Oh mamma! - 8 - Nel pied-a- terre del professore e sua figlia

Scritto da , il 2019-03-15, genere incesti

A quella incredibile rivelazione,avevo avuto una specie di sussulto e la mia reazione come oramai mi accadeva spesso,era alquanto contrastante.

Stupore nell'apprendere che un professore dall'aria così severa,corretta nei suoi comportamenti e ligio nel suo incarico di docente,potesse nascondere una seconda personalità talmente trasgressiva da sembrarmi impossibile.

L'altra contrastante mia reazione era di rassicurante compiacimento:"Se anche un uomo così,riesce ad avere comportamenti così distanti dal conformismo esteriore,significa che il fenomeno non è poi così raro come pensavo tormentandomi al pensiero di me e mia madre."

Mi aveva talmente colpito quella cosa che,istintivamente avevo reagito stringendo le mani su quelle di mia madre sino a farle male:

-Ahi!-

Aveva reagito soffocando un grido tra i denti mentre ritirava le mani.

-Mi hai fatto male Fulvio!-

Per qualche secondo la sua voce mi sembrava provenire da lontano e mentre mille sensazioni si rincorrevano nel mio cervello,non riuscivo a staccare lo sguardo da quelle due figure.

La figlia del professore l'avevo vista una sola volta e ricordavo che più o meno avesse la mia età.

La donna che invece sedeva di fronte al professore,mi sembrava molto più avanti con gli anni.

-Ehi sveglia...sveglia!-

Un piccolo strattone alle mie mani mi aveva riportato alla vita reale dalla quale mi ero assentato.

-Lo so cosa stai pensando Fulvio!

Pensi che quella donna sia troppo vecchia per essere sua figlia ed invece è proprio lei.

Il professore ha un pied-a-terre che usa esclusivamente per incontrare sua figlia e quando devono uscire insieme,lei in quell'appartamento si cambia d'abito,si trucca nel modo pesante che puoi vedere ed indossa una parrucca.

Tutti quei cambiamenti la rendono praticamente irriconoscibile e solo pochissime persone sanno che si tratti di sua figlia.

Tra le altre cose la ragazza è sposata ed ha anche un bambino e francamente,non ti saprei dire se è figlio del marito o di suo padre.

Quello che però,posso dirti con certezza è che si tratta di una coppia assolutamente fantastica.

Lei è bisex ed a lui piace molto vederla tra le braccia di altri uomini e donne.

Io ho già avuto la fortuna di giocare con loro e ti assicuro che è stata una esperienza indimenticabile.

Se vuoi,possiamo tentare un approccio anche adesso.-

-Va bene.-

Le avevo risposto sperando che la cosa si concretizzasse.

Francamente,più che il racconto di mia madre,in quel momento mi intrigava l'idea di condividere un'esperienza con un'altra coppia incestuosa e liberarmi definitivamente di quel senso di colpa che regolarmente mi assaliva nei momenti di solitudine passati lontano da mia madre.

In quei momenti,sentivo la sua lontananza.

Mi mancavano il suo profumo,le sue carezze,le audaci avances,i suoi trasgressivi atteggiamenti,il suo corpo,la sua pelle liscia,i suoi piccoli seni,i suoi gemiti,le sue incitazioni scurrili,i suoi baci dolci,la sua rullante lingua nella mia bocca,le sue grida e la sua fica...il suo culo!

Il tutto disturbato da cupi pensieri che come un tarlo,tornavano a rodere rovinando la dolcezza dei miei pensieri.

Dopo cena,ci siamo trasferiti in un ampio locale dove vi erano sistemati diversi salottini divisi tra loro da discreti separé.

In uno di questi,vi erano appartati il professore e la figlia.

Mia madre avvicinandosi gli aveva detto:

-Buona sera professore...ciao Claudia....questo è Fulvio,mio figlio.-

-Buona sera Adriana.-

Avevano risposto in sincronia i due.

