In Pizzeria con la Giorgia: Perversioni di una Ninfetta

Scritto da , il 2019-11-18, genere bisex

La Giorgia ritorna a bordo poco prima dell’ora di cena, di ottimo umore.
Le lasciamo giusto il tempo di rinfrescarsi e la trasciniamo di nuovo fuori per una pizza. Mentre aspettiamo l’ordinazione, la subissiamo di domande su come sia andata la sua prima volta da sola con un’altra ragazza.
Lei si guarda intorno imbarazzata: c’è gente al tavolo accanto... Per colpa di Eva, che cenerebbe alle cinque del pomeriggio, mi tocca sempre andare in pizzeria prima delle otto, col forno ancora poco caldo e quindi le pizze vengono bruciacchiate. Infatti sono solo le sette e mezza, ma c’è già un po’ di gente e in effetti la Giorgia ha ragione.
Chiamo il cameriere e gli chiedo se possiamo spostarci nella saletta in fondo, che di solito è vuota a meno che non ci siano tavolate speciali. Il ragazzone (un bel fustaccio, va detto) storce un po’ il naso, ma quando Eva sbatte un po’ le ciglia si ammorbidisce e ci accompagna con i piatti e tutto accendendoci la luce e apparecchiando in fretta un tavolo.
Poco dopo, appena arrivano le birre, la Giorgia comincia a raccontare.

Quando la tosa è scappata in lacrime dai bagni della gelateria, la nostra allieva, allertata da Eva, ha fatto in modo da andarle a sbattere contro all’ingresso: la tettona stava piangendo e non vedeva niente mentre varcava la soglia, e la brunetta ha fatto finta di farsi travolgere dalla sua foga.
La poverina – si chiama Daniela, detta Dani – si è scusata, imbarazzatissima, ma siccome continuava a piangere la Giorgia ha avuto buon gioco a chiederle cosa le fosse successo.
Dani le ha detto singhiozzando che gli uomini sono tutti dei porci bastardi, e la Giorgia si è trovata perfettamente d’accordo con lei... Sono finite sedute allo stesso tavolino, la brunetta ha ordinato dell’acqua per la sua nuova amica, e l’ha lasciata sfogare.
Dani le ha raccontato del ragazzo per cui aveva una cotta da mesi e che finalmente l’aveva invitata ad uscire, per poi lasciarsi sedurre da un puttanone che gli aveva fatto vedere le gambe dallo sgabello... Ed erano finiti in bagno dove lei li aveva sorpresi a scopare!
La Giorgia era inorridita, e le due avevano cominciato a sparlare degli uomini in genere, quando “il puttanone” (io) se n’era uscita tranquillamente dal bagno e se n’era andata via, come se niente fosse...
Tutte e due, sapendo cos’era successo, avevano notato che la donna in minigonna (sempre io) aveva l’interno delle cosce bagnato di sborra fresca.
Io mi sento in dovere di assicurarla che appena a bordo mi sono fatta una lunga doccia, e la Giorgia ridacchia divertita.
- E’ stato un ottimo spunto per dire che non era il caso di avercela con te, ma piuttosto con il bastardo che ti eri appena scopata. In fondo tu ti eri solo proposta, è stato lui a tradire. Quando l’ho detto, lei ha tirato su col caso e mi ha dato ragione: Luca era lo stronzo, tu solo una pazza ninfomane...
Inarco un sopracciglio, ma in fondo la descrizione mi calza abbastanza.
Ormai in confidenza, hanno continuato a criticare l’universo maschile in generale, scambiandosi pure un paio di storielle abbastanza divertenti che sono riuscite anche a far sorridere nuovamente la povera Dani... Insomma: hanno fatto amicizia. Hanno preso un gelato insieme, poi sono uscite a fare una passeggiata.
Siccome stavano bene in compagnia una dell’altra, Dani l’ha invitata ad andare a casa sua a mangiare un boccone, tanto i suoi erano fuori... La Giorgia ha preparato due spaghetti aglio e olio, e la padroncina di casa ha apprezzato moltissimo (pare sia l’unica cosa che la Giorgia sappia cucinare). Poi hanno lavato i piatti e sono andate in camera della Dani, dove hanno ripreso a chiacchierare...
Da cosa nasce cosa...
Qualche complimento reciproco...
Dani che ha un bel sorriso e delle belle tette... Giorgia che ha dei begli occhi e delle splendide gambe... La Giorgia che chiede se può toccare le tette della Dani e lei che glie lo lascia fare... Le due ragazzine che ridacchiano divertite, commentando che in fondo gli uomini non servono a niente... Una carezzina sul viso... Un bacetto innocente a fil di labbra... Carezzina e bacetto combinati... Carezza e bacio un po’ meno innocenti... Le lingue che si sfiorano...
Insomma: la Giorgia si è buttata, e la Dani benché sorpresa, non l’ha respinta.

