Il Castello: Dopocena Orgiastico

Scritto da , il 2019-03-21, genere orge

Il giorno dopo nevica.
Ci alziamo con calma, ancora illanguidite dalla nostra notte d’amore trascorsa nel lettone gigante della nostra suite dopo aver lasciato i nostri ospiti nel loro talamo coniugale; a colazione ci viene spiegato che la festa inizierà intorno alle sei del pomeriggio, e quindi abbiamo il tempo per una visita a Klagenfurt. Ho le gomme da neve, e quindi non perdiamo l’occasione per fare un po’ di acquisti per Natale. Quando torniamo a metà pomeriggio ci dedichiamo con calma a prepararci per la serata.
Combatto per quasi un’ora con il mio ciuffo ribelle cercando di convincerlo a adeguarsi all’acconciatura, e alla fine addiveniamo a un compromesso: il ciuffo farà ciò che vuole, e io me ne farò una ragione. Poi visto che la sera non è rigidamente di gala ma semplicemente “elegante con stile”, invece di infilarmi in un abito da sera troppo formale indosso finalmente il vestito che ho comprato in Francia durante l’estate per festeggiare lo scampato pericolo quando sono stata rapita dai tatuati di Amersfoort.
Si tratta di un bell’abito blu elettrico asimmetrico, con uno spacco anteriore elegante e profondo ma non troppo volgare: mi lascia le braccia e le spalle scoperte ma riesce a nascondere la scarsa dotazione nelle mie curve anteriori grazie ad una scollatura poco pronunciata. Lo adoro, perché oltre a nascondere il mio seno piatto, mi permette di indossare i miei stivali di pelle con tacco medio e di evitare completamente le calze. Una cintura dorata intonata agli orecchini pesanti e al collier leggero completano il tutto, assieme al mio profumo agli agrumi…
Eva come al solito non ha bisogno di darsi troppo da fare: lei è uno schianto qualsiasi cosa faccia, e anche per pettinarsi ci mette solo un paio di minuti… Indossa un abitino corto ma non troppo, aderente ma non sfacciato, di un piacevole color pesca. Lei non ha problemi di curve, né davanti né dietro, e la sua scollatura è piuttosto abbondante. Tacco dodici e calze fumé, niente bigiotteria e il mio vecchio profumo alla vaniglia finiscono di esaltare la sua fresca avvenenza.
Se non fosse ora di scendere a conoscere gli altri ospiti, me la farei sul posto…

***

Gli austriaci, come tutti sanno, sono un po’ crucchi: e quindi puntuali in maniera patologica.
Quando arriviamo nel salone un minuto dopo le sei, sono già tutti lì e a me sembra di fare la figura della terrona.
In realtà sono appena arrivati e stanno consegnando i soprabiti alla cameriera, che a sua volta ha finito di preparare il buffet e si appresta a congedarsi per lasciarci ai nostri giochi innocenti.
Mi disinteresso della cameriera e del suo buffet, anche se la piccola non è niente male, e mi concentro sugli altri commensali.
Decisamente si tratta di un gruppetto più interessante del previsto.
Il primo ad esserci presentato è un coetaneo del padrone di casa, nonché un suo amico di vecchia data: si chiama Wernher ed è un professore dell’università di Vienna. Stranamente è accanto a Johanna quando mi bacia il dorso della mano con una galanteria che mai avrei immaginato potesse essere riservata a quella che immagino essere per tutti nulla più che una escort di alto bordo.
Dopo Wernher veniamo presentati ad una coppia piuttosto attraente: Franz e Chris; lui è membro della squadra olimpionica di Biathlon, mentre lei è attrice di teatro a Salisburgo… Solo che non si tratta esattamente di una “lei”: con la massima tranquillità mi avverte di essere una trans e di apprezzare con uguale entusiasmo gli uomini come le donne.
Hai capito, il campione di Biathlon…
Gli ultimi due sono membri della famiglia: Karin è la sorella minore di Kurt, ed è una bella donna piuttosto sofisticata della mia età, mentre Markus è il fratello più giovane di Johanna… Immagino sia il suo fratellastro, visto che è un nero anche se probabilmente di sangue misto.
Tutti decisamente piacenti, anche se di età variabile: direi che Eva e Chris sono i più giovani, e Kurt e Wernher i più maturi.
In effetti, senza di noi Johanna e Karin sarebbero state le sole donne, alle prese con almeno quattro uomini più Chris a fare da jolly… Se la serata è destinata a concludersi in gloria, la nostra presenza mi sembra essere utile a renderla gradevole per tutti.
Purtroppo, sono un po’ tagliata fuori dalla conversazione che si svolge quasi esclusivamente in tedesco: io sono l’unica a non parlarlo, e pretendere che tutti si adattino alle esigenze linguistiche dell’escort straniera sarebbe un po’ troppo… Eva ovviamente è a suo agio, e quando può mi aggiorna; però la zoccoletta ha già puntato il maschione nero, e sembra più interessata a sedurlo che non a supportare linguisticamente la sottoscritta.
Mentre sorseggiamo l’aperitivo noto che fuori ha ricominciato a nevicare… Romantico.

