il resto vanno in giro senza niente addosso.
Jas porta una maglietta e un cappellino: lei è olivastra di carnagione, e immagino avrebbe lo stesso colore anche in montagna in pieno inverno. A metà pomeriggio mi porta uno strofinaccio e un secchio di acqua saponata: immagino voglia farmi capire che è ora di guadagnarmi il cuscus della sera.
Strofino il legno e lucido le parti metalliche fin dove il guinzaglio mi consente di arrivare, così come avevo fatto a prua.
Mentre lavoro posso osservare Pat, che è quasi sempre in plancia a controllare la navigazione; quando non è impegnata con la manovra fa esercizi a corpo libero. Quando fa le flessioni sui pugni chiusi ne conto più di cento: nessuna sorpresa che abbia una muscolatura così!
Quando il sole picchia di più, Pat ferma i motori e chiama Eva da sotto coperta: le due bionde si scambiano un bacio poi vengono a poppa, mi passano accanto senza degnarmi di uno sguardo e si buttano in mare con due tuffi da nuotatrici olimpioniche. Le osservo nuotare intorno alla barca almeno tre volte: le bracciate di Pat sono eleganti e potenti, mentre quelle di Eva sono più rapide e nervose, ma considerata la differenza di età, alla fine le due raggiungono nuovamente la scaletta di poppa quasi contemporaneamente.
Pat rimette in moto, reimposta la rotta, poi le due biondone si stendono al sole per asciugarsi tenendosi per mano su un divanetto vicino a me.
Non riesco a staccare gli occhi dal corpo di Pat: adoro le sue linee lunghe e flessuose, i muscoli che fremono sotto la pelle abbronzata dal sole, le concavità addominali e ascellari… Non mi era mai capitato prima di guardare una donna in questo modo.
Vedo anche i difetti: la rete di rughe precoci intorno agli occhi, le grinze del collo bruciato dal sole e dalla salsedine, i vasi sanguigni gonfi che le solcano le braccia e le mani, una brutta cicatrice ad un fianco… Non si depila la passera: si limita a spuntarla sui lati in un bel triangolino ben curato di pelo dorato che contrasta perfettamente con la pelle abbronzata dell’addome e delle cosce. Solo a guardarla mi viene l’acquolina in bocca.
Sono innamorata di lei. O forse sono solo soggiogata, e più che amarla la ammiro? Non lo so neanche io. So solo che da quando sono a bordo ho praticamente smesso di pensare a Franco, e anelo anche un solo sguardo da parte della skipper veneta.

Niente.
Non mi guarda neppure una volta, come se non esistessi.
Soffro in silenzio, aspettando che la mia padrona decida di dedicarmi un attimo di attenzione.

Quando il sole tramonta le lesbiche e la loro marinaia cenano sul ponte: risotto alla marinara… Il profumo mi fa impazzire.
Per fortuna quando hanno finito Jasmine mi porta la solita ciotola con gli avanzi, e io mi faccio una bella scorpacciata.
La brezza da nord ovest si fa sempre più fresca; tiro fuori dalla sacca prima il prendisole e poi il telo da spiaggia e mi ci avvolgo dentro.
Jas mi cambia la ciotola dell’acqua e poi scompare di sotto.
Pat resta un altro po’ a programmare il computer di navigazione, poi viene a poppa a controllare le funi e la bandiera.
Quando ha finito, si volta verso di me e mi sorride.
Mi sento sciogliere dentro quando mi accarezza i capelli con le sue forti dita: vedo i suoi profondi occhi grigi scintillare quando sfiora la mia pelle bruciata dal sole.
Avverto il profumo del suo corpo, e mi sento idurire i capezzoli: sarà anche il freddo, ma quello non ti fa bagnare la figa.
- Buonanotte, Roby – mi dice con la sua voce aspra e l’accento pesantemente veneto – Ci vediamo domattina…
Poi scompare anche lei di sotto e io rimango da sola lì a poppa accoccolata fra i divanetti, avvolta nel mio telo da spiaggia e attaccata al mio guinzaglio.