- L’abbiamo fatto sul suo letto: è stato bellissimo... – ci fa la nostra allieva con orgoglio – L’ho stretta forte mentre la baciavo in bocca tenendole un seno in mano, e quando ho sentito la sua mano dietro la schiena che rispondeva al mio abbraccio, ho capito che era fatta.
Dani ha provato timidamente ad accarezzare le cosce nude della Giorgia, e lei ha risposto fremendo di piacere. Poi le ha sbottonato la camicetta per scoprirle le tette, e la padroncina di casa l’ha lasciata fare...
- Ci siamo spogliate e abbiamo ricominciato a pomiciare sul letto, stavolta mezze nude. Ho smesso di baciarla in bocca e le ho baciato le tette... Le è piaciuto molto; allora le ho detto che volevo baciarla anche lì! Lei ha esitato un momento, ma io le ho strappato via le mutandine, e di nuovo lei mi ha lasciato fare... Mi sono piegata su di lei, e le ho baciato la fica. Poi l’ho leccata.
La Dani ha cominciato a smaniare, e la Giorgia si è scatenata in un connilinguo completo, finché non l’ha fatta godere. Poi è tornata ad abbracciarla e a baciarla in bocca...
- Mi ha detto che non aveva mai goduto tanto in vita sua... Allora le ho promesso che quello era solo l’inizio: le sono andata sopra e l’ho scopata come mi hai insegnato tu, Eva. Fica contro fica... Finché non siamo venute tutte e due!
Eva e io siamo orgogliose come se fosse nostra figlia: la nostra pupilla ha consumato il suo primo rapporto saffico completo con un’altra ragazza appena rimorchiata in un bar...
No, non è finita: dopo l’amore hanno ripreso a chiacchierare. La Giorgia ha chiesto alla Dani se fosse ancora vergine e lei le ha detto di sì...
Comincio a preoccuparmi.
- Le ho chiesto se avesse intenzione di fare qualcosa a riguardo, e lei ha ammesso di aver pensato di darla a Luca, magari dopo un po’ di corteggiamento. Ma adesso naturalmente... Così io le ho domandato se fosse il caso di lasciare la soddisfazione a un maschio, e lei ha scosso la testa. Così le ho chiesto se per caso in frigo avesse una zucchina...
Abbiamo creato un mostro.

Eva crede di aver capito male per via del suo italiano: - Vuoi dire che...
- Sì! Si è lasciata fare con la zucchina, e poi quando si è ripresa ha voluto farlo lei a me. E’ stato molto bello... Poi però ci siamo accorte che era tardi e i suoi stavano per rientrare, così abbiamo rimesso la zucchina in frigo, ci siamo rivestite, abbiamo scambiato un ultimo bacio, e io sono scappata prima che arrivassero i suoi genitori... Ed eccomi qui.
Sono senza parole.
Eva esita un attimo, poi deve togliersi il dubbio che ci attanaglia entrambe: - Almeno l’avete lavata la zucchina, prima di rimetterla in frigo?