Noto con piacere che oltre a Eva, anche io attraggo gli sguardi degli ospiti di sesso maschile: bene, gente che apprezza la classe…
Wernher mi dedica qualche minuto in inglese: lui sbircia un po’ le mie gambe, e io apprendo che oltre a insegnare medicina all’università, è anche il medico di famiglia dei von Kolditz da oltre vent’anni. …E sì, non mi ero sbagliata: oltre ad essere amico di entrambi, è anche l’amante fisso di Johanna.
Mi informa della cosa come fosse un’assoluta banalità locale, però noto un lampo nei suoi occhi quando sposta velocemente lo sguardo da lei a me… Hai capito, il marpione? E la contessa?
A quanto pare, a Johanna piace darsi da fare… Pare che se la faccia sia con Franz che con Chris, un po’ per curiosità e un po’ per il gusto della trasgressione. E del resto Kurt non è da meno: lui, tanto per essere originale, se la fa con la sorella minore.
Questo mi spiazza un po’: mi hanno appena detto che si tratta di un magistrato della corte di Salisburgo… Ma evidentemente i vizi privati sono pubbliche virtù anche in Austria. In fondo bisogna capirla: suo marito è molto più anziano, infatti non è venuto alla festa; poi lei e Kurt sono molto legati fin da bambini...
Io sorrido comprensiva, e Wernher sorride a sua volta: si tratta di un gruppo di amici che crede nella libertà sessuale, purché praticata con stile e discrezione.
Come potrei dissentire, visti i miei precedenti?