Il professore che fortunatamente non mi aveva riconosciuto,ci aveva subito invitati ad unirci a loro e bere qualcosa insieme.

"Ciao io sono Fulvio,piacere Claudia"

-Andiamo a bere qualcosa al bar io e te mentre i matusa parlano di cose serie?-

Mi aveva detto dopo qualche minuto la ragazza sorridendo e prendendomi per mano.

-Ti scopi tua madre?-

Mi aveva chiesto a bruciapelo mentre eravamo lontani da orecchi indiscreti.

-Si!-

Le avevo risposto titubante colpito da tanta sfrontata sicurezza.

-E tu?Ti scopi tuo padre?-

-Si!Ma con mio padre non scopo soltanto.

Con lui faccio l'amore.

E' un mio complice e nume tutelare.

E' il mio maestro!

La prima volta con lui è stato il giorno del mio diciottesimo compleanno ed era la mia prima volta in assoluto.....ti assicuro,è stato meraviglioso...credo che non avrei potuto trovare persona migliore alla quale donare la mia verginità.

Prima di lui avevo già avuto esperienze sessuali ma solo saffiche,solo con alcune mie amiche.

E tu?Anche tu sei bisex?-

A quella domanda,mi ero un po vergognato con la mia risposta che denunciava la mia inadeguatezza rispetto alla sua esperienza sessuale:"No!"avevo risposto ingoiando la saliva.

-Poco male...non si può avere tutto nella vita!-

Mi aveva risposto tenendomi per mano mentre saltellando mi conduceva verso il bar all'aperto tra le piante.

Mentre eravamo seduti,mi aveva messo la mano sulla patta dei pantaloni e mi aveva chiesto:

-Come sei messo qui'?-

-Bbbbene...credo bene.-

Avevo balbettato.

-Vieni...vieni con me...ho voglia di farti un pompino.-

Tenendomi per mano mi aveva portato dietro un imponente platano ed inginocchiandosi davanti a me,me l'aveva tirato fuori e dopo un sapiente trattamento con le mani,la lingua e le labbra,si era fatta sborrare in bocca ingoiando ogni stilla del mio sperma.

-Mi piaci Fulvio,mi piaci tu,mi piace il tuo cazzo e mi piace la tua cremina.

Spero che mio padre e tua madre non abbiano già altri impegni perché mi piacerebbe approfondire la nostra conoscenza.

Non so come siete messi voi ma io ho tutta la giornata di domani libera.

Mio marito è in viaggio e torna domani sera e il mio bambino è dai nonni.-

-Anche noi domani non abbiamo impegni.....anche mio padre è fuori.-

Le avevo risposto un po titubante.

-Vieni,torniamo dentro e vediamo cosa ne pensano i matusa della nostra idea.

A proposito di matusa,ti assicuro che entrambi,nonostante l'età,vanno a mille a letto....un vero sballo!

Tua madre poi....beh!che te lo dico a fare,sai anche anche tu quanto è troia a letto!?-

Il nido per i loro incontri clandestini era situato in una antica foresteria con accesso separato all'interno di una grossa tenuta agricola non molto lontana dal posto dove eravamo.

Si entrava direttamente in una grande stanza adibita a soggiorno con un bellissimo camino sulla parete.

nella camera attigua,un grande letto rotondo era posizionato al centro della stanza.

Importanti tende di velluto rosso ornavano le finestre ovattando l'ambiente dai rumori.

Le luci,tutte soffuse,potevano assumere colori diversi in funzione dell'umore del momento.

Dopo una breve visita degli ambienti,io e il professore siamo stati spinti a sederci l'uno accanto all'altro su un grande divano e le due donne,in ginocchio davanti a noi,avevano voluto iniziare esibendo orgogliosamente la loro vocazione incestuosa.

Mia madre aveva cominciato a giocare col mio cazzo mentre la ragazza si occupava della grossa e nerboruta verga del padre.

segue



Questo racconto di è stato letto 3 4 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.