***

Arrivano le pizze e ci buttiamo a mangiare a quattro palmenti, ma ormai il danno è fatto: Eva e io siamo infoiate come due rane in amore. Soprattutto Eva, che è l’unica a non aver fatto sesso per tutta la giornata, sta smaniando dalla voglia, e la birra che accompagna la sua margherita non l’aiuta neanche un po’.
Io stuzzico un po’ la Giorgia, accarezzandole una coscia nuda con la mia, chiedendole se ora che ha assaggiato la carne tenera di una coetanea avrà ancora voglia di farlo con una tardona come me...
- Pat, che schifo! – fa l’impertinente con una smorfia buffa – Ti sei appena fatta venire dentro da un uomo...
- Senti – le faccio – Lo sai che anch’io preferisco le donne, ma devi capire che anche gli uomini non mi fanno affatto schifo. Anzi, sai cosa ti dico? Dovresti provare anche tu, prima di disprezzare...
Lei storce il naso: - Non se ne parla. Sono antipatici, pelosi, e puzzano.
In effetti...
- Giorgia, al contrario di te e Pat, io in generale preferisco gli uomini – interviene Eva, dimenandosi sulla sedia di fronte alla nostra panca come una gatta in fregola – E’ vero che di solito sono meno delicati delle ragazze, ma non sono tutti così male... L’importante è saper scegliere. Questo, in quanto al sesso, intendo... Poi, l’amore è un’altra cosa.
Per un attimo temo che le propini un’altra volta la teoria di Kinsey sulla sessualità graduata da 0 a 6, ma per fortuna si trattiene; mi viene il dubbio che sia già un po’ alticcia, se no non lo farebbe.
- Secondo me, bisogna saper prendere il meglio dei due mondi, godendo al massimo di entrambi; e poi, saper scegliere la persona giusta con cui viverli. Io ho fatto così!
Che cara... La bacerei, se non fosse dall’altra parte della tavola. Anzi, me la farei proprio sulla tavola, se non ci fossero ancora le pizze.

La Giorgia è poco convinta.
- Allora aspetta: ti faccio vedere... – fa ancora Eva, voltandosi e alzando il boccale di birra da 0.5 vuoto – Cameriere!
Il ragazzone di prima arriva quasi di corsa, tutto contento di servire tre ragazze carine e non troppo vestite nella saletta riservata.
- Un’altra birra alla spina, per piacere – gli fa, con voce un filino rotta – Ma prima...
Eva appoggia il boccale sul tavolo prima che il ragazzo lo possa prendere, poi allunga la mano e la piazza dritta sulla patta dei pantaloni del poveraccio.
- ...Prima, fammi vedere cosa nascondi qui dentro, bricconcello!
Il giovanotto resta basito.
Probabilmente in condizioni normali si defilerebbe con una battuta imbarazzata, ma la mano di una come Eva sull’uccello non è una situazione normale.
- Ma cosa fa...? Se ci vede il principale...
- Hmmm... Vorrà dire che a lui ci penserà la mia amica – gli fa la troia, potenzialmente rifilando già a me il vecchiaccio rancido – Non vorrai farmi credere di non aver fatto un pensierino sconcio quando mi ha vista entrare... O magari sei di quelli cui le donne non piacciono?
Questa funziona sempre.
- No! – fa infatti deciso il cameriere – Io... Certo che mi piacciono. E’ che dovrei lavorare...
- Bravo – gli fa lei tirando fuori il portafogli e piazzando cento euro sul tavolo – Lavora. Soddisfa le tue clienti...
Eva che tira fuori cento euro così? Adesso so per certo che è ubriaca.
Intanto però glie lo ha già tirato fuori e lo sta segando decisa. Un bel cazzo, non c’è che dire: migliore di quello che mi sono fatta io poche ore prima... Eva è sempre fortunata.
Accanto a me, la Giorgia osserva intenta. Ormai ha imparato a prendere sul serio i nostri insegnamenti, anche se all’inizio le sembrano poco opportuni.
Immagino non si sia accorta che la mia poco costumata compagna sia decisamente brilla.
La verga nelle mani esperte di Eva diventa rapidamente dura, e la sega prende velocità. Poi la bionda si piega in avanti e avviluppa l’asta con la lingua, strappando un sospiro al tipo, che si accosta al tavolo e si concede definitivamente alla cupidigia sessuale della cliente.
Eva esegue un pompino da vera artista: sega il membro con una mano, stimola i testicoli con l’altra, vellica il tutto con una lingua larga e avvolgente, insalivando progressivamente i genitali del maschio per poi serrare le labbra alla base del glande e succhiarlo con gusto.
- Oohhh! – rantola il ragazzone, deliziato – Sei bravissima...
Eva lo sa, ma adora sentirselo dire. Per premio, ingoia la verga nodosa fino a cacciarsi la cappella giù per l’esofago, sgolinando rumorosamente mentre il giovane le accarezza i capelli biondissimi.