Sediamo a tavola, e scopro che i posti sono stati assegnati con dei bigliettini eleganti stampati per l’occasione. I padroni di casa siedono a capotavola, uno di fronte all’altra; io e Karin siamo accanto a Kurt, mentre Wernher e Franz siedono accanto a Johanna. Eva e Chris siedono una accanto all’altra al lato lungo fra me e Franz, mentre Markus che è piuttosto largo di spalle, siede davanti a loro fra Karin e Wernher.
Sembra la scena di un film d’altri tempi: un castello sotto la neve, una sala antica con il soffitto molto alto, un fuoco che arde in un ampio camino, una tavolata elegante e cibo raffinato sufficiente a nutrire una mandria di bufali.
Helga, la cameriera, serve un giro di prosecco a tavola, poi si rivolge a Kurt con un mezzo inchino e si congeda.
Peccato, penso io: la piccola è un po’ rigida, ma è un bocconcino davvero invitante…
Per la verità mi piace l’idea che Kurt mi abbia voluta accanto a sé: si è tolto la soddisfazione di scopare Eva, ma sembra ancora interessato di più a me; la mia splendida compagna sembra destinata ad allietare gli sguardi degli altri ospiti.
Bene, mi fa piacere: direi che a occhio e croce, Kurt è il maschio che mi attira di più, anche se l’ho già abbondantemente assaggiato. Gli altri non sono esattamente il tipo di uomini che mi ispirano porcherie, tranne forse Markus che però è chiaramente la preda privilegiata di Eva.
Per la verità mi intriga anche Karin: fisicamente mi ricorda un po’ la mia amica Astrid, la zietta perversa di Eva, così bruna e chiara di carnagione. È seduta di fronte a me, e mi sembra freddina nei miei confronti; se Wernher non mi avesse accennato alla tresca fra lei e Kurt non mi spiegherei il suo atteggiamento, ma così è abbastanza evidente che sia un po’ gelosa del fratellone.
Accanto a lei c’è Markus, splendido esemplare di maschio afro-nordico: solido e massiccio come tanti neri, ma anche aggraziato nei lineamenti, e con due stupendi occhi blu che ipnotizzano Eva seduta accanto a lei. Si tratta decisamente dell’uomo più attraente a tavola, e Karin ce l’ha seduto accanto: eppure sembra ignorarlo completamente. La tipa deve essere davvero presa dalla sua passione incestuosa per il fratello…
Io sono qui perché mi hanno pagata, non mi interessano le loro beghe; immagino che l’altera sorella di Kurt sappia che sono solo una escort di lusso e che non rappresento un problema per lei, quindi probabilmente mi schifa solo perché sono una prostituta.
Quando si rende conto però che faccio inevitabilmente parte del gioco e che Kurt continua a cercare di includermi nella conversazione, si adatta a rivolgermi la parola… Non senza mostrare un po’ di stizza per il fatto che non so il tedesco. Beh, il suo inglese sembra quello di Frau Blucher in Frankenstein Junior, quindi non mi sento affatto in inferiorità.
Accanto a me ho Chris, la trans: Eva la tiene separata dal suo Franz, ma non sembra che la cosa la (lo?) disturbi, visto che può riempirsi gli occhi con il bel Markus seduto davanti a lei (a lui? Accidenti, mai visto un trans in quarant’anni, ed ecco che nel giro di pochi mesi mi ritrovo davanti prima Anja e adesso Chris: sembra quasi che io attragga gli ermafroditi…
Accanto a lei, Eva sembra perfettamente a suo agio: la mia compagna non si è mai fatta problemi con i personaggi ambigui… Se così non fosse, come potrebbe stare con me? Certo che la mia ragazza è seduta davvero bene: Franz di fianco e Markus davanti… I due maschi più giovani e attraenti del gruppo. Chissà come mai?
Lei chiacchiera amabilmente con entrambi, ma non trascura affatto Chris, che sembra apprezzare di essere trattata da donna a donna. Non ho idea di cosa si dicano (il tedesco di Eva è troppo fluente per seguirlo), ma è evidente che la mia ragazza sta facendo rapidamente amicizia.
A tratti ho la sensazione che Johanna sia leggermente irritata dalle capacità sociali di Eva: forse il fatto che attragga così tanta attenzione da maschi che considera di sua competenza la disturba un po’. È troppo lontana perché io possa esserne sicura, ma mi sembra decisamente un po’ seccata di vedere come Markus sia così evidentemente interessato dalla giovane ospite olandese.
D’altra parte, lei ha accanto a sé Wernher, il suo amante abituale, e Franz, quello occasionale: difficile avere più di due cavalieri al fianco, quando si è seduti a tavola.
Per quanto mi riguarda, io sono una professionista: sono pagata per fornire un servizio al mio cliente, e aspetto di capire cosa desidera che faccia. Per il momento, la mia sensazione è che gradisca la mia compagnia per sé stesso, e a me va benissimo.

La cena è organizzata bene: il tavolo del buffet è alle mie spalle, dal lato opposto rispetto al camino. Così per riempirci il piatto dobbiamo alzarci e sgranchirci le gambe, e con l’occasione possiamo parlare con quelli che non sono seduti vicino a noi.
Io adoro la carne, specie se al sangue, ma so benissimo che non va bene se si ha intenzione di fare sesso dopo mangiato: la digestione richiede troppa energia, e il rendimento a letto ne risente pesantemente. Così, anche se contrario alle mie abitudini, evito lo stinco e la jaegerschnitzel, le patate e i canederli, e mi dedico piuttosto alle trote al cartoccio e alle verdure bollite.
Chris, che si serve accanto a me, mi chiede in perfetto inglese se sono vegetariana, e a me scappa da ridere. Rotto il ghiaccio mi chiede conferma che Eva sia la mia compagna: io confermo e preciso subito che siamo entrambe bisessuali.
- Come il mio Franz – sorride lei, ammiccando.
Già. Mi viene da pensare che sia un bel peccato: il campione di biathlon è un gran figo, anche se non esattamente il mio tipo, così biondo e slavato.
- Sembra che lui e Johanna se la intendano parecchio – insinuo, sistemandomi la trota nel piatto.
- Si vedono ogni tanto – mi conferma la trans, scrollando le spalle – Meglio lei che una ragazzina di vent’anni di quelle che sbavano per lui. Devo pur lasciargli uno sfogo quando ha voglia di una donna. E poi lui non è geloso quando a me piace qualcuno, così…
Mi chiedo con chi se la faccia lei, fra quelli intorno al tavolo. Hmmm… Magari quel birbante di Kurt?
Johanna mangia come un lupo: nessuna sorpresa che sia così in carne. Se continua a questo modo, finirà con l’avere problemi di linea, e sarebbe un peccato: alla nostra età comincia a diventare difficile perdere peso.
Quando mi siedo di nuovo, Eva va a fare rifornimento assieme a Markus: perché non sono sorpresa?
Quando finisco la trota, Kurt mette una mano sulla mia e mi chiede in inglese se l’ho gradita. La carezza si prolunga mentre lo rassicuro, e nello sguardo di Karin leggo in lampo di stizza.
La sorellina incestuosa è davvero gelosa. Mi chiedo se Kurt si stia divertendo a farla arrabbiare… In fondo se ho capito bene, le sue scappatelle sono una cosa ricorrente: perché le faccio più rabbia io che non Eva o Chris?
Hmmm… Forse prova più rivalità in quanto siamo coetanee? Strano.

