Il Ragazzino Angelico (corretto!)

Scritto da , il 2020-08-13, genere bisex

Il ragazzotto mi guarda con gli occhioni sgranati.
Certo che è proprio bello... Sembra un angelo, con quei lineamenti fini, gli occhi blu, i capelli biondi, leggeri e mossi; è alto, snello, aggraziato... Di solito non guardo molto i maschi, ma questo ragazzo cattura veramente la mia attenzione. Non posso credere che Eva non se lo sia scopato di brutto: dev’essere davvero timido.
Ci vado leggera. Una volta in camera chiacchieriamo un po’, cerco di metterlo a suo agio. Certo il rumore del letto che sbatte nella camera accanto non aiuta: il giovane Yevgeny sa perfettamente che si tratta di suo padre che sta scopandosi la mia amica, la stessa che invece lui NON si è fatto.
Sono in minigonna, e la camicetta chiara che indosso è generosamente aperta. Non sono bella come Eva, ma so di arrapare i maschi con i miei atteggiamenti e soprattutto con le mie gambe. Sono lunghe, slanciate, abbronzatissime... E la mini è davvero molto corta.
Niente: Yevgeny è scosso, ma per nulla arrapato.
Lui a me piace: me lo farei anche gratis... Comincio a sentirmi un po’ offesa.
Sto per irritarmi, quando mi viene un sospetto atroce.
Mi scoscio un po’ di più, tanto per fargli vedere per un istante che non porto le mutandine, ma lui non fa una piega.
Sospetto confermato.
Mi rilasso, poi sorrido: - Senti, Yevgeny... Tu sei gay, vero?
Lui spalanca gli occhi come se lo avessi morsicato sul pisello: - No! Io... Cioè...
Gli metto una mano sulla gamba, ricomponendomi a mia volta: - Calma. Non agitarti, se c’è una cosa che è sacra nel mio mestiere, è la riservatezza: se vuoi, con me puoi parlare.
Il suo inglese è ottimo: si vede che frequenta una scuola per privilegiati...
Sì, ovviamente ci ho preso. Yevgeny si è accorto da tempo che per lui le donne sono del tutto prive di interesse, mentre gli piacciono i ragazzi. Ma vive nel terrore che suo padre se ne accorga, e quindi fa di tutto per evitare di offrirgli indizi.
No, mai stato con un ragazzo: troppo pericoloso... E comunque non saprebbe da dove cominciare. Ma soprattutto, suo padre lo ammazzerebbe se sapesse... E con un padre come il suo, non c’è modo che non lo scopra.
Poverino.
Già, ma prima o poi qualche ragazza un po’ più sveglia, diciamo come me, se ne accorgerà...
Infatti, il povero ragazzo vive nel terrore. Anche questa sera potrebbe essere l’ultima, se per disgrazia io o la mia amica...
Stai tranquillo, noi non diremo niente... E tuo padre si sta divertendo per conto suo, non senti? Alla fine gli racconterai quattro balle su come ci hai sfasciate tutte e due, e lui sarà fiero di te.
Sì ma... Cosa gli potrebbe raccontare? Lui non ha nessuna esperienza.
Hmmm... Sì, è una questione di orgoglio professionale: non posso lasciare andar via un cliente con i testicoli ancora pieni. E poi questo potrebbe essere un buon cavallo di Troia... Dove naturalmente la Troia sarei io.
- Mai baciato qualcuno?
- No... Io non...
- Non temere. Faremo come se fossimo a scuola: pensa a un ragazzo che ti piace, e ti insegnerò qualcosa. Non ti faccio proprio schifo, vero?
- No...
Magari gli faccio proprio schifo. Proviamo...
Lo bacio, con calma. Lui s’irrigidisce, ma non si ritrae.
È chiaro che non gli piace, ma forse non prova neppure disgusto... L’omosessualità non è qualcosa di bianco o nero, lo so bene io per prima che sono bisessuale: se non sei proprio un “6” sulla Scala Kinsey il sesso opposto non ti fa proprio schifo.