La Giorgia non perde un movimento, affascinata.
Le passo un braccio intorno alle spalle, e con l’altra mano comincio ad accarezzarle una coscia... Lo spettacolo mi sta mandando su di giri, e intuisco che lo stesso valga anche per la ragazzina.
- E’ bellissima... – ansima la Giorgia, come ipnotizzata dallo spettacolo osceno cui sta assistendo – Bellissima e bravissima...
Le servo la lingua dentro l’orecchio, facendola fremere: - Hai ragione tesoro, Eva è bellissima, e anche molto, molto brava... Ma sei splendida anche tu...
La mia mano risale lungo la coscia affusolata e nervosa della brunetta, fino a trovare la residua tela jeans degli shorts all’altezza dell’inguine. Solo allora mi rendo conto che Giorgia se li è sbottonati, e ha una mano dentro che si muove su e giù mentre assiste al succoso pompino di Eva.
La zoccoletta si sta masturbando mentre io la pomicio spudoratamente...
Sento l’altra mano della ragazzina che si appoggia alla mia gamba nuda e comincia a muoversi nervosamente in risposta alle mie carezze.
La bacio sul collo, e lei ha un sussulto; gira il capo e mi offre la lingua da succhiare, mentre la sua mano malandrina si infila rapinosamente sotto la mia minigonna.
- Non hai rimesso le mutandine... – mi sussurra eccitata.
- Non le metto quasi mai – le confido – Specialmente la sera, se esco con una che mi piace...
Sospira, e mi bacia a bocca aperta: un bacio torrido, sensuale, osceno.
Troppo breve però: Giorgia torna a guardare Eva che ciuccia il cazzo del cameriere, mentre con una mano si masturba e con l’altra ravana sotto la mia gonna di ecopelle.
Il maschio geme lamentosamente sotto l’aggressiva fellatio di Eva.
La bionda stacca la bocca dall’uccellone e guarda lasciva in direzione di Giorgia: - Sicura di non voler provare?
Giorgia non risponde; però accelera il movimento di entrambe le mani, e io ho uno scatto sentendo le sue dita slabbrarmi la fica e infilarsi dentro di me.
- Hai ragione – fa ancora Eva, sinuosa come un serpente mentre lecca il cazzo – Forse sei troppo piccola per questo... E’ normale che ti faccia un po’ paura.
Le dita di Giorgia s’irrigidiscono dentro la mia passera, facendomi sussultare.
Poi la ragazzina scatta in piedi come punta da uno spillo: Eva l’ha colpita nell’amor proprio.
Un po’ seccata per essere stata abbandonata così all’improvviso, ma anche eccitata di vedere la mia pupilla infrangere un altro tabù, la guardo accostarsi alla sedia di Eva con gli occhi brillanti e una mano ancora dentro gli shorts sbottonati.
Eva le porge amorevolmente il cazzo, e la Giorgia lo prende in mano senza il disgusto che aveva proclamato di provare. Lo saggia con curiosità, prova a segarlo un po’, poi dopo una breve esitazione lo prende anche in bocca.
- Oohhh! – guaisce il ragazzo – Che bocca calda che hai...
Sfido, penso stizzita, glie l’ho scaldata io!
Eva le sussurra qualcosa all’orecchio, immagino siano istruzioni su come spompinare, e la Giorgia comincia lentamente a succhiare il cazzo che ha in bocca.
Beh, chi l’avrebbe mai detto: da lesbica impenitente a ciucciacazzi in una sola serata!
Eva aveva ragione. Alla sua età, Giorgia non può ancora essere del tutto sicura della sua sessualità: a questo punto, il suo è un mondo ancora tutto da esplorare.