Non c’è un dessert.
Kurt scherza che il dolce è rappresentato dalle gentili signore presenti… Per un momento penso ad una battuta galante e un po’ scontata, poi Johanna si alza scusandosi, e torna dopo un paio di minuti con un piatto d’argento tirato a lucido.
Chissà perché non sono sorpresa: ci sono sopra una decina di strisce di polvere bianca.
Ecco cos’era il dessert…
Franz declina, ricordando a tutti di essere soggetto all’antidoping. Chris invece accetta con entusiasmo e si produce in una sniffata da esperta, seguita da Markus e Wernher. Eva esita, visibilmente tentata; io tossicchio e lei si tira indietro con un sospiro.
- Domani dobbiamo guidare fino a Venezia – mi schernisco anche per lei – Ci sono diversi controlli di polizia, in Italia. Ma se aveste uno slivoviz…
Johanna fa le spallucce e offre il piatto a Karin; l’algida bruna rifiuta con sdegno, e meno male visto che si tratta di un giudice di tribunale penale.
Kurt mi versa il liquore alle prugne e poi sniffa con aria deliziata, mentre Johanna si serve per ultima.
Io mi bagno appena le labbra: adoro il sapore, ma detesto il mal di testa che almeno per me segue sempre una bevuta. Eva invece tracanna come una pirata dei Caraibi.
Bene: direi che la parte formale del ricevimento è conclusa: adesso scommetto che verrà il bello…

Fra cocaina e alcol, adesso sono tutti più allegri ed eccitati.
Kurt fa un discorsetto alla tavolata, e Chris è così gentile da tradurre. Pare che i von Kolditz abbiano appena finito di ristrutturare l’ultima parte del castello che ancora non era stata rinnovata almeno dal Cinquecento. In particolare, sono stati rimodernati e messi in sicurezza i sotterranei e le vecchie celle; durante i lavori è stata anche scoperta una camera di torture di quelle in uso durante l’Inquisizione, e Kurt è molto fiero del lavoro che è stato fatto laggiù.
- Sembra nuova – mi fa Chris, gli occhi scintillanti per la coca – Ci sono diversi strumenti perfettamente funzionanti: se ne potrebbe fare un’attrazione turistica, come per la falconeria al castello di Villach… Kurt dice che più tardi andremo tutti a visitarla!
Ottima idea… Però Kurt aggiunge che l’effetto sarà più eccitante se ci andremo a mezzanotte, così magari ci sarà anche qualche fantasma…
Wernher scoppia a ridere per primo, seguito da tutti quelli che hanno sniffato e anche da Eva e me.
Johanna solleva il calice con ancora un filo di slivoviz, e domanda cosa potremmo fare per ingannare il tempo fino a mezzanotte.
Allora Kurt allunga un braccio e mi branca per i fianchi attirandomi a lui con una risata.
Sì, penso che come idea per ingannare il tempo fino a mezzanotte, non sia niente male…