***

Sui divanetti si dorme benissimo; peccato che faccia tanto freddo… Non credevo che la temperatura crollasse così in mare aperto durante la notte. Forse è solo un’impressione per via del vento; però ho freddo.
E’ ancora il freddo che mi sveglia un paio di volte.
La prima volta, oltre il fischio del vento e il ronfare del motore, riesco a sentire i gemiti di piacere di Eva: le lesbiche stanno facendo sesso nella loro cabina e hanno le finestre laterali aperte…
Non so resistere e mi porto una mano in mezzo alle gambe; mi masturbo lentamente, e così mi riscaldo anche. Riesco a godere insieme a Eva, e poi mi addormento di nuovo, stanca morta.
La seconda volta che mi sveglio mi accorgo di non essere sola: Pat sta controllando la rotta. Quando ha finito viene da me e mi rincalza il telo da bagno.
Che dolce, si è ricordata di me…
Mi riaddormento subito, felice.

(dal diario di Pat)
- Cosa sta facendo?
- Dorme. O meglio, cerca di dormire.
- Avrà freddo. Forse dovremmo prestarle una coperta.
- Ma no… Ci saranno almeno venticinque gradi. Trema perché ha preso troppo sole. Quella stupida oca si è data l’olio solare solo nel pomeriggio, quando era già più rossa di un peperone… Probabilmente avrà la febbre.
- Siamo due belle stronze.
Eva ha il cuore troppo tenero. Però ha anche la memoria corta: sono tentata di ricordarle che l’idea di prostiturla per pagarci il pieno di carburante per l’Italia è stata sua, poi mi trattengo: se non ci fosse lei a gestire la nostra economia saremmo in bancarotta.
- Non esagerare. Hai visto che non ha neppure pensato di togliersi il collare e andare a dormire nella cabina libera? Fare la cagna le piace.
Eva mi si strofina contro sotto il piumone: tutte e due le finestre sono aperte per lasciare entrare l’aria fresca, così la trapunta estiva, morbida e profumata, è una vera delizia. Le sue gambe nude s’intrecciano alle mie e so già che invece di riaddormentarci adesso finiremo di nuovo a scopare…
- Fare la cagna è troppo comodo – mi sussurra Eva sfregandomi le tette sul petto per farmi indurire i capezzoli – Con Jasmine che vuole andare in America a trovare Claire avremo bisogno di qualcuno che faccia le pulizie a bordo mentre noi siamo a terra.
Allungo una mano predatrice fra le sue gambe e ghermisco il suo scrigno umido facendola fremere tutta: - Vuoi farle fare la sguattera?
- La sguattera sarebbe troppo onore, non esageriamo… Diciamo che potremmo darle una promozione, ma di un solo livello: cosa ne diresti di promuoverla, da cagna a schiava?
Eva sa come indurmi ad accettare le sue idee? Mentre parla comincia a suggermi un capezzolo, e io non capisco più niente. Mentre mi succhia le punte potrei anche regalarle la mia quota della Serenissima…
- Uuh! Sì, me la vedo bene come schiava… Una cagna non puoi maltrattarla troppo, mentre una schiava la puoi frustare a piacimento.
- Giusto. E poi… Una schiava potrebbe anche dormire nella nostra camera, magari sullo scendiletto. E poi è graziosa: potrebbe darci una mano nei nostri giochi notturni…
- Magari anche una lingua…
- Hmmm… Sì, vedo che afferri l’idea…
Mentre Eva mi succhia i capezzoli io la sditalino febbrilmente: la sento vibrare sopra di me mentre si surriscalda rapidamente.
- Oohhh… Aspetta: voglio venirti io sopra.
La lascio mettersi in posizione a gambe intrecciate: ora le nostre passere sono a stretto contatto e i ciccetti si strofinano uno contro l’altro.
Allungo le mani e me le riempio delle splendide polpe della mia ragazza mentre lei mi scopa ansimando. Le sue rotondità anteriori sono piene e dure come pesche: mi fa impazzire stringerle nel palmo delle mani…