La Giorgia spompina alacremente il ragazzo, che le accarezza i folti capelli neri mentre si gode le ministrazioni orali della ninfetta.
Mi alzo in piedi e raggiungo Eva accanto alla coppietta; le passo un braccio intorno alle spalle, e lei mi sfiora le labbra con un bacio che sa di maschio...
- Oohhh! Oohhh! Vengo...
Il ragazzo getta la testa all’indietro e gode in gola alla Giorgia.
La ragazzina è al suo primo pompino, e non ha idea di come ingoiare: si strozza, tossisce, un primo rivolo di sborra le cola dall’angolo della bocca e giù dal mento... Probabilmente ingoia anche qualcosa, ma poi fa un salto indietro tossendo e sputa tutto per terra mentre il resto della venuta le scivola addosso imbrattandole le maglietta sul seno e sullo stomaco.
Eva la abbraccia complimentandosi: - Bel lavoro, piccola... Complimenti!
Io non ci sto a vedere tutto quel ben di dio sprecato così sul pavimento, e mi precipito a prendere in bocca il cazzone ancora durissimo, per succhiarne il succo rimanente ed evitare che vada perduto così stupidamente.
Hmmm... E’ davvero un buon cazzo! Bevo la sborra residua, gustandone il sapore di maschio.
Lo spettacolo di Eva e Giulia che si limonano davanti a lui mentre io gli succhio l’uccello deve essere particolarmente eccitante, perché il valoroso giovanotto non si ammoscia neanche un po’. Continuo a succhiarlo, e lui si riprende rapidamente.
- Pel lavoro, Pat – mi fa Eva, tutta contenta nel vedere la verga del cameriere più tosta che mai – Adesso però tocca di nuovo a me...
Velocemente sposta i piatti sul tavolo, poi si libera velocemente die jeans e si stende di schiena sul piano, spalancando le gambe offrendo la sua splendida fica palpitante e vogliosa.
Lo spettacolo è irresistibile: lascio andare il cazzo dalla bocca trattenendolo ancora con la mano, e passo la lingua di piatto sulla patacca fradicia della mia ragazza, che emette un lungo gemito di piacere.
Poi accosto il membro alla vagina, e il ragazzone penetra agevolmente la mia ragazza, inchiodandola al tavolo.
- Aah! – Grida Eva – Aah! Aahhh!
Lui le afferra le caviglie e comincia a chiavarla con forza.

La Giorgia mi viene vicino per assistere meglio alla copula in atto: Eva e il cameriere si stanno esibendo in una missionaria da tavolo di quelle che non si dimenticano. Lei si tiene al bordo della tavola, vicino ai fianchi, e lui la trivella stando in piedi e tenendole le gambe spalancate per le caviglie.
I gemiti di Eva, l’ansimare del suo maschio improvvisato e il rumore delle zampe del tavolo che raschiano il pavimento riempiono la saletta... Speriamo che nessuno ci senta dalla sala principale.
Giulia mi si strofina contro vogliosa. Mi abbasso verso di lei, e mi vedo offrire una lingua ancora sporca di sborra.
Ci baciamo, scambiandoci da una bocca all’altra lo sperma del giovanotto che si sta allegramente fottendo Eva davanti a noi: sarà una cosa lunga, visto che gli abbiamo prosciugato le palle.
- Allora, cosa te ne sembra del cazzo? – faccio alla mia pupilla dopo aver fatto lingua in bocca per un po’.
Lei schiocca la lingua ormai pulita, fa una smorfia e poi ammette: - Non so, non è poi così male... Però sono sicura di preferire di gran lunga le ragazze.
- Ve benissimo così – le faccio con un sorriso – L’importante è essere consapevoli del nostro corpo e delle sue esigenze, e non disprezzare quelli con gusti o esigenze diverse dalle nostre. Se preferisci le donne, non per questo devi schifare gli uomini... O viceversa!
- Hmmm... Sì, forse. Magari ci sono anche dei ragazzi che fanno meno schifo degli altri...
Simpatica diavoletta.

Intanto Eva e il suo maschione sono arrivati al dunque: lei grida, lui rantola, e il loro rapporto si consuma in un orgasmo simultaneo che mette a dura prova i testicoli del poveraccio.
Come il pene fuoriesce dalla vagina spatasciata di Eva, Giorgia e io ci tuffiamo insieme per andare a gustare la torta alla crema fumante che il cameriere ha appena servito nella fica della sua esigentissima cliente...
Eh già: ora che la Giorgia ha consumato la sua prima fellatio, lo sperma non le fa più tanto schifo e una fica farcita di sborra calda la attrae quasi quanto attira me.
Mentre noi ci contendiamo a colpi di lingua quella succulenta fica fradicia e il cameriere si tira faticosamente su le braghe per tornare al lavoro, sentiamo Eva che gli grida dietro: - Ehi, non dimenticare la mia birra alla spina!

Questo racconto di è stato letto 6 5 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.