A Spasso con la Giorgia: Lezione peripatetica di Seduzione

Scritto da , il 2019-11-17, genere esibizionismo

Mi sveglio sul fianco come al solito, ma questa volta non sto stringendo a cucchiaio Eva, come mi capita di solito; ho la Giorgia davanti a me, che dorme ancora come un angelo, ma che nel sonno mi ha infilato una mano fra le cosce e tiene il viso a pochi centimetri dal mio, così che respiriamo una il fiato dell’altra. Lei è incucchiaiata da Eva, che dorme anche lei, ma le tiene un seno in una mano.
Hmmm... Che bel risveglio.
Inalo il fiato profumato della ragazzina, e assaporo il contatto della sua mano fra le gambe.
Poi non so resistere, e le accarezzo il viso scostandole i capelli neri dalla fronte.
Lei apre un occhio verdissimo e sorride, contenta.
- Ciao, Pat.
Sorrido anch’io: - Ssst... Eva dorme ancora.
- Lo so – sussurra – Sento il suo respiro sul collo. Vediamo se riusciamo a non disturbarla...
Non faccio in tempo a chiedermi cosa intenda dire: la sua mano birichina comincia a muoversi piano fra le mie cosce, e i miei capezzoli si rizzano all’improvviso.
Lei mi appoggia le labbra sulla bocca per farsi baciare, e intanto comincia a masturbarmi lentamente...
- Hmmm...
Le nostre lingue si avviluppano umide, e i miei sensi sono già accesi di desiderio. Faccio scivolare la mano dal viso lungo il collo e poi sulla spalla e sul fianco, sullo stomaco asciutto, fino a intrufolare le dita nella sua peluria folta e nera...
- Sì, masturbami... – sussurra lei fremendo al contatto – Mentre io lo faccio a te...
Ho una voglia di lei che mi sembra di impazzire. Apro le cosce per concederle pieno accesso alle mie intimità, e lei cerca di fare lo stesso.
Giochiamo una con il clito dell’altra, e lei si inzuppa in pochi minuti permettendomi di aprirle le valve bollenti.
Giorgia non sa che io non sono clitoridea, e si accanisce sul mio bottoncino; non che mi dispiaccia, ma non mi manda in orbita come succede a lei.

Dopo un po’ mi accorgo che è già in direttrice di arrivo e rallento: - Aspetta, non così.
La aiuto a districarsi dall’abbraccio della bella addormentata, poi mi sdraio sulla schiena e allargo le gambe: - Vienimi sopra... Scopami!
Visto che è così decisa a controllare lei la situazione, perché non incoraggiare il suo lato dominante?
- Ma, come...
- Appoggia la fica sulla mia: sfregala fino a farmi gridare!
Il suo sguardo s’illumina nel capire cosa intendo. Mi sale sopra come farebbe un maschio, e reggendosi sulle braccia tese accosta il pube al mio, facendo intrecciare il suo boschetto nerissimo al mio pelo biondo, e sussulta quando i nostri bottoncini si baciano per la prima volta.
- Oohhh... Bellissimo!
- Adesso muoviti lentamente, e prendi il ritmo.
E’ un’allieva volenterosa: comincia a muoversi come le ho detto, facendo frizionare le nostre
passere una contro l’altra. Delizioso...
Ci prende gusto in fretta, la piccola lesbica in erba: accelera rapidamente il movimento coitale, e nel contempo aumenta la pressione.
- Mmh! Mmh! Ooh... Oohhh!
Il suo grosso clitoride scivola fra le mie grandi labbra, come fosse un piccolo cazzo.
Sussulto alla penetrazione, e anche lei annaspa sorpresa: per lei la violenza del piacere si attenua, mentre per me aumenta un po’... Non può certo arrivarmi al punto G, però è pur sempre una penetrazione: mi piace un casino...
- Aah! Aah! Aahhh...
- Hmmm... Sì! Sì...