Oddio, mi sa che però è almeno un 5,5...
- Senti, prendilo come un allenamento in palestra: fastidioso ma necessario.
Ci riproviamo, ma è evidente che per lui è come prendere una medicina disgustosa.
Povero Yevgeny.
Roteo lentamente la lingua nella sua bellissima bocca dai denti perfetti, e intanto gli metto una mano sulla patta.
Ha il cazzo più moscio di un preservativo usato.
Gli apro i pantaloni per fargli una pippa, e con la mano libera gli arruffo i capelli.
Sì, forse riesco a farglielo tirare meccanicamente, anche se non è eccitato neppure un po’.
- Ti piace?
- Un po’ - ammette lui - Ma mi dispiace, tu non...
- Sttt... Mica mi offendo. Ma tu lavora di fantasia: sarà sempre meglio che farti una sega da solo, no?
Alla fine glie lo tiro mezzo bazzotto.
Mi piego e lo prendo in bocca.
Lui chiude gli occhi, e avverto qualche sussulto nella carne che ho in bocca. Almeno la mia bocca gli piace: meglio che niente.
Mentre lo spompino mi viene un’idea.
- Aspetta, ho una sorpresa per te...
Lo lascio per un momento e vado all’armadio che spalanco per aprire la cassaforte, e intanto mi libero della gonna restando in stivali e camicetta.
Tiro fuori lo strapon e lo indosso rapidamente. Hmmm... Odora ancora della fica di Eva!
Mi volto di scatto e sorrido, orgogliosa della mia virilità artificiale.
- Cosa te ne sembra?
Yevgeny mi guarda con gli occhi sgranati.
- È bellissimo... - balbetta.
Gli guardo il cazzo e vedo che si è rizzato un po’. Poca cosa, ma molto meglio di prima.
- Ti piacerebbe prendermelo in bocca?
Esitazione: - Sì...
- Bene: vieni qui e mettiti in ginocchio!
Lui obbedisce prontamente: mi viene davanti e si inginocchia obbediente.
- Adesso ciucciamelo... Forza!
Lui apre la bocca e lo prende dentro.
È un fallo di gomma, ma ha la forma e la consistenza giusta, e dimensioni decisamente eccitanti: no a caso lo usiamo da anni per l’amore lesbico... In fondo siamo gay anche noi, quindi posso capire cosa provi il ragazzino.
Io non sento molto, perché ovviamente anche se è connesso a me non è parte del mio corpo, però il dildo interno si muove piacevolmente mentre lui succhia quello esterno...
- Sì, bravo: così... Mi piace!
Lo incoraggio lentamente, accarezzandolo mentre mi spompina con ardore anche se senza molta tecnica.
Il suo uccello intanto si sta rizzando lentamente, segno inequivocabile che l’esperienza gli sta piacendo.
- Oohhh... Sì, così... Bravo!
Yevgeny e il suo primo cazzo: chi lo avrebbe mai detto che si sarebbe trattato di uno strapon?
- Hmmm... Mi piace, mi piace... - ansimo, enfatizzando un po’ - Senti, facciamo un patto: adesso io do piacere a te, e poi tu ne dai a me, va bene?
Lui esita: proprio non gli piaccio.
Però ha il cazzo duro, e non voglio che quella giovane erezione vada sprecata.
- Guarda: adesso ti faccio vedere di me qualcosa che potrebbe anche piacerti...
Mi arrampico sul letto e mi metto a pecoroni, offrendomi da tergo. Ho ancora lo strapon infilato, e mi allargo le chiappe con le mani facendogli vedere il buco del culo bello spalancato.
- Cosa te ne sembra? - gli faccio, con voce roca - Non ti va di mettermelo dentro?
Un culo è un culo... Il mio poi è bello spanato, e in questo momento ho anche un cazzo (di gomma) a penzoloni.