***

Siamo finiti tutti nella sala adiacente a quella da pranzo: anche qui il fuoco crepita in un caminetto decisamente non a norma, e siccome il soffitto è meno alto si sta confortevolmente caldi.
C’è un grande letto a baldacchino dove si potrebbe dormire comodi anche in quattro, più un paio di divani larghissimi foderati di raso e coperti di cuscini: un autentico lupanare con tenui luci diffuse rossastre che assieme al fuoco creano un’atmosfera lasciva, decadente e un po’ perversa.
Mi piace.
Kurt mi tiene sempre per i fianchi e mi attira a sé davanti a uno dei divani per stamparmi un bacio profondo dritto in bocca. Il cliente ha sempre ragione, così lo lascio fare mentre lui si prende alcune pesanti libertà sul mio fondo schiena.
Sento la sua erezione contro lo stomaco e mi strofino come una gatta in calore, determinata a fare il mio lavoro come si conviene.
Stiamo dando letteralmente il via ai giochi: vedo che uno dopo l’altro anche gli altri si lasciano andare e i vestiti cominciano a scivolare via dai corpi eccitati…
Eva si getta con un gridolino eccitato addosso a Markus, Johanna attira a sé Wernher, Franz e Chris si baciano in bocca, e io rotolo sul divano avvinghiata al padrone di casa che sembra diventato una piovra.
Solo Karin rimane rigida a guardarci con il bicchiere ancora in mano e un’espressione sdegnosa sul viso.
Dice qualcosa di stizzito in tedesco, e Kurt si ferma un momento sul divano, senza smettere di stringermi: sorride bonario e solleva una mano in un chiaro invito, accompagnandolo con qualche parola suadente.
Karin sbuffa indispettita e ci guarda, mentre riprendiamo a rotolarci sull’ampio giaciglio.
Poi, con un sospiro rassegnato, posa il bicchiere sul tavolino e ci raggiunge.

Fratello e sorella si scambiano un primo bacio incestuoso, e io ne approfitto per liberarmi dell’abito blu senza correre il rischio di vedermelo strappare di dosso: ci tengo troppo…
Lo ripiego alla buona e lo appoggio di lato, poi mi accosto ai von Koditz e mi ripropongo: se preferiscono giocare da soli non mi offendo mica. Posso anche andare a cercare altri compagni di giochi, in fondo sono qui per lavorare.
Kurt gradisce la mia presenza, a giudicare da come mi afferra le chiappe con una mano mentre continua a pomiciarsi la sorellina di mano (l’altra) e di lingua; Karin non mi respinge, e visto che quello che paga è il fratello maggiore, comincio a darmi da fare.
La bruna indossa un tailleur molto carino, elegante e decisamente costoso: comincio con lo sbottonare la giacca e sfilarla con delicatezza senza interrompere il loro bacio appassionato; poi comincio a sfilare la gonna facendola scorrere lungo le gambe tornite e fasciate di seta grigia di ottimo gusto, scoprendo mutandine e lingerie di classe.
Sotto la giacca, Karin portava un top dello stesso colore, abbastanza semplice da sfilare… Il reggi immagino preferisca sfilarlo lui, così lo lascio stare; invece provo ad accarezzare le carni lisce della contessa: la sento fremere sotto il tocco, e percepisco la sua eccitazione mentre il fratello le sfila con destrezza le coppe di pizzo.
Appoggio le tette alla schiena di lei passandole le mani sotto le ascelle per accarezzarle i seni: sono caldi e morbidi, molto più piccoli di quelli di Johanna, ma comunque più abbondanti dei miei. Ha un buon profumo, la tipa: Dior, direi… Le sfioro il collo con le labbra per assaggiare meglio.
Lei sussurra qualcosa in tedesco che non capisco, ma mi lascia fare.
Incrocio lo sguardo di Kurt e lo vedo ammiccare: apprezza la mia iniziativa e mi incoraggia a continuare.
Così è questo il gioco: vuole iniziare la sorellina ai giochini a tre?
Perverso, il signor conte…