Mi sta scopando: vedo il suo viso stravolto dallo sforzo e dal piacere a pochi centimetri dal mio. Peccato che io sia troppo alta per lei: non arriva a baciarmi.
- Oohhh! – però arriva benissimo a succhiarmi i capezzoloni gonfi di libidine.
Ci siamo ripromesse di non fare casino, ma ben presto la passione abbatte i nostri buoni propositi: i colpi di Giorgia scuotono il lettone, e i nostri gemiti si trasformano in vere e proprie grida di piacere.
Eva apre gli occhi; si accorge di cosa sta succedendo, sorride contenta e si solleva sul gomito per assistere meglio al fottisterio.
La Giorgia comincia a prendermi le misure: ora riesce a penetrarmi, poi si solleva e porta il clito a contatto con il mio con un solo movimento continuo, per poi tornare a spingermi dentro e sollevarsi ancora...
Atletica, la ragazzina. Atletica e fantasiosa... Una miscela esplosiva, specie alla sua età.
- Oh Pat... Ci sono quasi – annaspa, tendendosi tutta – Sì! Ti sborro... Ti sborro... Oohhh!
Mi viene addosso, intensamente.
Io sussulto, e ho un mini-climax: più per simpatia che altro, ma è bellissimo comunque.
Giorgia mi si abbatte addosso, sudata e tremante. Eva ci abbraccia entrambe: trova la mia bocca e mi bacia, mentre le sue mani accarezzano il corpo palpitante della Giorgia, che cerca di recuperare il fiato dopo l’orgasmo.
- Buongiorno ragazze – ridacchia Eva, strofinandosi nuda contro di noi – Ma voi non avete fame? Io sto impazzendo dalla voglia di un croissant!

***

Mangiamo come lupacchiotte affamate, con la Roby che si affanna a servirci caffè e succhi di frutta.
Mentre divoriamo la colazione, discutiamo della prossima esperienza della Giorgia.
Lei ha le idee chiare: - Eva, prestami lo strapon! Ora che sono aperta voglio provarlo io su di te...
Mi sembra giusto.
Torniamo a letto, e mentre Eva si passa il lubrificante sulla passera, io aiuto la Giorgia ad indossare la protesi: lei freme inserendosi il dildo interno, poi mentre io le aggancio le cinghie sospira di piacere dopo esserselo assestato dentro.
Eva si offre da dietro, a quattro zampe sul letto: - Avanti, fottimi come una cagna!
Lo spettacolo del culetto di Eva che ondeggia inviante fa brillare gli occhi della giovane lesbica, che si sistema sulle ginocchia dietro la ragazza più grande: io la aiuto ad appuntare la punta del membro di gomma alla fica slabbrata di Eva, e lei spinge dentro goffamente ma con decisione.
Eva strilla di piacere; Giorgia quasi perde l’equilibrio, poi però recupera, si assesta sulle ginocchia, afferra la bionda per le anche e comincia a scoparla facendo scorrere il dildo avanti e indietro nella sua vagina sbrodolante.
Io mi mordo le labbra, ingrifata; la mia mano corre alla fica e mi tocco i capezzoli con l’altra mentre assisto a quella torrida pecorina saffica... Cazzo, ho una voglia tremenda di essere fottuta anch’io.
Ma non voglio perdermi l’addestramento saffico della Giorgia.
Brunetta e biondona fottono davanti a me, ansimando pesantemente, mentre i seni di Eva ondeggiano sotto di lei al ritmo dei colpi che la Giorgia le infligge nella fica.
Poi le due ragazze godono quasi all’unisono, con due grida strozzate che mi procurano un brivido mentre continuo ad accarezzare le mie intimità cercando sollievo alla mia foia.