- Cazzo, Pat! Vacci piano… Mi fai male.
- Stai zitta e muoviti – ansimo io, eccitata – Datti da fare, forza…
Non ci sforbiciamo spesso: di solito usiamo gli strapon, oppure ce la lecchiamo a vicenda. Ma quando facciamo l’amore durante la notte dopo esserci svegliate come per caso, capita che finiamo a strofinarci fino all’esaurimento.
Adoro quando sento il suo respiro che accelera fino all’affanno, man mano che si surriscalda avvicinandosi al piacere.
Clito contro clito, con lei in ginocchio e io distesa con le gambe intrecciate alle sue, ci dimeniamo come due erinni scatenate. La mia tendenza poco clitoridea e le nostre particolari conformazioni fisiche (Eva ha il clito più sviluppato del mio) fa sì che lei diventi dominante quando facciamo l’amore in questo modo: mi piace vederla sopra di me, ogni tanto…
- Aah! Aah! Cazzo, ci sono quasi…
- Sì… Sì… Vieni, amore – ansimo, eccitata nel vederla in bilico, così vicina all’orgasmo – Vieni!
- Io… io… AAHHH!!!
Eva mi gode addosso con un urlo selvaggio che devono aver sentito fino a Cap e ad Alghero, e forse anche a Minorca. I suoi umori ci bagnano le cosce e i peli della fica, rendendoci scivolose e facilitando i movimenti.
Io sono in bollore, ma non riesco ad esplodere. Però mi piace anche così: con i sensi accesi e lo spettacolo di Eva che si contorce tutta dal piacere sopra di me…
Le speremo le tette e lei uggiola ancora più forte, dimenandosi tutta e prolungando così il piacere di entrambe: - Aahhh… Aahhh…
Quando non ce la fa più, mi si abbatte addosso e cerca la mia bocca per baciarmi appassionatamente.
Le nostre lingue si aggrovigliano in un bacio umidissimo e torrido, mentre i suoi seni si schiaccano contro i miei e le nostre passere si baciano a loro volta fra loro.
- Hmmm… - ansimo, liberandomi un istante – E a me non pensi?
- Hai ragione, gioia mia – sussurra Eva appassionata – Adesso ci penso io.
Scivola lentamente sotto, tracciando con la lingua una scia di saliva che dalla mia bocca serpeggia lungo il collo, accarezza entrambi i capezzoli e scivola via via verso “sud” vellicandomi gli addominali, l’ombelico e finalmente i primi peluzzi biondi del pube.
- Oohhh… - rantolo, eccitata – Hai una lingua infernale…
La mia ragazza comincia a brucare nel pelo morbido della mia passera affamata di piacere, alla ricerca delle labbra spalancate e bramose di essere baciate quanto e più delle loro sorelle più a “nord”.
- Aahhh – grido, quando la lingua di Eva mi scucchiaia dentro la vagina spalancata e madida di umori.
- Sei come una fontanella – mi fa lei, romantica – Adoro abbeverarmi alla tua fonte…
- Sì, bevi… - gemo, ormai sul piano inclinato dell’orgasmo – Bevi, bevi…
Sento la lingua infernale di Eva scivolarmi nella vagina alla ricerca del mio miele più dolce e più denso, e così facendo si avvicina al mio punto più caldo e sensibile…
- Oddio, Eva – sussulto – Non smettere, sto per godere…
Lei non smette, e io sento la sua lingua impertinente centrare in pieno il bersaglio, catapultandomi oltre l’estasi più totale.
- Aah! Aah! Godo… - annaspo stremata – Godo… Aahhh…
M’inarco sul letto, come se la mia fica cercasse di spiccare il volo, poi mi abbatto stremata dal piacere, esausta e soddisfatta.
Eva finisce di raccogliere con la lingua le ultime goccioline del mio piacere, poi torna ad allungarsi accanto a me per baciarmi in bocca e scambiare con me il sapore del mio sesso.
- Hmmm… - sussurro io con un filo di voce – Ti amo.
- Ti amo anch’io, stronza – mi fa lei, impertinente come sempre – Anche se so che stai pensando alla nostra schiava invece che a me.