Getto uno sguardo nel resto dell’ampio boudoir: anche gli altri si stanno accoppiando disordinatamente. Vedo già un paio di corpi nudi allacciati sull’altro divano, e altri che si rotolano in gruppo sul lettone: Eva è già a bocca piena, intenta a raddrizzare un bananone nero, mentre Johanna sembra al centro dell’attenzione sotto il baldacchino. Buon per lei.
Mentre massaggio le tette di Karin sento i capezzoli che si inturgidiscono rapidamente: che siano le mie carezze, i baci di Kurt o la situazione nel suo complesso, la quarantenne bruna dai vizi privati inconfessabili si sta rapidamente eccitando.
Anche i miei sono belli duri: so che li sente premere contro la schiena, e mi chiedo se le piaccia sentirmi così stretta contro il suo corpo mentre fa lingua in bocca con suo fratello, sapendo che lui mi ha già avuta…
Karin si stende sul divano, concedendosi senza riserve.
Ha un bel corpo: mi piace più di Johanna, quindi capisco che piaccia anche a Kurt, a dispetto della consanguineità. È più alta e snella della padrona di casa, con la pelle bianchissima invece che rosea, più modello pesca che porcellana.
Intuisco che non gradisca troppoa intimità da parte mia, almeno per il momento, così mi limito a prepararla per il maschio: le sorrodo accarezzandole l’interno delle gambe per aiutarla a lubrificarsi mentre Kurt si piazza davanti a lei, poi afferro il suo uccellone bello duro, lo sego un momento e infine me lo prendo in bocca insalivandolo per bene con un bel risucchio.
Poi mentre lui si stende sulla sorella, accompagno il cazzo puntandolo verso lo scrigno bruno della femmina e lo spingo nella fessura bagnata.
Karin sussulta mentre la penetrazione si compie, poi Kurt comincia a scoparla con forza e le ansima e geme sotto i colpi del fratello.
Io accarezzo la schiena e i glutei pelosi del maschio mentre questi possiede la sua femmina, e nel contempo mi masturbo lentamente guardandoli.
Mi eccita da morire quell’accoppiamento proibito che si sta consumando sotto i miei occhi: l’incesto non mi turba più di tanto, visto che sono abituata a lesbicare mia figlia praticamente ogni volta che ci vediamo; però la semplice consapevolezza della cosa m’intriga da pazzi…
Karin stringe le gambe inguainate di seta intorno ai fianchi muscolosi del fratello, puntando i tacchi alti verso il soffitto e ansimando di piacere al ritmo dei colpi che lui le sferra nel ventre.
Più in là, vedo Eva che cavalca selvaggiamente Markus all’amazzone: è nuda e dimena i capelli biondi per ogni dove mentre si becca il cazzone nero nella passera affamata… Decisamente la mia ragazza è una maestra nell’unire il dovere professionale al suo piacere personale.
Sul lettone matrimoniale Johanna sta intrattenendo il resto degli ospiti: sono tutti discinti e lei sembra intenta a prendersi cura di tutti i piselli disponibili, compreso quello di Chris: ha Wernher in bocca e gli altri due in mano, tutti belli duri.
Kurt continua a pompare con forza fra le gambe di Karin, che adesso geme piuttosto rumorosamente, e io comincio a sentirmi un po’ sottoimpiegata; arruffo i capelli sale e pepe del conte, poi mi abbasso a baciare un capezzolo di Karin. La donna non sembra dispiacersene, così continuo: prima lo succhio a dovere, poi lo mordicchio come piace a me, e questa volta la tipa lancia uno strillo di sorpresa.
Vedo brillare gli occhi di Kurt e intuisco come la cosa lo ecciti, così continuo.
Sento gridare Eva, e riconosco il suo orgasmo: beata lei, che si sta beccando un bel cazzone nella fica, mentre io devo farmela a mano…
Il conte sta chiaramente godendosi lo spettacolo di me che succhio le punte della sua sorellina mentre lui se la sbatte sempre più velocemente, e mi rendo conto che l’insieme lo sta avvicinando rapidamente al punto di non ritorno; un po’ veloce, il pervertito: la contessina se la sta godendo, ma mi sembra ancora piuttosto lontana dal dunque.
Hmmm… L’occasione mi sembra troppo ghiotta per lasciarmela sfuggire, così anche se non è molto professionale decido di approfittare della situazione: mi insalivo un dito, prendo la mira e lo infilo proditoriamente nel culo del padrone di casa.
Questi squittisce sorpreso, ma come avevo intuito non trovo troppa resistenza: al contrario, Kurt rinserra lo sfintere e accelera il ritmo coitale strappando alla sorella una serie di strilli di gioia.
L’avevo capito che il conte è uno da dito nel culo!
Lui farfuglia qualcosa in ostrogoto, lei risponde con un gemito di piacere, poi il maschio s’inarca affondando al massimo nei lombi della femmina e le esplode nelle intimità più profonde con un lamento prolungato.
Karin si becca la sborrata del fratello in fondo alla vagina con un lungo gemito in cui gioia, piacere e frustrazione si mescolano in maniera facilmente decifrabile: la donna ama suo fratello, gode ad accoppiarsi con lui, ma non ha ancora raggiunto il culmine del piacere e capisce che il suo amante non riuscirà a portarla oltre il limite…