- Adesso che sai come soddisfare una donna, viene la parte più difficile – le dico, offrendo da bere a entrambe mentre si tirano a sedere sul lettone dopo essersi riprese.
- Sarebbe? – mi fa lei, interessata da brava allieva diligente.
- Saperlo fare non serve a molto, se non hai con chi farlo. Quindi ora devi imparare come sedurre una donna...
Non voglio sentire ragioni: Eva si è fatta scopare; così adesso tocca a me istruire la ninfetta. Se vuole, può venire anche lei, ma ora il gioco lo conduco io.
- Cosa vuoi fare?
- Andiamo a fare un giro in città... Ma prima dobbiamo equipaggiarci per la caccia.
Giorgia aggrotta la fronte: - Cosa vuol dire, equipaggiarci per la caccia?
Ammicco: - Vestirci sexy, ma non troppo...
- Non ho niente di sexy con me – protesta lei – Non mi piace fare la smorfiosa...
Mi faccio mostrare le sue cose... Cazzo, è proprio una lesbica di quelle radicali: niente trucco, niente gonne, niente tacchi... Solo un paio di jeans stinti a vita bassa e qualche maglietta con battute scherzose stampate.
Arriccio il naso guardando i jeans a zampa d’elefante; poi li tiro a Eva.
- Pensaci tu – le faccio, con un sospiro – Io penso alle magliette.
Eva afferra i jeans e se li porta nel quadrato sotto lo sguardo perplesso della Giorgia, mentre io passo in rassegna le magliette.
Ne scelgo una piuttosto blusante con la scritta “What the f**k are you looking at?” e le dico di indossarla.
Poi torna Eva, con i jeans brutalmente sforbiciati a colpi di forbice in modo da ricavarne degli shorts sfrangiati e cortissimi.
Giorgia li guarda inorridita: - Ma che cazzo vi siete messe in testa? Io non vado in giro vestita come una zoccola!
Sbuffo: - Senti, tu hai delle gambe splendide: se vuoi andare a caccia, non è il caso di tenerle nascoste. Per rimorchiare devi usare tutto quello che hai. Altrimenti restatene a casa e fattela a mano.
Lei mi guarda un po’ schifata: - Ma io non voglio mica rimorchiare dei maschi: a me interessano solo le ragazze...
- Perché, credi che alle ragazze non interessi la merce? Non fare la santerellina: ho visto come mi guardi il culo, e come guardi le tette di Eva... Un bel visino non basta, né con i maschi né con le femmine.
- Ma...
- Si chiama sex-appeal. Un misto di personalità, atteggiamento, profumo... E apparenza. Puoi fare finta che non sia così se vuoi, ma andrai in bianco quasi sempre.
Lei sospira, rassegnata; poi afferra gli hot pants e li infila senza convinzione.
- Quanto hai di piede?
- Trentasei.
Sì, figuriamoci. Io ho il quaranta...
- Io dovrei avere ancora qualcosa di qualche anno fa – fa Eva, pensosa – Aspetta un momento...
Torna poco dopo con dei sandali di quando ci eravamo appena conosciute, e lei stava ancora con il vecchio proprietario della Serenissima.
Il primo paio ha i tacchi alti, e la Giorgia proprio non sa portarli... Il secondo sono delle zeppe da sei: non troppo sexy, ma almeno la alzano un po’, le slanciano ulteriormente le gambe e soprattutto la fanno sembrare meno ragazzina.
Poi Eva la aiuta a mettersi un filo di trucco per farla sembrare più adulta... Le sopracciglia folte e i lineamenti marcati aiutano.
Le faccio mettere la maglietta, poi le dico di provare a camminare: non è abituata alle zeppe, e deve allenarsi un po’.
- Okay, può andare.
Io ho infilato la mini di ecopelle, la canotta color pesca e gli stivali neri. Con gli occhiali da sole, la borsetta a tracolla e il giubbotto sottobraccio sono pronta per il safari.
- Pat! – fa la ninfetta guardandomi – Ma tu sei... Sei...
- Una baldracca? – suggerisco con una smorfia.
Lei scuote la testa: - Sei uno schianto!
Sbuffo di nuovo: - Lo vedi? Anche alle ragazze piace vedere qualcosa di glamour... Starà a te scegliere lo stile, ma se giri vestita da lesbica militante, non combinerai altro che farti riconoscere come tale.
Lei sospira: - Okay Pat.
Saliamo in coperta; appena la vedo sul ponte prendo un bicchiere d’acqua e glie lo rovescio addosso, inzuppandole la maglietta.
- Ehi, ma che fai? – sobbalza la ragazzina – Pat, non ho niente sotto... Adesso si vedrà tutto!
In effetti l’effetto “maglietta bagnata” lascia vedere perfettamente i capezzoli scuri attraverso il cotone bianco inzuppato. Com’è appetitosa...
- C’è il sole: ti si asciugherà addosso in pochi minuti, ma almeno sarà aderente e lascerà vedere che sei fatta bene.
E’ fatta bene davvero: ha due gambe lunghissime e nervose, che potrebbero quasi rivaleggiare con quelle di Eva; un culetto alto e sodo che sembra il mio vent’anni fa, un vitino da vespa e due tettine piccole ma alte e appuntite che stuzzicano l’appetito... Spalle snelle, pelle chiara da crucca, capelli nerissimi e arruffati: se sorridesse un po’ di più, si noterebbe che ha anche un bel faccino dall’aria scontrosa e pieno di fascino.
Ci incamminiamo lungo il molo; Eva dovrebbe fare da spettatrice, ma anche senza fare niente per esaltare il suo corpo, è sempre la più fica: jeans attillati, stivali texani e camicetta denim annodata alla vita con sotto un toppino bianco, e i capelli sciolti sulle spalle... Da stupro.