Yevgeny mi si avvicina da dietro con il cazzo duro, e mi accarezza la groppa.
- Certo che hai un bel culo - ammette - Alto, sodo, muscoloso...
Scodinzolo contenta. Ho un culo così bello che piace anche ai gay.
- Non sembra quasi un culo di donna.
Controllo a stento la mia furia omicida.
Inghiotto l’oltraggio e mi sforzo di apparire compiaciuta: - Vero? Sono più muscolosa di molti uomini... Infatti a me in realtà piacciono le donne, sai?
- Davvero? Quindi in realtà sei lesbica?
- Maschi per denaro, femmine per piacere - semplifico io a suo beneficio - E di solito sono io quella che fa da maschio, quindi... Ti piace il mio buco?
- Io... Sì: molto.
- Allora che aspetti? Mettimelo, forza!
Mi caccio quattro dita bene insalivate nel buco, allargandolo al massimo.
Lo sento esitare, poi avverto le sue mani che mi allargano le chiappe, e la sua saliva che cola nel solco sudaticcio...
Il calore rovente della cappella appoggiata al for anale, e poi la pressione... Cazzo, se è duro!
- Aahhh... - rantolo - Sì, fammi male! Spaccami...
Lui spinge con forza. Non ha idea di come si faccia, ma la natura segue il suo corso (un po’ irregolare in questo caso, ma non importa), e il giovane uccello mi scivola dentro con una svangata un po’ goffa ma efficace.
- AAGHHH! - grido, per farmi sentire anche nella stanza accanto - Sì, sfondami...
Me lo affonda dentro fino alle palle: duro, caldo e palpitante.
- Ce l’hai tutto dentro - ansima lui, emozionato - Ti ho fatto male?
- Sì - ammetto io - Un po’... Ma il dolore è parte del gioco. Adesso inculami, forza!
Yevgeny comincia a muoversi: dapprima lentamente, poi ci prende gusto e comincia a cavalcarmi con forza, strappandomi anche qualche strillo genuino: non ce l’ha molto grosso, neppure la metà del padre, ed è di lunghezza appena normale, quindi rispetto allo strapon con cui mi penetra Eva quasi tutti i giorni è poco più di un ditalino anale, ma il suo entusiasmo è eccitante, e comincio a divertirmi anch’io.
- Aahhh... Aahhh... - gemo, con la voce più roca possibile.
Il ragazzotto sta riempiendo il primo culo della sua vita, e gli sta piacendo.
Io prendo a segarmi il dildo esterno, in modo da rivoltarmi dentro quello interno, ed è un po’ come prendermi un sandwich: non arriverò mai a godere così, però è piacevole...
- Uuhhh! - annaspa Yevgeny, improvvisamente senza fiato.
Lo sento eiaculare dentro di me, e il giovane seme bollente mi allaga rapidamente il retto.
- Hmmm... Sì, sborrami nel culo! - ansimo, cercando di sembrare soddisfatta, e intanto accelero la sega cercando di provare almeno un po’ di piacere anch’io.
Certo che il moccioso è un vero sbrodolone...
Gli si ammoscia anche in fretta dopo l’orgasmo: pochi colpi ed è già sgonfio e mi scappa fuori ignominiosamente.
Mi volto e lo guardo negli occhi: - Piaciuto?
Lui esita: - Sì, abbastanza... Però...
So dove vuole andare a parare.
- Adesso tocca a te, come promesso - gli faccio - Mettiti sotto!
- Eh?
- Tu hai fatto godere me - mento spudoratamente - Ora sarò io a far godere te...
Lo faccio inginocchiare sul letto nella stessa posizione in cui ero prima io e mi porto alle sue spalle puntando il robusto dildo esterno dello strapon alle sue vergini terga. Una buona passata di vaselina sull’asta, ed eccomi pronta.
- Sei pronto?
Yevgeny è piegato in due a pecorina, l’uccello moscio che penzola fra le gambe e il culo esposto senza vergogna, ansioso.