Questo, naturalmente, lascia a me l’opportunità di subentrare al maschio finito in fuori gioco.
Quando infatti Kurt si stacca dalla sorella lasciando un semplice filamento bianco a collegare i loro corpi nudi, io mi getto a tuffo fra le gambe frementi della femmina.
Dedico una saporita succhiata di cappella al mio cliente tanto per non trascurarlo, poi affondo la faccia fra le cosce della donna: la sua fica mi sorride, aperta e scarmigliata; vedo la sborra calda al suo interno, mentre alcuni filamenti appiccicosi imbrattano la peluria nerissima, e io mi sento l’acquolina in bocca.
Le mollo due slappate a lingua dura nelle viscere spalancate, e lei grida di piacere mentre le succhio lo sperma da dentro la fica.
Karin grida di nuovo, poi mi afferra per i capelli e mi spinge la faccia contro il suo sesso, incoraggiandomi a continuare.
Bene: visto che le piace…
Le dedico un connilinguo da urlo, proprio come avevo desiderato di fare dal primo momento che l’avevo osservata: ho la netta sensazione di star mappando una strada nuova, mai percorsa prima da lingua femminile, e come sempre mi accade quando inizio una donna ai piaceri di saffo mi sento avvincere da un’eccitazione aggiuntiva. Un po’ come capita al maschio quando ha la soddisfazione di deflorare una femmina.
- Aah! Aah! Aahhh…
Karin si contorce sotto la mia lingua, gridando di piacere, e mi esplode in bocca.
Mi trovo a bere le sue secrezioni vaginali, dolci e piuttosto abbondanti, e mi rendo conto che l’algida bruna doveva essere più vicina di quanto pensassi all’orgasmo.
L’incesto deve davvero eccitarla parecchio, ma anche la mia presenza deve aver contribuito a creare le condizioni per il suo piacere.
Continuo a leccarla anche dopo che lei si è abbandonata esausta sul divano e le sue dita inerti hanno abbandonato i miei capelli: i succhi vaginali continuano a scorrere abbondanti, e a me il succo di fica piace da impazzire…

Mi sento afferrare bruscamente per i fianchi.
Sento qualcosa di caldo, viscido e sorprendentemente duro premermi contro la fica, e ho appena il tempo di trattenere il fiato prima che un nerbo di bue mi trafigga la fica.
- Ugh! – annaspo, colta completamente di sorpresa – Madonna che bestia… Sì, fottimi!
Sollevo la testa dalla fica pelosa a bagnata di Karin e mi volto a guardare: Kurt mi sta sbattendo con foga, gli occhi spalancati in modo innaturale, rivoli di sudore gli corrono ai lati del collo e lungo il petto.
Guardarmi lesbicare la sorellina lo ha riattizzato davvero alla grande… O forse è la cocaina di alta qualità che ha in corpo, non saprei: Di fatto, mi sta scopando alla grande e io non mi lamento davvero.
Ricomincio a leccare la fica di Karin mentre Kurt mi scopa, e questa volta andiamo avanti per un bel po’: il conte ha le palle vuote e sua sorella ha appena goduto, così ci sono tutte le condizioni perché anche io…
Mi riporto la mano fra le gambe e ricomincio a smucinarmi il grilletto mentre vengo scopata alla grande e non smetto un istante di leccare la fica della contessa: tutti i miei sensi sono sollecitati e sento che il piacere comincia a montarmi rapidamente nelle viscere…
- Aahhh… Aahhh… Più forte… Più forte…
Mi manca solo un po’…
Smetto di masturbarmi e mi ficco due dita bagnate nel culo. Poi porto anche l’altra mano dietro di me e aggiungo altre due dita per allargarmi ancora di più in buco.
- Ficcamelo nel culo! – grido, impazzita dalla libidine – Spaccami in due…
Kurt esita un momento. Poi si sfila dalla fica e mi schiaccia la cappella rovente contro il buco spanato. Lo spinge agevolmente dentro, lubrificato com’è, e io emetto un rantolo di gioia e di dolore da perfetta rotta in culo mentre la verga mi affonda disastrosamente nel retto squassandomi le viscere.
- Aahhh! – grido – Sì, sfondami… Sbudellami!
Il maschio mi riempie il culo con il suo sesso rovente, e io mi sento come sollevata da un’ondata di piacere che mi scaraventa oltre l’orgasmo con un urlo lacerante: - AAHHH!!! GODO! GODOOO…