***

Andiamo a passeggiare sul lungomare.
Ancora non so esattamente cosa fare, ma mi verrà in mente qualcosa... So solo che ho una voglia tremenda addosso, e voglio sfogarla facendo imparare qualcosa alla Giorgia. Il mare è pieno di pesci, e sicuramente qualcosa abboccherà di commestibile per tutte e due!
Hmmm... Non è ancora stagione estiva, e qui al Lido ci sono quasi solo i residenti. Il tempo però è bello, e la tarda mattinata invita ad andare un po’ a passeggio.
C’è diversa gente a spasso sul lungomare, e anche i locali del lungomare sono finalmente aperti quasi tutti. Osservo compiaciuta che la gente ci guarda mentre passiamo, e mi piace pensare che non guardino solo Eva, anche se sono fiera della mia ragazza... So di offrire anch’io qualcosa di attraente da guardare, e la Giorgia è un bocconcino niente male neppure lei ora che l’abbiamo rimaneggiata un po’...
Naturalmente gli occhi che ci spogliano sono quasi esclusivamente maschili. Noto un paio di occhiatacce da parte di mogli invidiose, e anche uno sguardo di discreta ammirazione da parte di una sessantenne che probabilmente ha i nostri stessi gusti... Ma il mio bersaglio non è necessariamente una seguace di Saffo: se voglio insegnare alla sorellina di Giulia come sedurre una donna, non posso fare affidamento sulle femmine gay.
Ho bisogno di un’adepta potenziale, non di una seguace conclamata del culto di Lesbo.
Non è facile, neppure con la mia esperienza; ma d’altra parte, se è facile che gusto c’è?
Scannerizzo con calma il lungomare da dietro i miei occhiali da sole mentre passeggiamo con calma, godendoci gli sguardi spermatici dei maschi che ci guatano avidamente. Non ho tempo per loro: quando avrò trovato la candidata adatta a Giorgia penserò anche a loro, e mi toglierò la voglia di cazzo che ormai mi rode da almeno ventiquattr’ore...
ECCO!
Il mio istinto da predatrice mi ha fatto gettare lo sguardo attraverso la vetrata di un bar, e ho individuato una coppietta interessante.
LUI: massimo diciott’anni, classico liceale ripetente e sciupafemmine, mega-sicuro di sé, belloccio, fisicamente maturo e mentalmente ritardato... Il tipo per cui le ragazzine impazziscono.
LEI: ragazzina chiaramente impazzita per lo sciupafemmine mentalmente ritardato, alle prime esperienze sentimentali, probabilmente illibata e con la fichetta in fiamme. Più grande di Giorgia, ma compatibile... Sicuramente attraente.
La indico alla mia allieva con la coda dell’occhio: - Ti piace?
Lei la osserva con discrezione, poi annuisce convinta: - Certo! Ma avrà almeno tre anni più di me...
- Io ne ho quasi trenta più di te, e non mi sembra sia stato un problema, questa notte.
Lei ci pensa un attimo, poi si rilassa: - Hai ragione... Non credo neanche che sia molto più alta di me. Cosa devo fare?
Ci penso un istante, poi sorrido a Eva: - Voi aspettate qui, che io ti preparo la strada. Quando lei rimane sola e la vedi triste, tu vai a consolarla. Eva ti darà il via, okay?
La mia ragazza era un po’ perplessa, ma quando se strizzo l’occhio afferra al volo la mia idea e sorride divertita: - Okay Pat... Giorgia, perché non ci prendiamo un gelato e ci sediamo sul muretto? Penso ci vorrà un po’...
- Prendetelo piccolo, il gelato – sogghigno io – Non ci vorrà poi molto...

