Luana: la mia ex cognata

Scritto da , il 2019-02-25, genere dominazione

Storia vera
La mia vita amorosa è stata spesso complessa e articolata...piena di momenti difficili e di grandi godimenti, sono stato tentato e più volte ho tentato….la voglia irresistibile mi ha spinto verso i sentieri del desiderio, della passione erotica...dapprima con timidezza e quasi con paura...dopo con curiosità interesse voglia crescente.
Ho molto voluto e ho spesso realizzato i miei sogni carnali alle vicende amorose. Un ruolo importante nei miei desideri ha avuto la mia oramai ex cognata, cioè la sorella della mia ex moglie, che separata dal marito aveva intrapreso una storia con un altro uomo. Quest’ultimo, dopo un primo momento di grande frequentazione, l’aveva lasciata spesso all’asciutto, presumibilmente preso da carne più fresca, senza, tuttavia, disdegnare il ritorno all’ovile per una botta ogni tanto, in momenti di magra. Mia cognata si chiamava Luana. In viso era molto carina, le sue tette erano piccole ma non sembravano affatto male, mentre il suo fondoschiena era davvero il punto di forza non si poteva dire altro se non che fosse fantastico, sporgeva in modo arrapante e per me aveva rappresentato un mappamondo straordinario. Io ho sempre desiderato donne dal seno straripante, ma il culo possente mi ha anche fatto sempre impazzire. Ho sottilmente ma garbatamente fatto insistentemente, a quella che era la mia ex cognata la corte, sin da quando l’avevo conosciuta per la prima volta, ma non ne avevo ovviamente cavato un ragno dal buco, lei poi si era sposata, aveva avuto un figlio, si era separata e aveva iniziato a convivere con un altro uomo. Non ero mai riuscito a combinare nulla con lei. Sembrava proprio che non la interessassi in nessun modo, eppure il suo corpo ogni qual volta ci incontravamo in riunioni familiari parlava un’altra lingua, sembrava tendesse verso di me. E allora languide carezze, toccate abbracci più lunghi del solito, baci quasi bocca a bocca, tanto che io avevo più volte teso la mano sul culo tastando e lei non aveva protestato. Fortunatamente che queste riunioni non erano frequentissime perché mi bastava vederla per andare in fissa. Il suo amante, a me appariva molto smaliziato con le donne e più volte avevo immaginato come si sarebbe fatto l’ano della mia cognatona. Ben presto mi ero reso conto che la sua presenza alle feste familiari mi sconvolgeva. Da un lato speravo sempre di incontrarla ma dall’altro avevo la crudele delusione che pur parlando e scherzando con lei, arrivando addirittura a palparla, non riuscivo ad arrivare a nulla di concreto e quindi dovevo ammazzarmi di seghe almeno per una settimana seguente all’incontro. Più appariva disponibile più restavo a bocca asciutta e così facendo mi era entrata nel sangue e ciò mi turbava sempre di più. Tale turbamento mi rimaneva ma non potendo scoprirmi più di tanto mi ero rassegnato a far rimanere, ormai da decenni, tutto sul piano della cordialità. Accadde, tuttavia, che le occasioni di incontro si fossero intensificate in modo del tutto casuale e ciò mi spinse a provarci con una maggiore costanza, osando forse anche più del dovuto. Ero sicuro a quel punto di riuscire a possederla e soprattutto che tentare non avrebbe sicuramente nuociuto. Nel caso mi fosse andata male neanche a lei sarebbe convenuto protestare. Una certa esperienza maturata negli anni mi consentiva di provarci con sempre maggiore insistenza prima per scherzo e poi sempre più convintamente.