- Non è vero! – protesto io, e sono sincera – Mi piace, ma non quanto te…
- Hmmm… - fa lei, insolente – Non ti credo.
- Chi è la stronza adesso? Vieni qui, che ti faccio vedere io!
La schieno sotto di me sul materasso, riprendendo la mia posizione dominante cui entrambe siamo abituate: la blocco e mi piego a baciarla, in modo che i miei capezzoli durissimi premano sui suoi mentre le caccio la lingua in bocca per punire la sua insolenza.
- Hmmm… Sì, puniscimi!
Ci baciamo, rotolando abbracciate nel lettone finché il pimone finisce per terra e noi ci troviamo a rabbrividire nude nell’aria frizzante della notte che entra dalle finestrelle spalancate.
Ridacchiando, mi volto per recuperare il piumone dal pavimento mentre Eva si tira a sedere e si stiracchia soddisfatta.
Quando mi giro per avvolgerle il piumone intorno alle spalle esili, vedo che lei ha il telefonino in mano.
- Cosa guardi?
- L’oca sta scrivendo il suo diario proprio adesso – ridacchia Eva mostrandomi lo schermo dove le parole compaiono una dopo l’altra – Guarda qui: ha proprio una cotta per te!
Allungo lo sguardo e leggo qualcosa a proposito di “linee lunghe e flessuose”; trovo la cosa interessante e strappo il telefonino di mano a Eva in tempo per leggere di supposte “rughe precoci”, “grinze al collo” e “vene gonfie”. Sto per tirare il cellulare di Eva fuori dal finestrino quando compaiono le righe dove Roby dice che la mia passera le fa venire l’acquolina in bocca.
Questa mi piace. Vedo che Eva sta ridacchiando divertita e mi indispettisco.
- Sì, va bene: le piaccio. E allora?
- Guarda qui: lo dice chiaro e tondo, che è innamorata di te.
- Se anche fosse? Io non so cosa farmene di lei.
- Ah no? – Eva mi guarda con espressione allusiva – Io qualche idea ce l’avrei?
Sbuffo: - Ma dai! Ce la siamo già fatta in tutte le salse, con la lingua e con lo strapon, di dritto e di rovescio…
- Sei la solita maniaca sessuale. Io stavo pensando di usarla come sguattera: ora che Jas vuole andare a vivere con Marco e Claire, chi ramazzerà il ponte?
Eva è una tipa pratica: l’adoro anche per questo.
- E poi, al contrario di Jas, non sarebbe nemmeno necessario pagarla.
Ammetto che l’idea ha un suo merito.
- Uh, guarda qui! – ridacchia ancora Eva scorrendo il diario dell’oca che si spiega sullo schermo del cellulare – Che tenera: si è commossa quando le hai rincalzato il telo da bagno…
Prendo nota: non lo farò più.
- E va bene – sospiro, eassegnata a darla vinta ancora una volta alla mia ragazza – La terremo con noi, almeno per il momento. Ma se rompe i coglioni, la riportiamo al canile!

(dal diario di Roby)
Mi risveglio tutta acciaccata dopo aver passato la notte all’addiaccio. Ho gli occhi gonfi e sono tutta infreddolita.
Bevo un sorso d’acqua dalla mia ciotola e mi stiracchio al sole.
Pat mi raggiunge quasi subito mentre Jas comincia a servire la colazione e Eva controlla la posizione; la skipper mi stacca il guinzaglio e mi offre una man per sollevarmi in piedi.
- Congratulazioni – mi dice con un leggero sorriso che scompare quasi subito – Questa notte abbiamo parlato fra noi e alla fine abbiamo preso una decisione: non sei più la nostra cagna. Da oggi, sei ufficialmente la nostra schiava: ora potrai camminare eretta, non dovrai più gattonare sulla battagliola o leccare i piedi a Eva, e potrai dormire sul nostro scendiletto. Contenta?
La fisso a bocca aperta, incredula.
Sono stata promossa, da cagna a schiava della mia padrona!
Non credo di essere mai stata così felice in vita mia…

Questo racconto di è stato letto 4 5 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.