Entro da sola e vado al banco a ordinare un Crodino: è credibile a tarda mattina, e poi ho sete e un aperitivo rinfresca l’alito.
Mentre bevo seduta al bancone, Eva e Giorgia entrano, prendono due gelati ed escono di nuovo, andandosi a piazzare sul muretto di fronte in modo da tenere d’occhio la vetrata.
La coppietta è a un tavolino vicino alla vetrata stessa: hanno finito le coppe di gelato, e stanno chiacchierando... Lei è presissima, ma chiaramente arroccata; lui la incalza con chiara impazienza giovanile.
Decido che quello è il loro primo appuntamento: lui l’ha scelta fra un gruppetto di candidate e ha deciso di spupazzarsela... Lei dev’essere cotta da mesi ed è sicura di essere quella che gli farà mettere la testa a posto, ma non vuole cedergli troppo facilmente.
La storia più vecchia del mondo...
Mi sono seduta in modo da essere alle spalle di lei e in bella vista per lui. Catturo un istante il suo sguardo e lo ignoro... Però accavallo le gambe in modo da metterle bene in mostra.
Lui le nota e si ferma un istante ad ammirarle prima di tornare a concentrarsi sulla sua opera di gaglioffa seduzione.
Bene, ho la sua attenzione.
Sorseggio un altro po’ di bibita arancione, poi torno a guardare verso di lui; scavallo e riaccavallo le gambe, assicurandomi che per un attimo possa vedermi le mutandine.
Sì, le ha viste: si è imbambolato per un momento... A quarant’anni suonati riesco ancora a catturare le voglie di un maschietto adolescente, anche se sta con una tosetta della sua età: bene.
Questa volta incontro il suo sguardo, e gli faccio l’occhiolino.
Perdi tempo, amico mio... Quella non ci sta: non l’hai ancora capito?
Mi lecco brevemente le labbra, poi distolgo lo sguardo tornando al mio Crodino.
La tosa si è accorta che lui è distratto: lo prende per il gomito, poi gira la testa e si accorge di me... Oh, oh! Si è incazzata... Svegliati, ragazzina: questo ti vuole scopare. Se non hai intenzione di dargliela, andrà a cercarsela altrove!
La lascio calmare un momento, poi torno a scavallare le gambe e sorrido al ragazzotto, che distoglie di nuovo lo sguardo, ma solo per un attimo per non irritare di nuovo la tosa.
Appoggio rumorosamente il bicchiere sul bancone, poi scivolo dallo sgabello esibendo di nuovo le gambe (ma con classe, eh!), e mi avvio al bagno facendo picchiare i tacchi degli stivali sul pavimento di marmo.
In bagno mi sfilo velocemente le mutandine e le metto nella borsetta; poi mi passo un dito di profumo sul collo, mi ravvio i capelli e torno in sala a sedermi sullo stesso sgabello di prima.
Pago l’aperitivo, poi mi volto di nuovo a guardare la coppietta... Lui mi ha seguita con la coda dell’occhio, mentre lei mi ha fulminata con uno sguardo assassino che ho ignorato con la stessa indifferenza con cui una pantera ignora un micio.
Lei è irritata dalle mie manovre, mentre il giovane portatore di cazzo non sa più dove guardare.
Decido di dargli un incentivo e accavallo di nuovo le gambe verso di lui, questa volta aprendole anche un po’ e assicurandomi di offrirgli un’anteprima del mio pelo biondo.
Lui sgrana gli occhi e quasi si strozza.
Lei se ne accorge benissimo; gira la testa e mi vede mentre richiudo le gambe guardando tranquillamente verso il mare. Diventa paonazza e gli dice qualcosa stizzita.
Lui scuote la testa, si giustifica... Patetico.
Sospiro, mi aggiusto il giubbotto e la tracolla, e mi alzo in piedi. Lo guardo, gli faccio di nuovo l’occhiolino e questa volta mi lecco anche significativamente le labbra, poi mi avvio di nuovo ancheggiando verso il bagno.
Lui deglutisce a vuoto guardandomi sparire alle sue spalle, e lei gli scarica un’altra serie di improperi che mi sfuggono mentre mi chiudo la porta della toilette alle spalle.
Poi mi appoggio con le spalle alla parete, e aspetto.