Luana in origine mi stava molto antipatica, ma questo per la sua aria spesso spocchiosa che in passato mi aveva messo in imbarazzo, sembrava che lo facesse apposta e soprattutto pensavo, addirittura, che giocasse, avendo una sorta di complesso di superiorità nei miei confronti, quasi come il gatto con il topo, e tutto ciò sembrava eccitarla molto. Io comunque meditavo di possederla sempre . Volevo concentrarmi su di lei sino alla sua capitolazione. Ero certo che oramai lei fosse il topo e io il gatto solo che lei credeva fosse il contrario. La verità è che quando io intendevo fare lo stronzo lo sapevo fare benissimo. Vi fu un momento, preciso, in cui decisi di provarci senza scrupoli. L’occasione fu un incontro casuale una mattina nei pressi della casa di mia suocera. La cognatina aveva un vestito abbastanza provocante. Non appena mi vide mi abbracciò con energia e io risposi con altrettanto trasporto. Il mio pene si inturgidì subito e la baciai sulle guance poi come inavvertitamente scesi verso la bocca essendo lei meno alta... fu facile e lei non si potette divincolare. La limonai a dovere, anzi a dire la verità mi impadronii della sua bocca infilandole la lingua inequivocabilmente sino in gola quindi dopo un primo imbarazzo sentii che era esitante, quello che era positivo e che non strinse i denti e in quegli attimi la lavorai con le mani, continuai ad abbracciarla con fare rapace e vidi in lei un certo disagio ma come spesso mi accadeva quando volevo una donna esternai una sicurezza e una padronanza che la sconvolsero, ero determinato a possederla a tutti i costi. Tentò di sorridere imbarazzata, e lì capii che era più facile del previsto, si vedeva che aveva mille voglie mal represse. Senza eccessivi fronzoli le feci segno di seguirmi, l’avrei accompagnata a casa sua, e lei provò a dire di no, ma io mi imposi, le dissi non fare storie e di salire sulla mia macchina, mi disse che aveva la macchina, ma mi seguì, succube e salì, aveva capito che non scherzavo. La mia determinazione era tanta, troppa, raggiungemmo casa sua, anche se lei viveva fuori città. Ero determinato a possederla e per non far si che si raffreddasse nel corso del tragitto le infilai con arbitrio la mano destra fra le cosce senza che lei minimamente si ribellasse. La guardavo e lei abbassava gli occhi senza proferire parola, le incutei da subito il rispetto che mi sembrava fosse dovuto e questo per il mio atteggiamento sicuro, quasi spavaldo. Sapevo che questo era il comportamento che faceva presa su di lei. Arrivati di fronte alla sua villetta con portoncino lasciammo la macchina e entrammo. Vidi nel suo volto un certo imbarazzo, forse pensava cosa avrebbero immaginato i vicini ma le sorrisi rassicurante. Dopo aver attraversato il portone, facemmo poche scalette e non avendo incontrato nessuno sembrò tranquillizzarsi, io che ero rimasto dietro continuavo a godere della vista di quel meraviglioso culo a mandorla tondo e sodo almeno all'apparenza e come si dimenava nella sua tipica camminata, ero felice, stavo per possederla finalmente. Entrammo nella casetta e chiusi la porta, le saltai letteralmente addosso mungendola ai seni e succhiandola e leccandola con ardore. Fu un crescere di foga, una carica che scattò in me senza che lei potesse prendere respiro, le insinuai la lingua acuminata come un pene in bocca. la lavorai in maniera sfiancante, tanto che Luana fu subito in notevole difficoltà. La casa era piccolissima, con baci in bocca e strizzate del seno e toccate del culo la misi in croce. Luana era impacciata, robusta, poco agile, quindi ostacolata nei movimenti. Io sapevo cosa fare, per me era tutto in discesa. La presi in braccio e la portai sul letto la spogliai con perizia e subito mi rivolsi ai suoi seni. Le tolsi tutto quello che era da togliere, le strappai letteralmente la gonna e in breve era rimasta in reggiseno e perizoma, il culo era sontuoso molto meglio di come lo avevo immaginato.