Era da un po’ che non mi capitava di godere di culo in questo modo con un maschio: a volte penso che sia una fortuna essere una depravata con così tante diverse perversioni… Riscoprire certi piaceri proibiti è anche meglio che sperimentarli per la prima volta.
Sento lo sfintere contrarsi mentre godo, e il maschio che mi sta riempiendo annaspa di piacere a sua volta, ma non mi viene dentro: per lui è ancora troppo presto per una seconda venuta.
Me lo tira fuori ancora durissimo, lasciandomi lì senza fiato, col culo in aria e il buco spalancato: sento che si sposta sul divano e mi sollevo sui gomiti per guardare.
Kurt sta puntando minacciosamente il cazzo verso la sorellina che si sta ancora riprendendo e che lo guarda con un misto di orrore e di lussuria nello sguardo: la vedo sollevarsi a sua volta sui gomiti e spalancare la bocca…
Che porca. Lui l’acchiappa per i capelli e glie lo caccia dritto in gola senza che lei faccia niente per impedirglielo… Spero che le piaccia il sapore del mio culo.
Beh, di sicuro non sembra farle schifo: la troia comincia a succhiare golosamente mentre lui le scopa letteralmente la faccia. Vedo la gola della donna gonfiarsi nello sforzo di accogliere l’intero membro virile del fratello, e non posso evitare di illanguidirmi di nuovo anch’io.
Mi avvicino a loro e mi metto in ginocchio accanto alla bruna, sperando di avere anch’io la mia parte di cazzo: lei tiene le braccia distese lungo i fianchi mentre il maschio la scopa in gola tenendola per le orecchie, così io allungo una mano per accarezzargli i coglioni.
Li sento durissimi, e capisco che si stanno riempiendo di nuovo di seme, preparandosi a una nuova deiezione.
Kurt ruggisce, praticamente fuori controllo: ha le pupille piccolissime negli occhi azzurri, e sembra davvero impazzito mentre abusa a quel modo della cavità orale di sua sorella. Lei si sta strozzando, ma non molla: le piace succhiare suo fratello…
Poi lui le strappa la verga dalle fauci prima di cacciarla dentro di nuovo, e lei ne approfitta per respirare un istante. Ne approfitto anch’io per segare la radice del cazzo e pomparlo di nuovo nella bocca di lei mentre le accarezzo i capelli e la spingo in avanti per ingoiarlo tutto.
Kurt rantola qualcosa, e capisco che è arrivato: punto il cazzo contro la faccia di Karin segandolo con decisione, e subito uno spruzzo violento di sperma schizza in faccia alla donna.
Il primo getto la raggiunge sulla fronte finendole anche nei capelli neri, mentre il secondo la prende in un occhio strappandole uno strillo di protesta; il resto le arriva intorno alla bocca, sul mento e poi le finisce sui seni nudi, inzaccherandola tutta…
Continuo a mungere il maschio per far defluire tutto lo sperma, e anche gli ultimi filamenti finiscono sui seni bagnati di Karin, che trema violentemente di piacere mentre si forbisce le labbra per assaporare la sborra che le imbratta la faccia.
Lui le accarezza i capelli, soddisfatto, e io mi tuffo a leccarle le tette sporche di sbotta per ripulirle e approfittandone per succhiarle di gusto i capezzoli eretti e scurissimi.
Karin molla un’ultima succhiata alla cappella sgocciolante del fratello, poi si lascia andare, stremata: si accascia sul divano, e io l’accompagno, senza smettere di leccarle i seni e di accarezzarla tutta.
- Oh mein Gott… - annaspa lei, senza fiato – Non smettere, ti prego… Mi piace!
Non ci penso nemmeno: Karin ha un paio di tette stupende; così condite dall’abbondante sborrata di Kurt, poi, sono anche estremamente saporite…

Questo racconto di è stato letto 4 6 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.