Non si fa attendere a lungo.
Il marpione spalanca la porta con irruenza ed entra con passo deciso, cercandomi con lo sguardo allupato.
- Ce ne hai messo di tempo – gli faccio – Stavo quasi per andarmene...
Ho il giubbotto con una spalla su e una giù, la borsetta a tracolla e un ginocchio sollevato col tacco dello stivale sul muro, in modo da mettere di nuovo le gambe in mostra; pazienza se ho l’aria di una puttana: tanto lo sono davvero...
Il giovinastro mi spoglia con gli occhi, poi si avvicina avido e sicuro di sé.
- L’ho capito subito che sei una gran porca – mi fa mettendomi le mani sui fianchi – Mi hai fatto impazzire...
Io gli metto una mano sul culo e l’altra dietro alla testa e lo attiro a me: tanto siamo alti uguale.
- Stai zitto e baciami!
Lui esita un istante: chiaramente è meno esperto di quanto pretenda di essere, così ci penso io a cacciargli la lingua in bocca. Ha addosso un’acqua di colonia scadente, e il suo fiato non è dei migliori, ma pazienza: ho indossato i miei panni da puttana, e il mio compenso sarà la lezione impartita alla Giorgia... Magari accompagnata da un orgasmo decente.
Lui si stacca un momento, e mi guarda un istante in faccia come per pregustare il mio corpo.
- Sei sposata? – mi fa, stupidamente.
Gli piazzo una mano sulla patta per saggiare lo stato della sua erezione.
- Ti ho detto di stare zitto! – gli ringhio un po’ incazzata
- Mi eccita di più se sei sposata – fa lui, ancora più stupidamente di prima.
Lo respingo seccata, e lui mi guarda sorpreso da come me lo sono scrollato di dosso facilmente.
- Senti bamboccio, mettiamo una cosa in chiaro: di te, a me interessa solo il cazzo. La tua conversazione brillante riservala alla troietta che hai lasciato in sala, ammesso che ci sia ancora quando avremo finito.
- Ma io...
- Piantala! – lo afferro per i capelli e per il cazzo e me lo tiro addosso per baciarlo di nuovo mentre comincio a tirargli fuori l’uccello che sento già bello duro nella sua prigione di tela jeans.
Sapete bene che io non sono molto interessata ai ragazzi giovani: mi piacciono le ragazzine acerbe, ma i maschi di solito li preferisco maturi. In questo caso lo sto facendo per liberare il campo per la Giorgia.
...E anche perché sono ingrifata di brutto, lo ammetto. La situazione è intrigante di sé: farlo così, come bestie, nei bagli di un bar...

Baciare, sa baciare: va detto. Per il resto, è un po’ goffo, ma ci mette entusiasmo quindi non lo caccio via: il suo cazzo mi serve se voglio un orgasmo come si deve.
Il gaglioffo mi infila una mano fra le gambe, sollevandomi la minigonna sul davanti e cacciandomi le dita nella fica con la grazia di un ippopotamo. Per fortuna sono già bagnata come una troia.
Continuiamo a fare lingua in bocca mentre lui comincia goffamente a masturbarmi e io finisco di tirargli fuori l’uccello per cominciare a segarlo.
Lui mi spreme una tetta con la mano libera, schiacciandomi con la schiena contro il muro mentre mi bacia a bocca aperta ansimando come un mantice.
Ha il cazzo già duro, e io sono fradicia.
Mi rivolto con la faccia al muro e spingo il culo in fuori, girando appena la testa: - Forza, dammelo da dietro! Sbrigati, che ho voglia...
Lui non se lo fa ripetere: mi solleva la minigonna sulla schiena scoprendomi le chiappe, me le apre un momento, poi accosta il cazzo alla fica guazza e lo spinge dentro senza troppi complimenti.
- Aahhh! – faccio io, sentendomi finalmente farcita – Sì, spingi... Più forte!
E’ da un pezzo che non mi faccio una sveltina in un bagno pubblico... E’ eccitante da pazzi: devo ricordarmi di farlo più spesso... Mi appoggio con le mani alla parete, allargo le gambe piantandomi con i tacchi degli stivali sul pavimento e rinculo con forza per ricevere più a fondo le guzzate del maschione, e lui mi agguanta per i fianchi fasciati di ecopelle per fottermi meglio.
- Aah! Aah! Aah! – gemo io, eccitata come una cagna.
- Ungh! Ungh! – grugnisce lui, arrapato come un maiale.
A ogni colpo mi manda a sbattere contro il muro, e io cerco di attutire l’urto con le mani; ormai mi ha mandata con la faccia contro la parete, e ho paura che i tonfi si possano sentire in sala...