Ora lei cercava di strutturare una difesa ma i suoi tentativi erano ridicoli, le tolsi il reggiseno, lei voleva parlare, aveva anzi accennato una breve protesta. Ma io le misi la lingua in bocca, e subito dopo strizzandole le tette piccole, la lasciai senza fiato. Notai che no aveva capezzolo, ma era tutta aurea mammaria marrone scuro. Che strano, ma meglio, ciurrai a perdifiato alternativamente, le sue tette entravano integralmente nella mia bocca famelica. Lei si fece ciucciare e io la succhiavo fino all'anima mentre col bastone le martellavo le parti basse. Senza pensarci quando volli scesi con la mia lingua a stuzzicarle il clitoride e lei venne subito a fiotti, iniziai a lappare sempre più intensamente e Luana cadde subito in mia balia, subiva senza scampo e il suo orgasmo iniziò a venire a cascata sempre più frequente umori su umori, era tutto grondante, gocciolava. Io, tuttavia, la presi montandola senza alcun bisogno di sforzo, imponendole il mio cazzo in figa. Luana non doveva essere convinta ma era facile vittima cosciente e io senza particolari complimenti la possedevo. La sovrastavo, facendola godere, tanto che singhiozzava, strillava la mia cognatona. Entravo e uscivo a mio piacimento violandola con il mio pene dentro la calda vagina bagnata all'inverosimile. Lei era come un automa. La sua vagina era come un mantice, più forte lo pigliava più si apriva e io affondavo la lama sempre con maggiore intensità. Luana trasudava era accaldata, scottava, ma soprattutto allargava le cosce, grazie alla mia prepotente azione, ero compiaciuto dall'ardore che la donna tentava di dimostrare nella sua fragilità, il letto era zuppo, la sua vagina era un lago caldo e avevamo solo iniziato. Già affannava, e a gran voce chiamava l’orgasmo voleva essere presa, ma io ero troppo impegnato a succhiarle le poppette, che sembravano due braciolette di carne. Spingevo con tutta la forza che avevo e lei sentiva il mio ritmo, la mia voglia di fotterla a oltranza. Arrivavo senza difficoltà sino alla fine della vagina, in profondità a toccare l’utero, le avevo alzato le gambe ad angolo retto, poggiandole sulle mie spalle, così la possedevo in maniera totale, violenta, come ero certo volesse lei. I suoi orgasmi multipli erano li a testimoniarlo. Intanto le mia dita lavoravano al buchino, gli infilai l’indice e il medio e Luana scattò di un tratto, forse non voleva sentire questa nuova sollecitazione ma non poteva farci niente, la dominavo. Il mio primo orgasmo in lei schizzò e Luana lo accolse nel migliore dei modi, ora sembrava indiavolata, gemeva di piacere ma io non le scaricai tutto quello che avevo in corpo, poi si accasciò stravolta. Devo ammettere che fu intensa e rallentai mentre la donna sembrava già paga. Si era accucciata sul cuscino ma io la presi e la feci distendere a pancia sotto, non voleva, fui pronto per un'altra carica, quindi presi la donna sonnecchiante le rivolsi vigorosamente verso un fianco, iniziai ad affondare nuovamente nella vagina zuppa. Era di nuovo molto grosso, forse troppo, Luana protestava ,si era resa conto che il mio pene era veramente largo, sembrava priva di energia. Si stupì di questo nuovo attacco, del fatto che non ero ancora soddisfatto. La baciavo sulla schiena, la dominavo e lei subiva.