- Pronto! - mi fa, chiaramente eccitato anche se un po’ timoroso.
Mi lecco le labbra, ingrifata: non capita tutti i giorni di sverginare un frocetto...
- Raccomandati l’anima - gli faccio - Il tuo buchetto è intonso a differenza del mio, e il mio cazzo è moto più grosso...
Gli sputo nel buco, poi gli apro le natiche e spingo con forza.
- UAARGHHH!!! - urla il disgraziato, sentendosi aprire le budella, mentre io affondo senza pietà dentro di lui - Mi ammazzi...
Prendo a pistonare senza riguardi, scovolando le giovani viscere e rivoltandole con ferocia mentre Yevgeny singhiozza disperato.
Il ragazzotto però non fa nulla per sottrarsi al sacrificio rituale, e ben presto arrivo a spingere lo strapon dentro di lui fino a fondo corsa.
Sverginato.
- È fatta, Yevgeny - gli faccio, con voce rauca - Ora sei un rottoinculo anche tu... E non lo saprà mai nessuno che tu non voglia!
- Aahhh... - rantola lui, senza fiato - Sì, che bello... Inculami, ti prego! Sfondami...
Lo inculo senza problemi, ora che il buco è rotto. Allungo anche una mano ad afferrargli il cazzo: adesso che lo strapon gli sollecita la prostata, la verga è tornata bella dura e posso finalmente tirargli una bella sega mentre lo sodomizzo brutalmente.
Andiamo avanti un bel po’, con lui che urla nel cuscino e io che lo scovolo con forza e lo masturbo contemporaneamente.
Poi, quando mi accorgo di averlo portato al limite, tiro fuori la verga di gomma sporca di sangue e lo faccio rotolare sul fianco con il cazzo durissimo.
- Nooo! - grida lui lamentosamente - Voglio sborrare...
- Sì, certo - gli ringhio in faccia - Ma ti voglio in bocca, non nella mia mano!
Ingoio la cappella violacea appena in tempo: due succhioni di gola e due colpi di sega con la mano, e Yevgeny mi esplode in gola come una pompa da giardino.
Tre, quattro, sei spruzzi giovanili mi riempiono direttamente lo stomaco fornendomi tutte le proteine necessarie per una settimana, e io ingoio tutto senza perdere neppure una goccia di quel prezioso nettare di maschio...
Missione compiuta.

Quando scendiamo di nuovo nella hall vediamo Eva e Oleg che si stanno sedendo sul divano... Eva ha l’aria di essersi presa una bella ripassata, a giudicare dai capelli tutti spettinati, e il vecchiaccio rancido sembra davvero soddisfatto; sfido, dopo essersi fatto una come Eva!
Quando ci vede arrivare, il cliente ci guarda con gli occhi che brillano d’orgoglio: deve avermi sentita gridare mentre lo prendevo in culo, e adesso ha l’idea che suo figlio sia un grande scopatore... Perfetto. La soddisfazione del cliente è il nostro miglior compenso!
A tutti e due brucia il culo, quindi evitiamo di sederci; il fatto che io faccia anche una smorfia a riguardo strappa un nuovo sorriso soddisfatto al vecchio porco, che non si accorge come suo figlio sia assai più indolenzito di me...
Prima di andarsene con il figlio non più vergine, Oleg ci chiede anche un nostro biglietto, caso mai fossimo ancora in città per un po’ e Yevgeny avesse voglia di un secondo round.
Gli diciamo che rimarremo per un po’, magari fino a Capodanno ma non oltre... Poi mi ricordo che il Natale ortodosso è più tardi così preciso che probabilmente ripartiremo ai primi di gennaio. Lui prende debitamente nota dell’informazione, il che è l’ulteriore conferma che abbiamo agganciato il personaggio giusto.
La scalata ai vertici della gerarchia ucraina è cominciata...

Questo racconto di è stato letto 5 6 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.