La porta si spalanca di colpo e la tosa fa irruzione nell’antibagno.
E’ piccolina, formosetta, con un bel faccino e due tette che ne fanno dodici delle mie. Sembrerebbe un tipino dolce, ma in questo momento ha l’aria davvero inferocita.
Beh, come darle torto? Ha colto il suo ragazzo con l’uccello a mollo nella passera di un puttanone quarantenne: sarei incazzata anch’io, se non fosse che il puttanone sono io.
- Luca! – strilla – Ma che cazzo fai?
Lui si ferma di botto, con il membro premuto contro la mia cervice: - Dani... Non è come sembra. Io...
- Sei un maiale! – esplode lei, scoppiando in lacrime – Un porco, un bastardo...
Si gira in lacrime e scappa via piangendo.
Il tipo le grida dietro: - Così la prossima volta non fai così la difficile! Cosa credi, di averla d’oro?
La porta si richiude con un tonfo.
Giro la testa: - Allora bamboccio, che fai? Le corri dietro, oppure continuiamo?
Ho una dannata paura che gli si ammosci. Ma lui esita solo un momento, poi mi riprende per i fianchi e mi sferra un colpo tremendo che mi manda a sbattere con la guancia contro il muro.
Hmmm... Finalmente! Il bamboccio si è ricordato di essere un maschio.
- Aahhh! – grido, prendendomelo nella bocca dell’utero – Sì, sbattimi... Più forte!
Incazzato come una bestia, il ragazzotto riprende a fottermi come un animale, pestandomi la fica con tutte le sue forze, proprio come volevo fin dall’inizio.
Non ha nessuna fantasia, nessuno stile: mi picchia semplicemente il cazzo dentro con tutta l’energia che ha in corpo, mettendoci rabbia e frustrazione e pensando solo a sé stesso...
Fantastico.
- Ti sventro, puttana! Ti sfondo...
Il bamboccio si è davvero svegliato; magari dopo lo prenderò a calci per avermi dato della puttana, ma sul momento mi piace.
Sento la pressione montarmi nelle viscere mentre il ritmo indiavolato del giovinastro nella fica mi avvicina al punto di non ritorno...
- Sì, sì... Più forte, più forte... Spaccami tutta!
- Vieni, cagna bastarda... Vieni!
- Godo... Godo... Hmmm...
Un orgasmo bruciante, affannoso, cattivo... Non dei migliori, ma appagante, almeno per il momento.
La mia fica si contrae violentemente, e il giovinastro non ha scampo: mi affonda in corpo più profondamente che può, e mi rovescia dentro una secchiata di sperma giovane e bollente che mi allaga completamente fin nelle intimità più recondite...

Annaspo cercando di sorreggermi sulle gambe e con le braccia alla parete, mentre il maschio usato si affloscia rapidamente dietro e dentro di me.
Lui barcolla all’indietro, staccandosi da me e appoggiandosi per respirare alla prete opposta, con le braghe calate e l’uccello a penzoloni e sgocciolante.
Mi sollevo con uno sforzo, abbasso con stizza la minigonna tirandomela sui fianchi e lo guardo con un filo di disprezzo.
- Humpf! Già finito? Alla tua età, speravo in qualcosa di più...
Lui mi guarda come un ebete, e mi fa girare le palle.
Gli do uno spintone, mandandolo dentro al cesso degli uomini; lui incespica con i pantaloni abbassati, e cade a sedere sul water. Poi allungo una mano e tiro lo sciacquone.
- Fai da bravo lo stronzo qui dentro mentre mi allontano – gli dico con voce piatta – Non voglio che ci vedano uscire insieme...
Richiudo la porticina senza aspettare un’eventuale risposta, mi guardo allo specchio per rassettarmi i capelli e il giubbotto, ed esco tranquillamente in sala come se niente fosse, incurante del filo di sborra che mi cola lentamente in mezzo alle cosce.

Il barista dietro al bancone mi lancia un’occhiataccia, ma potrei giurare che ha la patta bella gonfia sul davanti... Gli strizzo un occhio passandogli davanti e punto dritta verso l’uscita.
Al tavolino di prima c’è ancora la tosa, che singhiozza tutta la sua delusione nei confronti degli uomini. Seduta accanto a lei c’è la Giorgia, che le tiene una mano sulle spalle e la consola sussurrandogli qualcosa alle orecchie.
Incontro per un istante lo sguardo carico d’odio della ragazzotta, e poi quello complice della mia allieva, che intuisco essere già a buon punto nella sua opera di consolazione...

Questo racconto di è stato letto 4 8 8 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.