Il mio cazzo penetrava e la colpivo in maniera decisa. Luana solo allora ricominciò a dare timidi segni di un nuovo eccitamento, iniziava a sospirare in maniera irregolare spesso gridando tentava di resistere ma i suoi tentativi erano controllati, ad un certo punto, senza perdere altro tempo, la misi bocconi a faccia in avanti e sollevandole il deretano a novanta gradi la preparai per l’inculata. Insalivai con la mia lingua puntuta il buco, le infilai le mie due solite dita e Luana iniziò a indiavolarsi, le ero dietro e la schiaffeggiavo sul culo, si dimenava, si dibatteva ma le avevo aperto il deretano e spadroneggiavo anche nel suo orifizio, l’ano era aperto e facevo le ultime prove prima di inserirmi in quel momento capì e cercò di sollevarsi ma io l’avevo immobilizzata. Cercò di liberarsi come una puledra ma fu roba da poco fu subito doma , la naticona non riuscì in nessun modo a divincolarsi. Le tirai altri ceffoni sulle natiche e senza pietà le infilai anche il dito anulare per allargare il buco e più lei si muoveva più le tre dita si inserivano. Quando la donna stanca rallentò i suoi sforzi, le aprii le natiche e con una spinta secca le inserii tutto il cazzo violandola. Luana allora nitrii, fece un verso acuto e intenso che sembrava quello di una cavalla, ricominciò a tentare di liberarsi e io iniziai a montarla in maniera rude, forte, come in un rodeo. Luana era una piccola creatura che soffriva il bastone del comando che la spaccava nell’ano il quale sebbene non fosse assolutamente vergine non era mai stato coltivato a dovere, di questo ero veramente soddisfatto, sarei potuto essere io ad aprirle il secondo canale a dovere. La donna si sforzava di trattenere le lacrime mentre io gioivo. Il dolore che sentiva nel tentare di rompere le resistenze dei muscoli dello sfintere era molto e non ero ancora riuscito a piegarla. Il dolore per lei si faceva sempre più lacerante mi implorava di smettere ma io andavo sempre più forte entravo sempre meglio e con prepotenza in quell’enorme culo. La naticona ora gridava, era il momento più difficile ma io la seppi domare, il dolore l'aveva fatta infuriare, sapevo cosa volevo da lei e lo stavo ottenendo con le buone o con le cattive. Lei faceva in realtà molte storie ma voleva anche lei la medesima cosa un grosso cannone che le dilaniasse l’ano e così fu. La inondai di li a breve e lei cadde a faccia avanti godendo in maniera irrefrenabile e senza ritegno. Fece uno sguardo ebete, era stanca, si vedeva ma io la volevo ancora. Voleva alzarsi ma non gli e lo permisi, trascinai la sua testa sul mio pene e volevo farglielo leccare, non sembrava propensa, anzi non voleva proprio prenderlo in bocca, io però lo volevo, e così strizzandole le tette, succhiandole il clitoride e lappandole a piena lingua la figa pelosa, riuscii a ricondurla alla ragione, non solo leccò l’asta con la lingua per tutto la sua lunghezza e anche le palle ma su mio ordine lo prese in bocca per quello che poteva. Il cazzo grande nella bocca piccola le creava rigurgito, non era una gran pompinara, si vedeva, ma succhiò quello che doveva e alla fine mi fece arrivare come volevo. Vomitò l’orgasmo e io ebbi cura che lo facesse su se stessa, ricominciando a succhiarla intensamente in figa, ora i suoi umori erano vischiosi e con un odore forte, ma godeva in maniera violenta, si dimenava e mentre io la lasciai libera lei questa volta si rialzò con molto sforzo, fece qualche passo ed io le fui subito dietro, la costrinsi a tenersi alla spalliera del letto, aprendole le gambe, inevitabilmente facendole inarcare i glutei, spinse indietro il deretano e io la presi ancora li con autorità, impadronendomi di quello che oramai ritenevo mi appartenesse. In piedi, senza tacchi lei era veramente piccola ma non ebbi problemi pompai ad un ritmo frenetico, mia cognata cedette di botto cadde sulle gambe e a faccia avanti, per terra, la insegui e gli e lo reintrodussi con forza. Continuai il forcing per terra, lei sospirava, ansimava, e soprattutto ora mi incitava implorando di non smettere di non arrivare ancora ed io non arrivai, lo tolsi, lo misi, lo ritolsi e lo rimisi come un gioco, lei squittiva, la figa sbrodolava finché esplosi tutto me stesso strizzando le mammelle ciondolanti e aspettando il suo strillo acuto che arrivò a sancire la conclusione. Inavvertitamente alzai lo sguardo e vidi lo specchio sembravamo un tutt’uno io le ero stato dentro fino all’intestino ed il mio fiotto aveva fatto funzione di clistere.
Così è iniziata

Questo racconto di è stato letto 6 6 2 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.